Jefferson Davis e Joseph Johnston

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  R.E.Lee il Sab 19 Mag 2012 - 19:16

.....Però questo scambio epistolare in cui vengono a galla incomprensioni più o meno cercate ad arte, scontro frà 2 personaggi che mi pare si "filino" molto poco ed una malcelata tendenza di Johnston a "scaricare" i suoi barili a destra ed a manca, mi lascia perplesso.....
Ma con che coraggio Davis, potè mesi dopo affidare la difesa della Georgia ad uno come Johnston che gli aveva già dimostrato ampiamente la propria incapacità di difendere "qualcosa" in tutti i posti dove lo aveva spedito?
A quel punto Davis doveva per forza conoscere il "personaggio" Johnston......

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Jubal Anderson Early il Lun 21 Mag 2012 - 13:38

R.E.Lee ha scritto:.....Però questo scambio epistolare in cui vengono a galla incomprensioni più o meno cercate ad arte, scontro frà 2 personaggi che mi pare si "filino" molto poco ed una malcelata tendenza di Johnston a "scaricare" i suoi barili a destra ed a manca, mi lascia perplesso.....
Ma con che coraggio Davis, potè mesi dopo affidare la difesa della Georgia ad uno come Johnston che gli aveva già dimostrato ampiamente la propria incapacità di difendere "qualcosa" in tutti i posti dove lo aveva spedito?
A quel punto Davis doveva per forza conoscere il "personaggio" Johnston......

Lee

Difatti, caro Generale Lee, la scelta di Johnston per sostituire Bragg dopo il disastro di Chattanooga fu, a dir poco, forzata, e Davis la fece del tutto contro la sua volontà, come ha chiarito l'ottimo Banshee. Le manovre del Senatore Wigfall e di altri potenti amici di Johnston avevano compattato il Governo e l'opinione pubblica contro il Presidente. Per opera di questa deleteria cospirazione, Davis fu costretto a richiamare Johnston ancora una volta cosa agli inizi del 1865. Egli dovette giocoforza affidare la gestione della seconda armata della Confederazione ad un generale che, dopo aver avuto tanta stima e fiducia in lui, ormai disprezzava irrimediabilmente, alla luce dei suoi continui, disastrosi fallimenti e alla parallela, continua azione di scarico di responsabilità che Johnston operava nei confronti della vittima di turno, pur di salvare se stesso. Questo, in estrema sintesi, è quello che racconta la Storia che non si è voluta leggere fino a qualche tempo fa. Ora la verità è emersa, e le responsabilità sono chiare e inequivocabili.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Jubal Anderson Early il Lun 21 Mag 2012 - 13:44

R.E.Lee ha scritto:Ho potuto leggere tutto il "dossier" solo oggi! Embarassed Embarassed Mi congratulo con il Ns "Big" Jubal per il grande lavoro svolto...!!!!!!!!! Very Happy

Lee

Grazie, Generale Lee!
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  R.E.Lee il Lun 21 Mag 2012 - 21:02

Jubal Anderson Early ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:.....Però questo scambio epistolare in cui vengono a galla incomprensioni più o meno cercate ad arte, scontro frà 2 personaggi che mi pare si "filino" molto poco ed una malcelata tendenza di Johnston a "scaricare" i suoi barili a destra ed a manca, mi lascia perplesso.....
Ma con che coraggio Davis, potè mesi dopo affidare la difesa della Georgia ad uno come Johnston che gli aveva già dimostrato ampiamente la propria incapacità di difendere "qualcosa" in tutti i posti dove lo aveva spedito?
A quel punto Davis doveva per forza conoscere il "personaggio" Johnston......

Lee

Difatti, caro Generale Lee, la scelta di Johnston per sostituire Bragg dopo il disastro di Chattanooga fu, a dir poco, forzata, e Davis la fece del tutto contro la sua volontà, come ha chiarito l'ottimo Banshee. Le manovre del Senatore Wigfall e di altri potenti amici di Johnston avevano compattato il Governo e l'opinione pubblica contro il Presidente. Per opera di questa deleteria cospirazione, Davis fu costretto a richiamare Johnston ancora una volta cosa agli inizi del 1865. Egli dovette giocoforza affidare la gestione della seconda armata della Confederazione ad un generale che, dopo aver avuto tanta stima e fiducia in lui, ormai disprezzava irrimediabilmente, alla luce dei suoi continui, disastrosi fallimenti e alla parallela, continua azione di scarico di responsabilità che Johnston operava nei confronti della vittima di turno, pur di salvare se stesso. Questo, in estrema sintesi, è quello che racconta la Storia che non si è voluta leggere fino a qualche tempo fa. Ora la verità è emersa, e le responsabilità sono chiare e inequivocabili.

Che Johnston ne abbia combinate di tuttii colori è cosa conclamata, a mio parere. Che Davis se ne fosse accorto mi pare altrettanto conclamato. Proprio per questo si doveva opporre alle successive condidature di Johnston per questo o quel comando con il necessario vigore. Avrebbe magari dovuto sbattere in faccia ai suoi detrattori personali le performances poco brillanti del loro benamato Johnston. Magari a quel punto, messi di fronte alla cruda realtà, Wigfall e C. avrebbero fatto macchina indietro. Non credo che avrebbero corso il rischio di essere messi alla berlina solo per essere gli sponsor di un Generale mediocre....
Perchè Davis non lo fece?

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

J.Davis a J.Johnston, 23/XII/1863

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mar 22 Mag 2012 - 11:40

Dipartimento Esecutivo,
Richmond, 23 dicembre 1863.
Al Generale Johnston,
Dalton, GA

Generale, questo dispaccio Vi è inviato col presupposto che Voi siate arrivati a Dalton per prendere il comando delle forze colà presenti. Le informazioni ricevute di recente, riguardo le condizioni dell’Armata, sono incoraggianti, e mi inducono a sperare che presto Voi sarete in grado di iniziare operazioni attive contro il nemico. I rapporti inerenti la battaglia di Missionary Ridge dimostrano che le nostre perdite in morti e feriti non sono state ingenti, e che il rovescio subìto non è attribuibile ad alcuna diffusa demoralizzazione, né alla riluttanza di confrontarsi con l’armata nemica. La brillante difesa sostenuta dalla retroguardia a Ringgold, motiva questa convinzione.
In una lettera scritta a me, poco dopo la battaglia, il generale Bragg espresse la sua incrollabile fiducia nel coraggio e nella resistenza delle truppe. Egli ha scritto:

“Possiamo redimere ciò che è passato. Concentriamo tutti gli uomini disponibili, raduniamoli in questa piccola armata coraggiosa, ancora piena di zelo e fremente per riabilitare il suo carattere e il suo prestigio perduto, scagliamo le nostre forze contro il nemico, e distruggiamone la potenza e l’orgoglio. Penso che sia possibile, e spero che mi sia concesso di partecipare alla lotta che ci potrà ridare il nostro carattere, il nostro prestigio, e tutto il terreno appena perduto. Questo ci ridarà sicurezza, e ridarà speranza alla Patria e all’Armata, e ci darà ciò che più è importante, ossia la sussistenza, senza la quale non vedo come potremo reggere.”

I rapporto ufficiali stilati dal mio Aiutante, il Colonnello Ives, che è appena tornato da Dalton, riferiscono una percezione non sfavorevole delle condizioni materiali del Comando.
Il Capo d’ordinanza ha riferito che, nonostante l’abbandono di un gran numero di cannoni durante la battaglia, è ancora disponibile, per via delle precedenti catture effettuate dalle nostre forze, un numero di batterie adeguato alla consistenza numerica dell’Armata, ed esse sono tutte ben munite di traini e cassoni, che una cospicua riserva di armi è disponibile in depositi facilmente accessibili, e che le scorte di munizioni sono abbondanti. E’ andato perso relativamente poco carriaggio e poche ambulanze. Sono rimasti sufficienti mezzi di trasporto per una ridistribuzione fra i vari Corpi. I cavalli sono generalmente in buone condizioni e le truppe sono tollerabilmente munite di vestiario, considerato che si attende a giorni l’arrivo di una grande scorta di scarpe e coperte.
L’ispezione degli Ufficiali Commissari prova che ci sono a disposizione immediata trenta giorni di razioni. Dispersi e convalescenti stanno radunandosi rapidamente, e l’appello dimostra che il totale degli effettivi, che si aggiunge alle due brigate inviate di recente dal Mississippi, e alla cavalleria ritornata da Longstreet, dà un totale che fornirebbe un forza forse superiore in numero a quella effettivamente impegnata in ciascuna battaglia da parte della Confederazione nel presente contesto.
Il generale Hardee mi ha telegrafato il giorno 11 c.m.:

“L’Armata è in buone condizioni morali, l’artiglieria è stata riorganizzata e riequipaggiata, e siamo ora pronti a combattere.”

Le condizioni effettive del Vostro nuovo comando, per come mi sono state riportate, sono oggetto di alte congratulazioni, e Vi assicuro che nulla Vi mancherà da parte del Governo per sostenerVi nel tentativo di riguadagnare possesso del territorio da cui siamo stati espulsi.
Non c’è bisogno che Vi suggerisca che è imperativo che prendiate immediata e vigorosa iniziativa, non solo per ripristinare il prestigio dell’Armata, ed evitare la demoralizzazione e quei risultati ingiuriosi che proverrebbero da un periodo di inattività, ma per la necessità di rioccupare quel territorio dai cui rifornimenti dipende materialmente l’adeguata sussistenza delle nostre forze.
Voi dovete essere il miglior giudice, dopo che dovute indagini e verifiche sul posto avranno maturato le Vostre decisioni, delle misure immediate da adottare per conseguire questo proposito, la cui fondamentale importanza sono sicuro Voi apprezzerete.
E’ mio desiderio che Voi comunichiate sempre e liberamente con me, riguardo il piano operativo che Vi proponete di adottare, cosicchè Vi si possa fornire tutto l’appoggio e tutta la cooperazione nel modo più vantaggioso che il Governo sia in grado di rendere.

Nell’auspicio che la Vostra salute possa essere preservata, e che gli ardui e gravosi doveri che avete accettato possano essere compiuti con successo, resto molto sinceramente ecc.

Jefferson Davis

O.R. , S1 V31 P3, p.856-857


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Mar 22 Mag 2012 - 11:46, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

J.Johnston a J.A.Seddon

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mar 22 Mag 2012 - 11:45

(benchè Johnston non risponda direttamente al Presidente, in questa lettera si trova la replica sostanziale alla lettera precedente)


Dalton, 28 dicembre 1863
All’Onorevole J.A.Seddon, Segretario di Guerra.

Signore, ieri ho avuto l’onore di ricevere la Vostra lettera di istruzioni. Avendola esaminata più di una volta, la accludo rispettosamente alla presente, cosicchè possiate avere la cortesia di ritornarmela con la Vostra firma in effigie.
Sono arrivato da due soli giorni, e non sono stato in grado di ottenere direttamente notizie delle posizioni e delle forze nemiche, e gli ufficiali principali dell’Armata possono darmene molto poche. Essi stimano che l’armata a noi opposta ammonti a circa ottantamila uomini, e che essa occupi Chattanooga – ora grandemente fortificata – Bridgeport e Stevenson. Trovo che il terreno non sia adatto alle operazioni militari per effetto delle forti piogge. Le sue condizioni impediscono l’esercizio militare dei principali mezzi di disciplina. I doveri dell’amministrazione militare, che Voi sottoponete alla mia attenzione, saranno svolti con diligenza. Il più difficile di essi, sarà procurare rifornimenti di cibo. Prevedendo il caso prima di lasciare il Mississippi, ho chiesto il permesso di portare con me il Maggiore W.E.Moore, perché funga da capo commissario dell’Armata. La risposta dell’Aiutante e dell’Ispettore Generale è stata che il Maggiore Moore era impegnato nella raccolta di rifornimenti in Mississippi, e che non era ritenuto opportuno trasferirlo. Il Generale Cooper si sbagliava. Il Maggiore Moore non servì a lungo in Mississippi, né lì ha raccolto una gran quantità di rifornimenti. Egli ha creato la Sua reputazione in quest’Armata (AoT).
Il maggiore Dameron supervisiona l’acquisto e la requisizione delle provvigioni in Mississippi, e il Maggiore Moore non ha incarichi di responsabilità. Pertanto, il Tenente Generale Polk, desidera che il Capo Commissario dell’AoT sia il suo capo commissario. Quindi, con estremo rispetto, ribadisco la mia richiesta.
Questa Armata è ora ben lungi dall’essere in grado di riprendere l’offensiva. Manca di effettivi, armi, generi di sussistenza e mezzi di trasporto.
Rigurado il rifornimento dell’Armata, mi indicate di ottenere con qualsiasi mezzo in mio potere, materiale dagli Stati produttivi vicini. Permettetemi di ricordarVi che ho poca o nessuna facoltà di accaparrare rifornimenti per l’Armata. Il sistema stabilito l’estate scorsa priva i generali di ogni controllo sui quartiermastri e sui Dipartimenti di sussistenza deputati agli acquisti nei vari Stati. Dipendo da tre maggiori in ciascuno Stato, nessuno dei quali mi deve obbedienza. Non avendo modo di procurare cibo, equipaggiamento, né di muovere l’Armata, sono conseguentemente sollevato dalle corrispondenti responsabilità. Mi riferisco a ciò, non per lamentarmi, dato che non trovo alcun diletto nel compimento dei doveri in oggetto, ma Vi prego di considerare se la responsabilità di mantenere la sua Armata in grado di muoversi e combattere, non debba ricadere sul generale, invece di essere suddivisa fra un numero di ufficiali ritenuti inadatti dal Governo, per alti gradi militari.
Con molto rispetto, ecc.

J.E.Johnston
Generale

O.R. , S1 V31 P3, p.873-874
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Mar 22 Mag 2012 - 12:57

Jubal Anderson Early ha scritto:(benchè Johnston non risponda direttamente al Presidente, in questa lettera si trova la replica sostanziale alla lettera precedente)


Dalton, 28 dicembre 1863
All’Onorevole J.A.Seddon, Segretario di Guerra.

Signore, ieri ho avuto l’onore di ricevere la Vostra lettera di istruzioni. Avendola esaminata più di una volta, la accludo rispettosamente alla presente, cosicchè possiate avere la cortesia di ritornarmela con la Vostra firma in effigie.
Sono arrivato da due soli giorni, e non sono stato in grado di ottenere direttamente notizie delle posizioni e delle forze nemiche, e gli ufficiali principali dell’Armata possono darmene molto poche. Essi stimano che l’armata a noi opposta ammonti a circa ottantamila uomini, e che essa occupi Chattanooga – ora grandemente fortificata – Bridgeport e Stevenson. Trovo che il terreno non sia adatto alle operazioni militari per effetto delle forti piogge. Le sue condizioni impediscono l’esercizio militare dei principali mezzi di disciplina. I doveri dell’amministrazione militare, che Voi sottoponete alla mia attenzione, saranno svolti con diligenza. Il più difficile di essi, sarà procurare rifornimenti di cibo. Prevedendo il caso prima di lasciare il Mississippi, ho chiesto il permesso di portare con me il Maggiore W.E.Moore, perché funga da capo commissario dell’Armata. La risposta dell’Aiutante e dell’Ispettore Generale è stata che il Maggiore Moore era impegnato nella raccolta di rifornimenti in Mississippi, e che non era ritenuto opportuno trasferirlo. Il Generale Cooper si sbagliava. Il Maggiore Moore non servì a lungo in Mississippi, né lì ha raccolto una gran quantità di rifornimenti. Egli ha creato la Sua reputazione in quest’Armata (AoT).
Il maggiore Dameron supervisiona l’acquisto e la requisizione delle provvigioni in Mississippi, e il Maggiore Moore non ha incarichi di responsabilità. Pertanto, il Tenente Generale Polk, desidera che il Capo Commissario dell’AoT sia il suo capo commissario. Quindi, con estremo rispetto, ribadisco la mia richiesta.
Questa Armata è ora ben lungi dall’essere in grado di riprendere l’offensiva. Manca di effettivi, armi, generi di sussistenza e mezzi di trasporto.
Rigurado il rifornimento dell’Armata, mi indicate di ottenere con qualsiasi mezzo in mio potere, materiale dagli Stati produttivi vicini. Permettetemi di ricordarVi che ho poca o nessuna facoltà di accaparrare rifornimenti per l’Armata. Il sistema stabilito l’estate scorsa priva i generali di ogni controllo sui quartiermastri e sui Dipartimenti di sussistenza deputati agli acquisti nei vari Stati. Dipendo da tre maggiori in ciascuno Stato, nessuno dei quali mi deve obbedienza. Non avendo modo di procurare cibo, equipaggiamento, né di muovere l’Armata, sono conseguentemente sollevato dalle corrispondenti responsabilità. Mi riferisco a ciò, non per lamentarmi, dato che non trovo alcun diletto nel compimento dei doveri in oggetto, ma Vi prego di considerare se la responsabilità di mantenere la sua Armata in grado di muoversi e combattere, non debba ricadere sul generale, invece di essere suddivisa fra un numero di ufficiali ritenuti inadatti dal Governo, per alti gradi militari.
Con molto rispetto, ecc.

J.E.Johnston
Generale

O.R. , S1 V31 P3, p.873-874

Caro Early non ho avuto ancora modo di verificare ma mi sembra di ricordare che vi sia un altro messaggio a firma Joe Joe che descrive in modo poco più che pietose le condizioni in cui egli trova la AT a Dalton.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  HARDEE il Mar 22 Mag 2012 - 13:56

Cari Amici e Fratelli,

cosa sappiamo della volontà di collaborare del Governatore della Georgia e della milizia
georgiana?

Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mar 22 Mag 2012 - 14:02

HARDEE ha scritto:Cari Amici e Fratelli,

cosa sappiamo della volontà di collaborare del Governatore della Georgia e della milizia
georgiana?

Hardee

Buongiorno
A parole molto nei fatti poco.
Saluti
Bruno
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Mar 22 Mag 2012 - 15:02

Caro Early non ho avuto ancora modo di verificare ma mi sembra di ricordare che vi sia un altro messaggio a firma Joe Joe che descrive in modo poco più che pietose le condizioni in cui egli trova la AT a Dalton.[/quote]

Ecco la lettera a cui facevo riferimento e perdonatemi eventuali (certi) errori di traduzione


Dalton 2 gennaio 1864

Signor Presidente: ho ricevuto la lettera che mi avete fatto l’onore di scrivere il 23 dicembre.

Sono stato qui sei giorni ma durante quattro dei quali è piovuto fortemente, motivo per il quale non ho potuto osservare le condizioni dell’esercito. In ogni caso, da quanto ho appreso dagli ufficiali superiori, ritengo che l’esercito non abbia del tutto recuperato la sua fiducia e che la disciplina non sia così accurata come la scorsa primavera.
Gli uomini in linea generale sono comodamente vestiti. In ogni brigata a pochi uomini mancano scarpe e coperte, che il quartermastro ha comunque promesso di fornire al più presto.

Secondo i rapporti del 20 dicembre il totale effettivo dell’esercito (fanteria e artiglieria) non è completo, 36.000; il numero attuale e di circa 43.000; quello dei presenti ed assenti circa 77.000.
I rapporti dell’aiutante generale mostrano che circa 4.000 uomini siano tornati tra i ranghi dopo la battaglia di Missionary Ridge.
Il mio predecessore stima la forza del nemico a Chattanooga Bridgeport, e Stevenson a circa 80.000.

Il Maggiore Generale Wheeler riferisce che circa due terzi della sua cavalleria si trovi con il Tenente Generale Longstreet. Egli ha circa 1.600 uomini nel nostro fronte. Il Maggiore generale Wharton ne ha 850 nei pressi di Rome, e il generale di brigata Roddey, con la sua brigata, dovrebbe essere vicino Tuscumbia; la sua forza non è segnalata. Temo che questa forza di
cavalleria non sia molto efficiente, e che la mancanza di armonia tra gli ufficiali superiori faccia sì che la sua disciplina sia imperfetta. Cercherò di migliorarla durante l'inverno.

L’artiglieria è sufficiente (numericamente) per la forza attuale dell’esercito, ma è carente nella disciplina e nella istruzione, specialmente quella del fuoco. I cavalli non sono in buone condizioni. Ha circa 200 cartucce. L’organizzazione è molto imperfetta.
Abbiamo più di 120 cartucce di fanteria, e nessuna difficoltà ad ottenerne di più.

Il capo quartermastro riferisce che, oltre ai carriaggi delle truppe, ne ha abbastanza per trasportare otto giorni di razioni; ma vi lascerà senza alcun mezzo di trasporto per il foraggio o di altri depositi nel suo stesso dipartimento. Le squadre stanno migliorando, ma sono ben lungi dall'essere in buone condizioni. Centoventi carri sono attesi dal Dipartimento del Mississippi, promessi dal tenente generale Polk.
Per la sussistenza l’esercito dipende da un ufficiale di stanza ad Atlanta (Maggiore Cummings), il quale agisce agli ordini del Commissario Generale. Il commissario capo dell'esercito riferisce che detto agente ne è previsto per il prossimo mese.
Ma noi dipendiamo dalla ferrovia per portare rifornimenti per le truppe.
Sono state accumulate qui razioni per cinque giorni ed una fornitura per altri tre, precedentemente accumulata a Calhoun, 20 miglia nelle retrovie. Per due giorni non abbiamo ricevuto rifornimenti a causa della mancanza di buone strade.

.La pratica di trasportare la carne da macello per mezzo della ferrovia ne ha reso impossibile l'accumulo nei depositi qui.. Io propongo per avere il bestiame razionato di modificare detta pratica il prima possibile, ma il cambiamento richiede tempo. Sembra che gli uomini non siano interamente soddisfatti delle razioni.

Vostra Eccellenza mi ha chiarito bene l'importanza di recuperare il territorio che abbiamo perso. Lo capisco profondamente, ma le difficoltà si ergono contro di me.

Il Segretario della guerra mi ha informato che non dovevo sperare nei rinforzi.
Per assumere l’offensiva dal punto in cui siamo noi dobbiamo muovere verso il Middle o East Tennessee. Nel primo caso gli ostacoli da superare sono: Chattanooga, oggi una fortezza, il fiume Tennessee, l’ aspro deserto dei monti Cumberland, e un esercito che ci supera nel numero nella misura di due a uno. La seconda opzione lascerebbe la strada aperta in Georgia.
Non abbiamo né i mezzi di sussistenza né di campo sufficienti per entrambe le marce.
Il Generale Bragg e il tenente generale Hardee, nel suggerire l'offensiva, hanno proposto di operare con un potente esercito che avesse questo (esercito) come suo nucleo principale
Il primo non era stato in grado di avanzare prima dell'arrivo di Sherman che aveva aggiunto 25,000 uomini all'esercito federale, ed al contempo la marcia di Longstreet in East Tennessee aveva ridotto la nostra armata di 12.000 uomini. Quest'ultimo, nella sua lettera del 17 dicembre a voi inviata, esprime l'opinione che questo esercito sia troppo debole per opporsi al nemico nel caso in cui questi dovesse avanzare.
Ritengo che ci sarebbero molte meno difficoltà nell’avanzare dal Nord Mississippi, evitando le montagne .

Non vedo altro modo di prendere l'offensiva che battere il nemico quando avanza, e poi andare avanti. Ma per rendere probabile vittoria, l'esercito deve essere rafforzato.
Un modo rapido per fare questo sarebbe quello di sostituire con i negri tutti i soldati in servizio distaccato o giornalieri, così come i cuochi da campo, gli zappatori, e quelli addetti ai lavori del genio. Questo ci darebbe in una volta a 10.000 o 12.000 uomini, e gli altri eserciti della Confederazione potrebbero essere rafforzati nella stessa proporzione.
Sarebbe necessario procedere immediatamente a livello legislativo

Io chiedo a Vostra Eccellenza di prendere in seria considerazione detta materia. Una legge che autorizza il governo ad “arruolare” negri per tutte le attività fuori dai ranghi per i quali i soldati sono ora impegnati, dando allo schiavo una parte della retribuzione e punendo il padrone che non lo porti indietro se questi diserti, ci consentirebbe di tenerli in il servizio. Questa è l'opinione di sette o otto alti ufficiali presenti.
La mia esperienza in Mississippi è stata che i negri sono scappati ogni volta che è stato loro possibile, spesso incoraggiati dai loro padroni , ma non ho mai conosciuto uno schiavo che sia stato restituito dal suo padrone

Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.


Ultima modifica di dan-acw il Mar 22 Mag 2012 - 18:18, modificato 1 volta
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mar 22 Mag 2012 - 15:18


Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.
[/quote]

Buongiorno
Sbaglio o sta proponendo di far fuori tutti i suoi comandanti di corpo?
Saluti
Bruno
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 23 Mag 2012 - 5:26

Ringrazio dan-acw per il suo contributo. Noto che i toni e i contenuti della lettera di Johnston a Davis del 2/I/1864, sono i medesimi di quella spedita da Johnston a Seddon il 28/XII/1863. Scuse, appigli, e recriminazioni. Le vostre menti attente avranno notato, verso la fine della lettera Johnston-Seddon, un'affermazione molto grave, che riporto qui di sèguito :

"(...)Non avendo modo di procurare cibo, equipaggiamento, né di muovere l’Armata, sono conseguentemente sollevato dalle corrispondenti responsabilità."

Sembra di rileggere le lettere di McClellan a Lincoln e a Stanton!
Per carità, mi si potrà dire che le condizioni dell'AoP durante la Campagna Peninsulare non erano certamente paragonabili a quelle dell'AoT dopo Chattanooga, ma non dimentichiamo che, dopo Bragg, Hardee in un solo mese di servizio al comando interinale, aveva fatto prodigi, gettando nuove basi su cui riassemblare l'Armata, e Johnston non si trovò affatto nella condizione che volle far credere a Seddon come poi a Davis. Da qui, la legittimazione per la sua "strategia" difensiva in Georgia.
Queste lettere sono - a mio avviso -la riprova che Johnston - e non Davis - era il tipo d'uomo che, una volta presa una sua personale decisione, era pronto a boicottare qualsiasi intervento esterno mirante a modificarne lo sviluppo già prestabilito.
Davis, al contrario, nonostante la sua personale avversione per Johnston, usa toni più che conciliatori, e, da vero uomo di Stato, dimostra di svolgere il Suo mandato con imparzialità e profondo equilibrio, pronto a cooperare pienamente con una persona che Egli non stimava e non voleva in quel ruolo, ma che in quel ruolo dovette accettare giocoforza.
Alla luce di tutto questo, una volta in più, mi chiedo come sia stato possibile accusare Davis di tutte le cose che ho letto anche in questa sede, e ostinarsi a voler salvare Johnston, attenuando sue responsabilità.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  HARDEE il Mer 23 Mag 2012 - 8:57

Generale Early, buongiorno!

Difendere il Generale Johnston non significa condannare il Presidente Davis né accusare il Presidente Davis significa assolvere il Generale Johnston, sono responsabilità da vagliare assieme o separatamente, quando è il caso.

Non ricordo bene la frase [credo] dell’Imperatore Giuliano l’Apostata che ad un dignitario che recriminava sull’assoluzione del suo contendente con queste parole: << Se bastasse scusarsi chi sarà mai condannato?>> rispose: << E se bastasse accusare chi sarà mai assolto? >>.

Qui si stanno ricostruendo i fatti e ritengo opportuno ci sia un dibattito e che da questo emergano nuovi elementi, come la lettera tradotta da Daniele ( dan-acw), che è preziosa e da analizzare con attenzione.

Non ho nessun motivo personale di difendere il Generale Johnston e cerco, faticosamente, di liberarmi dai preconcetti. Scrivo faticosamente, perché più di cent’anni di Storia , nei quali è stato osannato l’operato del Generale Johnston, non possono essere cancellati con un colpo di spugna.

Hardee


P:S.

E' ovvio che ritengo preziose anche le Sue traduzioni degli OR.

avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Generale Meade il Mer 23 Mag 2012 - 11:03

Personalmente ritengo che non ci sia un colpevole in assoluto. Sarebbe assurdo che Davis fosse così irresponsabile da agire contro la CSA per manifesta incapacità o che Johnston fosse solo un traditore vigliacco, pronto a intrigare in ogni occasione. Sicuramente i due avevano le loro belle colpe, che potevano benissimo evitare di avere, ma pensare a tradimenti o altro credo proprio che sia fuorviante. Tanto valeva combattere per gli unionisti.
Il fatto che non si stimassero è fuor di dubbio, ma proprio per questo Davis doveva accuratamente e con diplomazia evitare di mettere al comando Johnston nel fronte ovest, tanto più che neanche Johnston voleva quel comando con le relative responsabilità. Trovare uno un pò meglio di lui o meno peggio, per i detrattori di Johnston, non doveva essere così difficile. Dire che non si poteva farne a meno è un puro controsenso e non è pertanto una giustificazione valida, dato che non si può perdere una guerra per i capricci di un paio di senatori e due o tre giornalisti, e l'esempio McClellan/Lincoln è esemplare. Se poi invece Johnston era indispensabile perchè non vi erano altre alternative valide, ossia, gli altri erano peggio di lui, allora continuarlo a criticare e accusare per la sua estenuante cautela nell'agire, non porterà a scoprire molto di più di quel che già si sà.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 23 Mag 2012 - 11:26

Generale Hardee, buongiorno a Lei.
Apprezzo l'equilibrio della Sua opinione.
Mi rendo conto che i miei personali punti di vista vanno in contrasto con la corrente storiografica finora prevalente. Non ho certamente la pretesa di fare alcuna differenza dall'una o dall'altra parte, ma l'analisi delle fonti mi pare vada inoppugnabilmente in una direzione (che coincide con le mie posizioni) piuttosto che in un'altra, e che finora sia stato travisato parecchio, o sia stato arbitrariamente negletto, riguardo le persone del Presidente Jefferson Davis, e del Generale Joseph Eggleston Johnston.
Di qui deriva la mia ferma difesa del Presidente e la mia tenace accusa a Johnston.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 23 Mag 2012 - 11:38

Generale Meade, buongiorno.
Altrove in questo Forum, ho letto delle Sue forti perplessità a chiamare democrazia la Confederazione. Bene, ammesso questo dubbio, comprendo come non Le sia concepibile pensare come il Presidente Davis ammettesse ad un ruolo di comando, il generale Johnston, che Egli riteneva inadatto, e per cui aveva personale disistima. Davis si piegò all'opinione della maggioranza del Suo Gabinetto, esattamente come fece, in altre circostanze, per l'offensiva del 1863 in Pennsylvania - ricordo, non voluta, ma ratificata da Davis; l'invasione la volle principalmente Lee.
Quindi, piaccia o no, Davis "ubbidì" alle regole della democrazia per cui, in una società di valori condivisi, la maggioranza vince. E quella maggioranza, piaccia o meno, spesso optava per Johnston. Fatalità.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Generale Meade il Mer 23 Mag 2012 - 12:16

Jubal Anderson Early ha scritto:Generale Meade, buongiorno.
Altrove in questo Forum, ho letto delle Sue forti perplessità a chiamare democrazia la Confederazione. Bene, ammesso questo dubbio, comprendo come non Le sia concepibile pensare come il Presidente Davis ammettesse ad un ruolo di comando, il generale Johnston, che Egli riteneva inadatto, e per cui aveva personale disistima. Davis si piegò all'opinione della maggioranza del Suo Gabinetto, esattamente come fece, in altre circostanze, per l'offensiva del 1863 in Pennsylvania - ricordo, non voluta, ma ratificata da Davis; l'invasione la volle principalmente Lee.
Quindi, piaccia o no, Davis "ubbidì" alle regole della democrazia per cui, in una società di valori condivisi, la maggioranza vince. E quella maggioranza, piaccia o meno, spesso optava per Johnston. Fatalità.

Buongiorno Generale Early,

personalmente ritengo che la Confederazione sia stata nella sua breve esistenza governata prevalentemente dalla oligarchia degli influenti personaggi appartenenti alla classe sociale dei grandi latifondisti.
Non mi trovo concorde sulle circostanze che avrebbero obbligato Davis a piegarsi alla volontà del suo gabinetto. Per due semplici motivi:

1) in qualità di presidente e comandante in capo della CSA, Davis aveva il "dovere" di puntare i piedi, mettendo veti, per il bene del suo paese, del quale era il primo cittadino e responsabile. Se Johnston non andava bene, Johnston doveva essere escluso dallo scacchiere del conflitto. Inutile rammentare la disputa tra McClellan e Lincoln, ma ancora più incisiva si dimostrò la ferrea volontà di Lincoln nell'imporre Grant proprio quando quest'ultimo era considerato un buono a nulla e ubriacone. Dire che Lincoln poteva e Davis nò, non ha un riscontro storico. Lincoln rischiò moltissimo con la spada di Damocle sulla testa delle elezioni presidenziali del 1864, prendendo decisioni impopolari, mentre Davis, non avendo lo stesso problema, non riuscì o non volle imporsi, anche se con Bragg e Hood dimostrò che, quando voleva, agiva come meglio credeva.

2) per evitare inutili polemiche con i sostenitori di Johnston, a Davis sarebbe bastato far leggere le lettere in cui Johnston in modo molto esplicito dichiarava di non volerne sapere del Tennessee o del Mississippi. Con quali argomenti a quel punto avrebbe potuto controbattere la maggioranza del suo Gabinetto? Se poi, nonostante tutto, Johnston era preferibile a tutto il resto dei generali confederati di stanza nel West, prendersela con lui sarebbe ingiusto, e Davis, rimuovendolo da Atlanta, fece un grave errore, data la mancanza di valide alternative da mettere al comando dell'AoT.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Mer 23 Mag 2012 - 18:07

ROSSETTI BRUNO ha scritto:
Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.

Buongiorno
Sbaglio o sta proponendo di far fuori tutti i suoi comandanti di corpo?
Saluti
Bruno[/quote]

Caro Bruno io così ho interpretato il messaggio di Joe Joe (OFFICIAL RECORDS: Serie 1, vol 32, Part 2 , pag. 510 e 511)

ps. ricordo che all'epoca i comandanti dei corpi erano Hardee ed Hindman
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Banshee il Mer 23 Mag 2012 - 18:17

dan-acw ha scritto:
ROSSETTI BRUNO ha scritto:
Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.

Buongiorno
Sbaglio o sta proponendo di far fuori tutti i suoi comandanti di corpo?
Saluti
Bruno

Caro Bruno io così ho interpretato il messaggio di Joe Joe (OFFICIAL RECORDS: Serie 1, vol 32, Part 2 , pag. 510 e 511)

ps. ricordo che all'epoca i comandanti dei corpi erano Hardee ed Hindman [/quote]

No. Johnston proponeva che fosse aggiunto un terzo comandante di Corpo d'Armata, che egli aveva indicato in Mansfield Lovell. Al suo posto arrivò Hood. Quanto a Hindman era solo nominalmente comandante di corpo d'armata anche in seguito al breve interregno di Hardee.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Mer 23 Mag 2012 - 18:58

Banshee ha scritto:
dan-acw ha scritto:
ROSSETTI BRUNO ha scritto:
Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.

Buongiorno
Sbaglio o sta proponendo di far fuori tutti i suoi comandanti di corpo?
Saluti
Bruno

Caro Bruno io così ho interpretato il messaggio di Joe Joe (OFFICIAL RECORDS: Serie 1, vol 32, Part 2 , pag. 510 e 511)

ps. ricordo che all'epoca i comandanti dei corpi erano Hardee ed Hindman

No. Johnston proponeva che fosse aggiunto un terzo comandante di Corpo d'Armata, che egli aveva indicato in Mansfield Lovell. Al suo posto arrivò Hood. Quanto a Hindman era solo nominalmente comandante di corpo d'armata anche in seguito al breve interregno di Hardee.

Banshee[/quote]

Caro Banshee a me sembra che Joe Joe usi il termine al plurale quindi inteso non solo come il comandante dell'eventuale terzo corpo.

Su Hindman concordo con quanto da te riportato
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  HARDEE il Mer 23 Mag 2012 - 19:45

dan-acw ha scritto:
Banshee ha scritto:
dan-acw ha scritto:
ROSSETTI BRUNO ha scritto:
Rispettosamente suggerisco di dividere questo esercito in tre corpi e di assegnarli a Tenenti Generali provenienti da altri eserciti

Con molto rispetto, il vs. servo obbediente,
E. J. JOHNSTON,
General.

Buongiorno
Sbaglio o sta proponendo di far fuori tutti i suoi comandanti di corpo?
Saluti
Bruno

Caro Bruno io così ho interpretato il messaggio di Joe Joe (OFFICIAL RECORDS: Serie 1, vol 32, Part 2 , pag. 510 e 511)

ps. ricordo che all'epoca i comandanti dei corpi erano Hardee ed Hindman

No. Johnston proponeva che fosse aggiunto un terzo comandante di Corpo d'Armata, che egli aveva indicato in Mansfield Lovell. Al suo posto arrivò Hood. Quanto a Hindman era solo nominalmente comandante di corpo d'armata anche in seguito al breve interregno di Hardee.

Banshee

Caro Banshee a me sembra che Joe Joe usi il termine al plurale quindi inteso non solo come il comandante dell'eventuale terzo corpo.

Su Hindman concordo con quanto da te riportato[/quote]

-----------------------------------------------------------------------------------------------

Cari Amici e Fratelli,

aiutatemi a ricordare, ma Mansfield Lovell! non fu quel Generale che comandava la piazza di New Orleans e che si sottopose ad una commissione d'inchiesta da cui fu poi prosciolto da ogni accusa e su cui restò l'ombra dello scarsa combattività?

Hardee



avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Gio 24 Mag 2012 - 19:36

Cari Amici e Fratelli,

aiutatemi a ricordare, ma Mansfield Lovell! non fu quel Generale che comandava la piazza di New Orleans e che si sottopose ad una commissione d'inchiesta da cui fu poi prosciolto da ogni accusa e su cui restò l'ombra dello scarsa combattività?

Hardee



[/quote]

Caro Hardee ricordi perfettamente di chi stiamo parlando. Vi è inoltre da dire che nonostante la "dubbia" fama di cui godeva, Lovell fu espressamente richiesto sia da Joe Joe, come ci ha ricordato l'amico Banshee, sia da Hood quando prese il comando dell'armata
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  HARDEE il Gio 24 Mag 2012 - 20:02

Cari Amici e Fratelli,

non ho niente contro il Generale Lovell, ma mettere un Generale sconfitto e processato a capo di un Corpo d'Armata di un esercito che aveva subito tante sconfitte mi sembra di cattivo augurio; spero che il Generale Johnston non fece questo passo per avere a disposizione un colpevole, una “ tête de turc” , perché la cosa sarebbe vergognosa.

Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Generale Meade il Gio 24 Mag 2012 - 21:39

Buonasera Signori Ufficiali,

chi più chi meno, tutti i generali della CW avevano scheletri nei loro armadi. Sherman, tanto per fare un esempio, fino alla battaglia di Shiloh veniva considerato alla stregua di un pazzo (letteralmente).

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  dan-acw il Gio 24 Mag 2012 - 22:35

HARDEE ha scritto: Cari Amici e Fratelli,

non ho niente contro il Generale Lovell, ma mettere un Generale sconfitto e processato a capo di un Corpo d'Armata di un esercito che aveva subito tante sconfitte mi sembra di cattivo augurio; spero che il Generale Johnston non fece questo passo per avere a disposizione un colpevole, una “ tête de turc” , perché la cosa sarebbe vergognosa.

Hardee

Sembra incredibile ma per la prima volta mi tocca difendere Joe Joe.
Non posso dire di conoscere bene la carriera del Generale Lovell e le sue responsabilità nel fiasco di New Orleans, ma pare che egli, nonostante la sconfitta e la commissione d'inchiesta, fosse tenuto in grande considerazione dai suoi colleghi.

Joe Joe il 16/01/1864 inviò un messaggio a Cooper in cui ribadiva la necessità di dividere e riorganizzare l'armata in 3 corpi, assegnando il primo corpo (3 divisioni) ad Hardee, il secondo corpo (due divisioni) a Lovell ed il terzo (due divisioni) ad Hindman.

Hood il 19/07/1964 inviò un messaggio a Seddon in cui chiedeva un comandante per il suo vecchio corpo che nel mentre (dietro consiglio di Hardee) era stato assegnato a Cheatham, e suggerendo Lovell.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis e Joseph Johnston

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 5 Precedente  1, 2, 3, 4, 5  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum