La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Pagina 2 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Mer 15 Apr 2009 - 16:20

George Armstrong Custer ha scritto:Secondo gli storici(per es.Reid Mitchell),il piano di Lee di avanzare in Pennsylvania incontrò delle opposizioni nell'ambito della Confederazione.Considerata la situazione di attendismo esistente nel teatro di operazioni dell'Est,era più sensato-sosteneva chi era contrario al piano di Lee-trasferire l'Armata della Virginia Sett. nel Tennessee o nel Mississippi.I sostenitori di quest'ultima tesi pensavano al riguardo che il maggior pericolo per il Sud derivasse dall'assedio di Vicksburg da parte di Grant.
Lee,invece,forte del prestigio che godeva presso la Confederazione,era convinto che un attacco al "cuore" del nemico avrebbe alleggerito la pressione su Vicksburg.Tale ipotesi sembrava improbabile,però il Presidente Davis accettò il piano di Lee.

il ns jackson, nel suo libro, afferma che lee dimostrò con i numeri e non con le ipotesi che la situazione era per la confederazione molto più grave in virginia che ad ovest, figuriamoci se avesse pure dovuto indebolire la propria armata per inviarne una parte colà !!

ciao
gen. lee Laughing
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 15 Apr 2009 - 18:10

Bisogna tener presente invece che,dopo la sconfitta di Gettysburg,Lee e Davis concordarono con i militari del cosiddetto "Blocco dell'Ovest" di mandare truppe nel Tennessee per sconfiggere l'armata Nordista del gen.Rosecrans.Al fine di concentrare più truppe,inviarono lì anche le forze del gen.Longstreet dalla Virginia,trovandosi,in tal modo,in superiorità numerica rispetto ai Nordisti.Il risultato fu la battaglia di Chickamauga vinta dai Sudisti che, se non ci fosse stata la difesa del gen.Thomas,detta battaglia si sarebbe tramutata in una vera e propria rotta per i Nordisti.
Volevo concludere dicendo che,approfondendo l'argomento in questione,mi sono fatto l'idea che i vertici militari Sudisti costituissero dei gruppi di potere autonomi l'uno con l'altro e il Presidente Davis,che voleva esercitare la direzione strategica della guerra,si trovasse,in realtà,indeciso, in mezzo ai sopra indicati gruppi di potere dei militari.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 15 Apr 2009 - 21:27

Tornando all'idea iniziale di invadere la Pennsylvania da parte deli Confederati,anche uno storico come Luraghi sostiene che sarebbe stato più saggio mandare il grosso dell'Armata di Lee all'Ovest per cercare di sconfiggere l'aggressivo Grant.Ma il condottiero Virginiano si oppose per i motivi scritti nei post precedenti:in caso di vittoria Sudista,l'Unione avrebbe avuto un collasso morale.Nell'età dei cannoni e dei fucili rigati-scrive Luraghi- la potenza delle armi difensive rendeva molto problematico il successo dell'attacco,quindi si trattava di una decisione arrischiata,significava "giocare tutto per tutto su una carta".
(R.Luraghi-La secessione del Sud e la guerra civile americana,Enciclopedia La Storia,11° vol.edito da "La Repubblica",con la collaborazione dell'editore UTET).

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Banshee il Gio 16 Apr 2009 - 9:34

Gli ultimi interventi di Custer, come sempre stimolanti, mi pare richiedano alcune brevi osservazioni.
1) Proprio la vittoria di Chickamauga dimostra la straordinaria incapacità dei generali dell'Ovest di sfruttare una vittoria tattica ottenuta grazie al principio della concentrazione delle forze, grazie al quale per una volta i sudisti riusciono a trovarsi in condizioni di leggera superiorità numerica. I clamorosi fiaschi di Chattanooga e Knoxville dimostrano una volta ancora che se la guerra non poteva vincere ad Est, fu persa ad Ovest.
2) Dissento dalle conclusioni di Raimondo Luraghi che è ancora legato e schiavo dl mito dell'efficacia delle armi rigate (come detto altrove i più recenti saggi hanno dimostrato ampiamente che l'avvento delle ami rigate fece aumentare sicuramente la potenza delle armi da fuoco ma in maniera poco sensibile: la prima guerra distruttiva si sarebbe rivelata quella franco prussiana). Di qui la curiosa teoria secondo cui la parte attaccante sarebbe stata sempre in svantaggio. L'argomento è stato ampiamente confutato: se l'attacco era portato con decisione e abilità aveva ottime possibilità di successo.
3) Infine e soprattutto: invece di concentrare le forze nell'Ovest,ribadisco che una concentrazione di forze maggiori ad Est con l'esercito più equipaggiato e con maggiore coesione oltre ad una morale altissimo avrebbe senz'altro prodotto migliori risultati e forse mutato il corso della storia.

Banshee


Ultima modifica di Banshee il Gio 16 Apr 2009 - 14:07, modificato 1 volta
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 16 Apr 2009 - 14:04

Banshee,ti ringrazio per le tue parole,d'altronde credo che sia il modo migliore per cercare di discutere "serenamente" su alcune questioni che sono state e sono oggetto di confronto tra gli storici.
Tornando alla questione dei fucili rigati e della supremazia della difesa sull'attacco,di cui parla Luraghi,effettivamente ci sono opinioni diverse in merito,sicuramente la posizione del professore è da ritenersi eccessiva.
Invece,per quanto riguarda la decisione di invadere il Nord da parte di Lee,continuo ad avere dei dubbi sulla sua validità per vari motivi.Uno di questi non è di carattere militare,ma politico:di fronte al pericolo rappresentato dall'offensiva Confederata,la maggior parte della popolazione dell'Unione reagì con estrema fermezza,ricompattandosi contro il nemico alle porte,provocando anche una reazione combattentistica da parte dei militari che,forse,per il Nord rappresentava un'assoluta novità.Penso anche al successo che,presso la gente, ebbe il lancio di un prestito pubblico emessso in quei giorni drammatici dal Governo dell'Unione.
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Gio 16 Apr 2009 - 19:04

personalmente penso ed ho sempre sostenuto che nell'estate del 1863, l'invasione della pennsylvania fosse la migliore opzione per la confederazione. l'ANV galvanizzata da continui successi e ritenuta invincibile da amici e nemici, poteva essere l'arma giusta per "stendere" il nord......peccato che le cose non andarono come il sud sperava !


ciao
gen. lee cat
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 19 Apr 2009 - 16:26

Nel libro "La spada e le magnolie" di Raimondo Luraghi,che ripercorre tutta la storia del Sud degli Stati Uniti,libro pubblicato in epoca recente,nel 2007,viene ribadito il pensiero contrario dell'autore in merito alla decisione di invadere il Nord,nel 1863,da parte delle truppe di Lee.Luraghi riporta l'opinione del gen Beauregard-definito come"uno tra i più lungimiranti capi militari Sudisti"-che aveva proposto di spostare le ingenti forze di Lee,sotto il comando del medesimo, nell'Ovest per cercare di battere Grant.Ma considerato i pessimi rapporti che Beauregard aveva con il Presidente Davis,non "si pensò nemmeno di dargli ascolto".Lo stesso Lee-prosegue Luraghi-non pensò nemmeno lontanamente ad un piano simile,non perchè fosse ostile a Beauregard che stimava,ma perchè voleva battere il Nord-come è stato scritto in altri post-in una battaglia decisiva in perfetto stile Napoleonico,annientando l'Armata del Potomac e vincendo così la guerra.

P.S.Il libro in questione ha vinto il premio "Acqui Storia" nel 2008.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 21 Apr 2009 - 19:08

Su Gettysburg,volevo aggiungere un altro dato,ricavato dal rapporto compilato,dopo la battaglia,dal gen.Lee.
Sembra che Lee abbia scritto che non era sua intenzione dare battaglia,con tutte la sue Forze, a tanta distanza dalla sua base che si trovava in Virginia sulla linea della Cumberland Valley.Teniamo presente,però,che l'Armata del gen. Meade era schierata tra le forze di Lee e le città di Baltimora e Washington che-come sappiamo-erano i principali obiettivi della offensiva Confederata.A questo punto ci si domanda come sperava Lee,o potesse attendersi, di dare battaglia in una zona vicina alla sua base,quando ogni giorno di marcia si allontanava sempre di più da essa.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Mar 21 Apr 2009 - 19:19

George Armstrong Custer ha scritto:Su Gettysburg,volevo aggiungere un altro dato,ricavato dal rapporto compilato,dopo la battaglia,dal gen.Lee.
Sembra che Lee abbia scritto che non era sua intenzione dare battaglia,con tutte la sue Forze, a tanta distanza dalla sua base che si trovava in Virginia sulla linea della Cumberland Valley.Teniamo presente,però,che l'Armata del gen. Meade era schierata tra le forze di Lee e le città di Baltimora e Washington che-come sappiamo-erano i principali obiettivi della offensiva Confederata.A questo punto ci si domanda come sperava Lee,o potesse attendersi, di dare battaglia in una zona vicina alla sua base,quando ogni giorno di marcia si allontanava sempre di più da essa.

caro custer,
permettimi di essere un pò scettico sull'informazione che ci riporti. mi sembra un pò contraddittoria ! sul fatto che lee non fosse in piena forma durante la battaglia sono d'accordo, ma qui si pone in dubbio la lucidità del generale lee durante tutta la campagna .
francamente mi sembra un pò troppo.

ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

tattiche e strategia del generale lee

Messaggio  R.E.Lee il Mar 21 Apr 2009 - 19:33

George Armstrong Custer ha scritto:Nel libro "La spada e le magnolie" di Raimondo Luraghi,che ripercorre tutta la storia del Sud degli Stati Uniti,libro pubblicato in epoca recente,nel 2007,viene ribadito il pensiero contrario dell'autore in merito alla decisione di invadere il Nord,nel 1863,da parte delle truppe di Lee.Luraghi riporta l'opinione del gen Beauregard-definito come"uno tra i più lungimiranti capi militari Sudisti"-che aveva proposto di spostare le ingenti forze di Lee,sotto il comando del medesimo, nell'Ovest per cercare di battere Grant.Ma considerato i pessimi rapporti che Beauregard aveva con il Presidente Davis,non "si pensò nemmeno di dargli ascolto".Lo stesso Lee-prosegue Luraghi-non pensò nemmeno lontanamente ad un piano simile,non perchè fosse ostile a Beauregard che stimava,ma perchè voleva battere il Nord-come è stato scritto in altri post-in una battaglia decisiva in perfetto stile Napoleonico,annientando l'Armata del Potomac e vincendo così la guerra.

P.S.Il libro in questione ha vinto il premio "Acqui Storia" nel 2008.

ritornando al mancato assenso di lee di spostare parte del suo esercito ad ovest o nei pressi di chattanooga come suggerì longstreet, direi che il gen. lee non se la sentiva di abbandonare un fronte che conosceva "a menadito" e dove aveva sin lì colto tante vittorie, per andare ad imbarcarsi in un avventura del genere ricca di incognite di ogni tipo.

ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Banshee il Mer 22 Apr 2009 - 10:02

R.E.Lee ha scritto:
George Armstrong Custer ha scritto:Su Gettysburg,volevo aggiungere un altro dato,ricavato dal rapporto compilato,dopo la battaglia,dal gen.Lee.
Sembra che Lee abbia scritto che non era sua intenzione dare battaglia,con tutte la sue Forze, a tanta distanza dalla sua base che si trovava in Virginia sulla linea della Cumberland Valley.Teniamo presente,però,che l'Armata del gen. Meade era schierata tra le forze di Lee e le città di Baltimora e Washington che-come sappiamo-erano i principali obiettivi della offensiva Confederata.A questo punto ci si domanda come sperava Lee,o potesse attendersi, di dare battaglia in una zona vicina alla sua base,quando ogni giorno di marcia si allontanava sempre di più da essa.

caro custer,
permettimi di essere un pò scettico sull'informazione che ci riporti. mi sembra un pò contraddittoria ! sul fatto che lee non fosse in piena forma durante la battaglia sono d'accordo, ma qui si pone in dubbio la lucidità del generale lee durante tutta la campagna .
francamente mi sembra un pò troppo.

ciao
gen. lee

L'informazione è esatta. Si tratta del rapporto stilato dal Gen Lee sulla battaglia e inviato a Jefferson Davis nel gennaio 1864, se non erro. Lee scrisse due rapporti su Gettysburg: uno assai più coinciso il 31 luglio 1863 e l'altro nel gennaio 1864. Vado a memoria, ma se interessa posso fornire gli estremi precisi. Peraltro la frase riportata da Custer si presta a molte interpretazioni e su di essa vi sono varie interpretazioni.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Mer 22 Apr 2009 - 11:21

mi fido. ma ha questo punto sarebbe interessante cercar di chiarire le varie interpretazioni sul rapporto del gen. lle, perchè mi sembra un pò contraddittorio.


gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 22 Apr 2009 - 12:48

Per notizia,il sottoscritto,come ex allievo di West Point,nei limiti del possibile,cerca di non dare informazioni sbagliate,anche perchè le trae da testi che sono attendibili.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Mer 22 Apr 2009 - 16:44

George Armstrong Custer ha scritto:Su Gettysburg,volevo aggiungere un altro dato,ricavato dal rapporto compilato,dopo la battaglia,dal gen.Lee.
Sembra che Lee abbia scritto che non era sua intenzione dare battaglia,con tutte la sue Forze, a tanta distanza dalla sua base che si trovava in Virginia sulla linea della Cumberland Valley.Teniamo presente,però,che l'Armata del gen. Meade era schierata tra le forze di Lee e le città di Baltimora e Washington che-come sappiamo-erano i principali obiettivi della offensiva Confederata.A questo punto ci si domanda come sperava Lee,o potesse attendersi, di dare battaglia in una zona vicina alla sua base,quando ogni giorno di marcia si allontanava sempre di più da essa.

il sottoscritto, che a west point non c'è mai stato e che ha raccontato le sue vicende durante il servizio militare sul forum, precisa che non era sua intenzione mettere in discussione la veridicità delle fonti dell'utente custer.
sono rimasto vittima di un "sembra" galeotto che ha generato il malinteso. ne faccio ammenda pubblicamente, sono anche un pò ammareggiato....


gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 22 Apr 2009 - 18:20

Ammetto che il verbo "sembrare",da me usato nel post,poteva portare fuori strada,ma è il mio modo di scrivere quando si tratti di avvenimenti di cui il sottoscritto,per forza dellle cose,non ha una percezione diretta.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Mer 22 Apr 2009 - 18:53

George Armstrong Custer ha scritto:Ammetto che il verbo "sembrare",da me usato nel post,poteva portare fuori strada,ma è il mio modo di scrivere quando si tratti di avvenimenti di cui il sottoscritto,per forza dellle cose,non ha una percezione diretta.

eh..eh...io fuori strada ci sono finito completamente.....!!! affraid

gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 15 Mag 2009 - 21:14

Ho avuto l'impressione che su Gettysburg si sia sempre scritto e parlato molto-anche su questo forum- del comportamento tenuto dai generali Sudisti,mentre sui generali Nordisti presenti a Gettysburg sembra che se ne parli di meno nonostante il ruolo avuto da molti di loro durante la battaglia.
Che ne pensate al riguardo?

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Sab 16 Mag 2009 - 15:14

George Armstrong Custer ha scritto:Ho avuto l'impressione che su Gettysburg si sia sempre scritto e parlato molto-anche su questo forum- del comportamento tenuto dai generali Sudisti,mentre sui generali Nordisti presenti a Gettysburg sembra che se ne parli di meno nonostante il ruolo avuto da molti di loro durante la battaglia.
Che ne pensate al riguardo?

penso che hai ragione. quindi iniziamo per linee generali. grande fù buford che intuì subito l'importanza delle colline e le difese allo strenuo, non credo che ciò salvò l'armata del potomac dalla distruzione perchè, secondo me, se i sudisti avessero preso le suddette colline, meade si sarebbe ritirato/arrestato presso la linea fortificata sul big pipe creek che aveva fatto edificare e lì, secondo jackson che l'ha visitata, per lee sarebbero stati "cavoli ancora più amari".
però la mossa di buford fù, per me, determinante ai fini dell'esito finale della battaglia. bravo fù il comandante dell'Adp, george meade. tenne ben raggruppate le sue forze, evitando che lee le potesse attaccare "a pezzetti"mentre risalivano verso nord al suo inseguimento, come ci dice forrest. durante la battaglia tenne sempre in pugno la situazione, distribuendo con sagacia i rinforzi nei punti critici. una nota di biasimo gli và, per me data, perchè al termine della rovinosa carica di pickett, non osò nemmeno prendere l'iniziantiva e tentare un controattacco. bravo anche hancock, le sue truppe ressero molto bene l'urto terribile dei sudisti che si stavano giocando il classico "tutto per tutto", durante la famosa carica di pickett i suoi uomini non vacillarono mai di fronte alla massa dei sudisti che gli veniva incontro urlando come ossessi.
disastroso fù syckles: con la sua mossa sciagurata del secondo giorno di battaglia rischiò di compromettere tutto quello che di buono avevano già fatto ed avrebbero fatto il giorno successivo, i suoi colleghi...
questo per linee generali, adesso la parola la passo agli altri utenti.

gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Gettysburg

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 16 Mag 2009 - 15:44

Devo dire che il ns Lee ha riassunto in modo mirabile il comportamento tenuto a Gettysburg da parte dei generali del Nord.
Sul ruolo che Meade ha avuto per decretare il successo ottenuto a Gettysburg (che aveva assunto il comando solo tre giorni prima della battaglia) è stata materia di confronto tra gli Storici.
Meade, alla fine del secondo giorno di scontri, convocò un consiglio di guerra e chiese ai suoi collaboratori se fosse il caso di tenere le posizioni. Venne data risposta positiva:conveniva rimanere e combattere perché la posizione era forte e la disposizione delle forze permetteva di comunicare tra i reparti.
Non credo che alla fine della battaglia Meade fosse consapevole di aver ottenuto una vittoria :i Nordisti avevano resistito e avevano causato gravissime perdite ai Confederati ; ma solo quando Lee si ritirò,risultò evidente l'esito dello scontro.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2469
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  George H. Thomas il Sab 16 Mag 2009 - 23:36

George Armstrong Custer ha scritto:Devo dire che il ns Lee ha riassunto in modo mirabile il comportamento tenuto a Gettysburg da parte dei generali del Nord.
Sul ruolo che Meade ha avuto per decretare il successo ottenuto a Gettysburg (che aveva assunto il comando solo tre giorni prima della battaglia) è stata materia di confronto tra gli Storici.
Meade, alla fine del secondo giorno di scontri, convocò un consiglio di guerra e chiese ai suoi collaboratori se fosse il caso di tenere le posizioni. Venne data risposta positiva:conveniva rimanere e combattere perché la posizione era forte e la disposizione delle forze permetteva di comunicare tra i reparti.
Non credo che alla fine della battaglia Meade fosse consapevole di aver ottenuto una vittoria :i Nordisti avevano resistito e avevano causato gravissime perdite ai Confederati ; ma solo quando Lee si ritirò,risultò evidente l'esito dello scontro.

Non ho niente da aggiungere dopo le vostre accuratissime conclusioni, se non dichiararmi perfettamente d'accordo con i miei stimatissimi colleghi.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Giancarlo il Dom 17 Mag 2009 - 11:25

OLtre ai già citati Hancock, Meade, Buford aggiungo altri due generali impegnati in fasi secondarie ma non meno importanti: David Mc Murtrie Gregg, comandante della divisione di cavalleria posta a est di Gettysburg, trattenne Custer con le sue truppe ed impedì a Stuart una manovra di aggiramento dello schieramento unionista che sarebbe potuta essere alquanto dannosa. Il secondo generale ai più sconosciuto fu: George Jerrison Stannard, al comando di una delle unità poste in difesa del Cemetery Ridge, esattamente una brigata composta da reclute del Vermont, autonomamente durante la carica di Pickett spostò il suo schieramento di 90° prendendo d'infilata le truppe di Kemper e costringendole alla ritirate; subito dopo respinse le unità di Wilcox e Lang accorse a sostegno di Kemper. Secondo me questa azione contribuì in modo sostanziale a mandare in frantumi l'attacco confederato.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 55
Località : Ferrara

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Lun 25 Mag 2009 - 16:01

cari ufficiali,
leggendo le lettere del soldato john garibaldi della stonewall brigade (conf.) alla moglie, mi ha colpito, per stringatezza, quella in cui gli parla della battaglia di gettysbug. cito a memoria: ".....il primo giorno li abbiamo battuti (alla grande) e si sono ritirati sulle colline, successivamente si sono fortificati, abbiamo attaccato, ma ci hanno respinto. quindi ci siamo ritirati noi sulle colline ed abbiamo atteso per un giorno un loro attacco. attacco che non se la sono sentiti di lanciare. quindi ci siamo rimessi in marcia verso il potomac". tengo a precisare, di nuovo, che ho usato parole mie, non avendo la lettera sottocchio, ma leggendola, mi colpito il fatto che il soldato non dà grande importanza all'esito della battaglia e non la giudica certo nè decisiva, nè catastrofica.
solo una delle tante battaglie che si sono combattute. ciò avvalora, per me, l'ipotesi, che sul momento gli esiti dello scontro non furono giudicati ne risolutivi, ne decisivi,, il significato di quella battaglia venne accresciuto ad arte successivamente.

gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Giancarlo il Lun 25 Mag 2009 - 16:52

Forse quel soldato e tanti altri suoi commilitoni non avevano la percezione della gravità di quella sconfitta: il tuo omonimo la ebbe subito, quando andò ad accogliere Picket dopo l'attacco ed ebbe realmente chiaro la gravità del momento, gli vennero le lacrime agli occhi: in primo luogo per le migliaia di caduti e feriti ed in secondo perchè per il sud era stata persa la mano decisiva.
P.S. Ritengo che anche molti altri generali capirono che la confederazione dopo quella batosta non si sarebbe più risollevata.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 55
Località : Ferrara

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Ospite il Lun 25 Mag 2009 - 16:58

R.E.Lee ha scritto:cari ufficiali,
leggendo le lettere del soldato john garibaldi della stonewall brigade (conf.) alla moglie, mi ha colpito, per stringatezza, quella in cui gli parla della battaglia di gettysbug. cito a memoria: ".....il primo giorno li abbiamo battuti (alla grande) e si sono ritirati sulle colline, successivamente si sono fortificati, abbiamo attaccato, ma ci hanno respinto. quindi ci siamo ritirati noi sulle colline ed abbiamo atteso per un giorno un loro attacco. attacco che non se la sono sentiti di lanciare. quindi ci siamo rimessi in marcia verso il potomac". tengo a precisare, di nuovo, che ho usato parole mie, non avendo la lettera sottocchio, ma leggendola, mi colpito il fatto che il soldato non dà grande importanza all'esito della battaglia e non la giudica certo nè decisiva, nè catastrofica.
solo una delle tante battaglie che si sono combattute. ciò avvalora, per me, l'ipotesi, che sul momento gli esiti dello scontro non furono giudicati ne risolutivi, ne decisivi,, il significato di quella battaglia venne accresciuto ad arte successivamente.

gen. lee

Testimonianza davvero indicativa. Di certo, Gettysburg fu una battaglia importante...ma la storiografia successiva l'ha resa, forse, un punto più focale di quello che fosse in realtà.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

gettysburg

Messaggio  R.E.Lee il Lun 25 Mag 2009 - 17:01

caro giancarlo, lee dopo gettysburg perfine si dimise....!!!
però mi è sembrato interessante, per chi non l'avesso letto, riportare la testimonianza di un soldato che aveva partecipato attivamente alla battaglia ed alla campagna. visto che il morale della truppa è importantissimo per un esercito, è significativo, secondo me, l'impressione che si ha della lettera scritta pochi giorni dopo la battaglia....."abbiamo attaccato, li abbiamo battuti alla grande......si sono fortificati ci hanno respinti.....ma non hanno avuto il coraggio di attaccarci poi, visto che la battaglia era finita, ce ne siamo ritornati a casa....". il suo morale non era certo basso e magari, dico io, la solita impressione l'avevano avuta tanti altri soldati.
nella loro mente la frase: "sconfitta decisiva" non aveva fatto nemmeno capolino...!!!


gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum