George Meade

Andare in basso

George Meade

Messaggio  Albert S. Johnston il Dom 9 Set 2012 - 16:44

Vorrei citare il prof Panizza: "La notorietà che Meade si guadagnò presso i posteri è dovuta essenzialmente alla vittoria di Gettysburg: il primo comandante che finalmente era riuscito a infliggere a Lee e ai suoi soldati, che ormai avevano fama di essere imbattibili, una sonora sconfitta. Quanto, però, il merito del successo a Gettysburg sia effettivamente dovuto a Meade (che aveva assunto il comando solo tre giorni prima della battaglia) è ancora oggi oggetto di discussione tra gli Storici. Fu lo stesso Meade, alla fine del secondo giorno di scontri, che riunì un consiglio di guerra e chiese ai suoi più alti Ufficiali se fosse il caso o no di rimanere ancora lì. Gli venne risposto di sì: che conveniva rimanere e combattere, perché la posizione era forte e la disposizione delle Unità tale da permettere ottime linee interne di comunicazione tra i reparti. Né vi fu, alla fine della battaglia, la chiara consapevolezza da parte di Meade di una netta vittoria : avevano resistito, sì, avevano “tenuto” infliggendo gravissime perdite al nemico, ma solo quando Lee se ne andò fu chiaro il segno della vittoria, che oltre che sul campo fu anche mediatica e psicologica. Lincoln sulle prime ebbe addirittrura a lamentarsi di Meade, per non aver avuto l’energia e la prontezza di contrattaccare e inseguire Lee in ritirata,ma poi dovette ringraziarlo, unitamente al Congresso, per la vittoria conseguita, che tutti al Nord percepivano come fondamentale."

Aggiungerei anche che a Gettysburg ci furono anche dei veri colpi di fortuna per Meade quali lo stato di prostrazione di Lee per motivi familiari e di salute e l'assenza di Stuart, secondo me decisiva per le sorti della battaglia, (Lee ha combattuto alla cieca).

Sicuramente merito di Meade fu di tenere i nervi saldi e lasciare che i suoi esperti subordinati vincessero la battaglia, peraltro gli avvenimenti successivi non fanno brillare la figura di questo generale, ottimo tattico ma pessimo stratega, a sua discolpa c'è da dire che ha goduto di cattiva stampa a causa del suo odioso carattere.

A.S.Johnston
avatar
Albert S. Johnston
Soldato
Soldato

Numero di messaggi : 10
Data d'iscrizione : 05.09.12

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  R.E.Lee il Dom 9 Set 2012 - 22:03

Caro Albert,
personalmente non sono d'accordo con l'epiteto "sonora sconfitta". La sconfitta ci fù, sù questo non ci piove, ma non fù così disastrosa o frustrante come alcuni storici la definiscono. Parlerei di
un assalto finale andato male, ma al di là di questo la campagna non fù un fiasco completo come ha anche scritto tempo fà il Ns Banshee.

Volendo aggiungere altro, Meade il terzo giorno, fù il primo ad essere sorpreso che l'attacco confederato era stato completamente respinto. Quanto all'accusa che non inseguì vigorosamente Lee in ritirata, le giustificazioni che Lui addusse mi sembrano degne di considerazione: la battaglia era stata durissima anche per i Nordisti, i suoi uomini erano stanchi, in quella campagna avevano marciato e combattuto per settimane, il loro equipaggiamento lasciava oramai a desiderare (molti erano scalzi), quindi Meade ritenne di "accontentarsi" di quello che aveva ottenuto rischiando il meno possibile tallonando Lee in ritiritata sperando magari, in qualche errore o qualcos'altro...


Lee


avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Generale Meade il Dom 16 Set 2012 - 23:29

R.E.Lee ha scritto:Caro Albert,
personalmente non sono d'accordo con l'epiteto "sonora sconfitta". La sconfitta ci fù, sù questo non ci piove, ma non fù così disastrosa o frustrante come alcuni storici la definiscono. Parlerei di
un assalto finale andato male, ma al di là di questo la campagna non fù un fiasco completo come ha anche scritto tempo fà il Ns Banshee.


Lee



Più che la battaglia in se stesso, fu la Campagna di Pennsylvania nell'estate del 1863 ad essere un completo fallimento, disastroso per la CSA. Lee non aveva raggiunto nessun obiettivo che il gabinetto confederato e il suo presidente si erano prefissi. L'armata del Potomac non era stata distrutta. Nessuno Stato europeo aveva riconosciuto la CSA. A Vicksburg non solo non era stata alleviata la pressione da parte di Grant, ma era addirittura caduta. L'Armata della Virginia aveva perso un terzo dei suoi effettivi e molto prezioso materiale. Perdite gravi e incolmabili, che invece l'Armata del Potomac poteva facilmente rimpiazzare. Tutto ciò fa di Gettysburg una sonora sconfitta per Lee e per il governo della CSA.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Lun 11 Nov 2013 - 23:54

Albert S. Johnston ha scritto:Vorrei citare il prof Panizza: "La notorietà che Meade si guadagnò presso i posteri è dovuta essenzialmente alla vittoria di Gettysburg: il primo comandante che finalmente era riuscito a infliggere a Lee e ai suoi soldati, che ormai avevano fama di essere imbattibili, una sonora sconfitta. Quanto, però, il merito del successo a Gettysburg sia effettivamente dovuto a Meade (che aveva assunto il comando solo tre giorni prima della battaglia) è ancora oggi oggetto di discussione tra gli Storici. Fu lo stesso Meade, alla fine del secondo giorno di scontri, che riunì un consiglio di guerra e chiese ai suoi più alti Ufficiali se fosse il caso o no di rimanere ancora lì. Gli venne risposto di sì: che conveniva rimanere e combattere, perché la posizione era forte e la disposizione delle Unità tale da permettere ottime linee interne di comunicazione tra i reparti. Né vi fu, alla fine della battaglia, la chiara consapevolezza da parte di Meade di una netta vittoria : avevano resistito, sì, avevano “tenuto” infliggendo gravissime perdite al nemico, ma solo quando Lee se ne andò fu chiaro il segno della vittoria, che oltre che sul campo fu anche mediatica e psicologica. Lincoln sulle prime ebbe addirittrura a lamentarsi di Meade, per non aver avuto l’energia e la prontezza di contrattaccare e inseguire Lee in ritirata,ma poi dovette ringraziarlo, unitamente al Congresso, per la vittoria conseguita, che tutti al Nord percepivano come fondamentale."

Aggiungerei anche che a Gettysburg ci furono anche dei veri colpi di fortuna per Meade quali lo stato di prostrazione di Lee per motivi familiari e di salute e l'assenza di Stuart, secondo me decisiva per le sorti della battaglia, (Lee ha combattuto alla cieca).

Sicuramente merito di Meade fu di tenere i nervi saldi e lasciare che i suoi esperti subordinati vincessero la battaglia, peraltro gli avvenimenti successivi non fanno brillare la figura di questo generale, ottimo tattico ma pessimo stratega, a sua discolpa c'è da dire che ha goduto di cattiva stampa a causa del suo odioso carattere.

A.S.Johnston
Oggi sfogliando un vecchio numero di una rivista sulla guerra civile ho trovato un articolo di Tom Huntington (autore di Searching for George Gordon Meade: The Forgotten Victor of Gettysburg) intitolato "Dove è Meade?". L'autore è di tutt'altro parere sulla notorietà e fama che il generale Meade si guadagnò presso i posteri e i contemporanei. Secondo Huntington il generale Meade nonostante abbia combattuto in quasi tutte le campagne del fronte orientale, sia giunto a comandare l'Armata del Potomac e abbia battuto Lee, risulta essere una delle figure più trascurate e sottovalutate della storia della guerra civile americana. I contemporanei furono i primi a non riservargli un trattamento adeguato per i suoi meriti, viene citato Lincoln che rimase assai amareggiato per il mancato inseguimento e attacco a Williamsport così come anche Halleck che lo criticò apertamente tanto da spingere Meade a presentare le sue dimissioni. La reputazione del generale fu ulteriormente offesa quando fu invitato a presentarsi di fronte ad un comitato del Congresso per rispondere alle accuse del generale Sickles, che dichiarava che Meade a Gettysburg era intenzionato a ritirarsi. La successiva conduzione dell'Armata del Potomac fu totalmente oscurata dalla presenza di Grant che oltretutto dopo la guerra favorì i generali Sherman e Sheridan nonostante questi avessero meno anzianità di Meade. La colpa degli storici, studenti e appassionati di oggi è il modo in cui ricordano e si approcciano alla storia della guerra, Huntington sostiene che basta visitare il campo di battaglia di Gettysburg per renderesene conto. Il monumento dedicato al vincitore della battaglia, la più famosa e una delle più importanti del conflitto, si trova sul Cemetery Ridge, di fronte a lui in lontananza sorge il monumento dello stato della Virginia costituito da una ben più imponente torre sui cui svetta una stata equestre del generale Lee, lo sconfitto. Vi sarebbe quindi un errore di base nel modo di vedere i risultati, e la figura in sè, del generale Meade.
Personalmente mi trovo d'accordo su alcuni punti, penso che troppo spesso la figura di Meade, specialmente per quanto concerne la campagna di Gettysburg, venga vista in modo subordinato rispetto al ruolo e alla personalità di Lee. D'altro canto però nelle successive campagne di Bristoe Station e Mine Run il generale nordista non ha dimostrato di avere particolari doti in più rispetto ad altri ufficiali dell'Unione. Nella campagna di Bristoe Station fu in grado di manovrare correttamente ripiegando in tempo ma non riuscì a crearsi un'opportunità per contrattaccare e nella sua offensiva di Mine Run dopo un iniziale successo reagì con la ritirata alle mosse di Lee. Sicuramente fu costretto ad operare su linee e con modalità che non gradiva essendo legato al pensiero strategico di McClellan e alla via della Penisola, non godette nemmeno della totale fiducia di Halleck e Lincoln oltre che di parte dell'opinione pubblica. A differenza di Grant che nel giro di qualche mese riuscì ad intraprendere una nuova campagna di successo nonostante l'inflessibilità su certi punti da parte del presidente, Meade non riuscì ad inventarsi nulla di nuovo e fu relegato a un ruolo marginale cedendo meriti e responsabilità a Grant nonostante mantenne il comando dell'Armata del Potomac. Se così non fosse stato e Meade fosse rimasto al vertice del comando ad est, dopo le due incerte campagne autunnali del 1863 Lee avrebbe trovato il modo di riprendersi l'iniziativa strategica. Forse giustamente Meade non rientra nel gruppo dei grandi leader nordisti e sudisti della guerra civile.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  R.E.Lee il Mar 12 Nov 2013 - 11:31

Personalmente Meade mi ha sempre dato l'impressione di essere un "onesto combattente" i cui meriti e/o demeriti non sono mai stati posti in particolare risalto, in negativo od in positivo, dagli storici.
A Gettysburg, per esempio, nelle fila dell'Unione vengono incensati l'allora colonnello chamberlain ed il generale hancock molto più di Lui.
Personalmente non sò se questo sia giusto o sbagliato, però il piano strategico globale di Lee durante l'invasione della Pennsylvania, prevedeva di distruggere "pezzo per pezzo" l'Armata del Potomac mentre risaliva verso nord stanca, sfilacciata e sparpagliata in una lunghissima fila.
Invece questo non avvenne e l'esercito uionista riuscì a presentarsi all'appuntamento abbastanza compatto e in tempi tutto sommato adeguati.
Ci fù del merito di Meade in tutto questo?

Lee

avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Generale Meade il Mar 12 Nov 2013 - 13:21

R.E.Lee ha scritto:Personalmente Meade mi ha sempre dato l'impressione di essere un "onesto combattente"  i cui meriti e/o demeriti non sono mai stati posti in particolare risalto, in negativo od in positivo, dagli storici.
A Gettysburg, per esempio, nelle fila dell'Unione vengono incensati l'allora colonnello chamberlain ed il generale hancock molto più di Lui.
Personalmente non sò se questo sia giusto o sbagliato, però il piano strategico globale di Lee durante l'invasione della Pennsylvania, prevedeva di distruggere "pezzo per pezzo" l'Armata del Potomac mentre risaliva verso nord stanca, sfilacciata  e sparpagliata in una lunghissima fila.
Invece questo non avvenne e l'esercito uionista riuscì a presentarsi all'appuntamento abbastanza compatto e in tempi tutto sommato adeguati.
Ci fù del merito di Meade in tutto questo?

Lee

Il gen. Meade mi dà l'impressione, a primo acchitto, di essere un uomo con un grande autocontrollo e sangue freddo, ma probabilmente riusciva solo a mascherare molto bene la grande apprensione e le paure che, per quanto un uomo possa tentare di mascherare, ti tendono a travolgere in certi frangenti. Il sospetto mi venne quando lessi che a fine battaglia, a Gettysburg, quasi si meravigliò di aver vinto. La cosa mi lascia pensare che si aspettava il peggio dal 3° e ultimo giorno degli scontri.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 12 Nov 2013 - 14:04

Mi trovo d'accordo con quanto scritto nell'ultimo intervento del ns amministratore; Il gen. Meade è stato sottovalutato dai contemporanei e dagli storici. La sua figura professionale andrebbe rivista e in senso molto positivo.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Banshee il Mar 12 Nov 2013 - 17:28

Meade aveva dimostrato a Fredericksburg e altrove di essere uomo audace. Ma una volta ricevuto il comando dell'AoP, si mostrò molto cauto e guardingo. Come ben ricordato, a Bristoe Station e Mine Run si fece soffiare l'iniziativa da Lee e mostrò ben poca voglia di intraprendere azioni offensive in Virginia di un certo spessore. Se Grant non avesse deciso di assumere direttamente il controllo delle operazioni, credo che Meade avrebbe agito con estrema cautela e lentezza e probabilmente avrebbe finito con l'esasperare Lincoln. Questo non significa che si sarebbe ripetuto il caso di McClellan, ma è possibile che Meade (che non era affatto uno stupido né un mediocre, sia chiaro) sarebbe venuto a contrasto con il Presidente.
 
Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mar 12 Nov 2013 - 17:42

George Armstrong Custer ha scritto:Mi trovo d'accordo con quanto scritto nell'ultimo intervento del ns amministratore; Il gen. Meade è stato sottovalutato dai contemporanei e dagli storici. La sua figura professionale andrebbe rivista e in senso molto positivo.
Io credo che vada sicuramente rivisto dandogli la giusta importanza in quanto comandante dell'Armata del Potomac, ma non so se ne uscirebbe così positivamente. Il generale Meade è uno dei tanti personaggi che non conosco ma da quel poco che ho letto mi sembra che rientri nel gruppo di ufficiali dove troviamo McClellan, Buell e Thomas. Generali prudenti, con quella lentezza odiata e incompresa dai politici settentrionali.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 12 Nov 2013 - 19:46

Il fatto che Meade sia riuscito- ed è stato il primo generale dell'Unione- a fermare Lee a Gettysburg, credo che sia già un buon motivo per giudicarlo positivamente.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Banshee il Mar 12 Nov 2013 - 20:21

Con molta oggettività, direi che pure McClellan ad Antietam fermò Lee. In fondo in ambo le battaglie le perdite complessive tra i due eserciti si equivalsero e Lee si ritirò dal Nord. McClellan subì lo smacco di Harper's Ferry mentre Meade quello (assai minore) di Winchester. Forse parte della storiografia (ma non la più recente) è stata troppo severa con McClellan (specie circa la sua idea strategica di conquistare Richmond, idea più che sensata e logica) e poco attenta con Meade. Tuttavia credo che quest'ultimo avrebbe fatto la stessa fine del primo, se Grant non avesse assunto con decisione ed estrema temerarietà il controllo delle operazioni in Virginia.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 12 Nov 2013 - 20:26

Credo che il fatto di avere assieme all'Armata del Potomac il comandante in capo Grant, abbia influito non poco nel giudizio di questo generale. Se rileggiamo gli ultimi 20000 messaggi del nostro forum, sono sicuro che le vittorie e sconfitte delle'Armata del Potomac le attribuiamo a Grant piuttosto a che a Meade.


Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3396
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  dan-acw il Mer 13 Nov 2013 - 10:01

Generale solido e quadrato ma privo di audacia e soprattutto di quella genialità propria dei grandi condottieri.
Viene ricordato unicamente per Gettysburg dove egli sostanzialmente si limitò a lasciare interamente (e pericolosamente) l'iniziativa ai confederati.
L'arrivo di Grant successivamente lo relegò al rango di un mero esecutore di ordini.

ps. credo che a lungo andare, se Grant fosse rimasto all'ovest, i confederati avrebbero ripreso l'offensiva, in che misura è difficile da dire.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  R.E.Lee il Mer 13 Nov 2013 - 11:04

A Fredericksburg però, Meade fù l'unico a penetrare attraverso le linee nemiche. Non supportato a dovere, fù ricacciato indietro, però alla fine dei salmi, fù l'unico che riuscì a combinare qualcosa in quella battaglia


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  dan-acw il Mer 13 Nov 2013 - 11:32

R.E.Lee ha scritto:A Fredericksburg però, Meade fù l'unico a penetrare attraverso le linee nemiche. Non supportato a dovere, fù ricacciato indietro, però alla fine dei salmi, fù l'unico che riuscì a combinare qualcosa in quella battaglia


Lee
Caro Lee questo non fa che confermare il fatto che ottimi/eccellenti comandanti di divisione ed anche di corpo potessero poi rivelarsi inadeguati al comando di un'armata.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Banshee il Mer 13 Nov 2013 - 12:46

dan-acw ha scritto:Generale solido e quadrato ma privo di audacia e soprattutto di quella genialità propria dei grandi condottieri.
Viene ricordato unicamente per Gettysburg dove egli sostanzialmente si limitò a lasciare interamente (e pericolosamente) l'iniziativa ai confederati.
L'arrivo di Grant successivamente lo relegò  al rango di un mero esecutore di ordini.

ps. credo che a lungo andare, se Grant fosse rimasto all'ovest, i confederati avrebbero ripreso l'offensiva, in che misura è difficile da dire.
Concordo. Per quanto sia difficile giudicarlo interamente, nella sostanza quello era.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  R.E.Lee il Gio 14 Nov 2013 - 11:28

dan-acw ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:A Fredericksburg però, Meade fù l'unico a penetrare attraverso le linee nemiche. Non supportato a dovere, fù ricacciato indietro, però alla fine dei salmi, fù l'unico che riuscì a combinare qualcosa in quella battaglia


Lee
Caro Lee questo non fa che confermare il fatto che ottimi/eccellenti comandanti di divisione ed anche di corpo potessero poi rivelarsi inadeguati al comando di un'armata.
E chi dice il contrario...

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 15 Nov 2013 - 11:46

Sostanzialmente fu un buon comandante di divisione, ma un mediocre comandante di armata. L'arrivo di Grant e il suo carattere gli permisero di mantenere il comando dell'Armata del Potomac ma fu di fatto relegato a un ruolo di "passa ordini". Possiamo quindi affermare che in ogni caso sia una figura da approfondire, specialmente i suoi successi nel primo periodo della guerra che lo videro come subordinato e le sue due campagne autunnali del 1863, ma anche che manca di quelle qualità necessarie ad inserirlo tra i (pochi) grandi generali della guerra civile americana, o almeno non tra i grandi comandanti d'armata. Mi pare che questo sia più o meno quello che è emerso fino ad ora in questa discussione.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 15 Nov 2013 - 12:22

Secondo me, con l'ascesa di Grant e del suo staff, a Meade non gli è stata più data l'opportunità di svolgere ruoli autonomi e pertanto di dimostrare in pieno le sue capacità.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Generale Meade

Messaggio  HARDEE il Gio 16 Gen 2014 - 2:35

Signori buongiorno.

Grazie per l'articolo Generale.

Aggiungo, a complemento del succitato 'articolo,  una digressione sulle dimissioni del Generale Meade.

----------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Sia il Presidente come il Generale Halleck sollecitarono più volte il Generale Meade perché si ponesse all’inseguimento dell’Armata della Virginia settentrionale, bloccata da un’inondazione. Il fatto è che il Generale Meade stava festeggiando la cacciata di Lee dalla Pennsylvania e dal Maryland, ci sarebbero voluti generali con altre concezioni della guerra e con lo spirito necessario  per penetrare nel Sud e pagarne il pesante tributo , anche se l'inseguimento effettuato dalla cavalleria dell'Unione riportò notevoli successi ., finché fu contenuta dal sacrificio delle divisioni Heat e Pettigrew
Avvertito  dell’insoddisfazione del Presidente il Generale Meade si  dimise.

il Presidente Lincoln scrisse una lettera, indirizzata al generale Meade, di cui riporto il testo :

-------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Di nuovo, mio caro generale non credo che voi valutiate esattamente l'entità della disgrazia che comporta la fuga di Lee. Egli poteva facilmente essere agganciato e se lo si fosse accerchiato , in coincidenza con gli altri nostri successi, si sarebbe posto fine alla guerra. Stando così le cose , la guerra  si prolungherà all'infinito. Se non avete saputo attaccare Lee senza esitazione lunedì scorso, come vi sarebbe possibile farlo al sud del fiume, dal momento che non potete prender con voi ben poco più dei due terzi delle forze che allora avevate a disposizione? Sarebbe  irragionevole sperare , e io non spero, che voi possiate fare molto. La vostra occasione d'oro se n'è andata e ne sono infinitamente addolorato.

Vi prego di non considerarla  per voi un'accusa o una persecuzione. Dal momento che avete saputo che ero scontento, ho pensato fosse meglio dirvene gentilmente il motivo.


Dopo aver riflettuto a lungo il Presidente chiuse la lettera in una busta sulla quale scrisse: << Al Generale Meade mai inviata o firmata>>. Non sappiamo esattamente quali furono  le ragioni del non inoltro della lettera, forse la considerazione che il Generale Meade aveva rilevato il comando in un momento drammatico, e che anche l'esercito dell'Unione usciva provato dallo scontro e poi Lee si stava ritirando in buon ordine e l'inseguimento  effettuato, in pessime condizioni climatiche, poteva anche inficiare una brillante vittoria , oppure offrire a Lee la possibilità di rifarsi.

                                                                                                                                                          Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1886
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George Meade

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum