I disordini di New York del 1863

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Sab 7 Mar 2009 - 21:55

Si, questo era anche prima della guerra...paradossalmente, lo schiavismo sudista non coincideva con il razzismo.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  George H. Thomas il Lun 9 Mar 2009 - 15:53

Lloyd J. Beall ha scritto:Si, questo era anche prima della guerra...paradossalmente, lo schiavismo sudista non coincideva con il razzismo.

Molte delle menti più illuminate del Sud e molti degli stessi generali confederati ritenevano lo schiavismo una faccenda ingiusta ma che avevano ereditato dalla situazione precedente e di cui non potevano liberarsi molto facilmente.
Purtroppo, quando il conflitto (con fondamenti economici e politici) tra gli stati del Nord e del Sud entrò nella fase acuta, i politici meridionali fecero quadrato e sventatamente il loro arroccarsi sullo schiavismo temendo che la sua scomparsa li avrebbe condannati lo trasformò nel pretesto che sarebbe stato scritto sui libri di storia come causa della guerra civile.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Lun 9 Mar 2009 - 17:55

George H. Thomas ha scritto:
Lloyd J. Beall ha scritto:Si, questo era anche prima della guerra...paradossalmente, lo schiavismo sudista non coincideva con il razzismo.

Molte delle menti più illuminate del Sud e molti degli stessi generali confederati ritenevano lo schiavismo una faccenda ingiusta ma che avevano ereditato dalla situazione precedente e di cui non potevano liberarsi molto facilmente.
Purtroppo, quando il conflitto (con fondamenti economici e politici) tra gli stati del Nord e del Sud entrò nella fase acuta, i politici meridionali fecero quadrato e sventatamente il loro arroccarsi sullo schiavismo temendo che la sua scomparsa li avrebbe condannati lo trasformò nel pretesto che sarebbe stato scritto sui libri di storia come causa della guerra civile.


Più che vero; questo fece si che l'Unione avesse, a posteriori, una giustificazione morale al suo operato.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  George H. Thomas il Mer 18 Mar 2009 - 16:57

Ho letto un'articolo, in questo sito, che tra le altre cose (oltre a dire che Gangs of New York presenta la realtà di New York in modo inesatto e un pò peggiore di quella che è la realtà), nel film i disordini vengono presentati in maniera inesatta e troppo violenta : gran parte dei feriti apparentemente lo era per colpi di arma da fuoco, nei Five Points stessi non ci furono disordini che invece erano altrove, e il bombardamento navale non ci fu per niente. In conclusione, l'articolo afferma che il film gonfia un pò troppo le cose, pur essendo niente affatto male.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Mer 18 Mar 2009 - 22:56

Perdonate, ma sul meno cruento non sono d'accordo; per fortuna che non hanno mostrato il tentativo della folla di linciare 227 bambini di colore, la lapidazione di alcuni uomini di colore, l'impiccagione di molti altri ai pali della luce, le mutilazion isessuali e via dicendo. Il conto di 120 mortinon tiene certamente conto di tutte le fosse comuni che i repubblicani ed i "democratici di guerra" favorirono al fine da minimizzare l'accaduto e non far aumentare il dissenso di New York contro Lincon.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  George H. Thomas il Ven 20 Mar 2009 - 10:29

Lloyd J. Beall ha scritto:Perdonate, ma sul meno cruento non sono d'accordo; per fortuna che non hanno mostrato il tentativo della folla di linciare 227 bambini di colore, la lapidazione di alcuni uomini di colore, l'impiccagione di molti altri ai pali della luce, le mutilazion isessuali e via dicendo. Il conto di 120 mortinon tiene certamente conto di tutte le fosse comuni che i repubblicani ed i "democratici di guerra" favorirono al fine da minimizzare l'accaduto e non far aumentare il dissenso di New York contro Lincon.

Le informazioni sui linciaggi e sulle orrende violenze sono assolutamente esatte. Tuttavia credo che l'autore dell'articolo abbia semplicemente fatto notare che le violenze vengono descritte in maniera inesatta : per esempio, fa notare che stando alle fonti storiche i feriti da armi bianche furono una minoranza, e molti di più furono i feriti o uccisi da colpi di arma da fuoco. Il bombardamento navale a quanto pare non avvenne.
Lo stato di New York malgrado le tensioni ci fossero e indubbiamente qualcuno tentasse di nasconderle o sopirle continuò a dare uomini e risorse alla causa unionista. Il suo contributo nella guerra fu davvero notevole.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Ven 20 Mar 2009 - 17:10

Il contributo fu notevole soprattutto tra i morti di fame che non potevano permettersi di dire di no. La storia che ha presentato il regista, in sé, importa poco a fronte del fatto che è verissimo che ogni afro-americano di Nuova York fu preso di mira per essere linciato e che non furono poche le famiglie che decisero di emigrare definitivamente dallo stato. Nuova York,fu lo stato che diede più soldati al grande esercito della repubblica, ma non dimentichiamo che dei 400.00 cittadini dello stato che combatterono nelle fila unioniste, almeno 50.000 erano irlandesi volontari più di nome che di fatto. Non dimentichiamoci di quanto lo stato fu penalizzato dalla cessazione del commercio con gli stati del sud, che fu lo stato che economicamente dovette sostenere le spese e gli oneri più grandi e che,seppur la dirigenza di Albany fosse unionista al mille per mille, per le strade la situazione non era tanto definita e che alla fine degli scontri, l'esercito dell'Unione prevalette perchè dalle file degli insorti vi fu la defezione dei tedeschi e che dopo per mantenere l'ordine la città dovette essere occupata al pari di una delle città del Sud.


Ultima modifica di Lloyd J. Beall il Ven 22 Nov 2013 - 15:44, modificato 1 volta

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  George H. Thomas il Lun 17 Gen 2011 - 19:24

Ho trovato un'elenco delle truppe impiegare per reprimere le agitazioni. Sotto il comando dell'anziano generale John E. Wool (quindi prossimo al ritiro e con poche preoccupazioni riguardo alla carriera) vi erano :
1) Provenienti dall'Armata del Potomac, il 152nd New York Volunteers, il 26th Michigan Volunteers e il 30th Indiana Volunteers;
2) Altre truppe, come il 7th New York State Militia (da Frederick), il 74th e il 65th New York State Militia (non inquadrati nell'esercito federale ma inviati dal governatore), e una sezione della 20th Indipendent Battery, New York Volunteer Artillery.

Per chi fosse interessato, qui ci sono i rapporti e i dispacci inviati da Wool durante le operazioni.

George H. Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Sab 7 Apr 2012 - 23:46

Sarebbe effettivamente molto interessante leggere quei dispacci. Giusto per vedere come si dovette occupare con la masisma decisione e senza alcun complimento una città "amica".

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Lun 22 Lug 2013 - 22:35

George H. Thomas ha scritto:Ho trovato un'elenco delle truppe impiegate per reprimere le agitazioni. Al comando dell'anziano generale John E. Wool :
1) Provenienti dall'Armata del Potomac, il 152nd New York Volunteers, il 26th Michigan Volunteers e il 30th Indiana Volunteers;
2) Altre truppe, come il 7th New York State Militia (da Frederick), il 74th e il 65th New York State Militia (non inquadrati nell'esercito federale ma inviati dal governatore), e una sezione della 20th Indipendent Battery, New York Volunteer Artillery.

George H. Thomas

Una fotografia del 7° reggimento della Milizia di New York, mentre aiuta a mantenere l'ordine in città a seguito dei disordini del 1863.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3274
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 26 Lug 2013 - 18:02

Bella immagine, grazie per averla condivisa.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2807
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Ospite il Ven 22 Nov 2013 - 15:46

Benjamin F. Cheatham ha scritto:
George H. Thomas ha scritto:Ho trovato un'elenco delle truppe impiegate per reprimere le agitazioni. Al comando dell'anziano generale John E. Wool :
1) Provenienti dall'Armata del Potomac, il 152nd New York Volunteers, il 26th Michigan Volunteers e il 30th Indiana Volunteers;
2) Altre truppe, come il 7th New York State Militia (da Frederick), il 74th e il 65th New York State Militia (non inquadrati nell'esercito federale ma inviati dal governatore), e una sezione della 20th Indipendent Battery, New York Volunteer Artillery.

George H. Thomas
Una fotografia del 7° reggimento della Milizia di New York, mentre aiuta a mantenere l'ordine in città a seguito dei disordini del 1863.

Claudio

Foto interessante davvero che ci mostra appunto un reparto in assetto da guerra a dimostrazione che l'intera faccenda fu trattata completamente sotto un profilo militare.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: I disordini di New York del 1863

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum