IL CODICE LIEBER

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 13:40

Signori Buongiorno

L’Economista e storico prussiano Francis Lieber ( Berlino 1800-New York 1872) emigrò negli Stati Uniti a seguito delle sue idee liberali, in netto contrasto con le leggi del rigido Regno di Prussia.
Negli Stati Uniti insegnò Storia ed economia politica al South Carolina College (!835-1857) poi si trasferì a New York dove insegnò al Columbia College e poi alla Law School.
Viene ricordato per la sua opera sulla dottrina dello Stato “On civil Liberty and self government 1853)

Egli fu l'autore di un'importante codice "Codice Lieber" inerente il Diritto bellico; tale codice fu poi promulgato nel 1863 dal Presidente Abramo Lincoln con la dicitura: Ordine Generale N° 100 del 25 aprile 1863.


--------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

Diritto bellico Hits: 2725
Origini del diritto umanitario Francis Lieber
Il Codice Lieber del 1863
Normativa

INSTRUCTIONS FOR THE GOVERNMENT OF ARMIES OF THE UNITED STATES IN THE FIELD

Prepared by Francis Lieber, promulgated as General Orders No. 100 by President Lincoln, 24 April 1863.

Instructions for the Government of Armies of the United States in the Field, prepared by Francis Lieber, LL.D., Originally Issued as General Orders No. 100, Adjutant General's Office, 1863, Washington 1898: Government Printing Office. Pubblicazioni

------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------------

bIBLIOGRAFIA:


Instructions for the Government of Armies of the United States in the Field, prepared by Francis Lieber, LL.D., Originally Issued as General Orders No. 100, Adjutant General's Office, 1863, Washington 1898: Government Printing Office.

Pubblicazioni Centro italiano Studi per la pace
www.studiperlapace.it - no ©
Documento aggiornato al: 2000

CONTINUA

avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 13:49

Conosciuto manche con il nome di : Lieber's Instructions esso consta di 157 articoli che codificano le norme di condotta bellica coerenti con i principi morali dei popoli civili.


Ne riporto il sommario:


INSTRUCTIONS FOR THE GOVERNMENT OF ARMIES OF THE UNITED STATES IN THE FIELD

Section I. (1 - 30)
Martial Law - Military jurisdiction - Military necessity - Retaliation.

Section II. (31 - 47)
Public and private property of the enemy - Protection of persons, and especially of women, of religion, the arts and sciences - Punishment of crimes against the inhabitants of hostile countries.

Section III. (48 - 80)
Deserters - Prisoners of war - Hostages - Booty on the battlefield.

Section IV. (81 - 85)
Partisans - Armed enemies not belonging to the hostile army - Scouts - Armed prowlers - War-rebels.

Section V. (86 - 104)
Safe-conduct - Spies - War -Traitors - Captured messengers - Abuse of the flag of truce.

Section VI. (105 - 118)
Exchange of prisoners - Flags of truce - Flags of protection

Section VII. (119 - 134)
The Parole.

Section VIII. (135 - 147)
Armistice - Capitulation.

Section IX. (148)
Assassination.

Section X.(149 - 157)
Insurrection - Civil War - Rebellion.




CONTINUA




avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 14:43

Allego alcuni articoli:


1. Una fortezza, un distretto, un tratto di paese occupati dal nemico sono posti pel solo fatto dell'occupazione, sotto l'impero della legge marziale dell'armata che invade o occupa. Non è punto necessario che un proclama o qualsiasi altro avviso pubblico abbia o no fatto sapere agli abitanti che eglino sono retti da una tale legge. La legge marziale è l'effetto immediato e diretto, la conseguenza spontanea della occupazione o della conquista.
La sola presenza di una armata nemica porta con sé che sia messa in vigore la legge marziale di questa armata.


2. La legge marziale non cessa di essere applicabile, durante la occupazione, che in forza di un particolare proclama del comandante in capo, oppure mediante una speciale menzione che se ne faccia nel trattato che pone fine alla guerra, postoché l'occupazione di una fortezza o di un tratto di territorio debba continuare anche dopo la conclusione della pace come una delle condizioni della medesima.


3. La legge marziale, in un paese nemico, consiste nella sospensione a profitto dell'autorità militare dell'armata che occupa, delle leggi criminali e civili, dell'amministrazione e del governo del paese al quale appartiene la città o il territorio occupati, e nella sostituzione in luogo di esse del governo e dell'autorità militare, anche in ciò che si riferisce al diritto di fare leggi generali, in quanto che le esigenze della guerra domandino questa sospensione, sostituzione e facoltà di fare leggi.
Il comandante in capo dell'armata occupante può ben anche dichiarare che la legislazione civile e criminale continueranno a essere applicate in parte, o per intiero, come in tempo di pace, a meno che l'autorità militare superiore non ordini altrimenti.


4. La legge marziale altro non è che l'esercizio dell'autorità militare, esercizio che deve conformarsi alle leggi e agli usi della guerra. La legge marziale non deve confondersi coll'oppressione militare, la quale è l'abuso del potere che conferisce questa legge. Poiché la legge marziale viene eseguita dalla forza militare, devono quelli che l'applicano rispettare rigorosamente i principi della giustizia, dell'onore e dell'umanità - virtù che devono ornare il soldato a preferenza degli altri uomini, poiché egli è onnipotente armato come è di fronte a una popolazione inerme.

[...]
Art. 11. Le leggi della guerra non proibiscono solamente gli atti di crudeltà e la mala fede in ordine agli impegni presi col nemico durante la guerra; ma esse vietano ben anche ogni violazione delle convenzioni solennemente firmate dai belligeranti in tempo di pace, dato che abbiano manifestato la loro intenzione di mantenerla in vigore nel caso in cui la guerra scoppiasse fra le potenze contraenti.
Queste medesime leggi proibiscono ogni sorta di estorsioni, ogni transazione che abbia per fine un guadagno illecito, come ogni atto di vendetta privata e ogni complicità in questi atti.
Le violazioni saranno severamente castigate, massime se fossero commesse da officiali.

CONTINUA
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 14:46

Art. 15. La guerra autorizza la distruzione o la mutilazione dei nemici armati e di ogni altra persona, la distruzione della quale diviene incidentemente inevitabile negli incontri a mano armata; essa autorizza la cattura di ogni nemico che sia armato, di ogni nemico che sia utile al suo governo o in modo speciale pericoloso per chi lo fa prigioniero; essa autorizza a distruggere ogni specie di proprietà; a tagliare le strade, i canali, o altre vie di comunicazione; a intercettare i viveri e le munizioni del nemico, a impadronirsi di tutto quello che il paese nemico può somministrare per la sussistenza e la sicurezza dell'armata, e a ricorrere a tutte le astuzie che non importino una offesa agli impegni espressamente stipulati pel tempo che dura la guerra, o che sono contenuti implicitamente nelle leggi moderne della guerra. Gli uomini che prendono le armi gli uni contro gli altri in una guerra regolare non perdono la natura di esseri morali, che sono responsabili gli uni verso gli altri e verso Dio.

Art. 16. La guerra non autorizza ad abbandonarsi ad atti di crudeltà, che è quanto dire di infliggere patimenti pel solo piacere di fare soffrire o per esercitare un atto di vendetta; né a storpiare o ferire un nemico fuori di combattimento, né a sottometterlo a torture onde strappargli notizie. Essa non permette in alcun caso di usare del veleno, né di devastare senza bisogno un distretto del nemico. Essa ammette la astuzia, ma condanna la perfidia; in generale la guerra non approva alcun atto di ostilità che sia tale, quando non vi è necessità, da rendere più difficile il ritorno alla pace.

Art. 25. In seguito alla formazione e coesistenza delle nazioni moderne, e dopo che le guerre assunsero il carattere di guerre grandi e nazionali, si riconobbe che non si fa più la guerra pel piacere di farla, ma che essa è un mezzo per raggiungere dei grandi fini politici, o per difendersi contro ingiusti attacchi. Non è più ammessa alcuna restrizione convenzionale in ordine al modo adottato per nuocere al nemico; ma le leggi della guerra prescrivono limiti e restrizioni che sono fondati sui principi eterni della giustizia, della buona fede e dell'onore.

Art. 39. Ogni violenza commessa senza necessità contro gli abitanti del paese invaso, ogni distruzione della proprietà che non sia comandata da un officiale che abbia a questo riguardo speciale incarico; ogni furto, ogni saccheggiamento, anche dopo di avere preso di assalto una fortezza; ogni ratto, ogni mutilazione, ogni uccisione di un abitante sono proibiti sotto pena di morte, o con tutt'altro castigo che sembrerà proporzionato alla gravità del delitto.
I soldati, gli officiali, o ogni altro individuo sorpresi mentre commettono simili atti di violenza, e che si rifiutano di obbedire agli ordini del loro superiore di cessare da questi atti, possono essere uccisi sul fatto da questo superiore.


CONTINUA
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 14:52

Art. 66. Chiunque ferisce con intenzione il nemico ridotto completamente alla impotenza, lo uccide, o comanda di ucciderlo, o incoraggia i suoi soldati a ucciderlo sarà messo a morte, se viene provata la sua colpabilità, sia che egli appartenga all'armata degli Stati Uniti, o sia un nemico catturato dopo di avere commesso il suo crimine.


Art. 143. Le leggi della guerra non permettono di proclamare che un individuo che fa parte dell'armata belligerante, né un particolare, né un cittadino dello stato nemico è messo fuori della legge e può essere ucciso senza giudizio dal primo individuo che si impadronisce di lui, né più né meno di quello che le leggi moderne non permettono in tempo di pace questa specie di fatto, di porre cioè uno fuori della legge internazionale; esse riprovano al contrario questo modo di procedere e lo considerano come un crimine. Le più severe rappresaglie colpiranno un omicidio commesso in forza di un proclama di questo genere, qualunque sia l'autorità da cui possa emanare. Le nazioni civili veggono con orrore le ricompense offerte in vista di spingere ad assassinare un nemico e le condannano come un ritorno verso la barbarie.


CONTINUA
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  HARDEE il Mar 11 Mar 2014 - 16:08

.Come scrive l'autore, del sottostante brano, i tempi erano maturi e la natura della Guerra di Secessione (non ideologica) permetteva l'applicazione di regole umanitarie.

Si trattava cioè di un processo già in atto in Europa lungo il Seicento e il Settecento che aveva trovato nell'opera di Karl von Clausewitz, Della guerra, una sistemazione teorica.

Clausewitz, pur partendo da una definizione realistica e contraria ai principi giusnaturalistici della guerra ("la forza si arma delle invenzioni delle arti e delle scienze per misurarsi contro la forza. Essa è accompagnata da restrizioni insignificanti, che meritano appena di essere menzionate, alle quali si dà il nome di diritto delle genti, ma che non hanno capacità di affievolirne essenzialmente l'energia") affidava comunque alla razionalità il compito di definire metodi, scopi e limiti dell'azione militare, onde trasformare la guerra da metodo primitivo e istintivo per risolvere le controversie tra gli Stati in sistema di regole conseguenti e coerenti con la politica degli stessi.

In questo quadro teso tra la definizione dei principi di civiltà nella conduzione delle guerre e i cedimenti frequenti ai meccanismi interni derivanti dalla sua natura distruttiva, il valore delle Lieber's Instructions appare tanto più eminente quanto più queste tentano di codificare - e quindi rendere normativi e definitivi - i principi del diritto consuetudinario della guerra condotta da eserciti regolari.

Esse sono promulgate per l'esercito degli Stati Uniti, ma di fatto costituiscono il modello al quale si ispireranno in Europa le norme del "Manuale di Oxford" (1880) e quelle sottoscritte dagli stati che parteciperanno ai congressi dell'Aia del 1899 e del 1907, ossia gli atti che pongono le basi concrete del diritto bellico internazionale.

Naturalmente non tutti i Generali applicarono tale codice, vedasi il Generale Sherman, d'altronde Il Presidente Davis si rifiutò di considerare come prigionieri i soldati unionisti afroamericani. In ogni campo il Presidente Lincoln si dimostrò politicamente più abile del suo avversario ed al retrivo documento "Conerstone Speech”*, che stabiliva l'inferiorità cognitiva degli afroamericani, contrappose l'emancipazione e il codice di cui si è trattato.


Hardee

• Il discorso della pietra di angolare o’indirizzo della pietra angolare.

** Per chi fosse interessato al documento "in Inglese" l’ho salvato in formato Word


P.S.


Cari Amici, per motivi indipendenti dalla mia volontà, per un po' di tempo non sarò presente.Pertanto scusatemi in anticipo se non sarò solerte nel rispondere alle vostre eventuali obiezioni.






avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1868
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mar 11 Mar 2014 - 17:24

HARDEE ha scritto:.Come scrive l'autore, del sottostante  brano, i tempi erano maturi e la natura della Guerra di Secessione (non ideologica) permetteva l'applicazione di regole umanitarie.

Si trattava cioè di un processo già in atto in Europa lungo il Seicento e il Settecento che aveva trovato nell'opera di Karl von Clausewitz, Della guerra, una sistemazione teorica.

Clausewitz, pur partendo da una definizione realistica e contraria ai principi giusnaturalistici della guerra ("la forza si arma delle invenzioni delle arti e delle scienze per misurarsi contro la forza. Essa è accompagnata da restrizioni insignificanti, che meritano appena di essere menzionate, alle quali si dà il nome di diritto delle genti, ma che non hanno capacità di affievolirne essenzialmente l'energia") affidava comunque alla razionalità il compito di definire metodi, scopi e limiti dell'azione militare, onde trasformare la guerra da metodo primitivo e istintivo per risolvere le controversie tra gli Stati in sistema di regole conseguenti e coerenti con la politica degli stessi.

In questo quadro teso tra la definizione dei principi di civiltà nella conduzione delle guerre e i cedimenti frequenti ai meccanismi interni derivanti dalla sua natura distruttiva, il valore delle Lieber's Instructions appare tanto più eminente quanto più queste tentano di codificare - e quindi rendere normativi e definitivi - i principi del diritto consuetudinario della guerra condotta da eserciti regolari.

Esse sono promulgate per l'esercito degli Stati Uniti, ma di fatto costituiscono il modello al quale si ispireranno in Europa le norme del "Manuale di Oxford" (1880) e quelle sottoscritte dagli stati che parteciperanno ai congressi dell'Aia del 1899 e del 1907, ossia gli atti che pongono le basi concrete del diritto bellico internazionale.

Naturalmente non tutti i Generali applicarono tale codice, vedasi il Generale Sherman, d'altronde Il Presidente Davis si rifiutò di considerare  come  prigionieri i soldati unionisti afroamericani. In ogni campo il Presidente Lincoln si dimostrò politicamente più abile del suo avversario ed al retrivo documento "Conerstone Speech”*, che stabiliva l'inferiorità cognitiva degli afroamericani,  contrappose l'emancipazione e il codice di cui si è trattato.


                                                                                                                                                                   Hardee

• Il discorso della pietra di angolare o’indirizzo della pietra angolare.

** Per chi fosse interessato al documento "in Inglese" l’ho salvato in formato Word


P.S.


Cari Amici, per motivi indipendenti dalla mia volontà, per un po' di tempo non sarò presente.Pertanto scusatemi in anticipo se non sarò solerte nel rispondere alle vostre eventuali obiezioni.







Ciao
Ti saluto e ti dico arrivederci e
BUONA FORTUNA!!!!
Bruno
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 511
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 11 Mar 2014 - 19:54

Ti aspettiamo!! Very Happy 

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3233
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: IL CODICE LIEBER

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum