La campagna di Port Hudson

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Gio 3 Apr 2014 - 17:16

Credo sia giunto il momento di cominciare a parlare un pò anche di quello che accadde a Port Hudson, l'altro pilastro su cui si reggeva il sistema difensivo confederato lungo il corso del Mississippi.

La campagna di Port Hudson è stata spesso oscurata da quella di Vicksburg, ma in realtà essa offre molti spunti strategici interessanti e ci mostra, per l'ennesima volta, la carenza nell'esercito confederato di full general degni di essere chiamati tali.

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  R.E.Lee il Gio 3 Apr 2014 - 17:29

E parliamone!!! Very Happy  A parte le battute mo pare che l'input dell'amico Dan sia giusto ed invitante.

Lee

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Gio 3 Apr 2014 - 18:12

Concordo, oltretutto dovrebbe essere uno dei primi scontri dove vennero impiegati in battaglia reggimenti di colore da parte dell'Unione.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 3 Apr 2014 - 18:15

Bene!  Smile  spero che i 'tattici' del nostro forum ci regalino un bella spiegazione dei fatti. Ovviamente se è nelle mie conoscenze potrei anche intervenire Very Happy 

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 3 Apr 2014 - 18:17

P.G.T. Beauregard ha scritto:Concordo, oltretutto dovrebbe essere uno dei primi scontri dove vennero impiegati in battaglia reggimenti di colore da parte dell'Unione.

Ciao

Interessante, erano reggimenti come il '54°' o erano come i contrabbandi dai pantaloni rossi (tanto per fare un esempio che tutti possiamo ricordare).

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Gio 3 Apr 2014 - 18:28

Dovrebbero essere reggimenti "regolari", arruolati in Louisiana, solo che non esistendo ancora l'USCT erano denominati Native Guards. Ci sono foto che li ritraggono proprio a Port Hudson.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Lun 7 Apr 2014 - 14:28

P.G.T. Beauregard ha scritto:Dovrebbero essere reggimenti "regolari", arruolati in Louisiana, solo che non esistendo ancora l'USCT erano denominati Native Guards. Ci sono foto che li ritraggono proprio a Port Hudson.

Ciao

Ciao
I 4 reggimenti delle Native Guards furono ufficialmente (1) creati rispettivamente in Settembre, Ottobre, Novembre del 62 e nel Febbraio del 63 il 6 Giugno (2) dello  stesso anno la loro denominazione diventò 1°, 2°, 3° e 4° Corps d'Africa e nel marzo del 1864 diventarono rispettivamente il 73°, 74°, 75°, e 76° usct. Tre di questi reggimenti precisamente il 1°,3° e 4° erano a Port Hudson durante l'assedio il 2° era rimasto (3) di guarnigione a New Orleans. La loro creazione fu dovuta e voluta espressamente dal Gen. Butler che evidentemente convinto sostenitore della uguaglianza delle razze diede a loro delle caratteristiche uniche.
In primis il nome, mentre quasi tutti i reggimenti neri avevano nel loro nome dei riferimenti all'africa Butler volle fortemente dargli un nome che simboleggiasse la loro appartenenza agli Stati Uniti, inizialmente l'arruolamento era rivolto solo ai neri  liberi poi il concetto di "liberi" fu un pò dilatato e esteso di significato. La loro caratteristica UNICA fu che il comando nordista volle che molti degli ufficiali almeno fino al grado di capitano (4) fossero neri!!. In questo periodo i 4 reggimenti furono considerati fra i migliori dell'armata e nettamente superiori (5) ai reggimenti neri dell'usct. Le cose cambiarono in peggio dopo l'arrivo di Banks che cercò di "normalizzarli" in primis cercando di allontanare gli ufficiali di colore poi cambiandogli nome, di conseguenza la loro efficenza  diminuì progressivamente, cominciarono a fioccare le diserzioni e quando nel 64 diventarono unità dell'usct erano ormai diventati normali e mediocri reggimenti "africani".
Una curiosità nel 1861 il governatore confederato della Luisiana lanciò un appello ai neri liberi di arruolarsi in un reggimento di "Nativi", all'appello gli stessi risposero in maniera entusiastica tanto che l'unità arrivò a contare 1.500 (6) uomini però la politica della CSA li mise ai margini e cercò di sbarazzarsene tanto che quando Butler lanciò l'appello per la costituzione dei reggimenti neri il 10 pct di loro si arruolarono nell'esercito unionista sopratutto nel 1° reggimento. (7)
Saluti
Bruno


1) In realtà sembra che la loro costituzione risalga a mesi prima a causa di alcune loro caratteristica la loro "ufficializzazione" subì dei ritardi
2) Nel Pieno della campagna di Port Hudson, per questo in molti ordini di battaglia vengono presentati erroneamente  
3) Forse non è un caso che questo sia il primo reggimento in cui vennero a mancare gli ufficiali neri Sad 
4) Anche se un paio di neri raggiunsero la carica di MAGGIORE e uno di loro negli anni 70 diventò goverrnatore della Luisiana
5) Salvo pochissime eccezioni
6) In un sito si trova il numero di 1.132 arruolati
7) Anche se in un sito ho trovato che molti di loro si arruolarono nel 6° Luisiana (african descent)

Questo intervento è finito al massimo farò delle piccole modifiche di secondaria importanza
se avrò altro materiale aprirò un 2do intevento


Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Gio 10 Apr 2014 - 17:24, modificato 4 volte

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Lun 7 Apr 2014 - 17:42

[CANCELLATO



Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Mer 4 Giu 2014 - 15:38, modificato 12 volte

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Mar 15 Apr 2014 - 21:41

caro Bruno grazie per aver cominciato a discutere della campagna..............mi hai anticipato.
sono sicuro che questo argomento ci darà molte soddisfazioni nell'analizzarlo (prevedo polemiche a non finire  Cool )

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Gio 17 Apr 2014 - 10:56

ROSSETTI BRUNO ha scritto:
6) Non ho trovato la notizia in nessun libro però in un paio di siti scrivono che le forze confederate stavano abbandonando Port Hudson ma che si trovarono circondate prima di poterlo fare.
7) Questo mi porta a pensare che per difendere Vicksburg non servivano 30.000 uomini ne sarebbero bastati molti meno diciamo 20.000? tanto per arrotondare.


E

Caro Bruno i confederati non stavano abbandonando la posizione.
Devo dare un'occhiata agli OR per essere più preciso, ma quando Joe Joe arrivò a Jackson ordinò a Gardner di evacuare la posizione e di raggiungerlo con tutte le sue truppe (tralasciamo il fatto che questa bella pensata avrebbe avuto come conseguenza, oltre alla consegna della città nelle mani di Banks, la comparsa di almeno altri 20000 federali sul fronte di Vicksburg).
A questo ordine Gardner replicò che la città andava difesa come da ordini presidenziali e chiedeva, pertanto, rinforzi.
Joe Joe dopo qualche giorno rinnovò l'ordine di abbandono della piazzaforte, ma tale ordine, stando a quanto riferito dal comandante la cavalleria di Gardner (Logan) non fu mai consegnato in quanto la guarnigione era già circondata.


Diciamo cje sarebbero potuti bastarne anche 150000, a patto però che i confederati ridisegnassero le loro linee. I trinceramenti di Vicksburg erano immensi e per guarnirli ci volle praticamente l'intera armata del Mississippi (niente riserva strategica da utilizzare per rompere l'accerchiamento così come aveva intenzione di fare Pemberton),

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  R.E.Lee il Gio 17 Apr 2014 - 12:47

Caro Dan,
circa le disposizioni di Johnston date a Gardner di evacuare Port Hudson onde riunirsi a lui nei paraggi di Jackson, mi sorge un dubbio: presumo che Gardner per venire incontro agli intenti di Johnston avrebbe dovuto compiere una marcia con il suo fianco sx esposto agli attacchi di Grant o mi sbaglio ? ...oltretutto immagino che la cavalleria a disposizione di Gardner fosse ridotta all'osso....

Lee

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Gio 17 Apr 2014 - 16:00

R.E.Lee ha scritto:Caro Dan,
circa le disposizioni di Johnston date a Gardner di evacuare Port Hudson onde riunirsi a lui nei paraggi di Jackson, mi sorge un dubbio: presumo che Gardner per venire incontro agli intenti di Johnston avrebbe dovuto compiere una marcia con il suo fianco sx esposto agli attacchi di Grant o mi sbaglio ? ...oltretutto immagino che la cavalleria a disposizione di Gardner fosse ridotta all'osso....

Lee

Caro Lee, l'ordine di Joe Joe per Gardner partì il 19/05 quando i federali avevano già lasciato la zona di Jackson, quindi nessun rischio di finire nella morsa federale.
Gardner aveva a disposizione gli uomini del colonnello Logan (cavalleria e fanteria montata) circa 1300 uomini.

No il problema è che Gardner si sarebbe trascinato dietro gli uomini di Banks e allora a quel punto anche l'armata di Joe Joe avrebbe fatto una brutta fine visto che Grant avrebbe sicuramente distaccato almeno un corpo d'armata verso Jackson.

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 17 Apr 2014 - 18:34

Una curiosità che ho letto proprio ieri sera, è che anche Gardner, come Pemberton era un settentrionale, essendo nato a New York City. Nel momento decisivo della guerra all'ovest, due nordisti difendevano i due bastioni difensivi confederati sul Mississippi.

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Gio 17 Apr 2014 - 19:03

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Una curiosità che ho letto proprio ieri sera, è che anche Gardner, come Pemberton era un settentrionale, essendo nato a New York City. Nel momento decisivo della guerra all'ovest, due nordisti difendevano i due bastioni difensivi confederati sul Mississippi.

Claudio

I "maligni" potrebbero dire che a difendere il Mississippi c'era gente poco motivata, o addirittura dei potenziali traditori! Parlando seriamente, non conosco la storia di Gardner ma ricordo di aver letto da qualche parte che fosse uno dei generali da annoverare tra i migliori (o comunque tra quelli affidabili) a disposizione della Confederazione.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 17 Apr 2014 - 19:10

So che, come molti generali della civil war, gradiva particolarmente bere. Fu arrestato all'inizio della sua carriera nell'esercito confederato, per essere stato trovato ubriaco per le strade di Mobile.

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Gio 17 Apr 2014 - 19:37

P.G.T. Beauregard ha scritto:
Benjamin F. Cheatham ha scritto:Una curiosità che ho letto proprio ieri sera, è che anche Gardner, come Pemberton era un settentrionale, essendo nato a New York City. Nel momento decisivo della guerra all'ovest, due nordisti difendevano i due bastioni difensivi confederati sul Mississippi.

Claudio

I "maligni" potrebbero dire che a difendere il Mississippi c'era gente poco motivata, o addirittura dei potenziali traditori! Parlando seriamente, non conosco la storia di Gardner ma ricordo di aver letto da qualche parte che fosse uno dei generali da annoverare tra i migliori (o comunque tra quelli affidabili) a disposizione della Confederazione.

Ciao

Aggiungiamoci Martin Luther Smith, (New York) e Samuel Gibbs French, (New Jersey) che comandavano una divisione ciascuno, il primo sotto Pemberton ed il secondo sotto Joe joe

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Gio 17 Apr 2014 - 20:09

Benjamin F. Cheatham ha scritto:So che, come molti generali della civil war, gradiva particolarmente bere. Fu arrestato all'inizio della sua carriera nell'esercito confederato, per essere stato trovato ubriaco per le strade di Mobile.

Claudio

Ahah, allora forse ricordo male. Devo averlo confuso con un altro generale.

dan-acw ha scritto:
Aggiungiamoci  Martin Luther Smith, (New York) e Samuel Gibbs French,  (New Jersey) che comandavano una divisione ciascuno, il primo sotto Pemberton ed il secondo sotto Joe joe

Bella concentrazione di Yankee confederati!

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mar 22 Apr 2014 - 14:27

dan-acw ha scritto:
ROSSETTI BRUNO ha scritto:
6) Non ho trovato la notizia in nessun libro però in un paio di siti scrivono che le forze confederate stavano abbandonando Port Hudson ma che si trovarono circondate prima di poterlo fare.
7) Questo mi porta a pensare che per difendere Vicksburg non servivano 30.000 uomini ne sarebbero bastati molti meno diciamo 20.000? tanto per arrotondare.


E

Caro Bruno i confederati non stavano abbandonando la posizione.
Devo dare un'occhiata agli OR per essere più preciso, ma quando Joe Joe arrivò a Jackson ordinò a Gardner di evacuare la posizione e di raggiungerlo con tutte le sue truppe (tralasciamo il fatto che questa bella pensata avrebbe avuto come conseguenza, oltre alla consegna della città nelle mani di Banks, la comparsa di almeno altri 20000 federali sul fronte di Vicksburg).
A questo ordine Gardner replicò che la città andava difesa come da ordini presidenziali e chiedeva, pertanto, rinforzi.
Joe Joe dopo qualche giorno rinnovò l'ordine di abbandono della piazzaforte, ma tale ordine, stando a quanto riferito dal comandante la cavalleria di Gardner (Logan) non fu mai consegnato in quanto la guarnigione era già circondata.


Diciamo che sarebbero potuti bastarne anche 150000, a patto però che i confederati ridisegnassero le loro linee. I trinceramenti di Vicksburg erano immensi e per guarnirli ci volle praticamente l'intera armata del Mississippi (niente riserva strategica da utilizzare per rompere l'accerchiamento così come aveva intenzione di fare Pemberton),

Ciao
Mi era proprio sfuggito quell'ordine!!!! A mia discolpa posso dire che siccome dipendeva da Pemberton ho cercato fra i suoi. A quanto sembra nell'ovest per trovare un ufficiale che obbediva agli ordini del presidente bisognava cercarlo fra i nordisti!!!!! Very Happy 
Comunque a posteriori fu una fortuna che non ubbidisse agli ordini. i nordisti nell'assedio di Port Hudson perdettero 10.000 uomini e due mesi di tempo alla fine dell'assedio molte delle  unità di Banks erano prossime alla fine della leva e ormai inutilizzabili tanto che dovettero mandargli una parte del XIII corpo a rimpolpare le sue fila. i sudisti di fatto persero solo un migliaio di uomini e (purtroppo) le armi e gli equipaggiamenti.
Per quanto riguarda Vicksburg il fatto è che una guarnigione ridotta di 1/3 avrebbe potuto resistere almeno 1 mese in pu' con la conseguenza che le forze nordiste sarebbero state sotto il sole del sud per tutto Luglio e in Luglio/Agosto le temperature sono molte più alte rispetto a Maggio/Giugno, magari succedeva qualcosa.
Saluti
Bruno
P.S.  A scanso di equivoci voglio precisare che io non sono un aderente della teoria di "chiudersi in una fortezza ed aspettare i soccorsi" anzi penso che questa "mania" dei confederati fosse folle perchè è assurdo rinchiudersi quando il nemico ha più risorse di te, è più numeroso e controlla qualsiasi specchio d'acqua. Per meglio precisare io a Ft. Doneldson, Isola n°10, Ft. Arkansas, Vicksburg e Port Hudson sarei scappato prima di essere circondato salvando così: uomini, munizioni, armi, equipaggiamenti e viveri (in ordini di importanza).
P.P.S.
Faccio notare che neanche 2 mesi per far cadere una fortezza per fame sono molto pochi, a titolo di esenpio durante la campagna d'italia del 1796/1797 l' assedio di Mantova durò dal  3 Giugno 1796 al 2 Febbraio 1797


Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Ven 16 Mag 2014 - 16:57, modificato 5 volte

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mar 22 Apr 2014 - 14:30

P.G.T. Beauregard ha scritto:
Benjamin F. Cheatham ha scritto:So che, come molti generali della civil war, gradiva particolarmente bere. Fu arrestato all'inizio della sua carriera nell'esercito confederato, per essere stato trovato ubriaco per le strade di Mobile.

Claudio

Ahah, allora forse ricordo male. Devo averlo confuso con un altro generale.

dan-acw ha scritto:
Aggiungiamoci  Martin Luther Smith, (New York) e Samuel Gibbs French,  (New Jersey) che comandavano una divisione ciascuno, il primo sotto Pemberton ed il secondo sotto Joe joe

Bella concentrazione di Yankee confederati!

Ciao

Ciao
Be se cominciamo a parlare di alcool facciamo prima a dire quelli che non bevono, ai tempi ubriacarsi era simbolo di virilità
Saluti
Bruno

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 23 Apr 2014 - 11:41

Sono d'accordo con te, credo comunque di averlo confuso con un altro generale ad ogni modo.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Mer 23 Apr 2014 - 15:53

ROSSETTI BRUNO ha scritto:
dan-acw ha scritto:
ROSSETTI BRUNO ha scritto:
6) Non ho trovato la notizia in nessun libro però in un paio di siti scrivono che le forze confederate stavano abbandonando Port Hudson ma che si trovarono circondate prima di poterlo fare.
7) Questo mi porta a pensare che per difendere Vicksburg non servivano 30.000 uomini ne sarebbero bastati molti meno diciamo 20.000? tanto per arrotondare.


E

Caro Bruno i confederati non stavano abbandonando la posizione.
Devo dare un'occhiata agli OR per essere più preciso, ma quando Joe Joe arrivò a Jackson ordinò a Gardner di evacuare la posizione e di raggiungerlo con tutte le sue truppe (tralasciamo il fatto che questa bella pensata avrebbe avuto come conseguenza, oltre alla consegna della città nelle mani di Banks, la comparsa di almeno altri 20000 federali sul fronte di Vicksburg).
A questo ordine Gardner replicò che la città andava difesa come da ordini presidenziali e chiedeva, pertanto, rinforzi.
Joe Joe dopo qualche giorno rinnovò l'ordine di abbandono della piazzaforte, ma tale ordine, stando a quanto riferito dal comandante la cavalleria di Gardner (Logan) non fu mai consegnato in quanto la guarnigione era già circondata.


Diciamo che sarebbero potuti bastarne anche 150000, a patto però che i confederati ridisegnassero le loro linee. I trinceramenti di Vicksburg erano immensi e per guarnirli ci volle praticamente l'intera armata del Mississippi (niente riserva strategica da utilizzare per rompere l'accerchiamento così come aveva intenzione di fare Pemberton),

Ciao
Mi era proprio sfuggito quell'ordine!!!! A mia discolpa posso dire che siccome dipendeva da Pemberton ho cercato fra i suoi. A quanto sembra nell'ovest per trovare un ufficiale che obbediva agli ordini del presidente bisognava cercarlo fra i nordisti!!!!! Very Happy 
Comunque a posteriori fu una fortuna che non ubbidisse agli ordini. i nordisti nell'assedio di Port Hudson perdettero 10.000 uomini e due mesi di tempo alla fine dell'assedio molte delle  unità di Banks erano prossime alla fine della leva e ormai inutilizzabili tanto che dovettero mandargli una parte del XIII corpo a rimpolpare le sue fila. i sudisti di fatto persero solo un migliaio di uomini e (purtroppo) le armi e gli equipaggiamenti.
Per quanto riguarda Vicksburg il fatto è che una guarnigione ridotta di 1/3 avrebbe potuto resistere almeno 1 mese in pu' con la conseguenza che le forze nordiste sarebbero state sotto il sole del sud per tutto Luglio e in Luglio/Agosto le temperature sono molte più alte rispetto a Maggio/Giugno, magari succedeva qualcosa.
Saluti
Bruno

può darsi......ma solo a patto che ci fosse qualcuno lì fuori disposto ad assumere l'iniziativa ed a combattere.



dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Banshee il Mer 23 Apr 2014 - 17:15

Il problema è che nonostante l'illusione di alcuni, il tempo lavorava contro la Confederazione, non a suo favore. La superiore logistica unionista aveva dimostrato che campagna di terra bruciata finivano solo con il favorire il Nord. Come ha sottolineato l'amico dan-acw solo assumendo risolutamente l'iniziativa i Confederati potevano sperare di ottenere qualche successo.

Banshee

Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1906
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  dan-acw il Lun 5 Mag 2014 - 14:57

Caro Bruno alle "cadute" aggiungiamoci quella a mio avviso più folle: l'isola n.10. Very Happy 

Come già detto Vicksburg avrebbe potuto reggere almeno un'altra settimana, ma a che pro? Cosa sarebbe cambiato? Cosa avrebbe fatto Joe Joe di diverso da quello che fece nei precedenti due mesi?
Pemberton arrendendosi prima ottenne condizioni vantaggiose e se molti soldati poterono tornare a combattere dopo la resa fu merito delle trattative intavolate quando ancora l'Armata del Mississippi era in condizione di combattere.

ps. Bruno ti confesso che a volte ho difficoltà a seguire i tuoi post, perchè non mi accorgo delle modifiche che apporti ai precedenti messaggi.

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Lun 5 Mag 2014 - 17:39

dan-acw ha scritto:Caro Bruno alle "cadute" aggiungiamoci quella a mio avviso più folle: l'isola n.10. Very Happy 

Come già detto Vicksburg avrebbe potuto reggere almeno un'altra settimana, ma a che pro? Cosa sarebbe cambiato? Cosa avrebbe fatto Joe Joe di diverso da quello che fece nei precedenti due mesi?
Pemberton arrendendosi prima ottenne condizioni vantaggiose e se molti soldati poterono tornare a combattere dopo la resa fu merito delle trattative intavolate quando ancora l'Armata del Mississippi era in condizione di combattere.

ps. Bruno ti  confesso che a volte ho difficoltà a seguire i tuoi post, perchè non mi accorgo delle modifiche che apporti ai precedenti messaggi.

Ciao
Hai ragione me l'ero scordata!!!!! 6.976 uomini che si fanno intrappolare  su un'isola collegata al territorio confederato da una strettoia larga meno di 1km e lunga una cinquantina!!!!!!! roba da manicomio!!!!!!! Mad 

Per Vicksburg ho notizie contradittorie sui generi alimentari quindi in attesa di notizie "certe" mi astengo, ho solo aggiunto una precisazione su un altro assedio che essendo io della provincia(1) conosco abbastanza bene.
Per quanto riguarda il resto hai perfettamente ragione il fatto è che non voglio intasare il forum con troppe ripetizioni di msg e quindi ho la tendenza a integrare i vecchi msg rimandandoli  solo quando le  modifiche sono decisive se ci fosse la possibilità di cancellare i vecchi messaggi ne farei di più.
Ciao
Bruno

p.s.
Ho finito di aggiornare il mio messaggio relativo all'artiglieria ho in lavorazione solo quello relativo all'assedio di Port Hudson, però mi sono fermato perchè il file di appunti che mi ero fatto non si apre più quindi lo sto rifacendo, dopo ne farò uno relativo "ai misteri di P.H." e uno però fra un pò relativo alla campagna di Banks sulla riva destra del Mississippi.


1) Opps scusate le provincie non ci sono più Smile

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Mer 4 Giu 2014 - 14:42

Saluti
Port Hudson sorge sulle sponde del Mississippi su un lieve rilievo del terreno (1) che gli permette di dominare dall'alto il fiume rendendolo una buona postazione difensiva d'altro canto  la bassa altezza di esso (2) non gli risparmia le malattie dovute alla vicinanza del fiume che eccezione per pochi tratti dal delta alla foce è pensile rispetto al terreno.
Solitamente si dice che inizialmente i confederati volevano occupare Baton Rouge e sono ripiegati su Port Hudson solo dopo non essere riusciti ad occuparla, non è mia intenzione rifare la storia faccio solo notare che la città sarebbe stata inadatta per le sue caratteristiche a fungere da sbarramento per i nordisti. La sua mancata occupazione fu un colpo di fortuna per il sud. Contrariamente a quello che si pensa e diversamente da Vicksburg non fu costruito un campo trincerato ma solo delle piazzole per l'artiglieria guarnite da trincee non colllegate fra loro sostanziamente dei piccoli fortini, la motivazione per la mancata costruzione di un campo trincerato fu che la sua costruzione e difesa avrebbe assorbito troppe truppe. Mad 
Comunque nel 63 fino a Febbraio non ci furono sostanziamente attacchi nordisti, solo Farragut a metà marzo cercò di attaccare con le sue navi, l'attacco fu respinto dal fuoco delle batterie sudiste e ai nordisti non restò che ritirarsi, altrettanto fecero le truppe  di Banks che erano avanzate in appoggio alla flotta (3), a chi dovesse interessare a fine articolo  in una postfazione può trovare gli ordini di battaglia confederati al 14/03/1863,  le forze sudiste erano calcolate in 16/20.000 uomini e al 27/05/1863 dove per le forze sudiste si parla di 6.800/8.000 uomini (4). Una volta tornato indietro Banks decide che prima di muovere di nuovo all'attacco deve assicurarsi le retrovie decide quindi di pulire prima la riva destra del Mississippi la cosa gli riesce i confederati sono costretti a ritirarsi lontano dal fiume e non saranno più in condizione di interferire sulla campagna. (5) L'11 maggio finita la campagna sulla riva destra inizia l'avanzata da Baton Rouge verso Port Hudson alla testa delle truppe federali vi è la brigata Grierson, poco noto e che da questa direzione oltre alla cavalleria avanzano 2 divisioni di fanteria, questo perchè altre 3 divisioni muovono verso la piazzaforte da nord, come mai? Perche quella che è stata definita "L'inutile" Campagna di Atchafalaya, ottiene lo scopo di far ritirare le forze sudiste per un lungo tratto della riva destra del fiume rendendo così possibile lo spostamento di forze da sud a nord di Port Hudson e facendola di fatto diventare inutile, forse il motivo che a Maggio 4 delle 5 brigate che due mesi prima erano la sua guarnigione risultano essere presenti o in corso di spostamento a Vicksburg. Comunque le forze di Banks ammontano a circa 35.000 uomini più di quattro volte le forze sudiste quindi Garrad non può neache pensare di usare la sua posizione centrale per sconfiggere separatamente le 2 forze nordiste, perchè entrambe sono molte più forti di lui,  il 21 Maggio a Plain Store le forze nordiste vengono in contatto con i confederati(6) che dopo una breve battaglia si ritirano in direzione della piazzaforte. Banks una volta ricongiunto le sue forze si avvicina a Port Hudson dove arriverà il 26. Come qualcuno ricorderà le difese della città erano appena abbozzate, in questi pochi giorni i sudisti ne approfittano per scavare delle trincee che il 27 sono appena state fatte e che solo successivamente verrano completate eppure l'attacco di quel giorno viene respinto dai sudisti con "irridente facilità"(7) per le perdite si parla di 1.800/2.000 nordisti e 100/150 sudisti..  Nei giorni seguenti l'attacco Gardner rinforzò ulteriormente le sue difese, anche i nordisti scavarono dei trinceramenti anche se per entrambi i contendenti il "ritmo" era molto più calmo rispetto a Vicksburg (08). Il secondo attacco ebbe inizio il 13 Giugno fu deludente almeno quanto il primo, 1.792 le perdite nordiste 47 quelle confederate.
Da questo giorno i nordisti non fecero più assalti su vasta scala, questo non vuol dire che si limitarono a continuare l'assedio fino alla resa per fame della guarnigione, ci furono vari tentativi di minamento con azione di contromine confederate, ci furono alcuni massicci bonbardamenti navali e terrestri senza esito, Banks organizzò un reparto di volontari diviso in 2 battaglioni per un "colpo di mano" che praticamente non ebbe seguito i confederati attaccarono con successo una postazione federale catturando alcuni prigionieri, si andò avanti così fino a fine assedio. Una precisazione. Nell'elenco delle forze al 27/5 che  trovate nella postfazione la cavalleria non resta insieme alla guarnigione assediata, resta al di fuori impegnando le forze nordiste di Banks molte volte con successo catturando molti reparti a livello di compagnie e in almeno un caso mette fuori combattimento o cattura  l'equivalente di 1 reggimento compresi alti gradi, persino un generale!!!, insomma infliggendo molte perdite ai nordisti è anche per questo che sulle perdite federali durante l'assedio ci sono alcune controversie perchè in alcuni casi gli stessi  ufficiali che che rendicontavano le perdite distinguevano fra "perdite durante l'assedio" e "perdite subite in Luisiana e Mississippi"  magari durante dei foraggiamenti o delle ricerce di viveri ed equipaggiamenti, da qui le differenze presente in molti libri. Comunque al 5 Luglio l'assedio proseguiva senza nessuna indicazione di problemi particolari di viveri da parte confederata, certo si cominciavano a macellare gli animali anche perchè ormai mancava il foraggio, quanto alle notizie di "arrosto di topo" è una costante presente in ogni assedio. Gardner era fiducioso di un aiuto da parte di un parte della "Army of Relief" quando cominciarono a circolare le  voci che parlavano di una resa di Vicksburg, sulle prime rimase sorpreso visto che le voci e le notizie raccolte in precedenza NON parlavano di una resa imminente. Ovviamente il colpo fu forte senza più l'obbligo di proseguire l'assedio le forze di Grant erano libere di rinforzare Banks, anche l'eventuale spostamento delle forze di Johnson sarebbe stato più che compensato da uno spostamento di una parte di AoT. A questo punto si trattava di salvare il salvabile(9). Per questo non appena ebbe la conferma della notizia, pur potendo resistere ancora per qualche tempo  intavolò in fretta trattative di resa con Banks al quale pure premeva  ottenera la vittoria la più presto. La convergenza di interessi portò ad un rapido accordo, il 9 Luglio le forze confederate si arresero.

Perdite i dati che vanno per la maggiore sono i seguenti:
Nordisti
5.000  morti e feriti in combattimento e 5.000 morti per malattia.
Sudisti
750 morti e feriti in combattimento, 250 morti per malattia, 6.500 prigionieri.

Ovviamente si tratta di cifre troppo "tonde" per essere reali
Più realisticamente si parla fra i 4.700 e i 5.200 le perdite in combattimento federali(10), i morti per malattia sono dati a 4.000 questo dato penso che si riferisca alle vittime fino al 9 Luglio però visto che fra le truppe di Banks vi erano in corso varie epidemie che non sono certo cessate con la resa mi fa pensare che il dato reale sia considerevolmente più alto(11)
Per i confederati Banks parla di 5.393 lasciati liberi sulla parole e 500 feriti e malati internati negli ospedali federali.
Gardner parla di 200 morti durante l'assedio, 5/600 malati e feriti, 5.395 soldati e civili rilasciati sulla parola, 405 ufficiali internati in alcuni campi di prigionia a Memphis, New Orleans e a Johnson's Island Prison Camp  in Ohio.

01) 80 piedi circa 25 metri
02) Vicksburg per dire era 80 METRI più alta del fiume
03) Le valutazioni per queste truppe sono molto variabili si va dai 10.000 ai 20.000 uomini
04) Sui numeri oltre che la postfazione ci saranno vari riferimenti  nel resto dell'articolo.
05) Parleremo di questa campagna in un momento successivo
06) Non ho trovato la notizia in nessun libro però in un paio di siti scrivono che le forze confederate stavano abbandonando Port Hudson ma che si trovarono circondate prima di poterlo fare.
07) Questo mi porta a pensare che per difendere Vicksburg non servivano 30.000 uomini ne sarebbero bastati molti meno diciamo 20.000? tanto per arrotondare.
08) Forse anche a causa del diverso clima.
09) Questa questione sarà  parte di un altro articolo che spero di riuscire a scrivere successivamente
10) Il fatto che questa cifra venga data quasi sempre come "morti e feriti" e non si parli quasi mai di "sbandati e prigionieri" che pure ci furono, mi fa pensare che il dato reale sia un pò più alto.
11) Bisogna inoltre considerare che molti reggimenti finirono la leva poco tempo dopo, è possibile che alcuni malati siano morti dopo il congedo.





P  O  S  T  F  A  Z  I  O  N  E

Forze al 14 Marzo 1863
Brigata Maxey
4° e 30° Luisiana, 42°, 46°, 48°, 49°, 53° e 55° Tennessee, più il 1° bt Texas t.s.(5)
Brigata Gregg
9° bt Luisiana(1), 3°, 10°, 30°, 41°, 50° e 51° Tennessee, 1° bt Tennessee, 7° Texas.
Brigata Buford
27° e 49°(1) Alabama, 6° e 16 bt Alabama, 10° Arkansas(1), 3° e 7° Kentucky.
Brigata Bealls  
8° bt Arkansas, 11°(3), 12°(1), 14°(1), 15°(1), 16°(1), 17°(3), 18°(1) e 23°(1) Arkansas, 1°(1) e 39°(1) Mississippi
Brigata Rust
35° Alabama, 9° Arkansas, 1° bt confederato, 12° Luisiana, 6° e 15° Mississippi.
Tutte con una dotazione molto ampia di artiglieria (in tutto 11 batterie)
Cavalleria
9° bt Luisiana Partisan Ranger, 9° bt Tennessee(1), oltre a 4 compagnie della Luisiana e 6 del Mississippi.
Miles command
Mlies Luisiana legion(1) più 1 batteria
Inoltre vi erano 9 batterie di artiglieria pesante.

FORZE AL 27 MAGGIO 1863
ala sinistra col I.G.W Steedman
1° Alabama (2), 1°(dist) e 39° Mississippi, 10°, 15° e 18° Arkansas
centro brig. Beall
49° Alabama, 1° Mississippi 12°, 14°, 16° 23° Arkansas(4), 1° bt Arkansas
ala destra
9° bt Luisiana, Miles Luisiana Legion, 23° Arkansas(4), 7° bt. Texas t.s.(5), 4°(2) e 39°(2) Luisiana
Maxey's brigade in realtà  si tratta di uomini del 41°, 42°, 48°, 49°, 53° e 55° Tennessee al comando del col S.A. Whiteside rimasti per qualche motivo a Port Hudson per vari motivi  dopo lo spostamento dei loro reparti a Vicksburg, al massimo un paio di centinaia di uomini.
Vi sono inoltre 18 batterie di artiglieria la loro ripartizione fra leggera e pesante non è ben specificata. il totale delle bocche da fuoco presenti a Port Hudson è di 51 di cui 20 pesanti e 31 "da campo" .

Al 19 Maggio 1863 "l'aggregate present" da un totale di 5.718 troops, al 9 Luglio era 5.001

La cavalleria era la seguente

9° bt tennessee, Stockdale's bt Mississippi, Cage's bt Luisiana, 11° e 17° Arkansas M.I., Garland's bt, Hugh's bt. più una sezione di artilgieria
Aggregate present 1571 troops, 1296 effective al 25 Giugno.

La cavalleria è sostanzialmente uguale con qualche precisazione, i battaglioni presenti il 27 maggio non erano altro che il raggruppamento delle compagnie indipendenti presenti il 14 Marzo, il 9° bt della Luisiana che il 14 faceva parte della cavalleria il 27 faceva parte dell'ala destra come ft. viceversa i regg 11° e 17° Arkansas, il 14 Marzo facevano parte come fanteria della brigata Beall.  

1) Sono le unità presenti sia il 14/3 che il 27/5;
2) Sono le unita presenti il 27/5 e assenti il 14/3;
3) Presenti il 27 Maggio come fanteria montata e aggregati alla cavalleria;
4) Presente in due comandi separati nessuna indicazione di distaccamenti;
5) E' probabile che sia lo stesso reparto.




Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Mer 4 Giu 2014 - 15:36, modificato 2 volte

ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 507
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 53
Località : MANTOVA

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La campagna di Port Hudson

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 1:15


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum