La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Mer 23 Apr 2014 - 21:02

Questa è la discussione ufficiale per parlare nello specifico della battaglia di Raymond del 12 maggio 1863, avvenuta durante la campagna di Vicksburg. Per discutere in modo generico della campagna di Vicksburg o in modo più approfondito delle delle altre singole battaglie utilizzare invece le apposite discussioni riservate (oppure crearne una nuova se non esiste ancora in questo elenco):

Campagna di Vicksburg: La campagna di Vicksburg del 1863: Grant, Pemberton e Joe Johnston (clicca per aprire)
Clinton: L'occupazione di Clinton (clicca per aprire)
Jackson: La prima battaglia di Jackson del 14 maggio 1863 (clicca per aprire)
Champion Hill: La battaglia di Champion Hill del 16 maggio 1863 (clicca per aprire)

Messaggio modificato dall'utente P.G.T. Beauregard (Amministratore) il 08/07/2014, ore 08:30.

- - - - - - - - - -  - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

La battaglia di Raymond , Mississippi 12 maggio 1863
                                               
                                 *

Il Generale Grant, dopo molti tentativi era riuscito ad individuare un punto di sbarco  a valle delle difese di Grand Gulf; questo tramite l’aiuto di uno schiavo, che aveva indicato  nella zona di Bruinsburg (Mississippi) un valido luogo  per le truppe unioniste, infatti  trovandosi Bruinsburg  a valle del fiume Bayou Pierre, permetteva ai soldati  unionisti di proteggere le operazioni di sbarco, nonché di minacciare Grand Gulf .

Nella Tab. N° 1 è riportata una mappa inerente la zona delle operazioni militari.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />



L’Ammiraglio Porter aveva tentato, il 29 aprile, di catturare la fortezza di Grand Gulf, ma era stato respinto, pertanto aveva fatto sbarcare  le truppe di McClernand,  sulla sponda occidentale del fiume , poi di notte era passato silenziosamente davanti alle difese confederate.
Le truppe nordiste avevano  marciato per tutta la notte  ed erano state rimbarcate a valle di Grand Gulf,  il 30 aprile, quindi sbarcate a Bruinsburg.
Ora il Generale Grant disponeva dell’intero  XIII Corpo del generale McClernard e  di due brigate della divisione Logan del XVII Corpo (McPherson).
In tutto  circa 20.000 uomini posizionati in un terreno asciutto e non più acquitrinoso come quello della Louisiana. Il Generale Grant sapeva di essere in netta inferiorità numerica, benché il XVII Corpo del Generale
Mc Pherson stesse sopraggiungendo, pertanto diramò tre ordini: i primi due al Generale Sherman perché  effettuasse delle azioni diversiva a nord di Vicksburg  e che poi si mettesse in marcia per raggiungerlo. Il terzo ordine fu diramato alle stanche truppe di MClernard e Logan perché investissero subito Fort Gibson.
Se Il Generale Pemberton avesse inviato dei consistenti rinforzi la posizione del Gen. Grant poteva diventare critica. Solo nella riva confederata del Mississippi correva dei seri rischi di cui era cosciente, pertanto occorreva agire con velocità.
Fort Gibson era difeso da circa 6000 confederati sotto il comando del Generale di Brigata J.S.Bowen , che comprendendo la gravità della situazione chiese al Generale Pemberton dei  rinforzi, che purtroppo non furono inviati.
Fort Gibson fu attaccato all’alba del 1 maggio; i sudisti opposero una fiera resistenza, tanto che lo stesso Generale Grant accorse per coordinare le operazioni. Nella notte, non potendo più resistere alle soverchianti forze attaccanti, il Generale Bowen  ordinò la ritirata in direzione di Vicksburg,  e così, per evitare l’accerchiamento,  anche le forze a difesa di Grand Gulf,  il 2 maggio, furono costrette a lasciare il forte, che fu prontamente occupato dalle forze  da sbarco dell’Ammiraglio Porter.

Nella Tab. N° 2 sono riportate le operazioni militari.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 24 Apr 2014 - 18:24

Ottimo generale: La battaglia di Raymond, un altro tassello del fronte occidentale!

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Gio 24 Apr 2014 - 18:56

Bravo, ottima iniziativa. Aspetto il seguito!

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Ven 25 Apr 2014 - 20:10

In attesa del XV corpo di Sherman, il Generale Grant, che aveva posto il suo comando a Grand Gulf, fece requisire: tutti i viveri,  gli animali e i mezzi di trasporto presenti  nella zona occupata e sollecitò che venissero traghettati il maggior numero di carri per il trasporto di viveri e munizioni, quindi  ordinò allo scettico Generale Sherman di raccogliere il maggior numero di carriaggi per trasportare:  carne salata, caffè, zucchero, sale e gallette, nonché le necessarie munizioni; in quantità sufficiente  per cinque giorni.

Il 5  maggio il XVII Corpo del Generale McPherson aveva effettuato delle decise azioni dimostrative, attraversando il Big Black River in direzione di Hankinson’s Ferry, tosto  nella notte  del 6 maggio si ritirò congiungendosi  con il  XIII Corpo d’Armata del Generale  McClernard. Il 7 maggio l’ ordine di marcia per l’Armata fu così disposto: Il XIII Corpo doveva avanzare sulla sinistra  lungo il Big BlacK River, il XVII sulla destra in direzione di Raymond, mentre il XV Corpo ( Il Generale Sherman era sopraggiunto da poche ore)  nella zona centrale con l’obiettivo di interrompere la ferrovia Jackson Vicksburg fra i centri di Clinton ed e la stazione di Edward ‘Depot .

Il comandante della piazza di Vicksburg, il Generale Pemberton, fu ingannato dalle manovre del Generale Grant; in un primo tempo pensò che l’attacco principale venisse sferrato nella zona del fiume Yazoo, poi che venisse sferrato a nord della conquistata Grand Gulf e a questo contribuirono le diversioni effettuate dal XIII Corpo.
(McPherson).

Ora  l' Armata di Grant che avevano raggiunto i 40-43.000 uomini stavano marciando a marcia forzata  a sud del Big Black River  e questo impediva a al Generale Pemberton di concentrare le sue forze, perché in qualsiasi momento  Grant poteva attraversare il fiume e dirigersi verso Vicksburg. Inoltre a proteggere la zona del TransMississippi  furono lasciati, nella base di rifornimento di Milliken’s Bend, sei reggimenti di truppe bianche e di colore, che per questo motivo furono  soprannominati: “Brigata Africana”.

Il Generale Pemberton chiese rinforzi per proteggere la zona di Jackson, che era sotto la giurisdizione militare del Generale di Divisione William Henry Talbot Walker  (caduto il il 22 luglio 1864 nella Battaglia di Atlanta).

I primi rinforzi  furono quelli della Brigata John Gregg distaccata da Port Hudson, che a marcia forzata raggiunse Jackson il giorno 11 maggio e si schierò a Sud-Ovest di Raymond  dietro il fiume Fourteen Mile Creek.

Il Generale Gregg ebbe una vita avventurosa, nacque in Alabama ,si laureò presso la Grange College ( Ora University of North Alabama), isegnò matematica  e si laureò in Legge , fu uno dei rappresentanti del Texas nel Congresso confederato a Mongomery e poi a Richmond.

Dimessosi tornò in Texas è formò il 7° Reggimento Texas,
di cui ne divenne colonnello; partecipò alla Battaglia di Fort Donelson  dove fu catturato il 12 febbraio 1862. Scambiato il 15 agosto fu nominato Generale di Brigata e trasferito
nel Dipartimento Mississippi e Louisiana Orientale fino al maggio del 1863. Il 10 maggio fu assegnato alla divisione William H.T.Walker del Dipartimento del West. ( cadde nel 1864 a Petersburg) . Il 12 maggio le avanguardie del XVII Corpo (McPherson) giunsero in prossimità di Raymond e si scontrarono con  la Brigata Gregg ivi schierata.

Facciamo un salto indietro, a novembre del 1862 il Presidente Davis aveva affidato l’incarico  di comandante in capo di tutte le forze operanti nel Fronte Occidentale al Generale J. E. Johnston, rimarcando l’importanza di tenere la piazzaforte di Vicksburg.
Johnston aveva lamentato la difficoltà di poter comandare le due Armate : quella del Mississippi e  quella del Tennessee troppo lontane fra loro per poter cooperare e inoltre aveva chiesto 20.000 uomini di rinforzo per poter difendere efficacemente la zona di Vicksburg.

“Le Dramatis personae” confederate, di questa infausta Campagna , avevano dei grossi problemi di comunicabilità; Johnston non aveva fiducia nel Presidente Davis e nel Generale Pemberton, Il Presidente Davis aveva delle remore nei riguardi del Generale Johnston, inoltre Pemberton era a conoscenza del desiderio del Presidente Davis di tenere Vicksburg.

Questa situazione andava tutta a vantaggio del Generale Grant che basava la sua offensiva sulla velocità,infatti  se Le truppe confederate, presenti nella zona, si fossero concordemente riunite avrebbero potuto determinare dei grossi problemi al’Armata di Grant.

Nella Tab. N° 3 sono riportate le operazioni militari.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  Banshee il Sab 26 Apr 2014 - 9:06

Senza voler interrompere la narrazione degli eventi, osservo però come non possa affermarmsi che il presidente Davis avesse "delle remore nei riguardi del generale Johnston". E' un argomento di cui mi pare si sia discusso a sufficienza e documentazione alla mano è risultato come Davis abbia iniziato a nutrire dubbi sulle capacità di Johnston solo DOPO il termine della campagna di Vicksburg. Addirittura Davis aveva tentato in tutti i modi di convincere Johnston ad assumere la guida diretta della AoT nell'inverno-primavera 1862 e aveva dato carta bianca a Johnston, sicché Davis non aveva alcuna "remora" nei suoi confronti.

Banshee

Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1906
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  dan-acw il Sab 26 Apr 2014 - 15:46

Mmmmmm la battaglia di Raymond, il mai raccontato punto di svolta della guerra (come è stata definita in un interessante libro), è un argomento molto interessante al pari di tutta la campagna.
Complimenti ad Hardee.......aspetto la fine per "scannarci"

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Sab 26 Apr 2014 - 21:12

Ho letto una recensione su un saggio dello Storico Warren Grabau dove la campagna di Vicksburg  viene definita come una grande confusione del campo confederato alimentata dalla strategia messa in atto dal Generale Grant.
Dopo la ritirata da Fort Gibson la città di Warrenton era stata fortificata e protetta dalla Divisioni: Stevenson, Smith e Loring; a nord delle alture di Walnut era stata posizionata la Divisione Forney, mentre la Divisione Bowen era stata inviata ad Edward, infine a Jackson era stato inviato il Mississippi  cavalleria di Wirt Adams, lo stesso reggimento che aveva inseguito il Colonnello Grierson  durante la sua incursione a est di Jackson.

Durante tale incursione erano state distrutti  circa 70 km di ferrovia, nonché officine e depositi di materiale rotabile; e questo stava ritardando la Brigata confederata Gist proveniente da est e la Brigata di  William  H. T. Walker, inoltre un’incursione della cavalleria di McPherson aveva reso inutilizzabile un lungo tratto di ferrovia a sud della New Orleans –Jackson impedendo alla Brigata del Generale di Brigata Samuel Maxey di congiungersi con le truppe di stanza a Jackson, che infine  erano costituite dalla Brigata Gregg , dal Mississippi cavalleria e una compagnia di cavalleria dello Stato.

Si è già spesso discusso della tragica carenza di cavalleria da parte confederata e questo costrinse il Generale Bowen a richiamare tutto il Mississippi cavalleria ad Edward per organizzare la cavalleria assortita accorpata alla sua Divisione.

Al Generale Gregg non rimaneva che:  la sua brigata, cinque uomini della cavalleria confederata e la compagnia di cavalleria dello Stato del Mississippi  (considerazione personale: i miliziani spesso non sono dei soldati sufficientemente preparati per riferire ciò che vedono nel modo esatto, un soldato sa valutare la consistenza delle forze nemiche ed è importante sapere se l'unità militare con cui ci si deve scontrare è una brigata oppure una divisione)

Sempre da Grabau apprendiamo il piano del Generale Gregg: questo consisteva nel posizionare  dei tiratori scelti nel letto del torrente Fourteen Mile Creek per ingaggiare il combattimento, in seguito due suoi reggimenti avrebbero costretto i nordisti a mantenere la posizione, mentre altri due reggimenti ruotando da est a ovest avrebbero spinto i nordisti versi il Fourteen Mile Creek intrappolandoli.

 Il fatto è che le informazioni che il Generale Gregg possedeva erano errate, poiché egli pensava che si trattasse di una brigata di fanteria guidata da una forza di cavalleria, circa 3000 uomini, invece sulla strada di Utica erano in avvicinamento due divisioni del XVII Corpo (McPherson) circa 10.000 uomini.


Nella Tab. n° 4 sono riportate le posizioni delle divisioni sudiste, quelle nordiste procedono la loro marcia lasciando dei distaccamenti lungo il percorso.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


CONTINUA


Ultima modifica di HARDEE il Mar 29 Apr 2014 - 16:14, modificato 1 volta

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Dom 27 Apr 2014 - 17:04

La battaglia di Raymond, come segnalato dall’amico "DAN-ACW", determinò un punto di svolta della guerra, poiché cambiò la strategia [di cui tratteremo più avanti],  fino ad allora adottata dal generale Grant.

Le tabelle che ho finora presentato non rendono giustizia alla natura del territorio, infatti non mi è  stato possibile  riportare tutte le strade , le linee ferroviarie e quant’altro.

Con  le  Tabb. N° 5 & N°6 ho cercato di porre rimedio a  tale inconveniente, dando una presentazione più dettagliata dei luoghi in cui si svolsero i fatti.  




[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

CONTINUA


Ultima modifica di HARDEE il Gio 1 Mag 2014 - 6:43, modificato 2 volte

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Lun 28 Apr 2014 - 21:32

Composizione delle forze in campo.


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />[

img][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][/img]

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Mar 29 Apr 2014 - 16:36

Disposizione delle forze Confederate


Fra le varie fonti consultate i sono delle differenze di una certa rilevanza: il corpo di cavalleria confederata di William
Wirt Adams  era in ricognizione lungo tutto il territorio fra Edwards  e Raymond, quando  Wirt Adams ricevette l’ordine del Generale Pemberton di coadiuvare le forze del Generale Gregg, esplorando a fondo il territorio e  tenendo informato lo stesso Generale Gregg,  interpretò l’ordine nel senso di mettere a disposizione le forze di cavalleria  di stanza a Raymond, che appunto ammontavano a cinque cavalieri e non l’intero reggimento. Appena giunto ad Edward e chiaritoi l’errore  Wirt Adams inviò   50  cavalieri, che dopo un lungo giro arrivarono  a Raymond il giorno 11 maggio, troppo tardi per essere utilizzati prima della battaglia.
(Considerazioni personali: l’Armata del Mississippi era carente in cavalleria e i confederati si aspettavano un attacco nella zona di Edward, pertanto si contendevano
quelle poche forze di cavalleria disponibile  e …)

Il Generale Pemberton pensava che l’obiettivo del nemico fosse il ponte sul Big Black River della linea ferroviaria Jackson-Vicksburg , ho cercato di individuare la posizionedel presunto attacco (Vedi tabella N° 7), pertanto informò il Generale Gregg  che le eventuali azioni effettuate dal nemico sulla destra costituivano una diversione, quindi di congiungersi con  Generale Walker, in arrivo, e attaccare le presunte forze di diversione.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


Nel frattempo il  Generale Gregg mandò la forza di cavalleria dello Stato del Mississippi a pattugliare la strada proveniente da Utica e utilizzò i cinque cavalieri come corrieri.

Il 12 maggio il Generale Gregg fu svegliato da uno dei corrierei di Wirt Adams  con un messaggio del Capitano
J.M.Hall , col quale  si informava il Generale Gregg che erano state avvistate unità di cavalleria unioniste e
nuvole di polvere  sulla strada proveniente di Utica.

Valutando  le forze unioniste  ad un' unità di incursionisti il Generale Gregg elaborò un piano per attaccare e catturare l’unità nemica.

CONTINUA


Ultima modifica di HARDEE il Dom 4 Mag 2014 - 12:02, modificato 1 volta

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Dom 4 Mag 2014 - 12:00

ll 7° Texas del colonnello Hiram B. Granbury si trasferì a Sud-Ovest , vicino all’incrocio della strade provenienti da Utica e la Fort Gibson Road ( che in in alcune descrizioni è riportata come strada Auburn).
Una squadra di tiratori scelti, comandati dal Capitano T.B. Camp,attraverso il Fourteen Mile Creek e si stabilì sulla riva meridionale .

Il 50° TN , comandato dal tenente colonnello Thomas W. Beaumont , prese  posizione sulla  Gallatin Road a circa 1500 metri dal 7° TN. Il Colonnello Randall MacGavock  trasferì la sua unità, il 10°/30° TN a circa 1000 metri dal 50° TN e dal 7° TX, in modo da poter essere di rinforzo a uno dei due reggimenti.

Il Generale Greeg inviò il 3° TN, comandato dal colonnello Calvin H. Walker, in un punto vicino al cimitero di Raymond in modo di poter intervenire nella zona dell’incrocio della strade provenienti da Utica e Auburn.

A circa 800 metri dal ponte sul Fourteen Mile Creek fu posizionata la batteria Bledsoe: 2 Napoleon da 12 libre e un Whitworth;
a destra, a  protezione della batteria,  fu schierato il battaglione 1° TN  comandato dal maggiore S.M. Colms.

Il 41° TN, comandato dal colonnello Robert Farquharson, fu tenuto come forza di riserva è  inviato a Raymond.

Tale era la disposizione delle unità della Brigata Gregg alle h 09:00 del 12 maggio 1863 (Vedi Tab. N° Cool


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  dan-acw il Lun 5 Mag 2014 - 14:51

sulla cavalleria di Adams e sulla condotta di Gregg c'è molto da dire.
Durante la campagna di Vicksburg si accusa generalmente Pemberton di non aver obbedito agli ordini del suo superiore (lasciam perdere che aveva obbedito agli ordini del suo comandante in capo), ma spesso ci si dimentica di evidenziare tutti quelli che disobbedirono agli ordini dello stesso.

Sia Adams, vuoi per disubbidienza, vuoi per aver frainteso un ordine (che a me sembra abbastanza chiaro), vuoi perchè comandatogli da altri, fece tutto il contrario di quanto ordinatogli dal suo comandante d'armata.
Lo stesso dicasi per Gregg, il quale, fregandosene degli ordini che lo ammonivano a non rischiare uno scontro con ingenti forze nemiche, si andò a cacciare in un'impresa impossibile (con tutte le conseguenze del caso).

dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 870
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Lun 5 Mag 2014 - 18:27

Il Generale Grant si stava spostando verso est in direzione di Jackson, ma alcune diversioni avevano convinto il Generale Pemberton che l’obiettivo fosse in prossimità di Edwards e al Generale Gregg fu comunicato che le forze unioniste si stavano concentrando a sud di tale centro per interrompere le comunicazioni Vicksburg –Jackson, pertanto, quando le forze unioniste arrivarono in prossimità del FourteenMile Creek (o Fourteenmile Creek) il Generale Gregg  era sempre più convinto  di trovarsi di fronte ad un’unità di incursori.

Il suo avversario il Generale McPherson era il comandante di Corpo d'Armata più giovane ed inesperto di Grant, nativo dell’Ohio, laureato all’accademia militare nel 1854, era stato assegnato al Generale Grant ed in 14 mesi aveva raggiunto il grado di Comandante di Corpo d’Armata, per questo il Generale Grant temeva per la mancanza di esperienza, che una carriera così rapida poteva comportare, inoltre Il  comandante in capo delle forze unioniste si rendeva ben conto di essere in pieno territorio nemico, nel quale poteva rimanere imprigionato, pertanto aveva lasciato lungo il percorso delle guarnigioni.

Soltanto la penuria di cavalleria confederata  e di ufficiali competenti avevano impedito di scoprire le sue manovre, ben differente era la situazione  in campo confederato; dove il Generale Pemberton aveva concentrato tutte le forze, dell’Armata del Mississippi, a protezione di Vicksburg, così alla mobilità dell’Armata di Grant si contrapponeva l’immobilità delle forze confederate dell’Armata del Mississippi.

Il Generale McPherson era giovane e probabilmente la mancanza “della gavetta” l’ aveva privato di una consolidata esperienza, ma era intelligente ed accorto.

La sua prima azione fu quella di ordinare al battaglione di cavalleria (160 uomini)  del Capitano John S. Foster, composto da forze : del 2° Illinois Cavalleria, dal 5° Missouri Cavalleria e dal 4° Ohio Cavalleria, di non marciare compatti, ma di disporsi ai fianchi  della brigata ,in modo di proteggerla , sorvegliando tutte le strade laterali.

Giunti in prossimità del Fourteenmile Creek il comandante di Divisione Logan dispose il 20° OH a destra e il 78° OH a sinistra della strada di Utica, mentre al resto della 2° Brigata  (Gen. Dennis) , cioè il 30°Il e il 68 OH veniva ordinato di posizionarsi lungo la linea occidentale del torrente Fourteenmile Creek.

[i]Grabau fa notare che la mappa distorce l’immagine del lettore di una battaglia. Egli spiega che, mentre le posizioni dei corsi d’acqua e le strade sono senza dubbio precise, le posizioni dei boschi possono contenere errori, Egli osserva
inoltre che i rettangoli perfetti , usati per indicare i reggimenti sono un’astrazione, e che soprattutto quando le truppe entrano nei boschi diventano una massa disordinata (Vedi tab. n°9).


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />





CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Ven 9 Mag 2014 - 2:16

La sorpresa del Generale Gregg.

Il  Generale Gregg aveva in inviato un contingente sul ponte del Fourteenmile Creek, per attirare le truppe unioniste. ma il Generale McPherson ,intuendo una trappola, invece di attaccare aveva fece bombardare la posizione dalla batteria DeGolyer  (2 obici da 12 libbre  e 4 cannoni James) posizionata dietro la 2° Brigata.

Quando il Generale Gregg udì il tuonare  dei cannoni unionisti, comprese che l’unità nemica non era formata da incursori, bensì da un’unità combattente  che valutò , come consistenza, ad una Brigata, ciò fece modificare i suoi piani di attacco.

Appena gli unionisti avessero attraversato il Fourteenmile Creek, la sua sua Brigata avrebbe attaccato sulla sinistra dello schieramento  secondo questo schema: due reggimenti avrebbero attaccato le forze a sinistra del ponte, mentre altri due reggimenti, attraversando  i boschi, sarebbero sbucati  dietro le truppe unioniste catturando la batteria nemica e spingendo gli unionisti verso  il letto del  Fourteenmile Creek , dove sarebbero stati costretti ad arrendersi.

Occorre segnalare per giustizia storica che il generale Gregg non comunicò i suoi piani al suo superiore Generale Pemberton.

Il Generale McPherson , sospettò una trappola, pertanto fece schierare i reggimenti  della 1° Br. Generale  Smith  a sinistra  della 2° Br.[Generale  Dennis] e mantenne la  3° Br del Generale Stevenson come riserva, in tale modo  fu impegnata tutta la Div. Logan.
Intanto la  7° Divisione del Generale Crocker cominciava ad allineare i sui reggimenti.

La Brigata Smith più il l’8th Illinois (3° Brigata) incontro notevoli difficoltà ad allinearsi per la fitta boscaglia, in effetti i reggimenti  arrivarono sulle rive del Fourteenmile Creek in modo disordinato e a causa di una curva del torrente il primo ad iniziare l’attraversamento del torrente fu il 23° Indiana.

Torniamo un po’ indietro.

Con notevole fatica la 2° Brigata aveva attraversato il fitto bosco, fra grovigli di rami e  tronchi caduti, poi arrivati al limitare della foresta,  vicino al Fourteemile Creek, si accamparono. Molti soldati  riempirono le borracce, altri prepararono il caffè , alcuni si tolsero le scarpe e misero i piedi a bagno oppure giocarono a carte .

Questa situazione di rilassamento fu determinata dal fatto che non furono inviati degli esploratori innanzi ai reggimenti, che avrebbero scoperto i tiratori confederati  e questa mancanza di informazioni, mise in pericolo le unità, dando un senso di falsa sicurezza.

Un soldato  del 20° , raccolte 5 borracce, si recò al fiume, ma tornò di corsa avvertendo che, in prossimità del torrente , dietro gli alberi c’erano molti  confederati appostati, ma proprio in quel momento  tre sbuffi bianchi apparvero sul crinale, ad Ovest, dietro il torrente.

Erano le h 12:00  ed era iniziata la battaglia di Raymond  (vedi Tab. N° 10).

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Sab 10 Mag 2014 - 19:16

Le errate valutazioni di McPherson

Ben presto la zona cannoneggiata dalla batteria confederata si ricoprì di un denso fumo bianco a cui contribuì il fuoco di controbatteria dell’ 8th Michigan.  Questa coltre bianca confuse il Generale McPherson, che valutò le forze nemiche a  4000 e 5000  uomini supportati da due batterie  di artiglieria. Tale valutazione  lo convinse che i confederati fossero a conoscenza delle sue forze  e di ciò non possiamo dargli torto, era impensabile che una Brigata attaccasse due Divisioni.


Intanto il  7° TX e il 3° TN stavano attaccando l’estremo limite  destro della Brigata Dennis  e il centro della Brigata Smith, con il tipico urlo dei sudisti i due reggimenti travolsero il 23° IN , il 20° OH che era giunto in suo soccorso  e il 20°Il che nella confusione non fu in grado di prestare aiuto.

Nel tentativo di capire meglio la situazione,il Generale McPherson ordinò al Generale Logan di ritirarsie stabilire una nuova posizione dove riorganizzare  i reggimenti, che il Generale Logan rafforzò inviando l’8° OH e 81° OH, mentre il il 7° OH  e il 32° OH della 3° Brigata
Stevenson furono tenuti come riserva.

Intanto il 50° TN, che il Generale Gregg aveva spostato sulla sinistra e il Battaglione 10°/30° TN attraversato il Fourteenmile Creek avevano ingaggiato battaglia con la cavalleria unionista disperdendola. il Generale Logan , per evitare l’accerchiamento, inviò il 7° MO e il 32° OH a copertura del suo fianco destro, intanto su tale fianco  si stavano avvicinando il 10° MO,  il 48° IN e il 59° IN
della 7° Divisione Crocker , il 4°MN veniva inviato a rafforzare la Brigata Dennis.

Intanto il Generale Gregg richiamò il 41° TN, che si mise in marcia sulla Gallantin Read verso il campo di battaglia.

(vedi Tabb. N° 11 & 12)


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


CONTINUA


Ultima modifica di HARDEE il Gio 15 Mag 2014 - 22:01, modificato 1 volta

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Sab 10 Mag 2014 - 19:30

Le giuste valutazioni del Generale McPherson

Il 7° Tx e il 3° TN credendo che i reggimenti unionisti stessero fuggendo si lanciarono all’inseguimento e ben presto si trovarono sotto il fuoco diretto dei reggimenti unionisti frontali e sotto il fuoco di infilata del 31°IL.

Il Generale McPherson inviò un messaggio al Generale Grant con cui lo informava che il suo fianco sinistro era sotto attacco  da circa 2h  e con notevole precisione indicò la consistenza del nemico a circa 1000 uomini, il Generale comunico altresì al suo comandante che i suoi reggimenti stavano prendendo il sopravvento.

Infatti il 3° TN stava subendo una decimazione per il tiro d’infilata del 31°IL.  Il Colonnello Walker fece sdraiare i suoi uomini a terra  in attesa del 50°TN di Beaumont, che avrebbe dovuto attaccare il 31° IL  da tergo.

Intanto aal'arrivo della 3° Brigata della 7° Div. (Generale Marcellus M. Crocker), fu schierato l'11°Batteria OH così l'artiglieria  del  Generale Logan raggiunse  il numero di 22 bocche da fuoco.

A questo punto IL Generale Stevenson  attaccò  il 3° TN  con i reggimenti: 81 °IL, 23° IN, 45°Il e il 31° IL. Il colonnello Walker resistette per circa 40 minuti, poi il 3°TN fu travolto e fuggì attraverso  il torrente.

Valutando la situazione il Colonnello Hiram  Grambury ordinò la ritirata, poi cambiò idea e inviò un corriere, che fu ucciso, in tal modo cinque compagnie del 7° TX, coprirono la ritirata bloccando per 5 minuti un’intera Divisione, permettendo così a centinaia di confederati di ritirarsi oltre il Fourteenmile Creek, infine L’attacco dell’8° IL ruppe le ultime resistenze dell’Orgoglioso 7° TX, che si ritirò in ordine sparso, una parte verso la batteria Bledsoe e una parte a Est verso la McGavock''s Hill

(Vedi Tab. 12)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />



CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Sab 17 Mag 2014 - 15:30

Mentre  gli unionisti stavano inseguendo i confederati del 7°TX e del 3° TN, sulla parte sinistra del campo di battaglia
il 50° TN e il 10°/30° TN, dopo aver respinto la cavalleria unionista, emersero dagli alberi e videro molti reggimenti di federali schierati o che stavano per schierarsi; a questo punto il Colonnello Beaumont comprese di aver  di fronte una o più divisioni, pertanto decise di adottare una linea di difesa.

Il 50° TN e 10°/30° TN rientrarono nella boscaglia e riattraversarono il torrente mettendosi in posizione di difesa. Il 50° TN sulla Gallantin  Road a protezione del fianco sinistro e il Battaglione 10°/30° nella posizione centrale, poi  le due unità persero i contatti.


Confronto fra le varie fonti:

(U.S. Grant –Librery of Congress)

Da tale documento si evince che il Generale Gregg ignorava lo spostamento del 50° TN nella zona della Gallantin Road, dove, intuendo le mosse nemiche ,aveva  già inviato il 41° TN, inoltre in tale documento è riportato  che il Generale Gregg ordinò al Colonnello  R.W. McGavock, del 10°/30° TN, di fermare l’avanzata federale ad est del ponte, ma gli ordini iniziali erano quelli che le due unità dovessero agire assieme, cioè il 10°/30° TN  doveva attaccare seguendo  il 50° TN.

(considerazioni personali: subordinando il 10/30°TN al 50°TN , gli ordini avrebbero dovuto essere inviati al colonnello Beaumont, quindi non credo che il Generale Gregg abbia ordinato ad un battaglione di fermare diversi reggimenti, se inviò tale ordine è perché pensava che le due unità operassero assieme)

Secondo la fonte del National Park Service.-
-Battaglia di Raymond

Il Colonnello Randal  McGavock chiese nuovi ordini, che non furono inviati, però il Colonnello McGovock fu avvertito che il centro dello schieramento confederato aveva ceduto e che il 3°TN e il 7°TX si stavano ritirando disordinatamente, pertanto , senza informare il 50°TN ,diresse le sue truppe verso ovest per fermare l’avanzata federale.

Ho riportato queste discrepanze per informazione, perché nei fatti" la sublime" azione del 10°/30° TN in entrambe le versioni si svolse nello stesso modo, quella della library  of Congress è quella che preferisco, perché ha in sé un certo romanticismo. La verità potranno verificarla gli amici del Forum, consultando OR.

L’incidente del cannone.

Probabilmente per stress termico il cannone Whitworth,
della Batteria Bledsoe,  esplose riducendo a due le bocche da fuoco dei confederati.



(Vedi Tabb. 13 & 14)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Mar 20 Mag 2014 - 14:13

Appena il Colonnello McGavock uscì dal bosco vide i soldatidei reggimenti:  3°TN e 7°TX, in fuga disordinata, inseguiti dai federali. A tale vista il generoso McGavock non ebbe esitazioni, gettò indietro il mantello  esponendo la fodera rossa è ordino alle compagnie del 10°TN un attaccò obliquo per fermare gli inseguitori, ma il  10° TN , nel tragico slancio, venne a trovarsi sotto il fuoco del 31° IL,  McGavock  venne colpito a morte e con lui  molti dei suoi soldati (vedi tab. N° 14).


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

Il Colonnello James Turner prese il comando è ordinò la ritirata verso il McGavock’s Hill, il reggimento si ritirò ordinatamente con un’azione di contenimento, questo permise alle tre compagnie del 30°TN , agli uominidel 3°TN e il 7° TX, di mettersi in salvo sulla McGavock’s Hill, dove nel frattempo era giunto il  reggimento  del 41°TN. In definitiva sulla McGavock’s Hill si riunirono: il  41°TN, il 10°/30° TN parti del 3°TN e del 7°TX.

Dalla cima della McGavock i confederati iniziarono  a un intenso fuoco di fucileria sui reggimenti federali. Intanto il Generale  McPherson
ordinò il contrattacco su tutta la linea (Vedi tab. N°15).

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />




1°) Nota:

Questa battaglia fu denominata: “La Battaglia della nebbia”, poiché il fumo  e la polvere ricoprirono l’intero teatro delle operazioni. Dalla testimonianza  di Henry O Dwight , Primo Luogotenente e Aiutante  del  20° OH Veteran Volunteer Infantry: “ il fumo aveva annerito le  nostre facce e la polvere  era entrata nelle nostre bocche e ci volle una settimana perché ne eliminassimo gli ultimi residui.  L’ufficiale più dandy  del reggimento aveva un brutto aspetto”.

2°) Nota:

(gli Irlandesi dettià “Figli di Erin” da Erinn forma dativa del gaelico Eire o ériu ovvero Irlanda.Il nome è anche usato per la personificazione della stessa Irlanda (ériu)

Erin  (ˈɪərɪn, ˈɛərɪn)

an archaic or poetic name for Ireland

[from Irish Gaelic Éirinn,  dative of Ériu  Ireland]

Collins English Dictionary - Complete & Unabridged 10th Edition
2009 © William Collins Sons & Co. Ltd. 1979, 1986 © HarperCollins
Publishers 1998, 2000, 2003, 2005, 2006, 2007, 2009
Cite This Source
Relevant Questions
Etymonline
Word Origin & History

Erin
ancient name of Ireland, from O.E. Erinn, dat. of Eriu "Ireland" (see Irish)


3°) NOTA-

Per ciò che concerne gli orari delle operazioni non  sono riuscito a trovare degli  orari precisi. Sappiamo che lo scontro a fuoco iniziò alle  h 12:00 , che alle h:16:00 il Generale  Gregg perse i contatti con le sue unità e che alla sera le truppe unioniste occuparono Raymond.

Una delle fonti  riporta, come arco di tempo complessivo della battaglia : 6 h. Un’altra  fonte riporta 3 h partendo dalle h 10:00  (questa fonte, in tutta onestà,  mi sento di escluderla).


CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Sab 24 Mag 2014 - 21:57

Un corriere della cavalleria di Adams avvertì il Generale Gregg che ingenti forze stavano avanzando  verso le posizioni confederate; inoltre da un prigioniero unionista Gregg aveva appreso la reale consistenza delle forze nemiche. Tali forze, avanzando, attraverso il varco, formatosi fra  la posizione della Batteria Bledsoe e la McGavock’s Hill, potevano tagliarli la ritirata.

Valutata la situazione il Generale Gregg decise di ritirarsi verso Raymond e per coprire la ritirata, ordinò, come diversione, al 1° TN di attaccare la destra dello schieramento unionista.

Intanto sulla McGavock’s Hill  il tenente colonnello J.J. Turner, comandante del 10°/30° TN, sentendosi appoggiato dal 41° TN, attaccò la forza nemica che consisteva: nel 7°MO, 48°IN, 59°IN e 32° OH.

(Vedi Tab. N° 16)


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />

CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Dom 25 Mag 2014 - 2:51

Un corriere della cavalleria di Adams avvertì il Generale Gregg che ingenti forze stavano avanzando verso le posizioni confederate; inoltre, da un prigioniero unionista, il Generale Gregg  aveva appreso la reale consistenza delle forze nemiche.

Tali forze, avanzando, attraverso il varco apertosi fra  la posizione della Batteria Bledsoe e la McGavock’s Hill potevano tagliare la ritirata dei confederati verso Raymond.  

Valutata la situazione il Generale Gregg decise di ritirarsi, verso Raymond, e per coprire la ritirata, ordinò, come diversione, al 1° TN di attaccare la destra dello schieramento unionista.

Intanto sulla McGavock’s Hill  il tenente colonnello J.J. Turner, comandante del 10°/30° TN, sentendosi appoggiato dal 41° TN, attaccò la forza nemica che consisteva: nel 7°MO, 48°IN, 59°IN e 32° OH.

Nota

Durante la ritirata il Generale Gregg (verso le h 16:00) perse i contatti con le sue unità, che in mancanza di ordini agirono autonomamente.


Entrambi gli attacchi furono respinti, ma permisero a gran parte delle forze confederate di porsi in salvo; sia lungo l’Utica Road, sia lungo la Gallantin Road.

In quanto al 50° TN , il Tenente colonnello Beaumont si rese conto che se avesse mantenuto la posizione sarebbe rimasto imbottigliato, pertanto si ritirò lungo la Gallantin Road.

(Vedi Tab n°17)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />



Durante la ritirata il 50° TN si unì a sei compagnie del 3° Kentucky fanteria a cavallo proveniente da Jackson, insieme attraversarono Raymond e si unirono alle forze del Generale Gregg presso Snake Creek ,dove li raggiunse la Brigata Walker ,del South Carolina,  forte di 1000 uomini.
(Vedi Tab. n°18)


[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]" />


Intanto gli unionisti  esaurita la loro spinta avevano occupato Raymond; il primo reggimento ad entrare in città fu il 20°OH che con sorpresa trovò le tavole imbandite per la cena preparato dalle donne del Sud per i loro soldati. Cena a cui le forze unioniste fecero onore.

CONTINUA

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  HARDEE il Dom 25 Mag 2014 - 6:16

Il Generale Grant definì la Battaglia di Raymond come una delle più combattute e ne rimase molto impressionato.
Una Brigata aveva tenuto in scacco due delle sue divisioni per circa 6 h, un battaglione (10°/30°TN) aveva attaccato  ben quattro reggimenti e la Battaglia era stata vinta in virtù della forza numerica, inoltre
I Texani del 7°TX ( quasi tutti ex prigionieri scambiati) si erano battuti con grande decisione.

Considerazioni personali: io non so se il Generale Grant avesse già maturato il piano di isolarsi dalla sua base di Grand Gulf, ritirando tutte le guarnigioni poste lungo il Big Black River per riunirle alle rispettive unità, certo è che tale piano fu attuato dopo La Battaglia di Raymond.

[i]A tal proposito il Generale Grant scrisse al suo superiore Generale Halleck: “Poiché d’ora in poi non sarò più in comunicazioni con Grand Gulf a meno che non divenga necessario inviare un treno pesantemente scortato, probabilmente non mi sentirete più per parecchi giorni. Il Generale Grant aveva adottato la politica: “meglio chiedere perdono che permesso”, sapendo che il Generale Halleck ,legato a schemi tradizionali, avrebbe disapprovato se non impedito tale operazione/i]

Il fatto è che richiamando tutte le unità lasciate di guarnigione lungo il percorso effettuato, I Tre Corpi  dell’Armata del Tennessee raggiungevano il massimo della loro efficienza, per cui occorreva un ‘unità di di simili dimensioni per contrastarla.

Fine

HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 28 Mag 2014 - 19:12

Bravo, ben fatto Hardee! Il tuo contributo è molto apprezzato!

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa

P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2778
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  Generale Meade il Mer 28 Mag 2014 - 19:43

Ottimo lavoro e come sempre bellissime cartine. Complimenti Generale Hardee!!!  Very Happy 

Meade

Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3930
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mer 28 Mag 2014 - 19:50

Aspettavo la fine per leggerlo e non mi sono accorto che domenica avevi scritto l'ultima parte, rimediato e letto. Complimenti per il lavoro generale! cheers 

Claudio

Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3125
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Raymond del 12 Maggio 1863

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 1:16


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum