KKK e reistenza

Andare in basso

KKK e reistenza

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Sab 3 Gen 2009 - 16:21

Qualche tempo fa avevo chiesto al furum la sua opinione sul perchè alla fine della guerra regolare il sud non avesse intrapreso una guerriglia di logoramento nonostante il territorio stesso presentasse die vantaggi da questo punto di vista. Fra le molte spiegazioni ricevute qualcuno mi sembra lo stimato Forrest scrisse che volente o nolente l'unica forma di resistenza post-bellica sia stata quella intrapresa dal KKK.
Ora senza perderci in disquisizioni politiche sulle vicende del Klan volevo chiedere se qualcuno avesse idea di quali furono queste azioni.
Il Klan viene sempre rappresentato come linciatore o quasi adepti di messe nere.....ma almeno all'inizio della sua nascita quando la guerra civile era appena finita ci furono quindi azioni sabotatarici o attacchi ai danno delle truppe di occupazione USA?

Tenente-colonnello Valerio Like a Star @ heaven
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
Età : 30
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

KKK e reistenza

Messaggio  R.E.Lee il Sab 3 Gen 2009 - 18:06

Il KKK originale fu fondato da forrest nel dopoguerra (la data non la ricordo), principalmente per aiutare le vedove e gli orfani di guerra che non avevano di che tirare avanti.
altro suo scopo fu quello di proteggere la popolazione da soprusi e vessazioni che gli speculatori venuti dal nord,con la protezione dell'esercito, compivano.
se sia stato protagonista di linciaggi od altre nefandezze ai danni degli uomini di colore non lo sò.
comunque il KKK originale chiuse pochi anni dopo la sua fondazione, quando le truppe di occupazione nordista furono rimosse, restituendo agli stati la propria sovranità.
il KKK è stato riaperto e chiuso più volte nei cento e passa anni a seguire, ma non aveva niente a che fare con quello originale.
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4008
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  Son of the South il Sab 3 Gen 2009 - 21:55

Un secondo, ben distinto, gruppo che usò lo stesso nome iniziò la sua attività vicino ad Atlanta nel 1915 per interesse di William Joseph Simmons. Questa seconda confraternita aveva l'intento di raccogliere denaro e combattere per mantenere le tradizioni statunitensi minacciate dal crescente numero di cattolici, ebrei, negri e immigrati. Questo gruppo, benché predicasse il razzismo, arrivò a contare 4 milioni di membri negli anni venti. La sua popolarità cadde prima e durante la grande depressione e fu sciolto durante la seconda guerra mondiale nel 1944 da James Colescott.
avatar
Son of the South
Caporale
Caporale

Numero di messaggi : 25
Data d'iscrizione : 19.12.08
Età : 29
Località : Umbria (TR)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  forrest il Sab 3 Gen 2009 - 23:57

Certamente i cavalieri bianchi non celebravano messe nere,visto che la religione cristiana era ed è uno dei pilastri del Klan;sinceramente questa storia dielle messe nere mi giunge nuova.Quanto ai linciaggi dei negri,si rischia di entrare in un terreno minato,a mio avviso sarebbe meglio occuparci degli aspetti militari della Guerra Civile,e lasciare fuori la politica,con tutti i suoi veleni.Mi limito a ricordare una volta di più che la storia la scrivono i vincitori.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  Bloody Bill Anderson il Dom 4 Gen 2009 - 12:16

La storia la scriveranno anche i vincitori, ma quelli del Klan erano delle sporche canaglie, dei razzisti assassini. E Forrest, prima della guerra, faceva il mercante di schiavi, mica il pizzicagnolo...
I guerriglieri sono un discorso a parte, visto che, tanto per cominciare, vi furono da entrambe le parti (i Jayhawkers nordisti non furono meno sanguinari dei Bushwackers sudisti). Certo è, che dopo la guerra molti di loro, fatto il callo all'omicidio e alla rapina, continuarono bellamente la loro carriera criminale. Alcuni nomi tra tutti: Jesse e Frank James, e il loro cuginetto Cole Younger. Ma anche i fratelli Reno, a nord, che furono i primi a tentare con successo una rapina al treno negli Stati Uniti. Per gli appassionati di fumetti, consiglio di leggere alcuni splendidi volumi della "Storia del West" del grande e compianto Gino D'Antonio:
"Kansas"
"Acque morte"
"I Guerriglieri"
"La notte dei Vigilanti"
"La stirpe di Caino"
Dimostrazione di come si possa fare fumetto d'avventura, ed allo stesso tempo divulgazione di base, che può invogliare il lettore a saperne di più.

Bloody Bill Anderson
Caporale
Caporale

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 25.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Dom 4 Gen 2009 - 14:10

Bloody Bill Anderson ha scritto:La storia la scriveranno anche i vincitori, ma quelli del Klan erano delle sporche canaglie, dei razzisti assassini. E Forrest, prima della guerra, faceva il mercante di schiavi, mica il pizzicagnolo...
I guerriglieri sono un discorso a parte, visto che, tanto per cominciare, vi furono da entrambe le parti (i Jayhawkers nordisti non furono meno sanguinari dei Bushwackers sudisti). Certo è, che dopo la guerra molti di loro, fatto il callo all'omicidio e alla rapina, continuarono bellamente la loro carriera criminale. Alcuni nomi tra tutti: Jesse e Frank James, e il loro cuginetto Cole Younger. Ma anche i fratelli Reno, a nord, che furono i primi a tentare con successo una rapina al treno negli Stati Uniti. Per gli appassionati di fumetti, consiglio di leggere alcuni splendidi volumi della "Storia del West" del grande e compianto Gino D'Antonio:
"Kansas"
"Acque morte"
"I Guerriglieri"
"La notte dei Vigilanti"
"La stirpe di Caino"
Dimostrazione di come si possa fare fumetto d'avventura, ed allo stesso tempo divulgazione di base, che può invogliare il lettore a saperne di più.

Jayhawkers e Bushwackers ebbero origine col Bleeding Kansas ed operarono solo nelle terre del Missouri e del Kansas già prima del 1860. Questa guerriglia ebbe origine dall'odio tra nord e sud e col KKK ha poco a che vedere. Come tutte le guerriglie fece in fretta a degenerare e a trasformarsi in banditismo quando ormai l'interesse per la causa per cui combattevano si spense. Sinceramente il KKK io la considero un'altra storia che ormai non ha più nulla a vedere col vecchio sud ed è a tutti gli effetti fuori dalla guerra civile. Poi come dice forrest è meglio occuparci degli aspetti militari e se proprio ci tenete a parlare di politica le cause della guerra e la stessa confederazione offrono molti spunti.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  Bloody Bill Anderson il Dom 4 Gen 2009 - 15:30

Beauregard ha scritto:
Bloody Bill Anderson ha scritto:La storia la scriveranno anche i vincitori, ma quelli del Klan erano delle sporche canaglie, dei razzisti assassini. E Forrest, prima della guerra, faceva il mercante di schiavi, mica il pizzicagnolo...
I guerriglieri sono un discorso a parte, visto che, tanto per cominciare, vi furono da entrambe le parti (i Jayhawkers nordisti non furono meno sanguinari dei Bushwackers sudisti). Certo è, che dopo la guerra molti di loro, fatto il callo all'omicidio e alla rapina, continuarono bellamente la loro carriera criminale. Alcuni nomi tra tutti: Jesse e Frank James, e il loro cuginetto Cole Younger. Ma anche i fratelli Reno, a nord, che furono i primi a tentare con successo una rapina al treno negli Stati Uniti. Per gli appassionati di fumetti, consiglio di leggere alcuni splendidi volumi della "Storia del West" del grande e compianto Gino D'Antonio:
"Kansas"
"Acque morte"
"I Guerriglieri"
"La notte dei Vigilanti"
"La stirpe di Caino"
Dimostrazione di come si possa fare fumetto d'avventura, ed allo stesso tempo divulgazione di base, che può invogliare il lettore a saperne di più.

Jayhawkers e Bushwackers ebbero origine col Bleeding Kansas ed operarono solo nelle terre del Missouri e del Kansas già prima del 1860. Questa guerriglia ebbe origine dall'odio tra nord e sud e col KKK ha poco a che vedere. Come tutte le guerriglie fece in fretta a degenerare e a trasformarsi in banditismo quando ormai l'interesse per la causa per cui combattevano si spense. Sinceramente il KKK io la considero un'altra storia che ormai non ha più nulla a vedere col vecchio sud ed è a tutti gli effetti fuori dalla guerra civile. Poi come dice forrest è meglio occuparci degli aspetti militari e se proprio ci tenete a parlare di politica le cause della guerra e la stessa confederazione offrono molti spunti.

Ciao,
Beauregard

Sono d'accordo. Comunque la crudele epopea dei guerriglieri del Middle Border con la degenerazione che portò alla nascita di vere e proprie gang criminali dopo la guerra (come, appunto, i James e i Reno), credo sia una storia appassionante, che uscita dall'ambito più specifico della guerra civile, si va ad inserire nell'affresco complessivo della storia del West.

Bloody Bill Anderson
Caporale
Caporale

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 25.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

KKK e reistenza

Messaggio  R.E.Lee il Lun 5 Gen 2009 - 18:51

forrest ha scritto:Certamente i cavalieri bianchi non celebravano messe nere,visto che la religione cristiana era ed è uno dei pilastri del Klan;sinceramente questa storia dielle messe nere mi giunge nuova.Quanto ai linciaggi dei negri,si rischia di entrare in un terreno minato,a mio avviso sarebbe meglio occuparci degli aspetti militari della Guerra Civile,e lasciare fuori la politica,con tutti i suoi veleni.Mi limito a ricordare una volta di più che la storia la scrivono i vincitori.

sono d'accordo con forrest.
dopo questo intervento non parlerò più di quest'argomento.
forrest (quello vero !), non faceva certo il pizzicagnolo,come ha detto B.Bill, ma non confondiamo il KKK da lui fondato, con le altre confraternite successive, che del KKK originale, avevano (od hanno se ne esiste ancora qualcuna), solo il nome.
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4008
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  Bloody Bill Anderson il Lun 5 Gen 2009 - 20:42

R.E.Lee ha scritto:
forrest ha scritto:Certamente i cavalieri bianchi non celebravano messe nere,visto che la religione cristiana era ed è uno dei pilastri del Klan;sinceramente questa storia dielle messe nere mi giunge nuova.Quanto ai linciaggi dei negri,si rischia di entrare in un terreno minato,a mio avviso sarebbe meglio occuparci degli aspetti militari della Guerra Civile,e lasciare fuori la politica,con tutti i suoi veleni.Mi limito a ricordare una volta di più che la storia la scrivono i vincitori.

sono d'accordo con forrest.
dopo questo intervento non parlerò più di quest'argomento.
forrest (quello vero !), non faceva certo il pizzicagnolo,come ha detto B.Bill, ma non confondiamo il KKK da lui fondato, con le altre confraternite successive, che del KKK originale, avevano (od hanno se ne esiste ancora qualcuna), solo il nome.

Sarà sicuramente così, ma che prima della guerra facesse i soldi commerciando in schiavi è innegabile. Dopodichè, come comandante di cavalleria fu fantastico, sicuramente meglio del sopravvalutato Stuart. Ma Stuart era un personaggio "romantico", è normale che si sia mitizzato lui, piuttosto che altri, magari più bravi. Per come si comportò nella campagna che portò a Gettysburg, fossi stato in Lee, l'avrei degradato a soldato semplice, al minimo! Ma questo è un'altro discorso...

Bloody Bill Anderson
Caporale
Caporale

Numero di messaggi : 16
Data d'iscrizione : 25.12.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: KKK e reistenza

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum