Generali Crittenden e McCook

Andare in basso

Generali Crittenden e McCook

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 28 Nov 2014 - 15:59

Non solo Alexander McDowell McCook e Thomas Leonidas Crittenden divennero maggior-generale lo stesso giorno, ma combatterono affianco come comandanti di corpo nell'Armata dell'Ohio e in quella del Cumberland, furono entrambi accusati da Rosecrans di aver provocato la sconfitta di Chickamauga, rimossi nel settembre del 1863 ma reintegrati per poi quasi sparire completamente dalle scene. Ho l'impressione che questi due generali siano, sopratutto nella storiografia disponibile nel nostro paese, caduti nell'oscurità a discapito di quello che potremmo definire il terzo incomodo, il generale Geore H. Thomas, e godono di una reputazione piuttosto negativa. E' giusto così o bisognerebbe rivalutare entrambi? Proprio recentemente in un libro su Chickamauga curato da Steven Woodworth appare un saggio di Ethan S. Rafuse che si occupa proprio di questo tema e dal quale ad esempio Crittenden ne esce piuttosto bene. Al contrario McCook soffre maggiormente per le pesanti perdite subite dal suo corpo a Perryville e Stones River. Qualcuno dei membri del forum si è fatto un'opinione su questi due importanti generali unionisti? Qualsiasi opinione, riflessione o domanda è gradita.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2888
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Generali Crittenden e McCook

Messaggio  George H. Thomas il Lun 8 Dic 2014 - 22:15

In effetti, la questione è interessante.
Entrambi questi comandanti sono stati inquisiti per il loro ruolo nella battaglia quali comandanti, rispettivamente, del XX (McCook) e del XXI (Crittenden) corpo, anche se va rilevato che a Chickamauga la situazione delle forze federai era tale che vi fu un notevole frammischiamento tra unità appartenenti a corpi diversi.
In ogni caso, ritengo sia legittimo sostenere che, a prescindere dalle colpe loro addossate, la loro condotta, quel fatidico 20 settembre) non è stata esente da critiche; nello stesso saggio citato da Beuregard (che ringrazio, dato che è una lettura interessante e puntuale), pur senza esentare da colpe Rosecrans, sia Crittenden che McCook (in misura diversa) vengono accusati di non aver potuto impedire, come avevano occasione di fare, l'esecuzione di quel fatale ordine che causò la falla nella linea federale attraverso cui i confederati poterono irrompere e frantumare lo schieramento nemico.
Inoltre, forse per avere una pittura completa dei background, bisogna notare che Alexander McCook faceva parte di quello che si può definire un "clan", i cosiddetti "Fighting McCooks": due fratelli, Daniel e John, e i loro tredici figli (tra cui Alexander), tutti combattenti per l'Unione, e di cui sei raggiunsero il grado di generale. Detto questo, vi sono fonti che asseriscono che McCook, per quanto personalmente coraggioso e non privo di doti intellettuali, non era all'altezza come comandante di Corpo, e che Perryville e Murfreesboro (o Stones' River) già lo dimostravano, ma l'influenza della sua famiglia avrebbe agito da protezione. Uso il condizionale perché bisogna sempre cercare un contraltare.

Riguardo al "terzo incomodo", vale a dire al generale Thomas, si può sicuramente dire che anche lui indirettamente contribuì al collasso della linea nordista, con le sue continue richieste d'aiuto; tuttavia, io sono dell'opinione che era abbastanza prevedibile (e Thomas lo aveva sostenuto vigorosamente nel consiglio di guerra tenutosi la sera del 19, mentre suggeriva di rischierare le forze per coprire meglio il fianco sinistro) che le truppe di Bragg si sarebbero concentrate soprattutto sul vitale fianco sinistro nordista, scardinato il quale le comunicazioni con Chattanooga sarebbero state tagliate, e l'Armata del Cumberland si sarebbe trovata a un passo dal disastro, se non altro dal punto di vista logistico. Pertanto, era anche da considerare come probabile che si sarebbe dovuto provvedere, nel corso del 20, a rinforzare ulteriormente il fianco sinistro, e che quindi era necessario prepararsi a farlo senza incorrere in errori pericolosi, quale quello che si verificò.
Inoltre, una delle doti che a un generale si richiede è quella di essere capaci di adattarsi a situazioni notevolmente fluide e che possono diventare critiche da un momento all'altro. Sia Crittenden che McCook si trovarono in mezzo a masse di soldati terrorizzati braccati dai nemici, e bisogna riconoscere che scene come queste possono uccidere un comandante; essi tentarono di radunarli e di riformare una linea di resistenza e fallirono. Thomas si trovava ancora in mezzo a soldati ancora saldi e ancora determinati a combattere; però la sua situazione non appariva affatto positiva. Uno scenario in cui mezza Armata si era liquefatta (assieme a una parte rilevante dell'artiglieria) ha buone possibilità di scuotere un generale; bisogna riconoscere invece che Thomas dette prova di una notevole fermezza, e, soccorso molto opportunamente da Granger, riuscì a respingere i successivi assalti (che del resto lui giudicò come "senza metodo", e in effetti vi è forse da considerare che un coordinamento maggiore da parte dei confederati avrebbe potuto ottenere il successo definitivo a questo punto). Lo stesso sito aotc.net (che è decisamente pro-Thomas) ammette che essenzialmente Thomas per tutto il pomeriggio del 20 non fece che "bluffare" contro un nemico che era molto superiore a lui per numero, per riuscire a mantenere saldo il suo schieramento finché non fosse possibile sganciarsi.

Comunque, questo argomento merita una più approfondita discussione.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Generali Crittenden e McCook

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Lun 8 Dic 2014 - 23:03

A proposito di McCook, viene spesso criticato per la performance di Perryville peró non trovo che si sia comportato così male quel giorno. Eccetto alcuni errori nello schieramento e la mancanza di comunicazione, fu lui a subire il grosso dell'assalto confederato e nonostante venne lasciato solo riuscì ad evitare il collasso della linea federale.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2888
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Generali Crittenden e McCook

Messaggio  George H. Thomas il Mar 9 Dic 2014 - 0:22

P.G.T. Beauregard ha scritto:A proposito di McCook, viene spesso criticato per la performance di Perryville peró non trovo che si sia comportato così male quel giorno. Eccetto alcuni errori nello schieramento e la mancanza di comunicazione, fu lui a subire il grosso dell'assalto confederato e nonostante venne lasciato solo riuscì ad evitare il collasso della linea federale.

Ciao

E' vero che McCook a Perryville si trovò a dover far fronte da solo all'attacco principale confederato, però a me sembra che la sua condotta sia stata abbastanza passiva. E mi sembra strano che Buell, che era a circa 5 km da Perryville, abbia ricevuto la nuova che una battaglia era in corso solo alle 4 del pomeriggio, quando questa era iniziata alle 12 e trenta.

Ho trovato qui il rapporto di McCook sulla battaglia.
Mi sembra decisamente strano che, dichiarandosi di essersi reso conto alle 2 e trenta di essere stato assalito da un nemico "tre volte superiore di numero" (dichiara), solo alle 3 manda un ufficiale del suo stato maggiore a chiedere rinforzi al più vicino comandante (che si rivelò essere Schoepf, che lo comunicò a Gilbert, che fece conoscere a Buell).
Non voglio dare giudizi azzardati e prematuri, ma a me questo comportamento lascia un pò perplesso...
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Generali Crittenden e McCook

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum