Il Generale Custer

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Banshee il Gio 9 Feb 2012 - 11:46

HARDEE ha scritto:Signori, buongiorno!

Non si può trovare una giustificazione, ma solo constatare che i massacri sono comuni a tutte le epoche.
Disse un cinico dittatore del secolo scorso : << Un morto è una tragedia, un milione di morti sono una statistica>>.


Hardee

Caro Hardee,

che ogni epoca porti con sé lutti e tragedie, non v'è dubbio. Così come nessuna nazione e nessun popolo siano esenti da colpe. On va à la guerre, comme à la guerre, dicono i francesi. Benissimo. E' nella natura umana e un ridicolo pacifismo non lo ha mai capito, illuso com'era e com'è dal mito del buon selvaggio di settecentesca memoria. Però, ci sia risparmiata l'ipocrisia delle guerre sante e giuste, dei morti di serie A e B e la fanfara dei liberatori. Tutti, nessuno escluso, hanno di che riflettere.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Generale Meade il Gio 9 Feb 2012 - 12:02

Banshee ha scritto:Anzitutto faccio notare che l'abitudine di scalpare il corpo del nemico, fu - ahimé - un'invenzione degli "affamatii" (sic!) pionieri e coloni bianchi (in realtà molto spesso una massa abbruttita di gente che pensava che gli indiani fossero poco meglio di animali addomesticati e si potesse fare ciò che si desiderava con loro), costume che i pellerossa applicarono a loro volta come vendetta. Se il corpo di Custer fu risparmiato, fu solo, probabilmente, per poterlo esporre come trofeo di vittoria. Che i nativi avessero rispetto per Custer, mi suona nuovo: l'appellattivo con cui lo chiamavano gli indiani era "il figlio della stella del mattino", in onore (si fa per dire) dell'abitudine - assai poco onorevole, ma molto efficace - del militare americano di assaltare i villaggi indaini alle prime luci dell'alba, allorquando i guerrieri se ne stavano a dormire. Custer non solo meritava di essere processato, ma di essere impiccato seduta stante sul pennone più alto. Ma si sa bene di quale ipocrisia gli americani siano capaci: allorquando erano i soldati nemici a compiere azioni riprovevoli, essi andavano tutti processati e condannati (Norimberga e dintorni insegnano); ma se erano loro a compiere massacri o azioni ingiustificate (si veda i massacri dei militari italiani ordinati in Sicilia nel 1943, volendo tralasciare tutto il resto: e ve ne sarebbe da dire) allora si mettevano i militari responsabili in congedo o in breve periodo di malattia psichica o si istruivano processi farsa con condanne ridicole (ci ricordiamo tutti della tragedia del Cermis spero). Insomma due pesi e due misure. I tardivi e del tutto inutili tentativi di porgere le loro scuse (a oltre 100 anni dagli avvenimenti) ai nativi americani oltre a dimostrare ancora una volta l'ipocrisia tipicamente anglosassone, suonano come una beffa e presa in giro (e modero il linguaggio per decenza). L'indecenza davvero non ha limiti.

Banshee

Posso assicurare che i nativi non solo scalpavano senza bisogno che lo insegnassero loro i "bianchi", ma come monili per le loro collana usavano parti del corpo dei loro nemici (esistono foto). Chi veniva dall'europa con le "pezze" nei "vestisti" (eufemismo), sapeva a malapena che esistevano i pellerossa nella "terra promessa".
Per il resto, posso assicurare che, in quanto a ipocrisia, noi europei dobbiamo ancora insegnane le fondamenta agli americani...

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 9 Feb 2012 - 12:11

Ho espresso sicuramente male il mio pensiero riguardo a Custer. Non volevo fare un discorso sul genocidio o presunto genocidio dei nativi americani, non mi sembra questa la sede adatta: su quest'ultimo aspetto vi sono responsabilità politiche ben più gravi che vanno molto oltre al comportamento tenuto da Custer in battaglia che, ripeto, non ha fatto altro che uniformarsi agli standards dell'epoca dove imperava la regola (chiaramente inaccettabile) che l'unico indiano buono era quello morto".
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  HARDEE il Gio 9 Feb 2012 - 12:17

Signori, buongiorno!

I nativi americani più che la guerra praticavano la guerriglia e in questi casi è difficile individuare il nemico, inoltre il loro modo di razziare e di colpire era particolarmente efferato, attuato con lo scopo di spaventare i coloni e impedirne l'arrivo, tattica che non ebbe successo, perché spesso i coloni furono più feroci dei nativi.
Inoltre, per la cultura dei nativi ,uccidendere un membro della stessa o di un' altra tribù significava iniziare una faida che poteva durare anni, quindi anche un bambino poteva essere un futuro nemico e pertanto veniva o adottato o ucciso ; i nativi non fecero altro che applicare lo stesso sistema con i coloni che di sicuro non potevano capirne le ragioni.
Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 9 Feb 2012 - 12:29

Signori, stiamo andando tutti fuori tema. Per quanto riguarda Custer, limitiamoci a parlarne limitatamente al periodo della ACW.

Il Moderatore
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Giancarlo il Gio 9 Feb 2012 - 13:12

George Armstrong Custer ha scritto:Signori, stiamo andando tutti fuori tema. Per quanto riguarda Custer, limitiamoci a parlarne limitatamente al periodo della ACW.

Il Moderatore

Mi rifaccio al consiglio del nostro amico Custer amministratore e premettendo di non essere ne' un fan e ne' un denigratore di Custer (quello vero), ritengo sia stato uno dei migliori comandanti di cavalleria unionisti, almeno a livello di brigata. A Gettysburg fu impiegato come pedina di Gregg sconfiggendo quasi da solo la cavalleria di Stuart e come descritto dall'amico Early, unitamente a Merrit, nella valle dello Shenandoa fece ottime cose.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 56
Località : Ferrara

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  HARDEE il Gio 9 Feb 2012 - 14:43

Giancarlo ha scritto:
George Armstrong Custer ha scritto:Signori, stiamo andando tutti fuori tema. Per quanto riguarda Custer, limitiamoci a parlarne limitatamente al periodo della ACW.

Il Moderatore

Mi rifaccio al consiglio del nostro amico Custer amministratore e premettendo di non essere ne' un fan e ne' un denigratore di Custer (quello vero), ritengo sia stato uno dei migliori comandanti di cavalleria unionisti, almeno a livello di brigata. A Gettysburg fu impiegato come pedina di Gregg sconfiggendo quasi da solo la cavalleria di Stuart e come descritto dall'amico Early, unitamente a Merrit, nella valle dello Shenandoa fece ottime cose.

Senza nulla togliere al nostro Custer, ma non credo che il vero Custer fosse un brillante stratega, coraggioso sì!, ma credo che le vittorie debbano essere attribuite ad altri; vittorie a cui comunque lui diede un valido contributo.

Hardee


avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Generale Meade il Gio 9 Feb 2012 - 15:47

Giancarlo ha scritto:
George Armstrong Custer ha scritto:Signori, stiamo andando tutti fuori tema. Per quanto riguarda Custer, limitiamoci a parlarne limitatamente al periodo della ACW.

Il Moderatore

Mi rifaccio al consiglio del nostro amico Custer amministratore e premettendo di non essere ne' un fan e ne' un denigratore di Custer (quello vero), ritengo sia stato uno dei migliori comandanti di cavalleria unionisti, almeno a livello di brigata. A Gettysburg fu impiegato come pedina di Gregg sconfiggendo quasi da solo la cavalleria di Stuart e come descritto dall'amico Early, unitamente a Merrit, nella valle dello Shenandoa fece ottime cose.

Quoto in toto!!!

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Giancarlo il Gio 9 Feb 2012 - 17:24

HARDEE ha scritto:
Giancarlo ha scritto:
George Armstrong Custer ha scritto:Signori, stiamo andando tutti fuori tema. Per quanto riguarda Custer, limitiamoci a parlarne limitatamente al periodo della ACW.

Il Moderatore

Mi rifaccio al consiglio del nostro amico Custer amministratore e premettendo di non essere ne' un fan e ne' un denigratore di Custer (quello vero), ritengo sia stato uno dei migliori comandanti di cavalleria unionisti, almeno a livello di brigata. A Gettysburg fu impiegato come pedina di Gregg sconfiggendo quasi da solo la cavalleria di Stuart e come descritto dall'amico Early, unitamente a Merrit, nella valle dello Shenandoa fece ottime cose.

Senza nulla togliere al nostro Custer, ma non credo che il vero Custer fosse un brillante stratega, coraggioso sì!, ma credo che le vittorie debbano essere attribuite ad altri; vittorie a cui comunque lui diede un valido contributo.

Hardee



Certo Hardee, infatti ho specificato a livello di brigata. Divisionari la cavalleria unionista ne ha enumerati di molto migliori: Sheridan, Buford, Gregg, Grierson.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 56
Località : Ferrara

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  HARDEE il Gio 9 Feb 2012 - 19:44

Giancarlo ha scritto:

Certo Hardee, infatti ho specificato a livello di brigata. Divisionari la cavalleria unionista ne ha enumerati di molto migliori: Sheridan, Buford, Gregg, Grierson.


Toto corde! Caro Giancarlo, ma io ho parlato di strateghi, non di gradi militari.


Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  vittorio migliavacca il Lun 13 Feb 2012 - 21:17

Nonostante nutra poca stima nei confronti di Custer( l'originale) devo ammettere che la sua personalità, complessa e contraddittoria, mi ha da sempre attratto.
Sin dai tempi dell'accademmia, la sua esistenza fu movimentata e violenta, pratica e poco riflessiva.Raggiunse il sospirato diploma, qualcuno sostiene, grazie a protezioni influenti, mentre altri sostengono per meriti e capacità che il giovane Custer in realtà possedeva.
La letteratura che tratta la figura di Custer è praticamente sterminata e all'interno di essa possiamo trovare i pareri più discordanti, i paragoni più azzardati e le narrazioni più fantasiose. Fu certamente agevolato dalla situazione contingente, nessuno può negarlo.
Fu amato da pochi e odiato da molti, ma possedeva una capacità fondamentale per un capo, quella di farsi capire dai subordinati. Raggiunse una popolarità forse superiore ai meriti che la determinarono e ciò grazie alla spasmodica ricerca della fama, del successo e della gloria, tratto costante della sua esistenza.
La stima che egli ebbe di se stesso fu infinita.
Studente mediocre e soldato dedito alla routine, ma certamente coraggioso, purtroppo sino all' incoscienza e all'avventatezza.
Non teneva molto in considerazione la vita dei suoi soldati, ma sapeva guidare una carica restando in sella davanti a tutti e non al riparo nelle retrovie.
Personaggio assistito in molte circostanze da eventi favorevoli, ma capace di bloccare con decisione e fermezza la cavalleria nemica.
Custer riuscì finalmente a raggiungere ciò per cui aveva vissuto, la fama e la gloria, in uno degli episodi meno significativi, storicamente parlando, di tutta la sua vita: Little Big Horn.
Morì certamente in modo glorioso, accanto ai suoi soldati; forse per aver commesso errori, forse per essere stato troppo avventato, o per mille altri motivi, ma ciò che conta rimase sino all'ultimo al suo posto. Fu un eroe? Un temerario? Un incosciente?
Forse. O forse nulla di tutto ciò.
Sicuramente una leggenda.

Ciao Granny

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

La Custer's "luck"

Messaggio  Generale Meade il Mar 19 Feb 2013 - 11:55

Custer era considerato durante la CW un uomo fortunato. Considerando le numerose operazioni militari in cui fu protagonista, la maggior parte delle quali si offrì volontario, la cosa non sorprende.

Ma in un caso fu particolarmente fortunato. Era il 17 giugno 1863. Custer sino a quel giorno era stato solo un capitano di cavalleria che cercava disperatamente di far carriera senza tanta fortuna. A mezzogiorno la brigata unionista del colonello Kilpatrick venne bloccata dalla brigata di cavalleria del generale confederato F. Lee, al passo di Aldie, che immetteva nella Shenandoah Valley. Dopo alcune ore di combattimento i nordisti non erano riusciti a sbrogliare la situazione e cominciavano a cedere. Era pomeriggio inoltrato quando intervenne il 1° cavalleria volontario del Maine, con al comando il colonello Douty, che salvò in parte la situazione caricando sul fianco gli squadroni della cavalleria confederata, anche se la battaglia rimaneva ancora incerta. Pur dando il massimo, sia Kilpatrick che Douty non riuscivano ad uscire dall'impasse. Fu in quel momento che sbucò dalla massa dei combattenti il giovane capitano Custer, con in testa un cappellaccio di paglia a larghe tese -regalatogli quel giorno stesso casualmente da un contadino- e con i lunghi riccioli biondi che svolazzavano sulle spalle. Roteando la spada in aria e gridando "Avanti ragazzi" - "Forza ragazzi" fu affiancato immediatamente da Kilpatrick e Douty. Tale spettacolo diede una poderosa sferzata al resto dei compagni che, vedendo caricare da soli i loro comandati verso il nemico, non mancarono di seguirli all'unisono urlando la carica come forsennati. Douty fu subito ucciso, mentre Kilpatrick si ritrovò a terra con il cavallo che stramazzava al suolo ucciso. Rimaneva solo Custer che continuava a galoppare ventre a terra e a urlare come un dannato. Ad un certo punto si ritrovò solo circondato dai cavalleggeri confederati che lo scrutavano incerti per via del cappellaccio di paglia - che lo faceva sembrare uno di loro - e anche per via della sua divisa logora e trasandata. Solo un cavalleggero confederato provò a bloccarlo urlando ai suoi compagni di abbatterlo perchè era uno yankee, ma Custer, prontamente, riuscì a liberarsene a colpi di sciabola e a tornare velocemente al galoppo nelle sue linee.

Il 29 giugno di quello stesso mese il capitano Custer accettava la nomina a generale.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Battaglia di Waynesboro

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 2 Mar 2013 - 10:34

Oggi ricorre l'anniversario della Battaglia di Waynesboro -avvenuta il 2 marzo 1865- dove le forze dell'Unione, comandate dal generale George A. Custer, misero in rotta le truppe del generale confederato Jubal Early, mettendo fine alla lotta nella Shenandoah Valley.
Dopo il disastro confederato durante la battaglia di Cedar Creek nel mese di ottobre 1864, i resti delle truppe di Early indugiarono nell'estremità meridionale della valle durante l'inverno del 1864 e 1865. Il generale Ulysses S. Grant ordinò al generale Philip Sheridan di spostarsi più a ovest e di distruggere una ferrovia nel sud-ovest della Virginia. Come Sheridan si diresse lì, Early inviò la cavalleria- con pochi uomini, in verità- del generale Thomas Rosser al fine di bloccare il suo cammino.
Il 1 ° marzo, Rosser- per altro molto amico di Custer e suo compagno a West Point- diede fuoco a un ponte lungo il fiume Shenandoah, ma Custer che guidava le unità avanzate dell'esercito di Sheridan, spense il fuoco prima che il ponte fosse distrutto. Il giorno dopo, Custer seguì gli ordini di Sheridan e inseguì la maggior parte della forza di Early, che contava circa 2.000 uomini. Custer trovò i Confederati trincerati lungo un crinale in prossimità di Waynesboro. Parte dell'esercito yankee si rivolse contro le posizioni Confederate, mentre il resto delle forze Nordiste scivolarono inosservate attraverso un bosco che si trovava tra la linea di Early e il River South. Custer diede l'ordine nel tardo pomeriggio e le truppe dell'Unione uscirono dal bosco e si diressero contro le trincee confederate dal retro.
In breve tempo, l'80 per cento dei confederati furono catturati e solo nove soldati federali furono uccisi. Ciò segnò la fine della presenza confederata nella Shenandoah Valley.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

La battaglia di Brook Tom

Messaggio  Generale Meade il Lun 8 Apr 2013 - 11:21

Dopo aver distrutto qualunque cosa potesse essere di una qualche utilità per la Confederazione nella Shenandoah Valley, il 6 ottobre 1864 il generale Sheridan prese a ritirarsi continuando nella sua opera distruttrice. La cavalleria unionista era stata messa di retroguardia, con il gen. W. Merritt all'ingresso della valle e Custer a est, sulla collina di Little North Mountain. Gli unionisti erano tormentati dalla cavalleria confederata, comandata dai generali Lunsford L. Lomax e Thomas L. Rosser (quest'ultimo, come ricordato dal ns. Custer, amico e compagno a West Point di Custer), che li pungolava da presso, attaccando in modo esasperante e sparando continuamente.
Sheridan perse la pazienza e ordinò alla sua cavalleria di impegnarsi in battaglia fino allo stremo contro la cavalleria confederata. A Custer non par vero di cimentarsi in azione. Riconosciuto il suo amico Rosser, si inchinò in modo cavalleresco per salutarlo prima di attaccare.

Un disegno dell'epoca.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

La vallata era ampia e libera da staccionate ferroviarie, terreno ideale per uno scontro tra cavallerie nemiche. Reppentinamente Custer si fiondò contro il nemico che si trovava proprio di fronte a lui, seguito dai suoi uomini che sciabolando e urlando come forsennati intrapresero una manovra a semicerchio che circondò la cavalleria di Rosser prima che questi si rendesse conto di cosa stesse accadendo. Bloccati dal nemico che impediva loro di avanzare ai confederati non rimase che un'unica via di scampo offerta dietro un campo aperto, iniziando una ritirata di ventisei miglia al galoppo verso Mount Jackson che passò alla storia come "The Races Woodstock".

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Capitano Sally il Ven 28 Mar 2014 - 17:47

A proposito del Gen Custer. Oggi in rete ho trovato questa foto "ricolorata" del Gen Custer durante la ACW
Che ne pensate della ricolorazione?
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

avatar
Capitano Sally
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 60
Data d'iscrizione : 21.11.08
Località : Modena

Visualizza il profilo dell'utente http://www.arsdimicandi.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 28 Mar 2014 - 18:24

Ben ritrovata Capitano!
I cappelli dovevano colorarli di nero.
Il blu delle giacche dovrebbe essere più scuro a mio parere.
Comunque nel complesso la foto è carina.

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3346
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  R.E.Lee il Ven 28 Mar 2014 - 18:39

La foto mi piace  Very Happy , per le imperfezioni valgasi il parere dell'illustre Benny!! Smile 

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3995
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Generale Meade il Ven 28 Mar 2014 - 19:59

Bentornata Cap. Sally  Very Happy . Bellissima foto!!!


Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Lun 31 Mar 2014 - 0:44

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Ben ritrovata Capitano!
I cappelli dovevano colorarli di nero.
Il blu delle giacche dovrebbe essere più scuro a mio parere.
Comunque nel complesso la foto è carina.

Claudio

Concordo, hanno sbagliato tonalitá dei blu e anche le calzature erano da fare nere.

Sbaglio o quel cane appare anche in altre foto di Custer?

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2853
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Capitano Sally il Mar 1 Apr 2014 - 9:36

Ecco l'originale della foto in B/N, proviene da qui
http://hd.housedivided.dickinson.edu/main/index.php?q=node/33813

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

avatar
Capitano Sally
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 60
Data d'iscrizione : 21.11.08
Località : Modena

Visualizza il profilo dell'utente http://www.arsdimicandi.net

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Lun 22 Set 2014 - 22:24

Un'altra foto di Custer e Libbie, questa fu scattata in Texas nel 1865:

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Claudio

avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3346
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Il Generale Custer

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 4 di 4 Precedente  1, 2, 3, 4

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum