L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Ospite il Mer 12 Mag 2010 - 19:02

George Armstrong Custer ha scritto:A mio avviso,tutte queste polemiche su West Point, durante la guerra, da parte dell'ala politica radicale presente nel partito Repubblicano erano esclusivamente strumentali. Penso che l'attacco era rivolto alla conduzione della guerra da parte di Lincoln, era quindi un tentativo di esercitare un maggiore peso politico.West Point e gli ufficiali usciti da detta Accademia erano solo degli elementi di un ingranaggio più vasto.In realtà,si trattava di una vera e propria lotta di potere tra le varie correnti politiche del partito Repubblicano.Si criticava West Point per attaccare i militari di carriera e ,in ultima analisi,per arrivare a denigrare Lincoln.

Fondamentalmente della conduzione della guerra non era contento nessuno, sia a Nord che a Sud. Gli attacchi ai due presidenti da parte delle rispettive fazioni furono l'unica costante di tutto il Conflitto. Nel caso specifico, West Point fu presa a mò di esempio lampante da coloro (e non si parla di appartenenze politiche, ma addirittura ideologiche) che avrebbero voluto marciare sul Meridione in armi sul Meridione già da anni e, come cassandre, vedevano ogni cosa come una pericolosa concessione ai meridionali. Gongolarono allos coppio del conflitto quasi a voler dire "noi lo avevamo detto" senza però voler comprendere che se i toni fossero stati abbassati da tutte le parti ben prima e non si fosse arrivati alla radicalizzazione delle rispettive posizioni, forse una soluzione meno cruenta si poteva trovare. La stessa pretestuosità dell'attaccare West point parlando dei suoi finanziamenti federali ha del divertente in quanto, come ricorda Lee, le tasse alla federazione erano pagate anche dal Sud e quindi i meridionali avevano il pieno diritto di veder addestrati propri ragazzi come ufficiali. Cosa doveva dire il Meridione? Tenetevi gli ufficiali ma restituiteci tutte le tasse versate alla federazione da quando esistono gli Stati Uniti? Non credo sia realistico, così come non era realistica l'accusa di tradimento visto che tutti gli allievi e gli ufficiali non si resero protagonisti di diserzione ma ci tennero a presentare le proprie dimissioni e solo da privati cittadini arruolarsi nelle forze confederate.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  R.E.Lee il Gio 13 Mag 2010 - 10:38

...ed ha riprova che il comportamento dei cadetti sudisti di west point fù, dal punto di vista etico corretto, nessuna pena o sanzione gli venne cominata al termine del conflitto. per quanto ne sappia io..


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3948
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 13 Mag 2010 - 18:44

Volevo informare i colleghi del forum che il dibattito al Senato USA sulla Risoluzione N. 611 che riguardava i finanziamenti da approvare per West Point, è stato tratto dai giornali dell'epoca.Il dibattito è stato molto più lungo e variegato rispetto al resoconto che ho postato. Ho cercato di riassumere i punti essenziali.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  vittorio migliavacca il Gio 13 Mag 2010 - 22:57

Un esempio di grande serietà e correttezza ci viene da John Pelham, cadetto a W.P. nella classe del 1861, il quale rassegnò le dimissioni nel maggio del 1861 a sole due settimane dai gradi, per correre a servire il suo Paese e a morire per esso il 17 marzo 1863 a soli 24 anni.

Granny

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 14 Mag 2010 - 13:33

A difesa dell’Accademia, prima del dibattito in Senato, si mosse anche Sylvanus Thayer,chiamato “The father of West Point”.
Thayer era stato Sovrintendente di West Point per lungo tempo, dal 1817 al 1833, ed era considerato colui che aveva riformato la scuola, portandola ad altissimi livelli di eccellenza (nei primi post del presente topic si parla di lui e della sua opera in Accademia).
Thayer,per il suo passato, era considerato una persona autorevole; nonostante avesse quasi 80 anni era ancora molto battagliero e si mosse in modo giusto per salvare la scuola dagli attacchi dei radicali repubblicani. Egli riuscì a portare dalla sua parte e quindi dalla parte dell’Accademia,il potente senatore John Sherman, fratello di “zio Billy". Il sen.Sherman si diede a sua volta molto da fare per cercare di neutralizzare le opposizioni che la Risoluzione N.611 avrebbe incontrato in Senato.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 14 Mag 2010 - 18:49

Riallacciandomi al post del ns.Vittorio,per i cadetti provenienti dal Sud che diedero le dimissioni dall'Accademia nel periodo 1860-61,non fu affatto un momento facile. Il cadetto Pierce Young, della Georgia, così scrisse ai genitori: "voi non vi rendete conto che sacrificio comporti dare le dimissioni dall'Accademia;è duro buttar via un diploma della più prestigiosa istituzione del mondo,tanto più quando il diploma è ormai alla portata di mano e voi sapete che esso mi avrebbe fornito una posizione di privilegio qualunque fosse la professione da me scelta.....".

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Ospite il Sab 15 Mag 2010 - 17:46

Questo dimostra anche che coloro che decisero dil asciare West Point lo fecero solo dopo una attenta riflessione, spinti da un grande amor patrio che li ha portati a sacrificare un futuro certo e florido per uno praticamente ignoto e del tutti motivati a vincere l'imminente conflitto.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  vittorio migliavacca il Sab 15 Mag 2010 - 21:15

Tra i cadetti si instaurava una relazione molto profonda, un rapporto di fratellanza, di unione, di appartenenza.
W.P. lasciava un marchio perpetuo sui suoi figli e la frequentazione dell'accademmia distingueva gli ufficiali. Provenire da W.P. significava essere un ufficiale di serie A. Abbandonare tutto ciò, a un soffio dai gradi, fu sicuramente molto doloroso per i cadetti del Sud, ma rappresentò la scelta più corretta, che, al contrario di quanto scrissero e dissero molti nordisti, contribuì ad aumentare il prestigio personale e la grandezza morale di chi fece tale dolorosa scelta.
Come si sa i genitori non si possono ripudiare e nonostante le scelte fatte dai giovani sudist essi rimasero per sempre figli di W.P.


Ciao Granny

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 17 Mag 2010 - 12:48

Durante la permanenza in Accademia, si sviluppava un profondo spirito di corpo tra gli allievi, pur nella competizione reciproca, solidarietà che continuava anche durante il servizio come ufficiali e nella vita sociale. In Accademia vigeva, imposta dai vertici della scuola medesima,uno spiccato senso di medesima uguaglianza tra gli allievi,tant’è vero che le differenze di censo o di estrazione sociale degli allievi contavano poco, in quanto essi venivano messi tutti sullo stesso piano.
Vi era-e credo che vi sia ancor oggi- un’associazione ex allievi dell’Accademia, chiamata WPPA (West Point Protective -o postgraduate- Association) istituzione che, pur non esistendo ufficialmente, era molto potente e aiutava gli ex cadetti che si trovavano in difficoltà. Detta associazione contava parecchio nella società,sia militare che civile, D’altronde,la stragrande maggioranza degli ex allievi di West Point raggiungevano posizioni elevate in entrambe le società e concorrevano nel darsi aiuto reciproco in caso di bisogno. Le amicizie che si formavano durante i corsi duravano generalmente tutta una vita.
Anche quando l’Accademia venne lacerata dalla guerra civile,le amicizie contratte nella scuola tra cadetti provenienti dal Nord e quelli provenienti dal Sud,a parte poche eccezioni, non vennero mai meno, anche se essi si trovarono a combattere su fronti contrapposti e quindi i rapporti di amicizia dovettero essere, per forza di cose, interrotti. Per es., George A.Custer, durante il corso in Accademia, aveva stretto amicizia con alcuni cadetti del Sud, amicizie che non furono messe in discussione durante la guerra civile e anzi,continuarono nel dopo-guerra.
Sicuramente,durante il dibattito in Senato per l'approvazione della più volte citata Risoluzione N.611, la WPPA avrà mosso i suoi passi negli ambienti giusti al fine di non far chiudere l'Accademia.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  vittorio migliavacca il Lun 17 Mag 2010 - 17:33

Nonostante le bufere che W.P. dovette superare, mi sembra che fu una delle poche istituzioni che mise veramente una pietra sulla guerra, accogliendo nuovamente tutti i cadetti provenienti dal Sud.
Chiedo al ns. Custer, o a chi sappia qualcosa in merito, di confermare o di smentire.

Granny

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Ospite il Lun 17 Mag 2010 - 17:42

Il dibattito sulla riammissione o l'ammissione di cadetti meridionali fu molto acceso e l'ammissione vera e prorpia di meridionali si ebbe solo a partire dal 1868. Per la cronaca, il primo negro (che tra l'altro era del Sud) fu ammesso all'Accademia solo nel 1870 per esser poi maltrattato e buttato fuori nel 1874. Si vede che gli Stati Uniti emancipati avevano meno da discutere sull'ammissione di gente che aveva loro sparato addosso pochi anni prima rispetto all'ammettere gente per la quale, secondo la teoria propagandistica, avevano sparato addosso a coloro contro i quali avevano fatto guerra...

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 17 Mag 2010 - 19:07

Confermo, dal sito ufficiale di West Point risulta che i cadetti del Sud furono riammessi in Accademia nel 1868,anche se cadetti provenienti dal Sud,ma figli di ufficiali dell'Unione di stanza nel sud, furono riammessi subito dopo la guerra.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  vittorio migliavacca il Lun 17 Mag 2010 - 20:18

Se pensiamo a quanto durò la repressione nel Sud del dopoguerra( 1876 almeno) il 1868 fu una buona data

Granny

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Ospite il Lun 24 Mag 2010 - 18:16

Fondamentalmente non era possibile tenerli fuori ancora per molto altro tempo. Lincoln aveva sempre parlato di "fratelli separati" e se non fosse stato permesso a meridionali di rientrare a West Point questo, unitamente alla contemporanea divisione in distretti militari del meridione con relativa occupazione, avrebbe fatto detestare le forze armate statunitensi virtualmente all'infinito al Sud.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 5 Lug 2010 - 13:51

John Calhoun, il grande uomo politico del Sud,una volta disse che gli ufficiali usciti da West Point erano destinati a guidare grandi eserciti; egli probabilmente non credeva o non si immaginava che i predetti si sarebbero trovati a guidarli l’uno contro l’altro.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 12 Dic 2010 - 14:21

Come sappiamo, George A. Custer e George Pickett si sono diplomati a West Point classificandosi ambedue all'ultimo posto delle rispettive graduatorie finali, i cd. Goats. Pickett nella classe del 1846- dove uscirono anche McClellan e Stonewall Jackson- Custer nella classe del 1861. Però, entrambi, volenti o nolenti secondo i propri punti di vista, sono usciti famosi dalla guerra civile. Vi segnalo, al riguardo, che un libro affronta appunto la questione degli ultimi della classe a West Point. E' interessante notare - scrive l'autore- come gran parte della storia USA sia imperniata sulle azioni intraprese dai goats di West Point.
http://www.amazon.com/Last-Their-Class-Custer-Pickett/dp/159403141X
Vi è anche un capitolo dedicato a Jefferson Davis, futuro presidente CSA, finito davanti alla Corte Marziale di West Point per ubriachezza.
http://lastintheirclass.com/Davis.html
Si parla anche della sezione degli Immortali dove erano inclusi i cadetti che avevano delle deficienze, tra i quali vi erano James Longstreet e Fitz Lee.
Anche i futuri comandanti dell'Unione quali Grant, Sherman, Sheridan non erano stati studiosi di estrema grandezza.


_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  R.E.Lee il Lun 13 Dic 2010 - 10:37

Caro George,
come spesso succede, dalla teoria alla pratica c'è una bella differenza !!!! Very Happy


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3948
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 13 Dic 2010 - 14:50

Sono perfettamente d'accordo con l'intervento del ns Lee: una cosa è la teoria, una cosa è la pratica.
Aggiungo solo -come è stato evidenziato in altri post- che il fatto di classificarsi ultimi nella graduatoria finale degli esami a West Point va considerato come un giudizio unicamente comparativo rispetto agli allievi che si classificano meglio in detta graduatoria. L'Accademia, essendo una scuola molto dura e selettiva per tutta la durata del corso, poneva agli allievi medesimi degli standars molto elevati e, pertanto, il fatto di riuscire a diplomarsi, anche classificandosi agli ultimi posti della graduatoria, era già un indice sufficiente di capacità. Quindi, a mio avviso, non andrebbe sicuramente emesso un giudizio negativo sugli allievi di West Point che si classificano per ultimi; a prescindere dal loro successivo comportamento in servizio che può essere a volte- come abbiamo visto- migliore dei primi classificati.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Mason&Dixon il Lun 13 Dic 2010 - 15:47

George Armstrong Custer ha scritto: Sono perfettamente d'accordo con l'intervento del ns Lee: una cosa è la teoria, una cosa è la pratica.
Aggiungo solo -come è stato evidenziato in altri post- che il fatto di classificarsi ultimi nella graduatoria finale degli esami a West Point va considerato come un giudizio unicamente comparativo rispetto agli allievi che si classificano meglio in detta graduatoria. L'Accademia, essendo una scuola molto dura e selettiva per tutta la durata del corso, poneva agli allievi medesimi degli standars molto elevati e, pertanto, il fatto di riuscire a diplomarsi, anche classificandosi agli ultimi posti della graduatoria, era già un indice sufficiente di capacità. Quindi, a mio avviso, non andrebbe sicuramente emesso un giudizio negativo sugli allievi di West Point che si classificano per ultimi, a prescindere dal loro successivo comportamento in servizio che può essere comunque- come abbiamo visto- migliore dei primi classificati.


Volevo aggiungere, essendo d'accordo con i ns. Lee e Custer, qui entriamo nel campo intricato del valore dato alla meritocrazia. E' difficile, secondo me, capire il significato vero del corretto agire meritocratico; il termine meritocrazia si presta infatti a molteplici interpretazioni.
Semplicemente, a West Point dopo tanta sana teoria il cadetto ufficiale più bravo poteva diventare, nella pratica quotidiana della successiva vita militare, il peggiore ufficiale mai formato. L'ultimo cadetto ufficiale della classe, viceversa, si sarebbe rivelato un futuro generale.


M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 18 Dic 2012 - 12:13

Chiunque abbia visto il film Gettysburg conosce la leggendaria fratellanza tra il generale Conf. Armistead e il gen. Unionista Hancock; ma durante la permanenza di Hancock a West Point, egli era stato amico anche di altri futuri generali Confederati quali George Pickett, James Longstreet e D.H.Lawrence Hill.
Hancock strinse anche amicizia a West Point con Grant, George MeClellan, Don Carlos Buell, Ambrose Burnside.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  R.E.Lee il Mar 18 Dic 2012 - 21:25

Con "quasi" tutti i futuri Generali direi!! What a Face


Lee (Io invece il "Sor" Hancock non l'ho conosciuto....) confused
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3948
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 13 Gen 2013 - 19:01

I generali dell'Acw che si sono diplomati a West Point ed il loro relativo corso:
http://sunsite.utk.edu/civil-war/wpclasses.html

Alcune curiosità:
il gen. Longstreet si è classificato 54° su 56 graduati e quindi anche lui stava in fondo della graduatoria di merito della sua classe:

Class of 1842 - 56 graduated

EUSTIS, Henry Lawrence 1
NEWTON, John 2
ROSECRANS, William Starke 5
SMITH, Gustavus Woodson 8
LOVELL, Mansfield 9
STEWART, Alexander Peter 12
SMITH, Martin Luther 16
POPE, John 17
WILLIAMS, Seth 23
DOUBLEDAY, Abner 24
HILL, Daniel Harvey 28
DANA, Napoleon Jackson Tecumseh 29
SYKES, George 39
ANDERSON, Richard Heron 40
MCLAWS, Lafayette 48
VAN DORN, Earl 52
LONGSTREET, James 54


Custer, classificatosi, come ormai è arcinoto, ultimo della sua classe, su 34 graduati è stato l'unico a diventare generale durante l'ACW.

Class of June 1861 - 34 graduated

CUSTER, George Armstrong 34

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 24 Gen 2013 - 18:06

Beauregard ottenne un ottimo piazzamento nel suo corso a West Point:

Class of 1838 - 45 graduated

BEAUREGARD, Pierre Gustave Toutant 2
TRAPIER, James Heyward 3
WAYNE, Henry Constantine 14
BARRY, William Farquhar 17
MCDOWELL, Irvin 23
HARDEE, William Joseph 26
GRANGER, Robert Seaman 28
SIBLEY, Henry Hopkins 31
JOHNSON, Edward 32
REYNOLDS, Alexander Welch 35
SMITH, Andrew Jackson 36
MCKINSTRY, Justus 40
STEVENSON, Carter Littlepage 42

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  vittorio migliavacca il Ven 25 Gen 2013 - 11:41

Il figlio di Lee superò addirittura il padre.

vittorio migliavacca
Maggior-generale
Maggior-generale

Numero di messaggi : 570
Data d'iscrizione : 25.02.09
Località : COMO

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 25 Gen 2013 - 13:43

vittorio migliavacca ha scritto:Il figlio di Lee superò addirittura il padre.

Class of 1854 - 46 graduated

LEE, George Washington Custis 1
RUGER, Thomas Howard 3
HOWARD, Oliver Otis 4
DESHLER, James 7
PEGRAM, John 10
STUART, James Ewell Brown 13
GRACIE, Archibald Jr. 14
LEE, Stephen Dill 17
PENDER, William Dorsey 19
VILLEPIGUE, John Bordenave 22
WEED, Stephen Hinsdale 27

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: L'Accademia di West Point alla vigilia della guerra civile

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 3 Precedente  1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum