George H. Thomas

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Mar 16 Giu 2009 - 11:53

Ammetto subito che non è molto corretto da parte mia scrivere così tanto del mio omonimo. Ma queste considerazioni volevo assolutamente condividerle con voi.

E' noto che il generale George Henry Thomas era sudista di nascita, precisamente virginiano. Quello che invece non sapevo è che la buona carriera fatta da Thomas anche in anni precedenti al conflitto era solo parzialmente dovuta alla sua professionalità e alla sua abilità (dimostrata nella guerra col Messico, in cui si guadagnò tre promozioni sul campo, e come istruttore a West Point, dove raccomandò due studenti perchè fossero assegnati alla cavalleria; i loro nomi erano JEB Stuart e Fitzugh Lee), ma anche alla sua vicinanza con Braxton Bragg e alla conoscenza di questi col Segretario alla Guerra, Jefferson Davis; questo fece nascere il sospetto che Davis avesse fatto di tutto per creare un corpo di ufficiali altamente addestrati e esperti che allo scoppio di un conflitto tra gli Stati si sarebbero indubbiamente schierati con il Sud. Da notare è che Thomas era uno dei tre ufficiali con esperienza attiva di servizio nelle tre armi, fanteria, cavalleria e artiglieria.
Sappiamo tutti che nel caso di Thomas le raccomandazioni di Davis si sono ritorte contro il loro promotore. Purtroppo aveva puntato sul cavallo sbagliato in questa occasione. A tal proposito, mi sembra corretto inserire il commento di JEB Stuart :

Old George H. Thomas is in command of the cavalry of the enemy. I would like to hang, hang him as a traitor to his native state.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

george h. thomas

Messaggio  R.E.Lee il Mar 16 Giu 2009 - 16:01

...caro thomas,
sei stato fortunato...!!!...se stuart ti "beccava", stavi fresco !!!!!!!


ciao
lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Mar 16 Giu 2009 - 16:59

R.E.Lee ha scritto:...caro thomas,
sei stato fortunato...!!!...se stuart ti "beccava", stavi fresco !!!!!!!


ciao
lee

Impiccare il suo istruttore?! Che barbarie! Laughing

Comunque, suquesto sito si trovano un sacco di informazioni interessanti.
Innanzitutto un pò di aneddoti : il congressista che lo ha sponsorizzato, tale John Mason, lo avvertì che nessun cadetto di quel distretto si era mai graduato, e se lui non lo faceva, non si sarebbe mai più potuto far vedere da lui (non avrebbe avuto motivo di preoccuparsi! Razz ); mentre era istruttore all'Accademia, uno dei suoi allievi di tattiche di artiglieria era John Bell Hood (domanda cattiva : avrà dormito in classe?).
Inoltre, pone interessanti ipotesi sull'inimiciza tra Grant e Thomas. Sostiene che Grant vedesse in lui un potenziale rivale, poichè Thomas rispetto a Grant se l'era sempre relativamente cavata meglio e con minori perdite di lui, e che quindi Ulysses temesse per la propria posizione. Mi sembra un'ipotesi realistica.
Inoltre, dà una spiegazione sul perchè Thomas non ebbe il dovuto merito e la fama che ebbero altri generali; oltre che sudista di nascita, Thomas aveva pochi "sponsor" al Congresso che lo aiutassero, e Garfield, che prima di diventare Presidente degli Stati Uniti servì sotto di lui, morì poco dopo essere salito alla Casa Bianca, e quindi prima di essere riuscito a infilare il suo nome nei libri di storia che si stavano scrivendo.

avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gen. George H.Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 16 Giu 2009 - 19:11

Vorrei citare una frase detta da Thomas nella primavera del 1861:"Comunque rigiri la cosa nella mia mente,il giuramento di fedeltà al mio Governo resta sempre predominante".
Ten.Colonnello US Army George H.Thomas.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2481
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gen.George H.Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 20 Giu 2009 - 21:59

Altro aneddoto interessante sul gen.Thomas,che illustra il suo carattere,riguarda la frase che disse a Chattanooga quando si dovette occupare di allestire il cimitero militare,su modello di quello di Gettysburg.Alla domanda postagli se si dovevano seppellire i morti negli appezzamenti assegnati agli Stati,Thomas rispose: "No, metteteli tutti assieme.Sono stanco di sentir parlare dei diritti dei singoli Stati".

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2481
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Sab 20 Giu 2009 - 22:19

George Armstrong Custer ha scritto:Altro aneddoto interessante sul gen.Thomas,che illustra il suo carattere,riguarda la frase che disse a Chattanooga quando si dovette occupare di allestire il cimitero militare,su modello di quello di Gettysburg.Alla domanda postagli se si dovevano seppellire i morti negli appezzamenti assegnati agli Stati,Thomas rispose: "No, metteteli tutti assieme.Sono stanco di sentir parlare dei diritti dei singoli Stati".

Bè, certo questa decisione non potè essere ben vista dai sudisti; ma io ritengo che una certa luce positiva ce l'abbia. In fondo, erano tutti americani. E ancora più in fondo, poichè so che qualcuno può dissentire (e assolutamente lo rispetto, ci mancherebbe altro!) su questa affermazione, si potrebbe dire che qualsiasi differenza ci fosse da vivi, la morte li ha messi tutti dalla stessa parte.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gen.George h.Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 21 Giu 2009 - 12:30

Ho trovato in un sito internet la seguente biografia del gen.Thomas che ritengo molto istruttiva.

George H. Thomas (1816-1870)
- Thomas ha vinto ogni battaglia della guerra civile dove ha comandato.
- West Point 1840.
- 2 decorazioni durante la guerra Messicana.
-Professore di artiglieria e cavalleria a West Point. Prende il soprannome "slow trot" perché non permette ai cadetti di rovinare i vecchi cavalli. Più tardi Grant e Sherman si serviranno di questo per dipingere Thomas come un uomo lento e magari letargico.
- Dirige Camp Dick Robinson in Kentucky, il primo campo di addestramento militare di base moderno.
- Nella sua gioventù dà lezioni di bibbia e lettura ai 15 schiavi del podere famigliare. Era proibito in Virginia in quell'epoca.
- Staziona in Florida, fa degli studi botanici.
- Staziona a Ft. Yuma in Arizona, fa degli studi zoologici.
- Stationa a Ft. Yuma in Arizona, compila un primo dizionario della lingua della tribù indiana della zona.
- Nel 1860, ferito da una freccia durante un incontro con i Comanches. Tira fuori la freccia e continua a lavorare. Impara anche qualcosa dalle tattiche degli indiani.
- Espande il concetto di Rosecrans dell'esercito tecnologizzato.
- Introduce l'utilizzo delle coordinate sulle carte topografiche per dirigere le battaglie.
- Introduce il concetto del controllo remoto dell'artiglieria.
- Assieme con Rosecrans è un pioniere nell'utilizzazione delle forze combinate. Se ne serve bene a Hoover's Gap il 24 giugno 1863 e a Nashville il 15 e 16 dic. 1864.
- Fa sviluppare delle unità di ponte portabili nominati "Cumberland pontoons".
- Sviluppa il servizio telegrafico più esteso della guerra civile americano.
- Assieme con Gan. Daniel McCallum sviluppa la prima base mobile ferroviaria del mondo.
- Mantiene il migliore servizio segreto della guerra civile per raccogliere date topografiche e per decifrare i codici segnaletici. Verso la fine questo servizio ha intercettato Jefferson Davis durante la sua fuga.
- Sviluppa il servizio sanitario più professionale della guerra civile. L'uso del cloroformio è standard. Fa costruire vagoni di ferrovia come ospedali mobili.
- A Chattanooga stabilisce il primo cimitero militare nazionale, si occupa anche in questa maniera dei suoi soldati. Qualcuno domanda se si deve interrare i rimanenti secondo lo stato di origine, e Thomas risponde: "No, metti tutti assieme. Sono stufo dei 'diritti degli stati'".
- Assume il primo medico donna (Mary Walker) della guerra civile.
- Introduce il primo servizio alimentare professionale della guerra civile.
- Si dedica alla preparazione e l'allenamento dei primi soldati neri. Era il solo comandante della guerra a sfruttare i soldati neri in modo efficace in una vittoria federale decisiva.
- Fa il suo meglio per riconoscere le prestazioni individuali dei soldati.
- Per lo più rinuncia a esercitare in parata i suoi soldati. Invece li manda fuori in piccole unità per familiarizzarli al combattimento.
- Dice: "Davanti alla morte immediata siamo tutti quanti vigliacchi. Il solo modo per rimediare è l'allenamento."
- Invece di fare fucilare i disertori dava lui il buon esempio, restando quasi sempre sul posto. 3 anni senza un giorno di congedo.
- In strada a cavallo con il suo stato maggiore lasciava il più possibile ai soldati la strada.
- Verso la fine della guerra diventa in effetto comandante della zona la più grande del Sud e comincia subito con la politica di ricostruzione di Lincoln, perché ne è convinto. Dopo la guerra lo diventa di fatto. Tenta di riconciliare gli interessi diversi, mostra anche la mano dura quando occorre.
- Verso 1868 Thomas comincia ad ammalarsi. Vuol essere assegnato ad un posto a est, ma Grant dona i posti preferiti a Sheridan e Meade. Gli offre solamente il dipartimento del Pacifico. Durante l'ultimo anno della sua vita Thomas percorre più di 17.000 km per gli affari del suo carico. Muore nel suo officio a San Francisco il 28 marzo 1970 all'età di 54 anni.
- Quasi non esiste nei testi di storia delle scuole in America.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2481
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Dom 21 Giu 2009 - 14:21

Un curriculum impressionante, oserei dire!
"Letargico"... Grant e Sherman lo avrebbero dovuto dire a Zollicoffer, Bragg e Hood!

Se a qualcuno interessa, qui si trovano un pò di cosucce interessanti sul mio omonimo!
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

george h. thomas

Messaggio  R.E.Lee il Dom 21 Giu 2009 - 16:56

un curriculum di grande generale e di un grande uomo, il miglior generale a disposizione del nord per me (anche se era virginiano...sic !..).
dal suo curriculm, mi sembra di evincere, che il vero genarale "moderno per eccellenza" della guerra civile, fù proprio lui !!


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Dom 21 Giu 2009 - 22:05

R.E.Lee ha scritto:un curriculum di grande generale e di un grande uomo, il miglior generale a disposizione del nord per me (anche se era virginiano...sic !..).
dal suo curriculm, mi sembra di evincere, che il vero genarale "moderno per eccellenza" della guerra civile, fù proprio lui !!


lee

A tal proposito, caro Lee, sul sito da me indicato è detto che una delle ragioni per cui Grant si occupò molto di tenerlo lontano dai teatri principali era il fatto che Thomas, mediante un uso decisamente di successo delle armi combinate, relativamente parlando aveva sempre perdite molto leggere in confronto alle sue, che erano oggetto di forte critica al Nord.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  forrest il Dom 21 Giu 2009 - 23:48

Grande Generale senz'altro,forse il + grande della Guerra Civile.(Anche se un incredibile errore lo commise anche lui,dopo Nashville.)Grande uomo a mio avviso no;era un traditore,corresponsabile delle porcherie inaudite commesse dall'Esercito Federale contro il suo popolo.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

george h. thomas

Messaggio  R.E.Lee il Lun 22 Giu 2009 - 9:16

diciamo che non credeva nella causa della confederazione, " è il mio paese ad aver scelto la causa sbagliata"., affermò. dal suo personale punto di vista, per me non è condannabile. altri generali erano poco convinti della secessione (lee in primis), vi aderirono perchè pensavano che il loro primo dovere fosse quello verso il loro stato d'origine. alla fine, secondo me, si trattava di valutazioni soggettive da uomo ad uomo.


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Lun 22 Giu 2009 - 12:08

R.E.Lee ha scritto:diciamo che non credeva nella causa della confederazione, " è il mio paese ad aver scelto la causa sbagliata"., affermò. dal suo personale punto di vista, per me non è condannabile. altri generali erano poco convinti della secessione (lee in primis), vi aderirono perchè pensavano che il loro primo dovere fosse quello verso il loro stato d'origine. alla fine, secondo me, si trattava di valutazioni soggettive da uomo ad uomo.


lee

Assolutamente d'accordo.
Forrest, potresti per cortesia indicare l'errore commesso da Thomas dopo Nashville? Non mi viene in mente cosa potrebbe essere, se non il non essere riuscito a prendere tutti i superstiti soldati confederati in trappola...
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

george h. thomas

Messaggio  R.E.Lee il Lun 22 Giu 2009 - 15:27

R.E.Lee ha scritto:un curriculum di grande generale e di un grande uomo, il miglior generale a disposizione del nord per me (anche se era virginiano...sic !..).
dal suo curriculm, mi sembra di evincere, che il vero genarale "moderno per eccellenza" della guerra civile, fù proprio lui !!


lee

comunque mi sembra doveroso ritirare l'appellativo di "grande uomo". nemmeno l'avessi conosciuto di persona !!


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  forrest il Lun 22 Giu 2009 - 15:48

Anche Jubal Early era fermamente contrario alla secessione,ma divenne il + accanito apostolo della "religione" della Lost Cause dopo aver osservato i crimini di guerra nordisti,vigliaccamenti perpetrati contro il popolo sudista,non contro il suo esercito.Quei crimini di guerra che indignarono anche tanti nordisti,(i gentiluomini non mancavano di certo tra le loro fila)ma che lasciarono Thomas del tutto indifferente.Riguardo l'errore commesso dopo la battaglia di Nashville,stasera tradurrò quanto ha scritto a questo proposito Wiley Sword.Più che di un errore di valutazione,si trattò di un lapsus,ma dalle conseguenze enormi.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  forrest il Mar 23 Giu 2009 - 0:14

L'episodio cui facevo riferimento avvenne durante l'inseguimento dell'Armata di Hood in fuga dopo la disfatta di Nashville.Scrive Wiley Sword:"Per Thomas il 17 Dicembre,anziché testimoniare la distruzione delle malridotte forze di Hood,fece emergere un errore assai imbarazzante.Un pasticcio compiuto nel Q.G. di Thomas aveva generato un grave problema che ora minacciava di vanificare(e AVREBBE vanificato n.d.r.)il tentativo di raggiungere l'Armata del Tennessee in fuga.La notte del 16 era stato dato ordine che il convoglio che trasportava il ponte di barche fosse posto in movimento da Nashville,dove era stato assemblato,per raggiungere l'Armata di Thomas.Al Maggiore James Willett,responsabile del convoglio,era stato detto di " far partire il convoglio il + presto possibile lungo la strada maestra per Murfresboro,e di tenersi pronto a raggiungere Thomas in un punto qualsiasi tra Brentwood e Columbia."L'attendente di Thomas,il Capitano Robert Ramsey, colui che scrisse l'ordine sotto dettatura,rivelò poi che Thomas si era appena svegliato da una profonda dormita,ed evidentemente era ancora assonnato.Per sbaglio Thomas dettò:"la strada per Murfresboro",mentre intendeva dire:"la strada per Franklin".Willett non capì che la strada per Murfresboro lo avrebbe allontanato da"un punto qualsiasi tra Brentwood e Columbia",dove avrebbe dovuto raggiungere l'Armata di Thomas.Come conseguenza,il 17 Willett coprì 24 Km prima che l'errore fosse scoperto e gli fosse ordinato di spostarsi sul Franklin Pike.Willett tentò allora di percorrere i 32 km necessari per raggiungere Franklin utilizzando un viottolo di campagna.Ma il fango era così spesso che i 500 tra cavalli e muli che tiravano il convoglio s'impantanarono irrimediabilmente.Willett,il 18 Dicembre, dovè letteralmente tirar fuori dal fango i pesanti carri e tornare a Nashville.Infine,il 19,riuscì finalmente ad imboccare il Franklin Pike.Per colpa di questo cruciale errore,il convoglio non raggiunse Thomas prima del 21 Dicembre.Thomas fu così imbarazzato per il pasticcio che ,a quanto pare, cercò di nascondere la sua responsabilità nell'episodio,scrivendo nel suo Rapporto che"il ponte di barche,frettolosamente allestito a Nashville,fu ritardato dalle strade in cattive condizioni e dall'incompletezza del convoglio."Avrebbe poi scritto Thomas,non dicendo di certo tutta la verità:"Lo splendido ponte di barche che avrebbe dovuto appartenere alla mia Armata ,col suo ben addestrato reparto di genieri-pontieri,era assente,essendo partito col Gen.Sherman."Fu un duro colpo;l'assenza del ponte di barche avrebbe rivelato tutta la sua gravità quando il tempo peggiorò ulteriormente;le piogge gonfiarono l'Harpet River e l'avanguardia della fanteria di Thomas,il 5° Corpo del Gen.Wood,potè traversare solo 18 ore dopo essere giunto di fronte a Franklin."-E intanto Hood se l'era svignata.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Mar 23 Giu 2009 - 9:00

Ovviamente è un'episodio imbarazzante, ma credo che, pur essendo grave in sè, non fosse peggiore di certi altri disguidi fatti da altri suoi colleghi, che non potevano neppure invocare l'assonnamento. E poi, comunque, anche se Hood è riuscito a svignarsela, sta di fatto che a Franklin e a Nashville le parti migliori della gloriosa Armata del Tennessee stavano già dormendo il loro sonno eterno. Quindi, quello che Hood riuscì a riportare in Mississippi avrebbe contato ben poco e contò ben poco. Un'errore così, per quanto, ripeto, non si tratti di qualcosa di brillante, Thomas se lo poteva permettere.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Anzianità

Messaggio  George H. Thomas il Ven 6 Nov 2009 - 19:30

Ho appena scoperto una cosa : quando, dopo Perryville, a Washington si decise di destituire Buell, si decise anche di nominare al suo posto Rosecrans. Ma c'era un problema : Rosecrans aveva meno anzianità di Thomas, di cui si sarebbe ritrovato a essere superiore. Quindi, opportunamente, la data della sua promozione fu retrodatata per far sì che non ci fossero problemi.
Thomas quando seppe che Rosecrans avrebbe preso il comando dell'Armata protestò, poichè sapeva che Rosecrans era stato effettivamente promosso dopo di lui. Stanton, il Segretario alla Guerra, non si fece scrupoli a tacitarlo mentendogli, e lui non disse più niente.
Ottima mossa, Edwin. Tutti i ragazzi morti a Chickamauga dovrebbero ringraziarlo!

Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Un tattico incompreso?

Messaggio  George H. Thomas il Mar 19 Gen 2010 - 19:48

Spero di non sembrare eccessivamente "campanilistico" (nel senso lato del termine) aprendo questo topic, ma recentemente ho riflettuto parecchio sulle varie tattiche impiegate dai comandanti degli eserciti confederati e unionisti.
E' cosa nota che da ambo i lati si impiegarono tattiche napoleoniche che erano rese inefficaci dalle armi a canna rigata, e che si sperimentarono tattiche nuove che precorrevano i tempi, arrivando a esempi embrionali di tecniche d'urto che sarebbero state sviluppate nella I e nella II Guerra Mondiale. Si discute sull'apparente insistenza di Lee a fidarsi della bontà degli assalti di massa con la fanteria che gli costò cocenti sconfitte a Malvern Hill e a Pickett's Charge; si ritiene che Grant adottasse la semplice tattica di continuare a buttare uomini e munizioni in avanti finchè il nemico non si fosse innervosito e fosse scappato o non avesse avuto più uomini per respingerlo.
Vorrei discutere principalmente della tattica adottata dal mio omonimo, generale Thomas, che mi sembra abbia dato risultati molto buoni e che rappresentava un'alternativa a mio parere tutt'altro che inferiore a quelle adottate da altri.

In sintesi, si può ridurre i principi a cui lui si attenne a questi punti :

1) Addestrare bene gli uomini e aver cura che siano sempre riforniti in maniera sufficiente (Thomas fece parte del corpo degli Ingegneri, aveva una profonda conoscenza dei problemi di rifornimento e era sempre attento a far sì che la preparazione logistica fosse adeguata);
2) Lasciando aperto un margine all'imprevisto, cercare di portare il nemico a attaccarlo in posizione a lui sfavorevole e preventivamente scelto (da Logan's Crossroads a Nashville, questo sistema diede ottimi risultati; Thomas, universalmente riconosciuto come imbattibile nella difesa, intuitiva che con le nuove armi la difensiva era superiore all'offensiva, e preferiva logorare lo slancio del nemico opponendogli il fuoco delle armi rigate che attaccarlo ciecamente alla baionetta come altri);
3) Quando si deve attaccare, non fare massa su un punto solo, ma tentare di colpire in punti diversi, e senza esitazioni o ripensamenti (Thomas mise in pratica a Chattanooga e a Nashville questo postulato, con risultati eccellenti; attaccare in un punto solo consentiva meramente al nemico di spostare forze da altri settori e dalla propria riserva e a vedersi falciare la colonna d'attacco, mentre colpendo in vari punti lo si lascia nell'incertezza; ovviamente questo richiede coordinazione e una preparazione non indifferente, ma lui era più che all'altezza);
4) Tenere una riserva pronta per colpire un fianco del nemico (questa manovra era la specialità di Thomas; a Logan's Crossroads sconfisse Zollicoffer proprio aggirandolo, a Chattanooga andò all'attacco soltanto dopo che Hooker ebbe impegnato fortemente il fianco di Bragg, e a Nashville martellò così duramente il fianco di Hood che lui non potè poi puntellare il centro);

Per formare un giudizio complessivo su questo metodo, bisogna tenere in conto che le perdite subite dalle forze di Thomas nelle battaglie da lui comandate si aggiravano al 6% (articolo); una media decisamente migliore di altri generali illustri. E bisogna anche tenere in conto che le battaglie comandate da Thomas si risolsero sempre in una vittoria nordista, chiara e senza dubbi.
Forse io sono troppo sbilanciato a suo favore, ma ritengo che la coordinazione tra fanteria, cavalleria e artiglieria fatta da Thomas risultasse in una tattica che per i tempi era quanto mai adeguata, e all'altezza, se non superiore, a quelle adottate da condottieri più conosciuti. Quindi, Thomas oltre a un brillante generale dimenticato era anche un buon tattico? Oppure no?

George Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Un tattico incompreso?

Messaggio  R.E.Lee il Mer 20 Gen 2010 - 16:18

in effetti thomas ebbe riconosciutogli meno meriti di quanto in effetti si conquistò sul campo con il suo operato. forse questo avvenne perchè era un virginiano...chissà. lungi da me declassarlo, però vorrei fare un piccolo appunto ai punti 3 e 4. attaccare in più punti e tenersi stretta una riserva come avvenne a nashville, fù un operazione resa possibile grazie e soprattutto alla superiorità numerica di cui lui godeva. per quanto riguarda l'assalto di chattanooga...beh...direi che quella fù una battaglia che uscì fuori da ogni logica, schemi o tattiche. fù l'impeto dei soldati a prendere il sopravvento. qui mi fermo per non finire fuori-topic, visto che sù chattanooga ne esiste uno apposito.

lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Mer 20 Gen 2010 - 19:02

R.E.Lee ha scritto:in effetti thomas ebbe riconosciutogli meno meriti di quanto in effetti si conquistò sul campo con il suo operato. forse questo avvenne perchè era un virginiano...chissà. lungi da me declassarlo, però vorrei fare un piccolo appunto ai punti 3 e 4. attaccare in più punti e tenersi stretta una riserva come avvenne a nashville, fù un operazione resa possibile grazie e soprattutto alla superiorità numerica di cui lui godeva. per quanto riguarda l'assalto di chattanooga...beh...direi che quella fù una battaglia che uscì fuori da ogni logica, schemi o tattiche. fù l'impeto dei soldati a prendere il sopravvento. qui mi fermo per non finire fuori-topic, visto che sù chattanooga ne esiste uno apposito.

lee

Caro Lee, sono perfettamente d'accordo riguardo al motivo per cui Thomas non ebbe mai il credito che meritava. Riguardo alle tue osservazioni, sono corrette. Sia Nashville che Chattanooga erano battaglie un pò fuori dagli schemi, ma ritengo che in entrambe Thomas avesse seguito lo schema delineato :

A Chattanooga Thomas ritardò l'attacco che Grant continuava a ordinare al centro di Missionary Ridge finchè non ebbe la conferma che Hooker aveva essenzialmente bloccato il fianco sinistro nemico, impedendo quindi a Bragg di prendere da lì rinforzi con cui turare la breccia che l'attacco creò. Quindi a mio parere confermò la sua dedizione al principio di non attaccare il nemico in un solo punto (perchè Sherman a nord riusciva a fare ben poco, anche se Bragg lì aveva mandato troppe forze che rimasero inutilizzate), e soprattutto coniugare un'attacco frontale con un'attacco sul fianco.

A Nashville per quanto le forze di Hood fossero stremate e ben inferiori di numero a quelle a disposizione dell'Armata del Cumberland, diedero comunque prova di essere all'altezza della loro fama (altrimenti come si spiega che ci vollero due giorni per dare il colpo di grazia?).
Ecco uno schema dei due giorni della battaglia :

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Come si vede, Thomas diede un'importanza fondamentale al colpo sul fianco sinistro del nemico, sia il primo che il secondo giorno, e non si limitò a attaccare in un punto, forte della superiorità numerica. Perchè se i sudisti non potevano più attaccare, erano bene in grado di difendersi. E Thomas non voleva correre rischi inutili.

Vorrei inoltre dare delle cifre per mostrare l'insolita bassa percentuale di perdite in combattimento sostenute da Thomas in combattimenti da lui preposti :

Mill Springs : uomini impiegati 4400, perdite 246 (percentuale 5,59%)
Chickamauga (XIV Corpo di Thomas) : uomini impiegati 19920 perdite 6144 (percentuale 31,96)
Nashville : uomini impiegati 55000, perdite 3061 (percentuale 5,56%)

Si vede che nelle uniche due battaglie in cui lui ha comandato, ha perso ben pochi uomini. A Chickamauga, le sue forze sono state invece notevolmente colpite, ma è comprensibile, visto che hanno sostenuto una parte notevole.

George Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 20 Gen 2010 - 22:30

Si è ritenuto più opportuno accorpare l'ultima discussione sul generale Thomas con questa più vecchia sullo stesso personaggio.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2888
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  R.E.Lee il Dom 28 Ott 2012 - 21:49

R.E.Lee ha scritto:
"....Come esempio eclatante di quanto da me soprascritto, cito quello del Gen. Thomas: Virginiano, rimase fedele all'esercito dell'Unione inimicandosi familiari e parenti....


Lee

A proposito di Thomas. Considero la sua scelta di rimanere fedele all'unione una delle più grosse jatture capitate al Sud. A mio modesto parere, Thomas fù, dopo Grant, fù il miglior Generale a disposizione del Nord, anche più di Sherman.
Il buon Thomas salvò praticamente da solo, l'esercito Unionista dalla distruzione a Chickamauga, e l'anno dopo distrusse la seconda armata a disposizione del Sud (quella del Tennesse) nella campagna di Franklin-Nashville ponendo praticamente fine alle ostilità nei fronti occidentali.
A quel punto rimase in campo per il Sud con una sola Armata di una certa consistenza (quella della Virginia del Nord) e per Grant le cose si semplificarono di molto....

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Generale Meade il Lun 29 Ott 2012 - 10:19

R.E.Lee ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:
"....Come esempio eclatante di quanto da me soprascritto, cito quello del Gen. Thomas: Virginiano, rimase fedele all'esercito dell'Unione inimicandosi familiari e parenti....


Lee

A proposito di Thomas. Considero la sua scelta di rimanere fedele all'unione una delle più grosse jatture capitate al Sud. A mio modesto parere, Thomas fù, dopo Grant, fù il miglior Generale a disposizione del Nord, anche più di Sherman.
Il buon Thomas salvò praticamente da solo, l'esercito Unionista dalla distruzione a Chickamauga, e l'anno dopo distrusse la seconda armata a disposizione del Sud (quella del Tennesse) nella campagna di Franklin-Nashville ponendo praticamente fine alle ostilità nei fronti occidentali.
A quel punto rimase in campo per il Sud con una sola Armata di una certa consistenza (quella della Virginia del Nord) e per Grant le cose si semplificarono di molto....

Lee

In termini calcistici, Thomas era certamente un buon difensore, ma per vincere una partita non basta il pareggio. Bisogna pur segnare per vincere. Senza delle pure punte come Grant, Sherman, Sheridan, Custer ecc. ecc. il Nord avrebbe perso la CW per consunzione e logoramento dei nervi.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4031
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  R.E.Lee il Lun 29 Ott 2012 - 21:44

Sarà stato anche un buon difensore, ma quando attaccava erano botte da orbi! Chiedere ad Hood a Nashville.... What a Face


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4002
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum