George H. Thomas

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Generale Meade il Mar 30 Ott 2012 - 9:07

R.E.Lee ha scritto:Sarà stato anche un buon difensore, ma quando attaccava erano botte da orbi! Chiedere ad Hood a Nashville.... What a Face


Lee

Per come si era autoridotto Hood a Nashville, attaccare (pungolato da Grant) per Thomas non fu un problema insormontabile. Non credo che Thomas avrebbe fatto lo stesso a Franklin. Ossia, attaccare l'Armata del Tenneessee Confederata con ancora tutti i suoi generali vivi e in salute e con i suoi soldati desiderosi di mostrare al loro comandante (Hood) che non erano quello che lui pensava (do per scontato che tu capisca cosa intendo). In quel caso, se Thomas avesse osato attaccare, le botte da orbi sarebbero diventate autentiche mazzate per gli unionisti... affraid

Meade

P.S. chiaramente il mio è solo un esempio, dato che Thomas non si trovò mai a frronteggiare Hood a Franklin.
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  dan-acw il Mar 30 Ott 2012 - 11:29

Generale Meade ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:Sarà stato anche un buon difensore, ma quando attaccava erano botte da orbi! Chiedere ad Hood a Nashville.... What a Face


Lee

Per come si era autoridotto Hood a Nashville, attaccare (pungolato da Grant) per Thomas non fu un problema insormontabile. Non credo che Thomas avrebbe fatto lo stesso a Franklin. Ossia, attaccare l'Armata del Tenneessee Confederata con ancora tutti i suoi generali vivi e in salute e con i suoi soldati desiderosi di mostrare al loro comandante (Hood) che non erano quello che lui pensava (do per scontato che tu capisca cosa intendo). In quel caso, se Thomas avesse osato attaccare, le botte da orbi sarebbero diventate autentiche mazzate per gli unionisti... affraid

Meade

P.S. chiaramente il mio è solo un esempio, dato che Thomas non si trovò mai a frronteggiare Hood a Franklin.

Caro Meade immagino tu faccia riferimento alle critiche che Hood rivolse all'armata del Tennessee nelle sue memorie.
Tuttavia, che che ne dica il Luraghi, se si leggono le memorie di Hood si vedrà che le critiche (in ogni caso leggermente diverse da quelle che ci riporta il professore) non erano rivolte ai soldati (per i quali egli ebbe invece sempre parole di elogio), ma agli ufficiali (leggasi Joe Joe ma anche Hardee) ed alle tattiche da loro utilizzate che finirono con l'infondere una mentalità esclusivamente difensivista nell'armata del Tennessee
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 879
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 30 Ott 2012 - 11:40

Quando Thomas decise di rimanere nell'esercito USA, la sua famiglia d'origine lo ha completamente rinnegato. Si sostiene che nella scelta di rimanere nell'Unione abbia influito la moglie che era nativa del Nord:
Da Wikipedia:
Remaining with the UnionAt the outbreak of the Civil War, 19 of the 36 officers in the 2nd U.S. Cavalry resigned, including three of Thomas's superiors—Albert Sidney Johnston, Robert E. Lee, and William J. Hardee.[19] Many Southern-born officers were torn between loyalty to their states and loyalty to their country. Thomas struggled with the decision but opted to remain with the United States. His Northern-born wife probably helped influence his decision. In response, his family turned his picture against the wall, destroyed his letters, and never spoke to him again. (During the economic hard times in the South after the war, Thomas sent some money to his sisters, who angrily refused to accept it, declaring they had no brother.)[20]
Nevertheless, Thomas stayed in the Union Army with some degree of suspicion surrounding him. On January 18, 1861, a few months before Fort Sumter, he had applied for a job as the commandant of cadets at the Virginia Military Institute.[21] Any real tendency to the secessionist cause, however, could be refuted when he turned down Virginia Governor John Letcher's offer to become chief of ordnance for the Virginia Provisional Army.[22] On June 18, his former student and fellow Virginian, Confederate Col. J.E.B. Stuart, wrote to his wife, "Old George H. Thomas is in command of the cavalry of the enemy. I would like to hang, hang him as a traitor to his native state."[23]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 30 Ott 2012 - 12:01

Telegramma nel quale Thomas viene definito troppo lento:

HEADQUARTERS OF THE ARMY,
Washington, Jan. 1, 1865. (Received 12th.)
Maj. Gen. W. T. SHERMAN, Savannah, Ga.:

MY DEAR GENERAL: Your letter of December 24 is received, and I have just shown it to the Secretary of War, who expressed great pleasure and satisfaction in reading it.....
Thomas has done well against Hood, but he is too slow for an effective pursuit. Moreover, he will not live on the enemy. He himself is entirely opposed to a winter campaign, and is already speaking of recruiting his army for spring operations
Yours, truly,
H. W. HALLECK,
Major‑General and Chief of Staff.”


_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Ven 23 Nov 2012 - 14:45

ROSSETTI BRUNO ha scritto:
forrest ha scritto:Grande Generale senz'altro,forse il + grande della Guerra Civile.(Anche se un incredibile errore lo commise anche lui,dopo Nashville.)Grande uomo a mio avviso no;era un traditore,corresponsabile delle porcherie inaudite commesse dall'Esercito Federale contro il suo popolo.
Ciao
A mio parere Thomas non può assolutamente essere chiamato traditore, traditore è chi passa da una parte all'altra, e questo non è il suo caso. Egli fu sempre un convinto abolizionista, non fu la moglie che lo "travio", anzi il loro matrimonio fu probabilmente dovuto alla loro identicità di vedute sull'argomento, tutti e due erano  attivi e ferventi abolizionisti. Lui non ebbe mai dubbi su dove schierarsi, per questo tagliò i ponti con tutta la sua famiglia e ne fu ricambiato. La sua famiglia era della valle che nel 64/65 fu devastata da Sheridan, saputo questo lui fece avere alla sorella dei soldi per permettergli di riprendersi, questa somma fu da lei rifiutata con parole poco gradevoli all'indirizzo del fratello.
Ciononostante i capi dell'unione guardarono a lui con diffidenza, dopo Nahville fu messo da parte e lasciato a languire nelle retrovie come un Pope qualsiasi. Nonostante questo lui non si lamentò mai, forse pensando che il bene dei molti deve prevalere sul bene di uno.
Era considerato come un buon generale ma "lento", curiosamente la stessa cosa che Lee pensava di McLaws, e in generale tutti pensavano di Longstreet dopo il 2 Luglio.
Saluti
Bruno
Buongiorno
Una ipotesi interessante sarebbe "immaginare che Thomas e Pemberton avessero seguito le sorti del proprio stato, immaginare ad Aprile 63 Thomas al comando di Vicksburg e Pemberton al comando del XIV corpo darebbe vita a degli scenari alternativi innovativi
Saluti
Bruno


Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Lun 28 Ott 2013 - 14:28, modificato 1 volta
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 3 Mar 2013 - 17:54

Il gen. Thomas sembra che sia ancora assente dalla memoria popolare americana come uno dei massimi leaders militari dell'Unione riusciti vittoriosi nella guerra civile.
Originario della Virginia, è stato un generale imbattuto che ha giocato un ruolo chiave per la vittoria dell'Unione. Quando ha scelto di rimanere fedele all'Unione, all'inizio della guerra, le sue sorelle zitelle hanno rivolto il quadro raffigurante la sua immagine verso il muro e non gli rivolsero più la parola.

Dopo tante vittorie, ha ottenuto il riconoscimento come "The Rock di Chickamauga" salvando l'esercito dell'Unione in tale battaglia, quando il suo comandante e la maggior parte dell'esercito erano fuggiti. Più tardi, ha praticamente distrutto il Western Confederate army nel mese di dicembre 1864, una vittoria che gli valse il soprannome di "The Sledge di Nashville." Purtroppo, lui e Ulysses S. Grant erano come l'olio e l'acqua, non si potevano mescolare e non andavano molto d'accordo. Thomas ha avuto anche il soprannome infelice e ingiusto di "Slow Trot" per la sua presunta lentezza nell'andare in battaglia. Alla fine, è stato tagliato fuori da incarichi prestigiosi alla fine della guerra e nel dopo-guerra e, quindi, non ha potuto avere posizioni di leadership nell' esercito USA dove Grant-Sherman-Sheridan erano i generali che dettavano legge.
Si spera che gli storici moderni scrivano sulla figura del gen Thomas, dandogli il posto che merita nel gotha dei generali vittoriosi della guerra civile.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  R.E.Lee il Dom 3 Mar 2013 - 18:14

E' anche possibile ipotizzare, a mio avviso, che senza Thomas gli eserciti Unionisti che operavano nei settori accennati dal Ns Custer, sarebbero potuti cadere in crisi irreversibili.


Lee


Ultima modifica di R.E.Lee il Dom 3 Mar 2013 - 19:25, modificato 1 volta
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Generale Meade il Dom 3 Mar 2013 - 19:19

Ho fatto una ricerca sulla rete e ho trovato 4 o 5 libri - purtroppo in inglese - che trattano del gen. Thomas, segno che i tempi forse stanno cambiando anche per la "Rock of Chickamauga".

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Dom 3 Mar 2013 - 20:42

La cosa che più dava fastidio a Grant probabilmente era il fatto che soffrisse della sindrome di McClellan. Thomas non si muoveva finchè tutto non era perfettamente pronto anche quando i suoi superiori insistevano e la sua superiorità era evidente. Fu forse Sherman a lamentarsi della sua lentezza anche durante le operazioni, criticando il fatto che il generale portasse con se un bagaglio sproporzionato alle necessità e alle condizioni logistiche del fronte occidentale. Probabilmente aveva molti aspetti in comune con il generale Rosecrans.

Ciao
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 3 Mar 2013 - 21:36

A mio avviso, Grant e Sherman non sono stati molto leali con Thomas durante la guerra e nei loro scritti nel dopo-guerra. Diciamo pure che a Thomas non è stata data la possibilità di decidere autonomamente e pertanto non ha potuto prendersi i rischi e le responsabilità di grandi decisioni.
Forse Thomas era semplicemente un generale che ha operato bene quando si trovava sotto la supervisione di altri comandanti, ma cercava di evitare responsabilità quando esse portavano a rischi significativi. Ma non c'è modo di determinare se questo era il caso, le sue carte personali sono state distrutte dopo la sua morte e gli storici così non hanno avuto accesso a fonti che potevano fornire elementi per capire la vera personalità di Thomas.
Inoltre, Thomas è morto troppo presto dopo la guerra, non ha scritto un libro di memorie e quindi non ha potuto partecipare a dibattiti e confronti con altri leaders militari della guerra civile.
Non vi è dubbio, comunque, che George H. Thomas sia stato uno dei generali importanti e di maggior successo della guerra civile.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 19 Ott 2013 - 16:10

Altro esempio che dimostra quanto il gen. Thomas sia sottovalutato è offerto dalla National Portrait Gallery di Londra dove nella Civil War Galleries non è stato posto un ritratto del predetto generale.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 26 Ott 2013 - 17:53

Un articolo recente del New York Times che parla del gen. Thomas:
http://opinionator.blogs.nytimes.com/2013/10/24/the-unions-most-undervalued-general/?ref=opinion

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 27 Ott 2013 - 12:19

Secondo lo storico Bruce Catton , il ruolo di Thomas a Chickamauga, nel settembre 1863, probabilmente ha salvato l' esercito federale da una "catastrofe completa", e la sua vittoria a Nashville, nel 1864 , fu una delle vittorie più distruttive della guerra .
Non si riesce quindi a capire come mai Thomas non abbia negli Usa il posto che merita tra i generali vittoriosi dell'Unione.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Generale Meade il Dom 27 Ott 2013 - 13:46

George Armstrong Custer ha scritto:Secondo lo storico Bruce Catton , il ruolo di Thomas a Chickamauga, nel settembre 1863, probabilmente ha salvato l' esercito federale da una "catastrofe completa", e la sua vittoria a Nashville, nel 1864 , fu una delle vittorie più distruttive della guerra .
Non si riesce quindi a capire come mai Thomas non abbia negli Usa il posto che merita tra i generali vittoriosi dell'Unione.
L'unico neo negativo può essere che tergivisò un pò troppo a Nashville, quando per dare il colpo di grazia a Hood dovette essere spronato da Grant. Può essere che venga pertanto catalogato come un buon generale difensivista ma poco propenso all'offensiva.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4042
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Lun 28 Ott 2013 - 13:55

[quote="ROSSETTI BRUNO"]
Generale Meade ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:
"....Come esempio eclatante di quanto da me soprascritto, cito quello del Gen. Thomas: Virginiano, rimase fedele all'esercito dell'Unione inimicandosi familiari e parenti....


Lee
A proposito di Thomas. Considero la sua scelta di rimanere fedele all'unione una delle più grosse jatture capitate al Sud. A mio modesto parere, Thomas fù, dopo Grant, fù il miglior Generale a disposizione del Nord, anche più di Sherman.
Il buon Thomas salvò praticamente da solo, l'esercito Unionista dalla distruzione a Chickamauga, e l'anno dopo distrusse  la seconda armata a disposizione del Sud (quella del Tennesse) nella campagna di Franklin-Nashville ponendo praticamente fine alle ostilità nei fronti occidentali.
A quel punto  rimase in campo per il Sud con una sola Armata  di una certa consistenza (quella della Virginia del Nord) e per Grant le cose si semplificarono di molto....

Lee
In termini calcistici, Thomas era certamente un buon difensore, ma per vincere una partita non basta il pareggio. Bisogna pur segnare per vincere. Senza delle pure punte come Grant, Sherman, Sheridan, Custer ecc. ecc. il Nord avrebbe perso la CW per consunzione e logoramento dei nervi.

Meade

Ciao
Vediamo....
difendeva bene, curava molto sia l'addestramento degli uomini che la parte tattica delle battaglie, non faceva attacchi avventati, era molto attento alle mosse dell'avversario ecc ecc. ecc. ecc.
In altre parole il comandante ideale per AoT (conf) nel 1864!!
Del resto per usare la metafora calcistica di Meade alla confederazione bastava il pareggio!!! non aveva bisogno di vincere.
Fu certamente sottovalutato Grant non aveva di lui nessuna stima e non si fidava cosa del resto abbastanza comune, a Grant andavano a genio solo gli ufficiali passati da Army of Tennessee e neanche tutti!!!. Forse avrebbe cambiato opinione se se lo fosse trovato di fronte a Vicksburg come comandante di Army of Miss. Ma qui entriamo in mondi alternativi......
Bisogna sempre ricordare che Nashville è l'unica battaglia della CW dopo la quale  il nemico  cessa di essere un pericolo.
Saluti
Bruno
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Lun 8 Dic 2014 - 22:40

Riguardo alla "lentezza" di Thomas a Nashville, forse bisognerebbe considerare alcuni fattori. Innanzitutto, le truppe al suo comando erano molto disparate per provenienza e per grado di addestramento, e attaccare prematuramente con truppe troppo incerte non sarebbe stato consigliabile. Poi, sembra chiaro che Thomas non dilazionasse per timore, ma perché voleva essere certo di poter vincere una battaglia decisiva; e inoltre, perché mancava di cavalli per le sue forze di cavalleria, e la cavalleria era indispensabile non solo per affrontare la battaglia (contro un'avversario del calibro di Forrest, non di meno), ma anche per organizzare successivamente un'inseguimento efficace (sembra che lo stesso governatore del Tennessee, Andrew Johnson, rinunciasse ai propri cavalli, a riprova dello spietato bisogno dell'Armata del Cumberland). Inoltre, quando le preparazioni erano pressoché terminate, una tempesta (con temperature sottozero) durata da quattro a cinque giorni ha impedito qualsiasi operazione.
E' chiaro che il successo vendica qualsiasi cosa, però mi sembra che alla fine dei conti, il successo di Thomas sia innegabile. E innegabile è il fatto che Nashville venga citata come una delle poche battaglie della GCA ad essere stata veramente decisiva, nel senso che uno dei due combattenti ha cessato di esistere come forza organizzata.

Comunque, un aneddoto. Thomas è notorio per essere stato sempre riluttante alla pubblicità; non scrisse memorie, e bruciò tutte le sue carte private, sostenendo che ciò che aveva fatto apparteneva alla sua patria, ma i suoi pensieri e le sue lettere appartenevano solo a lui, e a nessun altro.
Però qualche dettaglio su come la pensasse, e qualche spunto per qualche riflessione ce lo ha indirettamente lasciato. Dopo Nashville, Thomas ricevette la promozione al grado di Maggior Generale nell'Esercito regolare (datata 30 dicembre 1864); questo fu il suo commento:
I suppose it is better late than never, but it is too late to be appreciated. I earned this at Chickamauga.

Un commento interessante; inoltre, forse bisognerebbe menzionare che tale apparente ritardo nella promozione significò che Thomas era e sarebbe sempre rimasto inferiore per anzianità a Sherman, Meade e Sheridan. Non dico che sia una correlazione accertata, però può essere considerato.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  R.E.Lee il Mar 9 Dic 2014 - 16:52

Considerato il risultato finale direi che il ritardo fù ben giustificato. Oltretutto a Nashville, per la prima volta durante una grande battaglia, le truppe confederate in piena rotta mollarono fucili ed armamenti e se la diedero poco onorevolmente a gambe levate.


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Gio 11 Dic 2014 - 14:17

Vorrei suggerire, come ulteriore lettura, questo documento, che oltre a dare altri particolari sulla campagna di Nashville contiene svariati riferimenti che forse possono essere utili per approfondimenti.

Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 16 Dic 2014 - 10:36

Volevo ricordare- anche se può apparire superfluo- che il gen. George H.Thomas è stato uno dei pochi ufficiali dell'esercito che anche nel periodo ante-guerra civile aveva maturato esperienza in tutti e tre settori di combattimento: fanteria, cavalleria, artiglieria.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  George H. Thomas il Mar 16 Dic 2014 - 11:29

George Armstrong Custer ha scritto:Volevo ricordare- anche se può apparire superfluo- che il gen. George H.Thomas è stato uno dei pochi ufficiali dell'esercito che anche nel periodo ante-guerra civile aveva maturato esperienza in tutti e tre settori di combattimento: fanteria, cavalleria, artiglieria.

Grazie per averlo ricordato. In effetti, questo aiuta a comprendere meglio le sue capacità e la sua competenza, e comprendere perché proprio con Thomas, secondo alcuni autori, ha iniziato a svilupparsi il concetto (poi diventato pilastro delle tattiche dell'esercito degli Stati Uniti d'America) delle "armi combinate".

Tanto per dare un'idea, ecco una breve cronologia:

- 1840: Thomas esce dall'Accademia come 2nd Lieutenant nella Company D, 3rd U.S. Artillery Regiment

- 1840 - 1842: il reggimento di Thomas viene schierato durante le Seminole Wars, in cui svolge anche funzioni di fanteria

- 1846 - 1850: Thomas serve nell'artiglieria durante la guerra contro il Messico

- 1851 - 1854: Thomas serve come istruttore di artiglieria e cavalleria a West Point (dove guadagnò il suo soprannome, "Old Slow Trot", a causa dei suoi ordini tesi a evitare che i cadetti sfiancassero i cavalli dell'Accademia con le loro bravate), e nel 1853 venne promosso capitano

- 1855 - 1860: Thomas viene assegnato (per gli ordini del Segretario alla Guerra, Jefferson Davis) al 2nd Cavalry Regiment col grado di maggiore (nel reggimento lavorò a stretto contatto con un'altro futuro protagonista della GCA, Robert E. Lee), e dall'ottobre 1857 ne divenne il facente funzioni di comandante (nel 1860 combattendo contro i Comanche soffrì l'unica ferita in combattimento della sua carriera).

Se andiamo a vedere le altre carriere prebelliche di altri ufficiali di carriera che poi servirono nella GCA, possiamo stabilire che quella di Thomas è stata senz'altro intensa e direi anche brillante. E ciò lo ha indubbiamente favorito per quanto concerne la competenza.

Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: George H. Thomas

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum