Sherman l'implacabile

Pagina 7 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  piero il Gio 23 Giu 2011 - 18:30

p.s"....Il suo successore, John B. Hood, poi ha iniziato la distruzione dell'esercito del Tennessee con una tattica sconsiderata. quando Sherman ha marciato chiaramente attraverso la Georgia ed è andato verso il mare e la Carolina, un clamore è sorto nel Congresso della Confederazione perché fosse rimesso Johnston al comando.."by sifakis stewart
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  forrest il Ven 24 Giu 2011 - 0:09

Perchè ,ritieni forse che gli storici che ho citato abbiano scritto i loro libri prescindendo dai fatti? Shocked Ti invito di nuovo a leggere qrei libri;ti accorgerai che non è affatto così.Beauregard,rifiutando il comando a Fort Donelson e accettando quello di Columbus ,non sarà stato scemo,ma opportunista e vile certamente sì.Che abbia approvato la Campagna in Tennessee é cosa assolutamente chiara e pacifica.Domani tradurrò la sua lettera al Presidente Davis,che + chiara di così non avrebbe potuto essere.Chiedo infine,per l'ennesima volta:ad Appomattox l'ANV era ridotta meglio dell'Armata del Tennessee dopo la ritirata da Nashville?Direi proprio di no.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Generale Meade il Ven 24 Giu 2011 - 0:25

forrest ha scritto:...Chiedo infine,per l'ennesima volta:ad Appomattox l'ANV era ridotta meglio dell'Armata del Tennessee dopo la ritirata da Nashville?Direi proprio di no.

Tra l'Armata del Tennessee confederata nel dicembre 1864 e l'Armata della Virginia nell'aprile 1865 vi erano delle enormi differenze. Come il giorno e la notte.

1) neanche per scherzo paragonare Lee con Hood
2) se Lee si trovava a trattare la resa ad Appomatox, lo doveva proprio al modo disastroso con cui condusse le operazioni militari Hood in Tennessee, facendo arrivare Sherman alle sue spalle.
3) le due Armate erano ridotte all'osso anche per via delle numerose diserzioni. I soldati di Lee disertarono perchè ormai la guerra era persa e finita; i soldati di Hood disertarono perchè non avevano più stima nel loro comandante. Una bella differenza!!!

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4025
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  forrest il Ven 24 Giu 2011 - 0:43

Non é affatto vero;a sfondare le linee di Richmond e Petersburg furono i soldati dell'Armata del Potomac,Sherman non diede alcun contributo,se non quello di richiamare in Carolina una decimata Divisione di cavalleria confederata.Tutto qui.Grant battè Lee senza l'ausilio di Sherman.I disertori delle Armate confederate le loro motivazioni,per caso,le hanno rivelate a te?
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Banshee il Ven 24 Giu 2011 - 9:23

forrest ha scritto:Non é affatto vero;a sfondare le linee di Richmond e Petersburg furono i soldati dell'Armata del Potomac,Sherman non diede alcun contributo,se non quello di richiamare in Carolina una decimata Divisione di cavalleria confederata.Tutto qui.Grant battè Lee senza l'ausilio di Sherman.I disertori delle Armate confederate le loro motivazioni,per caso,le hanno rivelate a te?

Le motivazioni per la diserzione di molti soldati dell'ANV sono varie, come dimostrano i documenti coevi. La principale riguarda la mancanza di vestiti, scarpe, armi e munizioni ma soprattutto di cibo. Altro tema importante è la preoccupazione per il fronte interno, ossia per la sorte dei propri familiari nelle zone occupate. Raramemte si fa cenno all'esito del conflitto: v'era ancora la speranza (del tutto irrealistica in realtà) che Lee avrebbe rovesciato le sorti del conflitto. Non v'è dubbio che il morale dell'Armata del Tennessee fosse assai più basso in paragone, se intendiamo riferirci alle prospettive di vittoria e alla confidenza in Hood. Ma non così basso come si può credere. In realtà la stragrande maggioranza degli uomini approvava la strategia offensiva di Hood. La sua applicazione tattica invece produsse mal contento e sconforto. Che ciò sia dovuto a errori di Hood o a suoi subordinati resta un problema assai più complesso di quanto si creda.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1919
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  piero il Ven 24 Giu 2011 - 10:23

suvvia, lo so benissimo che sei super informato. ed anche gli scrittori che citi- e tendi a preferire.
non ti allego, per quanto riguarda il piano, nulla di straordinario. se lo possono leggere tutti su wiki usa. però rende l'idea( sono allegati anche gli autori dei libri dai quali è stato tratto il paragrafo in questione-visto che c'è una nota di rimando specifica).

da biografia di beauregard

"durante questo periodo,( si fa riferimento a 1863-durante la difesa di charleston ndr) ha proposto che alcuni dei governatori si incontrino con i governatori dell'Unione degli stati occidentali (che vengono chiamati gli stati del Midwest oggi) per una conferenza di pace.
L'amministrazione Davis ha respinto l'idea, ma ha causato notevoli manovre politiche da parte dei nemici Davis nel Congresso.( da qui l'antipatia fra i due. morto Davis,B. non parteciperà al funerale dicendo di non essere un ipocrita: erano stati nemici tutta la vita.).
Beauregard ha inoltre proposto una grande strategia, presentata in forma anonima attraverso i suoi alleati politici ,in modo che non fosse considerata per la sua reputazione,(stava già sulle p... a Davis ed al suo entourage...) per rafforzare gli eserciti occidentali a scapito di Robert E. Lee in Virginia, distruggere l'esercito federale del Tennessee,cosa che avrebbe indotto Ulysses S. Grant ad alleviare la pressione su Vicksburg ( -che cade nel luglio del '63) e costringere il suo esercito in un luogo dove potrebbe essere distrutto. l'armata confederata continuerà verso l'Ohio, per indurre gli stati occidentali ad allearsi con la Confederazione. Nel frattempo, una flotta arieti costruiti in Inghilterra potrebbero essere utilizzati per recuperare New Orleans, ponendo fine alla guerra. Non vi è alcuna traccia che il suo piano sia stato mai presentato ufficialmente al governo."citazione tratta da wiki usa.così se la possono agevolmente leggere tutti.
Williams, pp. 167-68, 181-83, 203-204( in pgt beauregard.biography); Hattaway & Taylor, p. 25.(leaders of the american civil war)

e, per fare della dietrologia, visto il cattivo sangue intercorso tra Davis e B.nel dopoguerra,ci si può aspettare di tutto. come si è sostenuto che alcune memorie di protagonisti della acw siano state pesantemente manipolate omettendo o citando parzialmente fonti ,report ed altro solo per dare giustificazione del proprio comportamento,chissà che non vi siano documenti o lettere create a posteriori...

per cui stiamo parlando di un piano che doveva essere fatto quasi un'anno e mezzo prima.nel 1863.( vicksburg cade nel luglio 1863, per cui il piano se oltre al resto doveva servire anche a salvarla ,doveva essere precedente.ndr) in condizioni assolutamente diverse.secondo me c'è una bella differenza da quel che poi fece Hood.sia come mezzi che come obiettivi.
su appomattox non mi pronuncio,lo fa bene meade(quello con il riporto...).
è su Lee che, spulciando qui e là, mi sta venendo qualche dubbio...
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Generale Meade il Ven 24 Giu 2011 - 10:46

forrest ha scritto:Non é affatto vero;a sfondare le linee di Richmond e Petersburg furono i soldati dell'Armata del Potomac,Sherman non diede alcun contributo,se non quello di richiamare in Carolina una decimata Divisione di cavalleria confederata.Tutto qui.Grant battè Lee senza l'ausilio di Sherman.I disertori delle Armate confederate le loro motivazioni,per caso,le hanno rivelate a te?


Nel marzo 1865, vedendo che Sherman stava arrivando pericolosamente alle sue spalle dalla Carolina del Nord (e Sheridan che arrivava dalla Shenandoah), Lee decise di effettuare il disperato attacco di Fort Stedman per provare a colpire, se fosse andato in porto, City Point, il quartier generale di Grant. La cosa non ebbe il risultato da lui sperato e tutto si risolse in una disfatta. Indebolito a quel modo, non seppe più tenere il fronte che cedette di li a poco. Sherman non c'entra niente in tutto questo? Se al posto di stare col fiato al collo di Lee, a marzo, Sherman si fosse ancora trovato a combattere contro l'Armata del tennessee confederata, magari comandata da Johnston, molto probabilmente Lee avrebbe tenuto ancora il fronte. Ma sicuramente non vi sarebbe stato bisogno perchè, probabilmente, Lincoln non sarebbe stato rieletto nel 1864 e la guerra sarebbe, in quel periodo, già finita per un probabile armistizio.

Le motivazioni i soldati confederati non le hanno dette, per ovvi motivi, ne a me, ne di certo a te. Basta usare il buon senso per capire i dati di fatto.

Meade

avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4025
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

CALMA !!

Messaggio  R.E.Lee il Ven 24 Giu 2011 - 12:03

Discussione interessante ed avvincente, anche se ogni tanto tende ad andare fuori-topic, però cerchiamo di stare "calmini" e di non buttarla sul personale con frasi irriverenti o provocatorie...ok ?


Lee Very Happy
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Fuori topic

Messaggio  R.E.Lee il Ven 24 Giu 2011 - 12:17

...oltretutto ho notato che alcuni messaggi sono fuori-argomento e spesso si parla di Hood e della sua campagna di Franklin-Nashville, principalmente. Suggerirei al fine sia di garantire la continuità della discussione sia di stare entro i limiti dei vari topic, di quotare il messaggio a cui si intende replicare e rispondergli nel topic apposito....Grazie

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  piero il Ven 24 Giu 2011 - 15:24

hai ragione. ma è tutto nato dall'implacabile sherman e ci si è fatti trascinare dalla vis pugnandi...
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  General Sherman il Ven 24 Giu 2011 - 16:06

Generale Meade ha scritto:
forrest ha scritto:Non é affatto vero;a sfondare le linee di Richmond e Petersburg furono i soldati dell'Armata del Potomac,Sherman non diede alcun contributo,se non quello di richiamare in Carolina una decimata Divisione di cavalleria confederata.Tutto qui.Grant battè Lee senza l'ausilio di Sherman.I disertori delle Armate confederate le loro motivazioni,per caso,le hanno rivelate a te?


Nel marzo 1865, vedendo che Sherman stava arrivando pericolosamente alle sue spalle dalla Carolina del Nord (e Sheridan che arrivava dalla Shenandoah), Lee decise di effettuare il disperato attacco di Fort Stedman per provare a colpire, se fosse andato in porto, City Point, il quartier generale di Grant. La cosa non ebbe il risultato da lui sperato e tutto si risolse in una disfatta. Indebolito a quel modo, non seppe più tenere il fronte che cedette di li a poco. Sherman non c'entra niente in tutto questo? Se al posto di stare col fiato al collo di Lee, a marzo, Sherman si fosse ancora trovato a combattere contro l'Armata del tennessee confederata, magari comandata da Johnston, molto probabilmente Lee avrebbe tenuto ancora il fronte. Ma sicuramente non vi sarebbe stato bisogno perchè, probabilmente, Lincoln non sarebbe stato rieletto nel 1864 e la guerra sarebbe, in quel periodo, già finita per un probabile armistizio.

Le motivazioni i soldati confederati non le hanno dette, per ovvi motivi, ne a me, ne di certo a te. Basta usare il buon senso per capire i dati di fatto.

Meade


Rientrando nel topic, sono d'accordo con il nostro Meade, la morsa della tenaglia che si stava stringendo da sud con l'avanzata di Sherman stava dando inesorabilmente i suoi frutti. La grande strategia di Grant e Sherman del 1864-65 ha dato lo scacco matto alla confederazione senza possibilità di scampo. Tutte le azioni della Confederazione a quel punto erano assolutamente compromesse, e qualsiai piano, in considerazione di come era messo l'esercito, il territorio, la popolazione, le infrastrutture e l'economia generale del sud, diventava solo ed unicamente prova e dimostrazione di gloria ed onore da parte dei confederati.
Si possiamo ipotizzare una serie di possibili soluzioni e piani militari, ma arrivati a quel punto è evidente che la guerra è persa. L'implacabilità di Sherman nell'operare a chiudere la tenaglia è perfettamente giustificata dal risultato. Principio cinico ma è stato cosi.

ciao

Luca
avatar
General Sherman
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 21.01.11
Età : 54
Località : VERONA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Banshee il Ven 24 Giu 2011 - 16:16

General Sherman ha scritto:
Generale Meade ha scritto:
forrest ha scritto:Non é affatto vero;a sfondare le linee di Richmond e Petersburg furono i soldati dell'Armata del Potomac,Sherman non diede alcun contributo,se non quello di richiamare in Carolina una decimata Divisione di cavalleria confederata.Tutto qui.Grant battè Lee senza l'ausilio di Sherman.I disertori delle Armate confederate le loro motivazioni,per caso,le hanno rivelate a te?


Nel marzo 1865, vedendo che Sherman stava arrivando pericolosamente alle sue spalle dalla Carolina del Nord (e Sheridan che arrivava dalla Shenandoah), Lee decise di effettuare il disperato attacco di Fort Stedman per provare a colpire, se fosse andato in porto, City Point, il quartier generale di Grant. La cosa non ebbe il risultato da lui sperato e tutto si risolse in una disfatta. Indebolito a quel modo, non seppe più tenere il fronte che cedette di li a poco. Sherman non c'entra niente in tutto questo? Se al posto di stare col fiato al collo di Lee, a marzo, Sherman si fosse ancora trovato a combattere contro l'Armata del tennessee confederata, magari comandata da Johnston, molto probabilmente Lee avrebbe tenuto ancora il fronte. Ma sicuramente non vi sarebbe stato bisogno perchè, probabilmente, Lincoln non sarebbe stato rieletto nel 1864 e la guerra sarebbe, in quel periodo, già finita per un probabile armistizio.

Le motivazioni i soldati confederati non le hanno dette, per ovvi motivi, ne a me, ne di certo a te. Basta usare il buon senso per capire i dati di fatto.

Meade


Rientrando nel topic, sono d'accordo con il nostro Meade, la morsa della tenaglia che si stava stringendo da sud con l'avanzata di Sherman stava dando inesorabilmente i suoi frutti. La grande strategia di Grant e Sherman del 1864-65 ha dato lo scacco matto alla confederazione senza possibilità di scampo. Tutte le azioni della Confederazione a quel punto erano assolutamente compromesse, e qualsiai piano, in considerazione di come era messo l'esercito, il territorio, la popolazione, le infrastrutture e l'economia generale del sud, diventava solo ed unicamente prova e dimostrazione di gloria ed onore da parte dei confederati.
Si possiamo ipotizzare una serie di possibili soluzioni e piani militari, ma arrivati a quel punto è evidente che la guerra è persa. L'implacabilità di Sherman nell'operare a chiudere la tenaglia è perfettamente giustificata dal risultato. Principio cinico ma è stato cosi.

ciao

Luca

Sul piano strategico generale ciò può essere vero. Sul piano strategico operazionale, invece, Sherman non ha nulla a che vedere con l'attacco a Fort Steadman. Lee non era affatto preoccupato di Sherman che si trovava ancora molto lontano ed era controllato, in parte, da Johnston. L'attacco fu deciso su impulso del generale Gordon ed era diretto a rompere l'accerchiamento che cominciava ad avviluppare Petersburg e con esso a tagliare fuori dai rifornimenti via ferrovia l'ANV. Fu solo merito di Grant (e Sheridan) se l'armata di Lee fu battuta ad Appomattox. Tutta la strategia e tattica dall'autunno del 1864 sino alla primavera 1865 è incentrata sul controllo delle ferrovie per costringere Lee ad abbandonare la difesa di Richmond e Petersburg. E occorre riconoscere che in questo Grant fu certamente geniale.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1919
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  General Sherman il Ven 24 Giu 2011 - 16:31

Sul piano strategico generale ciò può essere vero. Sul piano strategico operazionale, invece, Sherman non ha nulla a che vedere con l'attacco a Fort Steadman. Lee non era affatto preoccupato di Sherman che si trovava ancora molto lontano ed era controllato, in parte, da Johnston. L'attacco fu deciso su impulso del generale Gordon ed era diretto a rompere l'accerchiamento che cominciava ad avviluppare Petersburg e con esso a tagliare fuori dai rifornimenti via ferrovia l'ANV. Fu solo merito di Grant (e Sheridan) se l'armata di Lee fu battuta ad Appomattox. Tutta la strategia e tattica dall'autunno del 1864 sino alla primavera 1865 è incentrata sul controllo delle ferrovie per costringere Lee ad abbandonare la difesa di Richmond e Petersburg. E occorre riconoscere che in questo Grant fu certamente geniale.

Banshee
[/quote]

Già, è vero, quello che comunque intendevo sottolineare è un aspetto più ampio che evidenzia come il lavoro di squadra di Grant con i suoi due spietati alfieri Sherman e Sheridan, ha messo spalle al muro Lee che a quel punto qualsiasi cosa avesse fatto non sarebbe potuto andare da nessuna parte. Era solo una questione di tempo, anzi l'aspetto che personalmente mi impressiona è la capacità di resistere, a quel punto, della Confederazione e della sua gente.
ciao
Luca
avatar
General Sherman
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 21.01.11
Età : 54
Località : VERONA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Banshee il Ven 24 Giu 2011 - 16:42

General Sherman ha scritto:
Sul piano strategico generale ciò può essere vero. Sul piano strategico operazionale, invece, Sherman non ha nulla a che vedere con l'attacco a Fort Steadman. Lee non era affatto preoccupato di Sherman che si trovava ancora molto lontano ed era controllato, in parte, da Johnston. L'attacco fu deciso su impulso del generale Gordon ed era diretto a rompere l'accerchiamento che cominciava ad avviluppare Petersburg e con esso a tagliare fuori dai rifornimenti via ferrovia l'ANV. Fu solo merito di Grant (e Sheridan) se l'armata di Lee fu battuta ad Appomattox. Tutta la strategia e tattica dall'autunno del 1864 sino alla primavera 1865 è incentrata sul controllo delle ferrovie per costringere Lee ad abbandonare la difesa di Richmond e Petersburg. E occorre riconoscere che in questo Grant fu certamente geniale.

Banshee

Verissimo, concordo appieno con te Smile

Banshee
Già, è vero, quello che comunque intendevo sottolineare è un aspetto più ampio che evidenzia come il lavoro di squadra di Grant con i suoi due spietati alfieri Sherman e Sheridan, ha messo spalle al muro Lee che a quel punto qualsiasi cosa avesse fatto non sarebbe potuto andare da nessuna parte. Era solo una questione di tempo, anzi l'aspetto che personalmente mi impressiona è la capacità di resistere, a quel punto, della Confederazione e della sua gente.
ciao
Luca[/quote]
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1919
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  forrest il Dom 26 Giu 2011 - 14:32

Ecco la lettera inviata da Beauregard a Davis,che dimostra in modo inoppugnabile la sua responsabilità nel piano che a guerra finita,senza vergogna,sostenne di aver sempre avversato. -"A Sua Eccellenza,J.Davis,Presidente degli Stati Confederati-Ho deciso di non revocare la Campagna in Tennessee,e di non inseguire Sherman con l'Armata di Hood,per i seguenti motivi:1)Le strade ed i fiumi dal Tennessee al Coosa River,a est di Lookout Mountain,sono stati resi dalle piogge battenti quasi intransitabili per l'artiglieria e i convogli. 2)Il Gen.Sherman ha già un vantaggio di 275 miglia su strade relativamente buone.Il trasferimento dell'Armata di Hood in Georgia non potrebbe essere + rapido usando la ferrovia anzichè marciando,in considerazione dei ritardi che inevitabilmente risulterebbero per la cattiva condizione delle strade ferrate.CONTINUA


Ultima modifica di forrest il Dom 26 Giu 2011 - 14:46, modificato 1 volta
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  forrest il Dom 26 Giu 2011 - 14:45

3)Per inseguire Sherman,l'Armata del Tennessee avrebbe dovuto passare su strade i cui ponti sono stati tutti distrutti,e attraverso un territorio devastato,che non avrebbe permesso di raccogliere viveri e foraggio;e inoltre,si temeva che una ritirata verso est da parte nostra avrebbe seriamente decimato l'Armata a causa delle diserzioni.4)Mandare l'armata del Tennessee all'inseguimento di Sherman avrebbe spalancato alle forze di Thomas la parte + ricca dello Stato dell'Alabama,e avrebbe reso quasi certa la cattura di Montgomery,Selma e Mobile,senza garantire la sconfitta di Sherman.In considerazione di tutto ciò,dopo essermi consultato col Gen. Hood,ho deciso di permettergli(Notare il verbo "PERMETTERE" N.D.R.)di proseguire con vigore la sua campagna in Tennessee e Kentucky,sperando che sconfiggendo l'Armata di Thomas e le eventuali altre forze che potrebbero frettolosamente venirgli scagliate contro,Hood costringa Sherman,nel caso questi abbia raggiunto le coste della Georgia e della Carolina,a precipitarsi immediatamente a difendere il Kentucky,e forse l'Ohio,e in tal modo gli si impedisca di rafforzare Grant.Nel frattempo,viveri potrebbero essere inviati in Virginia dal Tennessee centrale ed orientale,così sollevando la Georgia dall'attuale,costante prelievo delle sue limitate risorse.Rimango rispettosamente il vostro obbediente servitore. P.G.T. Beauregard,Generale."
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  piero il Lun 27 Giu 2011 - 10:04

veramente il documento dimostra solo che una volta iniziata quella campagna, viste le considerazioni fatte, decide di non revocarla. non che l'ha pianificata lui in quel modo-e sottolineo il modo-, l'operazione di Hood. e gli permette di continuare.che lui avesse agli inizi del 63 fatto proporre da suoi amici politici un'operazione del genere è indiscutibile. da realizzare allora. chi la mise in atto nell'autunno inverno del 64 aveva a che fare con condizioni operative totalmente diverse. certo che una volta iniziata, a quel punto, c'era poco da scegliere.
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  General Sherman il Lun 27 Giu 2011 - 11:15

Documento interessante Forrest (non avevo dubbi). Esso evidenzia secondo me anche la situazione quasi disperata, e nel "permettere" a Hood di attuare il piano lo fa dicendo: "sperando di sconfiggere Thomas......". Aggrapparsi alla speranza non è certo buon segno e, ripeto, Beauregard descrive una situazione drammatica che indirettamente fa risaltare l'operazione di Sherman come uno scacco mortale alla Confederazione che ne limita pesantemente le scelte operative.

Ciao
Luca
avatar
General Sherman
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 190
Data d'iscrizione : 21.01.11
Età : 54
Località : VERONA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  piero il Lun 27 Giu 2011 - 14:52

ed in merito alla situazione disperata leggiti cosa ne pensavano Cleburne,quello morto nella campagna franklin -nashville,un altro tot.di generali ed ufficiali nella lettera scritta a johnston. nel post le strategie militari della conf.
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 7 Dic 2011 - 11:34

Resto dell'avviso che Sherman sia stato uno dei migliori generali della GCA e della storia in generale. Una guerra si combatte e si vince esattamente come lui ha dimostrato di saper fare, per la sua parte. Mi dispiace solo che abbia combattuto contro il Sud. Fossi stato nelle condizioni di poterlo fare, al Nord io avrei riservato il medesimo trattamento. Lo dico francamente. La guerra si fa così, così si è sempre fatta, e così si continuerà a farla. Negare questa evidenza è una mistificazione.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 1 Apr 2016 - 19:16

Guerra ai civili come agli eserciti, nessuna differenza:

Field Headquarters of the Military Division of
the Mississippi, Savannah, December 24. 1861.
Major-General W. H. Halleck, Chief of Staff, Washington,D. C.

"I will bear in mind your hint as to Charleston, and I
do not think 'salt' will be necessary. When I move, the
Fifteenth Corps will be on the right of the right wing, and
their position will bring them into Charleston first; and if
you have watched the history of this corps, you will have
remarked that it generally does its work pretty well....
We must make old and young,
rich and poor, feel the hard hand of war as well as their
organized armies.
(Signed) W. T. SHERMAN,
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3366
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

re: Sherman l'implacabile

Messaggio  MARCOBELLO il Sab 2 Apr 2016 - 20:39

Buonasera a tutti. Mi rifaccio vivo dopo un lungo silenzio e mi scuso per questo. Questa discussione è molto interessante e vorrei anch'io cercare di intervenire in qualche modo. La risposta secondo me sta nella natura stessa del tipo di conflitto che fu la guerra civile. Per certi aspetti il coinvolgimento della popolazione civile e il saccheggio indiscriminato in territorio nemico non erano nemmeno allora qualcosa di inedito. Già nella guerra di Crimea le popolazioni civili dei territori occupati avevano dovuto subire enormi disagi e perfino la deportazione, tanto che uno storico contemporaneo l'ha definita "Il primo conflitto totale della storia". Il merito, o il demerito, di Sherman è stato quello di aver compreso che la guerra (e in questo senso la guerra Civile è secondo me a tutti gli effetti una guerra moderna) non si poteva vincere solo sui campi di battaglia, ma che occorreva in qualche modo impedire, limitare o addirittura eliminare il sostegno e l'aiuto che le popolazioni del sud avrebbero naturalmente fornito alle armate confederate. Non so poi se Sherman fosse completamente cosciente di questo o se furono le vicissitudini della guerra a spingerlo in quella direzione, ma mi risulta che anche il punto di vista di Grant, che dalle testimonianze non può certo essere considerato un militare disumano tipo SS, non fosse molto differente, e anche la cavalleria di Sheridan nella valle dello Shenandoah in molti casi fece letteralmente terra bruciata, quindi posso ipotizzare che ci fosse una strategia generale in questo senso per far finire la guerra più velocemente. Concludo col dire che la guerra è una brutta e immonda bestia e che purtroppo le azioni degli uomini, in particolare dei comandanti, sono subordinate alle esigenze della vittoria, e quindi non so dare una risposta, ma mi è sembrato giusto dire la mia opinione. Saluto tutti i signori Ufficiali. Marco (Thomas Jonathan Jackson)

MARCOBELLO
Sergente
Sergente

Numero di messaggi : 44
Data d'iscrizione : 14.01.16
Età : 55
Località : Brescia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Generale Meade il Sab 2 Apr 2016 - 21:47

Non voglio fare l'avvocato del diavolo ma da che mondo e mondo non vi è mai stato un conflitto così cavalleresco dove i civili siano stati risparmiati. Non è mai accaduto in passato e neanche accade al giorno d'oggi. Questo non giustifica che un ufficiale di alto rango dell'esercito debba esprimersi in un modo così duro. La lettera di Sherman però è datata nel periodo in cui tale generale era in preda ad esaurimento nervoso e veniva considerato "pazzo". Bisogna considerare anche però che, quando usò per davvero il pugno di ferro nel "profondo Sud" è molto probabile, anzi, è più che sicuro, che abbreviò la guerra di molti mesi, se non addirittura anni.
Ho appena finito di leggere un libro dedicato alla guerra degli USA contro il Messico di Pino Cacucci, intitolato "Quelli del San Patricio", dove l'esercito USA non si fece proprio onore con la popolazione civile. Saccheggi, stupri e uccisioni arbitrarie erano all'ordine del giorno contro civili inermi. Ben poco gli ufficiali fecero per contrastare tale fenomeno. In tale esercito di invasione militavano molti di quegli stessi ufficiali che poi si trovarono a confrontarsi nella ACW. Sia del Nord che del Sud.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4025
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Sherman l'implacabile

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 7 di 7 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum