Braxton Bragg

Pagina 6 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Ven 8 Mar 2013 - 17:38

George Armstrong Custer ha scritto:
Molti dei fallimenti che sono stati attribuiti a Bragg non sono da attribuirsi completamente a lui. Egli avrebbe potuto ottenere una vittoria più decisiva a Perryville se il generale Leonidas Polk non avesse disobbedito agli ordini di attaccare prima che le forze dell'Unione fossero rafforzate.
Ciao

1) E' vero a Perryville Polk esitò non mi sento di condannarlo per questo, erano presenti quel giorno solo 3 delle 4 divisioni di Bragg e mancavano completamente le forze di Kirby, comunque il ritardo fu al massimo di un paio d'ore. I sudisti avevano in campo meno di 20.000 uomini mentre i circa 60.000 nordisti erano pressochè già tutti  presenti, se quel giorno l'armata si salvò dalla distruzione fu solo perchè i nordisti che combatterono furono solo 25.000 gli altri per incredibile mancanza di coordinamente se ne stettero fermi o non ricevettero mai nessuna comunicazione. Fra l'altro Bragg era presente sul campo ma per motivi che mi sfuggono lasciò il comando sul campo a Polk. Nei giorni successivi ad armata riunita le forze erano pari 55.000 per parte invece di reitare la battaglia si ritirò. Da notare che molte unità nordisti erano nuove di zecca ad esempio per il solo Illinois risultano in organico di AoC 12 reggimenti levati fra agosto e settembre e probabilmente non pronti alla battaglia.

George Armstrong Custer ha scritto: Due volte, durante la campagna di Chickamauga, Bragg ha ordinato ai suoi generali di attaccare e distruggere le unità dell'Unione isolate, ma in entrambe le occasioni i suoi ordini non sono stati seguiti. Polk non è riuscito a eseguire gli ordini di Bragg di effettuare un attacco contro il nemico, il secondo giorno di Chickamauga, quando c'era ancora la luce.

2) E' vero la ghenga degli ufficiali che componevano l'ala destra dell'armata il secondo giorno ebbe un comportamento MOLTO discutibile. Sarebbe però bastato che Bragg invece di "ritirarsi imbronciato nella sua tenda" avesse preso direttamente il comando delll'ala e si fosse messo a coordinarla sul posto invece di mandare gli ordini da lontano.
Saluti
Bruno


Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Gio 12 Gen 2017 - 22:50, modificato 1 volta
avatar
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 54
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 8 Mar 2013 - 19:43

Se non sbaglio le forze di Kirby Smith mancavano perchè Polk nei giorni precedenti disobbedì a tutti gli ordini e invece di concentrarsi con il resto delle forze sudiste verso Frankfurt manovrò per conto suo impedendo la realizzazione del piano di Bragg che prevedeva di colpire in dettaglio e ben separate le forze di Buell. A Perryville poi Polk tardò ad attaccare come fece su tutti i campi di battaglia, mai una volta era pronto a muoversi all'ora stabilita preferendo modificare gli ordini a suo piacimento. Inoltre mi pare che a Perryville Polk non avesse idea di cosa ci fosse di fronte a lui, solo Hardee segnalò a Bragg di aver di fronte una forza federale (di cui non specificò l'entità) che poteva essere tranquillamente attaccata. Ma sto andando a memoria e non sono sicuro di quanto comunicato da Hardee. Infine la ritirata dal Kentucky fu obbligata per questioni di rifornimenti. I confederati non avevano una linea di comunicazione aperta con le proprie retrovie e non potevano rimanere concentrati indefinitivamente. Per restare in Kentucky i sudisti avrebbero dovuto separare la già piccola forza a disposizione per permetterle di vivere sulle risorse del territorio.

Ciao
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2857
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Sab 9 Mar 2013 - 14:44

Come già detto in altri post ritengo Bragg il migliore tra i generali che si alternarono al comando dell'AT.
Questo non vuol dire che fosse un genio (a livello tattico era molto mediocre) ma ebbe sempre delle ottime intuizioni strategiche il più delle volte vanificate dai suoi più diretti collaboratori.
Vorrei invitare, infatti, tutti gli utenti del forum ad analizzare ad esempio con estrema attenzione gli eventi che precedettero la battaglia di Chickamauga, ed in particolare il mancato attacco a McLemore's Cove che impedì di assestare un colpo mortale alle truppe federali. Niente come questo episodio dimostra in modo inequivocabile il boicottaggio operato ai danni di Bragg anche da parte di generali che, sebbene appena arrivati su quel fronte, si fecero influenzare dai loro colleghi e superiori.



L'invasione del Kentucky in piccolo è stata un capolavoro che avrebbe potuto portare ad importanti sviluppi. Ma anche in questo caso vennero fuori i soliti problemi: scarsa collaborazione (Kirby Smith), ostruzionismo (Polk, Hardee), disubbidienza (Polk), errate informazioni (Morgan/Wheeler), scarsi rifornimenti.
Bragg viene spesso criticato per non aver portato avanti la campagna o addirittura di averla cominciata senza avere davanti obbiettivi chiari. A mio avviso affermare ciò vuol dire partire prevenuti.
La campagna fu organizzata sulla base dei rapporti provenienti da Morgan e dai generali del Kentucky che garantivano l'appoggio della popolazione e di migliaia di volontari che avrebbero imbracciato le armi per la confederazione (Bragg terminò la campagna con quasi 20000 fucili in più). Questo non avvenne e di ciò non si può incolpare Bragg. Allo stesso modo Bragg non può essere incolpato di aver "perso tempo" nell'insediare il governatore confederato, cosa necessaria anche ai fini del reclutamento.
A Perryville si sarebbe potuto arrivare in condizioni sicuramente migliori, ma anche qui la responsabilità non è solo del comandante: anche qui la scarsa collaborazione ricevuta dai suoi comandanti avrebbe potuto portare a conseguenze nefaste.

Altra critica ingiusta è quella di aver voluto porre termine alla campagna contro il parere dei suoi comandanti. In questo caso ci si dimentica che l'AT non aveva praticamente linee di rifornimento e che l'armata disponeva ancora di razioni per 3/4 giorni,

La più grande sciocchezza di Bragg fu sempre quella di utilizzare come comandante della cavalleria il generale Wheeler che oggettivamente occupava un ruolo al di sopra delle sue capacità.
Quanto a Forrest egli non brillò mai particolarmente inserito all'interno dell'AT ed inoltre era la persona meno adatta per avere a che fare con Bragg che dormiva con il regolamento sotto il cuscino.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 9 Mar 2013 - 15:22

Ritengo che a Braxton Bragg non gli sia giovato il suo carattere estremamente litigioso mostrato con i colleghi ufficiali, sia superiori che inferiori di grado, nonchè con i soldati.
Sembra, infatti, che le polemiche abbiano inseguito Bragg per tutta la sua carriera nell'esercito degli Stati Uniti.
Ulysses S. Grant, che ha combattuto con Bragg in Messico, lo ha descritto come "naturally disputatious". Nelle sue memorie, Grant ha raccontato una storia, probabilmente apocrifa, del tempo in cui Bragg era comandante di compagnia e Quartermaster. Come comandante, Bragg ha presentato a se stesso (come Quartermaster) una richiesta di prestazioni. Quartermaster Bragg ha rifiutato di avallare la richiesta, ma il comandante Bragg ha ripresentato la richiesta con informazioni aggiuntive. Quando il Quartermaster Bragg ha ancora rifiutato di avallare la richiesta, il comandante Bragg infine ha inviato tutta la corrispondenza al suo superiore. Guardando la pila di scartoffie, quell'ufficiale alzò le mani incredulo e gridò: "Dio mio, signor Bragg, ha litigato con tutti gli ufficiali dell'esercito, e ora sta litigando con se stesso!"

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  R.E.Lee il Sab 9 Mar 2013 - 18:13

Ahahhaah !! Very Happy Very Happy Very Happy
Più ligio ai regolamenti militari di così....si muore!!! Very Happy

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3997
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Scalawag il Dom 10 Mar 2013 - 1:45

George Armstrong Custer ha scritto:Ritengo anch'io che sarebbe un errore ritrarre Bragg come un completo fallimento.
Egli ha avuto un certo numero di sostenitori e, in realtà, era un generale competente che però ha fatto alcuni errori critici in momenti cruciali. Dopo Stones River, quando molti politici chiedevano la rimozione di Bragg, il generale Joseph E. Johnston ha scritto ad un senatore della Confederazione, "Penso che tu sottovaluti Bragg. Ha mostrato grande energia nelle sue operazioni, e ha causato del danno al nemico più di chiunque altro ha fatto con la stessa forza nello stesso tempo .... mi dispiace moltissimo vederlo rimosso. "

Molti dei fallimenti che sono stati attribuiti a Bragg non sono da attribuirsi completamente a lui. Egli avrebbe potuto ottenere una vittoria più decisiva a Perryville se il generale Leonidas Polk non avesse disobbedito agli ordini di attaccare prima che le forze dell'Unione fossero rafforzate.
Due volte, durante la campagna di Chickamauga, Bragg ha ordinato ai suoi generali di attaccare e distruggere le unità dell'Unione isolate, ma in entrambe le occasioni i suoi ordini non sono stati seguiti. Polk non è riuscito a eseguire gli ordini di Bragg di effettuare un attacco contro il nemico, il secondo giorno di Chickamauga, quando c'era ancora la luce.

Se non altro, l'esperienza di Bragg come Comandante illustra il conflitto disfunzionale interno che ha afflitto il sistema di comando confederato. Durante la maggior parte dell'incarico di Bragg come comandante dell'esercito, alcuni generali (guidati da Polk e Longstreet) hanno condotto una campagna implacabile al fine di sollevarlo dal comando. Detti ufficiali hanno scritto lettere di condanna nei suoi confronti ai politici, e Polk ha anche fatto una visita personale a Jefferson Davis, nel tentativo di far fuori Bragg. Davis avrebbe dovuto sostituire Bragg con un ufficiale che avesse avuto la fiducia dell'esercito o avrebbe dovuto adottare misure forti per sedare questa specie di ammutinamento, ma non ha fatto nessuna delle due cose. Invece, Davis ha cercato di agire come intermediario, e quando non c'è riuscito, ha trasferito Polk all'ovest e ha rimandato Longsteet in Virginia.


Caro collega, perchè dobbiamo partire dal presupposto che decine di Ufficiali nel corso delle varie campagne di Bragg fossero in torto e lui invece no? Se un vento di fronda tanto vasto nei suoi confronti ha coinvolto così tanti comandanti di corpo non può obiettivamente significare che egli, oltre ai già citati difetti di carattere che già basterebbero a renderlo inadatto ad un incarico operativo a contatto diretto con i sottoposti, fu effettivamente anche sul piano squisitamente tattico un Ufficiale mediocre?? A volte leggendo qua e la i commenti sembra che molti comandanti di corpo fossero più occupati a tramare ed intrallazzare piuttosto che comandare migliaia di uomini sul campo con tutte le difficoltà che questo implica.
Quando questo è effettivamente avvenuto, come il caso di Bragg, probabilmente vi erano anche tutti i presupposti............
avatar
Scalawag
Soldato
Soldato

Numero di messaggi : 13
Data d'iscrizione : 15.02.13
Età : 51

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 10 Mar 2013 - 10:09

Secondo il mio personale giudizio, Bragg (pur non eccellendo) non fu il peggiore generale della civil war, ma finisce nella mia lista dei cattivi per i suoi difetti caratteriali, che rendono un generale non idoneo al comando.
Facendo un esempio calcistico (Caro Bobby perdonami Razz ) non metterei mai Cassano e Balotelli nella mia squadra ideale, pur possedendo Loro una tecnica superiore alla media, hanno però una testa matta geek Finisce così che una loro espulsione rovini il gol fatto in precedenza!

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3352
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Dom 10 Mar 2013 - 11:43

Purtroppo è un dato di fatto.....a Bragg, come se non bastassero i problemi che aveva in "casa", furono inviati anche gli scarti di Lee, come Hill e Kirby Smith.
A Bragg purtroppo non fu mai dato il potere di compiere quell'epurazione che necessitava l'AT se non quando fu troppo tardi ed il suo destino era già segnato.

avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Dom 10 Mar 2013 - 12:22

In effetti i comandanti di corpo dell'Armata del Tennessee passarono buona parte della guerra a condurre campagne sulla carta per sostituire Bragg, promuovere qualcun'altro, chiedere comandi indipendenti e così via. Come dice dan-acw all'AoT vennero rifilati tutti gli scarti e i generali più rissosi che solitamente già appena arrivati si univano all'influete Polk nel suo blocco anti-Bragg. Quando poi era il momento di combattere di solito si riproponeva il seguente schema: Bragg ordinava una manovra, Polk decideva che non andava bene, consultava Hardee il quale gli dava corda, Polk cambiava piano, la campagna falliva e Bragg secondo Polk aveva tutta la colpa.

Ciao
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2857
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 10 Mar 2013 - 12:49

Lo storico Steven Woodworth ha definito Bragg nel modo seguente: "an excellent strategist, organizer, administrator, and disciplinarian, and an average tactician. His lack of political skills was a serious flaw, reducing an otherwise good general to the level of mediocrity. Others, including Jefferson Davis, Leonidas Polk, William S. Rosecrans, and Ulysses S. Grant, were far more responsible for the defeats of the Army of Tennessee than was Bragg. He definitely does not belong in the bottom ten."

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Dom 10 Mar 2013 - 12:55

P.G.T. Beauregard ha scritto:In effetti i comandanti di corpo dell'Armata del Tennessee passarono buona parte della guerra a condurre campagne sulla carta per sostituire Bragg, promuovere qualcun'altro, chiedere comandi indipendenti e così via. Come dice dan-acw all'AoT vennero rifilati tutti gli scarti e i generali più rissosi che solitamente già appena arrivati si univano all'influete Polk nel suo blocco anti-Bragg. Quando poi era il momento di combattere di solito si riproponeva il seguente schema: Bragg ordinava una manovra, Polk decideva che non andava bene, consultava Hardee il quale gli dava corda, Polk cambiava piano, la campagna falliva e Bragg secondo Polk aveva tutta la colpa.

Ciao

Caro Comandante ottima rappresentazione del covo di vipere.

Piccolo esempio:
Chickamuga campaign, Hindman viente trasferito presso l'AT con un curriculum di un certo rispetto e con la fama di essere un comandante audace ed altamente aggressivo.
Appena arrivato viene indottrinato dal suo grande amico Cleburne, che a sua volta aveva ricevuto il lavaggio del cervello da Hardee, in merito all'incompetenza del comandante dell'armata.
Risultato? l'11 settembre l'altamente aggressivo Hindman, nonostante i reiterati ordini ricevuti sia scritti che orali, memore degli avvertimenti di Cleburne, si autoconvince che Bragg lo stia conducendo in una trappola e quindi decide di non attaccare e prendere tempo.
Conclusione? una grandissima occasione sprecata

ps. in questo caso la colpa non fu solo di Hindman
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  HARDEE il Dom 10 Mar 2013 - 13:14

Signori Buongiorno

Il fatto è che con il Generale Bragg al comando si perdeva quasi sempre.


Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Dom 10 Mar 2013 - 13:41

Veramente a me risulta che l'unica vera sconfitta in cui incorse l'armata del Tennessee con Bragg al comando fu Missionary Ridge.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  HARDEE il Dom 10 Mar 2013 - 14:23

Ciao Daniele Very Happy .

Cosa mi dici di Fort Fisher?


Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1881
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Generale Meade il Dom 10 Mar 2013 - 14:41

Possibile che un ufficiale che prese parte, con un ruolo di comando di rilievo, a battaglie e campagne militari quali: Shiloh, Perryville, Murfreesboro, Stones River, Tullahoma, Chattanooga, di certo non vittorie confederate, con un solo risultato positivo riportato a Chickamauga, alla fine risulti colpevole solo per Missionary Ridge? E' credibile tutto ciò?

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 10 Mar 2013 - 15:26

Volendo fare un riepilogo su Braxton Bragg, a mio avviso, egli rimane una figura controversa. Gli storici militari, specialmente quelli di vecchia generazione, lo hanno criticato come un generale senza fantasia, inetto e incompetente.
Il Generale Bragg è sempre stato considerato il "poster-boy" della leadership confederata. Per detti storici, il comportamento di Bragg è stato uno dei motivi principali per il quale le forze dell'Unione hanno vinto nel ​​teatro occidentale con relativa facilità.
Alcuni studiosi, però, hanno provato a riabilitare la reputazione militare di Bragg. Essi sostengono che a Bragg è stata data una quantità ingiusta di colpa per le perdite confederate.
Sicuramente non si può sostenere che Bragg sia stato un grande generale. Non voglio nemmeno affermare che egli sia stato un buon generale. Ma ho dei dubbi che fosse peggio che mediocre. I dissensi e le insubordinazioni dei sottoposti di Bragg sono stati fatali in tante occasioni. Il dissenso nella sua Armata, che è stato il motivo principale del disastro a Chattanooga, è stato prodotto principalmente da Leonidas Polk, che ha creato un malcontento al limite della ribellione. Polk ha condotto una lunga campagna per minare Bragg, la quale, nel tempo, ha infettato l'intero esercito che ha trovato un gruppo di affini tra gli altri generali al quale si è aggiunto Longstreet.
Attraverso l'insubordinazione dei generali di Bragg sono state sprecate diverse opportunità per sconfiggere l'esercito dell'Unione nei giorni precedenti alla battaglia di Chickamauga.
Come comandante d'Armata, Bragg, comunque, si deve fare carico delle responsabilità delle sconfitte confederate. Mi chiedo, ma Bragg non poteva rimuovere, da subito, i generali che gli remavano contro come Polk?
Grant, come è noto, non si faceva molti scrupoli nel silurare dei subordinati a lui non graditi. Bragg forse aveva, in tale materia, poca autonomia, in quanto l'ultima parola spettava esclusivamente al presidente Davis?

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2479
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Dom 10 Mar 2013 - 16:14

Bragg non aveva particolari e importanti amicizie in congresso e la sua famigerata amicizia con Davis in realtá non mi risulta fosse cosí reale. Bragg non ebbe molta influenza su Davis nonostante il presindente avesse grande stima del generale e delle sue opinioni. Polk aveva forti appoggi in congresso. Davis aveva poi una profonda amicizia e ammirazione per Polk risalente ai tempi di West Point.

Ciao
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2857
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Generale Meade il Dom 10 Mar 2013 - 17:05

Sembra che durante la guerra col Messico, per via della sua maniacale ossessione per la disciplina, Bragg sia scampato a due attentati contro la sua vita, organizzati da un gruppo di suoi esasperati sottoposti. In uno dei due si salvò per miracolo.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Generale Meade il Dom 10 Mar 2013 - 17:30

L'amicizia tra Bragg e Davis risaliva ai tempi della guerra col Messico. Nacque durante la battaglia di Buena vista del febbraio 1847. Mentre i messicani attaccavano pericolosamente il fianco sinistro del reggimento di Davis, Bragg arrivò in forze, respingendo i messicani e tirando le castagne dal fuoco a Davis. Da allora i due presero ad ammirarsi e stimarsi reciprocamente per il coraggio dimostrato sotto il fuoco nemico.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Dom 10 Mar 2013 - 18:36

Generale Meade ha scritto:L'amicizia tra Bragg e Davis risaliva ai tempi della guerra col Messico. Nacque durante la battaglia di Buena vista del febbraio 1847. Mentre i messicani attaccavano pericolosamente il fianco sinistro del reggimento di Davis, Bragg arrivò in forze, respingendo i messicani e tirando le castagne dal fuoco a Davis. Da allora i due presero ad ammirarsi e stimarsi reciprocamente per il coraggio dimostrato sotto il fuoco nemico.

Meade

Eccetto per l'incontro sul campo di battaglia, i rapporti dei due non mi pare si siano evoluti in Messico. Le relazioni fra i due fino alla guerra civile furono praticamente nulle eccetto per un caso. Quando Davis divenne segretario alla guerra sotto Pierce, Bragg stava conducendo una battaglia contro il governo per ripristinare la sua batteria di artiglieria a cavallo sciolta in seguito alla riorganizzazione dell'arma. Bragg scrisse direttamente a Davis il quale non acconsentì e lo spedì a Fort Gibson nei territori indiani. La cosa fece infuriare Bragg che riteneva inutile l'utilizzo dell'artiglieria contro gli indiani e che non desiderava essere trasferito sulla frontiera. Passò diversi mesi finendo anche in Texas fino a quando nell'aprile del 1855 ottenne un congedo di 3 mesi. Assolutamente non disposto a tornare sulla frontiera chiese altri sei mesi e inoltrò la richiesta di essere inviato in Europa. La prima venne accetta e la seconda no. Al termine della licenza si recò a Washington per tentare di convincere Davis a trasferire la sua batteria in luoghi meno sperduti ma il segretario alla guerra fu intransigente. Era il 31 dicembre del '55 e Bragg frustrato dall'intransigenza di Davis presentò a Samuel Cooper le sue dimissioni dall'esercito americano immediatamente accettate da Davis. William T. Sherman, allora amico di Bragg, scrisse che per via di questa vicenda Bragg odiava amaramente Davis e alla vigilia della guerra civile, la signora Bragg fece trapelare del pessimismo per una futura carriera per il marito nella confederazione quando gli disse (sempre a Sherman quando si trovava ancora in Louisiana) che suo marito non era certo un favorito del nuovo presidente. Persino durante i suoi primi incarichi Bragg rimase convinto del fatto che Davis non lo tenesse in considerazione e non avesse alcuna simpatia per lui. Le cose cambiarono poi durante l'assedio di Fort Pickens ma non ci fu mai una vera e propria amicizia fra i due, ci fu un rapporto di profonda stima che maturò di anno in anno durante la guerra e più dalla parte di Davis a mio parere.

Ciao
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2857
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Dom 10 Mar 2013 - 19:47

confermo quanto detto dal comandante Beuaregard ed aggiungo che i veri amici di Davis nell'esercito erano Polk e Pemberton.
Di Bragg, a torto o a ragione, Davis ammirava le qualità militari e la sua dedizione alla causa e lo riteneva un ottimo generale senza dubbio migliore dei vari Joe Joe, Kirby Smith e company.

Per Custer.
A Bragg non fu mai riconosciuto il potere di scegliersi i sottoposti come invece avvenne con Lee.
Tale potere gli fu riconosciuto in due occasioni: dopo Murfresbooro, parzialmente, quando Bragg provvide ad eliminare il blocco Tennessee/Kentucky presente nell'armata (e con cui era inviperito per il fallimento dell'invasione), e dopo Missionary Ridge quando ormai la frittata era già stata fatta.
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  R.E.Lee il Dom 10 Mar 2013 - 20:02

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Secondo il mio personale giudizio, Bragg (pur non eccellendo) non fu il peggiore generale della civil war, ma finisce nella mia lista dei cattivi per i suoi difetti caratteriali, che rendono un generale non idoneo al comando.
Facendo un esempio calcistico (Caro Bobby perdonami Razz ) non metterei mai Cassano e Balotelli nella mia squadra ideale, pur possedendo Loro una tecnica superiore alla media, hanno però una testa matta geek Finisce così che una loro espulsione rovini il gol fatto in precedenza!

Claudio

Caro Benny sei perdonato! Very Happy
Per quanto riguarda Bragg sono vicino alle posizioni degli amici Scalawag e Meade pur riconoscendo al suddetto Bragg alcune intuizioni sicuramente intelligenti.
Se Bragg però, si beccò spesso le "camiciole" dai Generali che dovevano collaborare con Lui, un motivo e delle responsabilità da parte dello stesso Bragg ci devono pur essere.
Bragg, inoltre, "partecipò" come attore frà i protagonisti, a diverse sconfitte degli eserciti della Confederazione. Missionary Ridge fù la
sua perla da "attore protagonista". Si trattò di una sconfitta abbastanza singolare:il nemico lo costrinse alla fuga attaccando dal basso.
Altra situazione in cui Bragg non diede il meglio di sè, fù durante la Battaglia di Stone's River quando inviò anzitempo a Davis una lettera trionfale in cui annunciava la sconfitta del nemico!!!!!!!!!!! What a Face ....Ma come si fà?????????? affraid


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3997
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Dom 10 Mar 2013 - 20:04

Generale Meade ha scritto:Possibile che un ufficiale che prese parte, con un ruolo di comando di rilievo, a battaglie e campagne militari quali: Shiloh, Perryville, Murfreesboro, Stones River, Tullahoma, Chattanooga, di certo non vittorie confederate, con un solo risultato positivo riportato a Chickamauga, alla fine risulti colpevole solo per Missionary Ridge? E' credibile tutto ciò?

Meade

Sinceramente resto perplesso.......se qui si considera Seven Pines una vittoria confederata a maggior ragione lo si dovrebbe fare con Murfresboro o Stones River che dir si voglia. Rosecrans dopo la botta che prese, in superiorità numerica e con maggiori perdite, stette fermo per 6 mesi senza fare nulla.

Perryville non mi sembra possa essere minimente considerata una sconfitta, anche qui combattuta in inferiorità numerica ed infliggendo un numero maggiore di perdite. Se poi vogliamo dire che l'invasione fu un fallimento allora il discorso si fa più complesso e deve necessariamente coinvolgere le migliaia di fucili e prigionieri fatti dall'Armata del Mississippi.

A Shiloh Bragg comandava un corpo, quindi non può essere considerata.

Tullahoma oggettivamente fu una mazzata per il sud dovuta alla superiorità numerica delle forze federali. Detto ciò Bragg organizzò una controffensiva degna del miglior Lee che fallì unicamente per la condotta (molto vicina al tradimento) di alcuni suoi comandanti.



avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Generale Meade il Dom 10 Mar 2013 - 21:17

A me risulta che a Stones River Bragg, pur attaccando per primo, alla fine dovette ritirarsi battuto. In base alle forze in campo, in percentuale, furono maggiori le perdite confederate. Non capisco il nesso con 7 Pines, dove a comandare era Johnston.

A Perryville se Buell si fosse accorto della battaglia in corso in tempo, Bragg sarebbe stato annientato. Anche in questa battaglia le perdite furono, in percentuale, più alte per i confederati. Inutile dire che anche li Bragg si ritirò.

A Chickamauga Thomas viene ricordato come "la roccia", eppure non era lui il comandante in capo. Bragg a Shiloh viene ricordato solo per i vani attacchi alla Hornet's Nest.

Meade



avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4018
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  dan-acw il Lun 11 Mar 2013 - 11:49

Che i confederati subirono in percentuale perdite superiori vuol dire molto poco atteso che 99 volte su 100 combattevano in inferiorità numerica e nonostante ciò alcuni generali tra cui Lee, Early e lo stesso Bragg riuscivano ad infliggere un numero maggiore di perdite rispetto a quelle subite.

Il richiamo a Seven Pines era fatto unicamente per tentare di capire il metro di paragone con cui si giudicano determinate situazioni. Se si considera Seven Pines una vittoria a maggior ragione si devono considerarle Perryville e Murfresbooro.

A Chickamauga il II giorno Thomas divenne di fatto il comandante dell'armata e quindi il paragone con Bragg comandante di corpo a Shiloh mi sembra quantomeno peregrino (senza considerare che alla fine Hornet's Nest comunque cadde). Caso mai nello specifico bisogna chiamare in causa Longstreet che lanciò qualcosa come 20 attacchi contro un muro di fuoco (alla faccia del più grande tattico della guerra) senza cavarne un ragno dal buco
avatar
dan-acw
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 875
Data d'iscrizione : 18.04.12
Località : napoli

Visualizza il profilo dell'utente

Torna in alto Andare in basso

Re: Braxton Bragg

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 6 di 8 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum