William Booth Taliaferro

Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty William Booth Taliaferro

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mar 15 Set 2009 - 17:38

Ecco la storia di un generale confederato di lontanissime origini italiane. Da notoare che il suo iniziale contrasto con Stonewall Jackson rischiò di far perdere alla Confederazione uno dei suoi migliori generali. Però perchè un generale che dimostrò buone capacità ad un certo punto venne trasferito nel profondo sud dove prese parte solo più a piccole operazioni se non a qualche secondaria battaglia?

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

William Booth Taliaferro nacque a Belleville, nella Contea di Gloucester in Virginia, il 28 Dicembre 1822 da una famiglia aristocratica di lontane origini italiane. Si diplomò al William and Mary College nel 1841 e studiò legge ad Harvard. Con lo scoppio della guerra contro il Messico intraprese la carriera militare divenendo capitano di una compagnia del 11th US Infantry il 23 Febbraio 1847. Il 12 Agosto 1847 fu promosso maggiore e sempre nello stesso mese fu assegnato al 9th US Infantry. Il reggimento venne sciolto e il 26 Agosto del 1848 Taliaferro terminò la sua carriera nell’esercito americano. Ritornato alla vita civile si interessò alla politica del suo stato nativo, rappresentò la sua contea nella Camera dei Delegati della Virginia dal 1850 al 1853 e nel 1856 supportò la campagna elettorale del candidato democratico alla presidenza James Buchanan. Come la maggior parte dei ricchi meridionali, Taliaferro prestò anche servizio nella milizia statale divenendone un esponente di rilievo mentre John Brown conduceva il suo attacco ad Harper’s Ferry nel 1859.
Con lo scoppio della guerra civile prese il comando a Norfolk, come maggior-generale della milizia, il 18 Aprile 1861. A Maggio divenne colonnello nell’esercito confederato e fu posto al comando del 23rd Virginia Infantry a Gloucester Point. Si unì poi col suo reggimento alle forze del generale Robert S. Garnett in Virginia Occidentale dove combatté a Rich Mountain l’11 Luglio 1861, e nel successivo scontro di Corrick’s Ford il 13 Luglio. Durante la battaglia Taliaferro comandò la retroguardia che resistette tenacemente all’inseguimento dei federali mentre allo scontro di Greenbrier River, il 3 Ottobre 1861, comandò una brigata formata da tre reggimenti di fanteria. Nel Dicembre del 1861 fu posto sotto il comando del generale Thomas J. “Stonewall” Jackson con il quale ebbe subito contrasti. Infatti il generale William W. Loring accusò Jackson di aver stanziato le sue truppe nell’inospitale Romney e Taliaferro decise di supportarlo portando personalmente il caso all’attenzione del presidente Davis e di altri politici a Richmond. Il presidente confederato concordò con Taliaferro e ordinò a Jackson di ritirare le truppe di Loring da Romney e spostarle a Winchester. Indignato Jackson obbedì all’ordine ma inviò un lettera di dimissioni sostenendo che si era verificato un atto di insubordinazione: sembrava che i suoi sottoposti potevano disubbidire ai suoi ordini appellandosi alle autorità centrali. Dopo molte insistenze Jackson ritirò le dimissioni e Loring fu trasferito. Tuttavia, quando il 4 Marzo 1862 Taliaferro fu promosso brigadier-generale, Jackson protestò vivacemente per la promozione ma dovette infine riconoscere le capacità militari del suo subordinato. Fu così che Taliaferro prese parte alla campagna della Valle dello Shenandoah al comando di una brigata formata da tre reggimenti. A McDowell giocò un ruolo vitale nella sconfitta dei federali e prese momentaneamente il comando delle forze confederate del generale Edward Johnson che venne ferito. Si distinse anche alla battaglia di First Winchester e alle successive di Cross Keys e Port Republic. Nella campagna di Second Manassas combatté il 9 Agosto 1862 a Cedar Mountain, dove in seguito alla morte del generale Charles S. Winder prese il comando della vecchia divisione di Jackson. Mantenne il comando della divisione quando le forze di Jackson presero Manassas Junction e quando questi il 28 Agosto decise di attaccare i federali che si stavano muovendo attraverso Groveton. Nell’attacco Taliaferro fu ferito gravemente e non prese parte alle successive manovre della battaglia di Second Manassas. Dopo essersi ripreso riuscì a rientrare in servizio in tempo per combattere a Fredericksburg nel Dicembre del 1862.
Nel Marzo 1863 venne trasferito dall’Armata della Virginia Settentrionale al dipartimento del South Carolina, Georgia e Florida divenendo comandante del distretto di Savannah. Fu poi trasferito a Charleston, in South Carolina, dove prese il comando delle truppe sudiste stanziate sulla Morris Island. Era al comando dei confederati situati a Fort Wagner quando il 18 Luglio del 1863 il forte venne assaltato dai nordisti, mentre ad Agosto venne trasferito sulla James Island, sempre a Charleston. Il 20 Febbraio 1864 fu nominato provvisoriamente al comando delle truppe del distretto della Florida Orientale ma già il 5 Marzo tornò a James Island. A Maggio fu nominato comandante del Settimo Distretto del South Carolina e nel Dicembre fu nominato comandante delle truppe confederate nel Distretto South Carolina. Partecipò all’evacuazione di Savannah supportando la ritirata di Hardee dalle forze di Sherman e infine combatté a Bentonville nel Marzo del 1865. Si arrese il 2 Maggio 1865 a Greensboro, in North Carolina, come maggior-generale anche se non esiste alcuna documentazione della promozione e pertanto viene considerato un brigadier-generale dell’esercito confederato.
Dopo la guerra servì ancora nella legislatura del 1874-1879 della Virginia e fu anche giudice della Contea di Gloucester dal 1891 al 1897. Ebbe anche incarichi nel V.M.I., nel William and Mary College e in altri istituti dello stato. Morì nella sua casa nella Contea di Gloucester il 27 Febbraio 1898.Taliaferro era un ufficiale amante della disciplina, come il suo superiore Stonewall Jackson o come il generale Charles S. Winder che sostituì al comando della divisione quando questi morì. Per questo motivo non fu mai molto amato dai suoi uomini.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
P.G.T. Beauregard
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty william booth taliaferro

Messaggio  R.E.Lee il Mar 15 Set 2009 - 18:18

caro beauregard,
complimenti per l'accurata ricostruzione delle vicende dell'unico generale confederato, se la memoria non m'inganna, dal cognome italiano.
il trasferimento in south carolina non fù certo per taliaferro un avanzamento di carriera, chiamiamolo così, però la difesa di charleston era pur sempre uno dei cardini della strategia confederata e lui assolse tale compito brillantemente. non trovi ?


ciao
lee
R.E.Lee
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4028
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 58
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  Giancarlo il Mar 15 Set 2009 - 21:39

Caro Lee,
di generali della ACW con cognome italiano c'era anche Edward Ferrero (combattè con i bleu). Nato in Italia, ex garibaldino, ex maestro di danza, si distinse sotto Burnside e nel teatro occidentale.

Non dimentichiamo poi il buon Camillo De Rudio, non era generale ma fu uno dei tre italiani che erano con Custer al Little Big Horn: sopravvissero tutti e 3 (la buona stella degli italiani Very Happy )
Giancarlo
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 783
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 57
Località : Ferrara

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mar 15 Set 2009 - 22:13

Taliaferro non era prorpio italiano dato che ormai era americano da diverse generazioni e il suo cognome era incredibilmente storpiato (basta guardare Gods and Generals), che a sentirlo non sembra per nulla italiano. Ritengo che fosse molto più ambito e di primo piano il comando di una divisione nell'ANV che un comando in Florida o di una piccola guarnigione a Charleston. Magari sarebbe stato più utile in una delle armate principali della confederazione.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
P.G.T. Beauregard
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty william booth taliaferro

Messaggio  R.E.Lee il Mer 16 Set 2009 - 9:59

Giancarlo ha scritto:Caro Lee,
di generali della ACW con cognome italiano c'era anche Edward Ferrero (combattè con i bleu). Nato in Italia, ex garibaldino, ex maestro di danza, si distinse sotto Burnside e nel teatro occidentale.

Non dimentichiamo poi il buon Camillo De Rudio, non era generale ma fu uno dei tre italiani che erano con Custer al Little Big Horn: sopravvissero tutti e 3 (la buona stella degli italiani Very Happy )


conoscevo di nome ferrero, però era un generale unionista non confederato. mi pare che partecipò anche alla famosa "battaglia del cratere".
proseguendo a parlare poi di taliaferro ed agli appellativi con cui veniva chiamato, mi pare fosse noto o soprannominato "toliver"...o mi sbaglio ?

ciao
lee
R.E.Lee
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4028
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 58
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  forrest il Mer 16 Set 2009 - 10:56

Non era esattamente un soprannome;semplicemente,il suo cognome veniva pronunciato "Taliver".Come si possa passare da Taliaferro a Taliver,è un mistero che lascio risolvere ai glottologi.A me sembrava di aver letto,da qualche parte,che la sua famiglia avesse origini spagnole,non italiane.Ma può darsi che la memoria mi inganni.
forrest
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 16 Set 2009 - 18:13

Io ho letto che ha origini italiane che risalgono però a un paio di secoli prima della ACW. Hanno avuto tutto il tempo per storpiare il cognome...

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
P.G.T. Beauregard
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty william booth taliaferro

Messaggio  R.E.Lee il Mer 16 Set 2009 - 18:20

P.G.T. Beauregard ha scritto:Io ho letto che ha origini italiane che risalgono però a un paio di secoli prima della ACW. Hanno avuto tutto il tempo per storpiare il cognome...

Ciao,
Beauregard

grande beauregard,
praticamente i suoi avi emigrarono in america ai tempi della primissima colonizzazione.


ciao
lee
R.E.Lee
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4028
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 58
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 16 Set 2009 - 18:29

Una cosa del genere, da parte del padre o della madre, non ricordo.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
P.G.T. Beauregard
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2903
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 2 Ott 2009 - 17:05

Volevo ricordare che la Battery Wagner che era sotto il comando del gen.Confederato Taliaferro venne assaltata senza successo,nel 1863, dal 54° Massachusetts,Reggimento Nordista formato da soli neri,al comando del Col.Robert Gould Shaw che venne ucciso in quella occasione.Da questo episodio venne tratto il film "Glory" che tutti voi sicuramente conoscerete.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
George Armstrong Custer
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2501
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

William Booth Taliaferro Empty Re: William Booth Taliaferro

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum