Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Pagina 7 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  piero il Lun 4 Lug 2011 - 14:57

la posto qui perchè riguarda Davis-ma non so se è il topic giusto
lettera a mr.blair

"Richmond, Va., January 12, 1865.

"Sir: I have deemed it proper and probably desirable to you to give you in this form the substance of remarks made by me to be repeated by you to President Lincoln.
"I have no disposition to find obstacles in forms and am willing now as heretofore to enter into negotiations for the restoration of peace; and am ready to send a commission whenever I have reason to suppose it will be received, or to receive a commission if the United States government shall choose to send one. That, notwithstanding the rejection of our former offers, I would, if you could promise that a commissioner, minister, or other agent, would be received, appoint one immediately, and renew the effort to enter into conference with the view to secure peace to the two countries.

JEFFERSON DAVIS
parla espressamente di abboccamenti precedenti tentati da Davis( tanto per capirci prima di hampton roads) quindi, a naso, almeno metà del '64...
saludos

piero
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 224
Data d'iscrizione : 21.03.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Lun 2 Apr 2012 - 17:23

HARDEE ha scritto:Signori, buongiorno!

Dopo la sconfitta di Atlanta il Generale Hood si diresse verso il Tennessee lasciando libera la via per il mare alle Armate del Generale Sherman, ma questa fu un'operazione saggia?


Hardee

Prendo lo spunto per la domanda posta dal ns. Hardee per farne un'altra: cosa sapeva realmente la popolazione del Meridione del disastro che si stava profilando nel fronte Ovest? Cosa sapevano dell'invasione del Tennessee da parte di Hood mentre Sherman metteva a ferro e fuoco la Georgia?
E' possibile che le maglie della censura avessero agito come quando scoppiò la rivolta del pane a Richmond, dove tutto fu messo a tacere, compreso gli arresti, e le poche fonti rimaste sono il diario di John Beauchamp "A Rebel War Clerk's Diary", le testimonianze dei prigionieri federali presenti in citta e poco altro?
Possibile che nessuno avesse protestato e chiesto a Davis di dare conto della catastrofe incombente nell'Ovest?

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Banshee il Mer 4 Apr 2012 - 10:46

Non entro nel merito della questione della "rivolta del pane", questione che confesso non mi appassiona molto e di cui so poco. Una cosa però è certa. Se c'era una società altamente democratica, in cui l'opinione pubblica esercitava una forte influenza sia di sostegno che di controllo attraverso i giornali e gli opinionisti era quella confederata. Difficile pensare che vi fosse qualche forma di censura riguardo la disastrosa campagna di Hood nel Tennessee. Del resto la raccolta degli articoli scritti nel corso dela GCA del più noto giornalista sudista, Edward Pollad (un arci-nemico di Davis) uscita immediatamente dopo le fine delle ostilità (The Southern History of War in 4 volumi) nel quarto anno di guerra si occupa della vicenda, con aspre critiche. Il Sud era ben informato, dunque.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1922
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Ospite il Gio 12 Apr 2012 - 17:27

Banshee ha scritto:Non entro nel merito della questione della "rivolta del pane", questione che confesso non mi appassiona molto e di cui so poco. Una cosa però è certa. Se c'era una società altamente democratica, in cui l'opinione pubblica esercitava una forte influenza sia di sostegno che di controllo attraverso i giornali e gli opinionisti era quella confederata. Difficile pensare che vi fosse qualche forma di censura riguardo la disastrosa campagna di Hood nel Tennessee. Del resto la raccolta degli articoli scritti nel corso dela GCA del più noto giornalista sudista, Edward Pollad (un arci-nemico di Davis) uscita immediatamente dopo le fine delle ostilità (The Southern History of War in 4 volumi) nel quarto anno di guerra si occupa della vicenda, con aspre critiche. Il Sud era ben informato, dunque.

Banshee

D'altronde sarebbe stato molto difficile nascondere la verità delle operazioni e di quanto stesse accadendo ad una popolazione che in un modo o nell'altro iniziò a viver ele operazioni sul proprio territorio e, soprattutto, in un contesto quale era quello della Confederazione dove la dialettica tra potere centrale e singoli stati fu sempre presente, spesso conflittuale e comunque sempre sotto gli occhi della Stampa.


Ultima modifica di Lloyd J. Beall il Gio 12 Apr 2012 - 17:32, modificato 1 volta

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Banshee il Gio 12 Apr 2012 - 17:31

Assolutamente d'accordo. Penso che la società sudista, pur con tutte le sue imperfezioni, possa essere considerata a pieno titolo, una società altamente democratica, persino più di quella settentrionale ove l'esistenza di moti e opposizioni popolari assai violente, costrinse il presidente Lincoln alla sospensione dell'habeas corpus. E' un caso forse che lo storico David H. Donald abbia scritto che sulla tomba della CSA avrebbe dovuto troneggiare l'epitaffio "morta per democrazia"?

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1922
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Ospite il Gio 12 Apr 2012 - 17:38

Molti ragionerebbero infatti sull'utilità della democrazia in guerra. La Confederazione decise di applicarla in ogni fase del conflitto e questo oggi ci appare come un continuo dibattito tra i poteri, stati e forze dal momento in cui noi penseremmo che l'unica preoccupazione sarebbe dovuta essere la guerra. Così non fu. La Confederazione dimostrò, nella sua sconfitta, di non esser una mera copia dell'Unione nata per tutelare magari gl interessi di gruppi di potere ma una vera e propria entità politica e statale democratica.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Banshee il Gio 12 Apr 2012 - 17:41

Esattamente. Comprendere questo è capire l'essenza della civiltà sudista. Parafrasando Nietzsche, per tutti e per nessuno.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1922
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Ospite il Gio 12 Apr 2012 - 17:47

E purtroppo proprio questo punto non si vuole comprendere della Confederazione. Il suo essere, di base, molto più vicina alla Federazione Americana che uscì dalla Guerra di Indipendenza di quanto lo fosse la Federazione Americana all'alba della Guerra Civile e di quanto lo sia quella attuale. Con questi presupposti la Confederazione era destinata a sparire? Va bene. Ma essi erano gli stessi presupposti che portarono i coloni a ribellarsi a Londra. Non riconoscere ciò e condannare gli altri ovvero che gli uni rientra nel soggettivismo, non nella Storia.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Gio 12 Apr 2012 - 21:08

Banshee ha scritto:Assolutamente d'accordo. Penso che la società sudista, pur con tutte le sue imperfezioni, possa essere considerata a pieno titolo, una società altamente democratica, persino più di quella settentrionale ove l'esistenza di moti e opposizioni popolari assai violente, costrinse il presidente Lincoln alla sospensione dell'habeas corpus. E' un caso forse che lo storico David H. Donald abbia scritto che sulla tomba della CSA avrebbe dovuto troneggiare l'epitaffio "morta per democrazia"?

Banshee

Infatti, la CSA perì prima ancora di nascere, rifiutando la democrazia popolare. Lincoln vinse le elezioni democraticamente indette, mentre la minoranza perdente preferì ricorrere alle armi piuttisto di rispettare il voto popolare.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Banshee il Gio 12 Apr 2012 - 21:38

Il voto popolare nel Sud aveva sancito de facto l'esistenza di due distinte realtà: Nord e Sud; Settentrione e Meridione; Unione e Confederazione. Non si può dunque accusare i secessionisti di aver tradito il voto popolare, al contrario. E per quanto si tenti di affermare per l'ennesima volta che vi fu violazione del diritto da parte degli stati del Sud, ancora non ho visto alcun argomento convincente a livello normativo e costituzionale di codesta presunta violazione. Abbiamo torturato a lungo la costituzione americana: ma per quanto ognuno cerchi di tirarla dalla sua parte, nessuna norma espressamente affermava che il sogno d'indipendenza del Sud (del Sud popolare e democratico) fosse illegittimo o vietato.
E la CSA perì sui campi di battaglia, non in qualche oscura bottega politica o in qualche lurida conventicola di affaristi. No. Perì con il sangue dei suoi giovani e anziani, dei suoi contadini e aristocratici, dei suoi ufficiali e soldati semplici. Ad Antietam e Gettysburg, a Vicksburg ed Atlanta. Ovunque vi fosse un uomo in grigio al comando di altri grigi uomini. Ma accidenti quanto ci ha fatto sognare. E quel sogno nessuno lo potrà mai far perire ....nessuno. Cool
Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1922
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Gio 12 Apr 2012 - 22:05

Banshee ha scritto:Il voto popolare nel Sud aveva sancito de facto l'esistenza di due distinte realtà: Nord e Sud; Settentrione e Meridione; Unione e Confederazione. Non si può dunque accusare i secessionisti di aver tradito il voto popolare, al contrario. E per quanto si tenti di affermare per l'ennesima volta che vi fu violazione del diritto da parte degli stati del Sud, ancora non ho visto alcun argomento convincente a livello normativo e costituzionale di codesta presunta violazione. Abbiamo torturato a lungo la costituzione americana: ma per quanto ognuno cerchi di tirarla dalla sua parte, nessuna norma espressamente affermava che il sogno d'indipendenza del Sud (del Sud popolare e democratico) fosse illegittimo o vietato.
E la CSA perì sui campi di battaglia, non in qualche oscura bottega politica o in qualche lurida conventicola di affaristi. No. Perì con il sangue dei suoi giovani e anziani, dei suoi contadini e aristocratici, dei suoi ufficiali e soldati semplici. Ad Antietam e Gettysburg, a Vicksburg ed Atlanta. Ovunque vi fosse un uomo in grigio al comando di altri grigi uomini. Ma accidenti quanto ci ha fatto sognare. E quel sogno nessuno lo potrà mai far perire ....nessuno. Cool
Banshee

Un conto è sognare, un conto è la dura realtà. Chi partecipa a una votazione, cosciente di farlo (stiamo parlando di adulti grandi e vaccinati, non di bimbetti) la deve rispettare. Fosse anche per un voto. Questo significa Democrazia. E' come il gioco del Poker. Se perdo una mano milionaria, mica mi alzo e saluto gli altri giocatori. Prima c'è da pagare.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Banshee il Gio 12 Apr 2012 - 22:12

Ma il Sud mica era un bimbetto e neppure i suoi abitanti. Ciò che chiedevano è che fossero rispettati i loro diritti. Più che legittimo dissociarsi da chi li avrebbe calpestati. E a poker non si paga, se l'altro bara.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1922
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Gio 12 Apr 2012 - 22:43

Banshee ha scritto:Ma il Sud mica era un bimbetto e neppure i suoi abitanti. Ciò che chiedevano è che fossero rispettati i loro diritti. Più che legittimo dissociarsi da chi li avrebbe calpestati. E a poker non si paga, se l'altro bara.

Banshee

Quindi stai dicendo che degli adulti grandi e vaccinati, perdendo le elezioni democraticamente vinte dalla maggioranza della volontà popolare, volevano fossero rispettati i loro diritti di perdenti. Che bella faccia tosta. Voto o non voto, vinco o perdo, chi se ne frega, tanto ho sempre ragione io.
Giocando a poker invece, basta dire che l'altro bara sempre per non perdere mai. Che bello. Questo sì che è saper perdere...

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Ospite il Ven 13 Apr 2012 - 20:35

Banshee ha scritto:Ma il Sud mica era un bimbetto e neppure i suoi abitanti. Ciò che chiedevano è che fossero rispettati i loro diritti. Più che legittimo dissociarsi da chi li avrebbe calpestati. E a poker non si paga, se l'altro bara.

Banshee

La Confederazione ebbe come primo vagito e comme epitaffio la parola "lIbertà". La stessa che i coloni credettero in diritto di prendersi con la forza dai britannici quando essi affermavano che non esisteva alcun diritto di separarsi da Londra e che non esisteva alcuna identità americana. L'Unione si arrogò i diritti che negava esistere da parte degli inglesi.

Ospite
Ospite


Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  HARDEE il Sab 14 Apr 2012 - 1:42

Generale Meade ha scritto:
Banshee ha scritto:Assolutamente d'accordo. Penso che la società sudista, pur con tutte le sue imperfezioni, possa essere considerata a pieno titolo, una società altamente democratica, persino più di quella settentrionale ove l'esistenza di moti e opposizioni popolari assai violente, costrinse il presidente Lincoln alla sospensione dell'habeas corpus. E' un caso forse che lo storico David H. Donald abbia scritto che sulla tomba della CSA avrebbe dovuto troneggiare l'epitaffio "morta per democrazia"?

Banshee

Infatti, la CSA perì prima ancora di nascere, rifiutando la democrazia popolare. Lincoln vinse le elezioni democraticamente indette, mentre la minoranza perdente preferì ricorrere alle armi piuttisto di rispettare il voto popolare.

Meade



Generale Meadei, Buongiorno!

Il Kansas –Nebraska Act del 1854, che legalizzava la schiavitù in tutti gli Stati Uniti, fu approvata dal Congresso, durante la Presidenza Pierce, nel 1854, pertanto era una Legge costituzionale.

Il candidato alla Presidenza Liincoln aveva puntata il dito sulla questione della libertà degli Stati di applicare o no le disposizioni di polizia inerenti il rispetto della schiavitù, di fatto di escludere o no la schiavitù, dai loro confini.

Questo discorso aveva palesato l’opinione del candidato Lincoln e spaventato gli Stati cotonieri.

La politica di Lincoln lasciava dedurre che i singolii Stati erano liberi o no di rispettare le leggi sulla restituzione degli schiavi , quindi di non rispettare la Costituzione, ma dovevano rispettare un’Unione, che nella persona del suo Presidente incoraggiava il non rispetto dei diritti degli Stati cotonieri.

Questa contraddizione lasciava come soluzione solo la secessione.

Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1885
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Jubal Anderson Early il Sab 14 Apr 2012 - 12:42

A ben vedere, la secessione del Sud trovava un richiamo esplicito nella Dichiarazione di Indipendenza, nel passaggio :

"(...) Noi riteniamo auto evidenti queste verità : che tutti gli uomini sono creati uguali, e sono dotati dal loro Creatore di certi inalienabili diritti, quali la vita, la libertà e la ricerca della felicità. Per assicurare i quali, si istituiscono governi fra gli uomini, che derivano il loro potere legittimo dal consenso dei governati. Laddove una qualsiasi forma di governo minacci il conseguimento di questi fini, il popolo ha il diritto di modificarla o abolirla formando un nuovo Governo, che si fondi su tali principi e organizzi i propri poteri nel modo che sembri più adatto a procurare sicurezza e felicità."

Ora, partendo dall'assunto che nel 1860 "uomini" erano considerati solo i bianchi (non solo da parte dei sudisti), la secessione trovava la propria legittimità non nella Costituzione, ma nella Dichiarazione di Indipendenza - documento firmato da esponenti della popolazione sia delle Colonie divenute Stati, sia del Nord che del Sud - di cui Davis, all'epoca, si trovò ad essere primo difensore, e cui il Sud, giustamente, si appellò nella lotta per la propria libertà.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  R.E.Lee il Sab 14 Apr 2012 - 14:22

Ragazzi !!! Và tutto bene...però siam finiti fuori topic.... Smile


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4001
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Sab 14 Apr 2012 - 14:23

[quote="Jubal Anderson Early"]A ben vedere, la secessione del Sud trovava un richiamo esplicito nella Dichiarazione di Indipendenza, nel passaggio :

"(...) Noi riteniamo auto evidenti queste verità : che tutti gli uomini sono creati uguali, e sono dotati dal loro Creatore di certi inalienabili diritti, quali la vita, la libertà e la ricerca della felicità. Per assicurare i quali, si istituiscono governi fra gli uomini, che derivano il loro potere legittimo dal consenso dei governati. Laddove una qualsiasi forma di governo minacci il conseguimento di questi fini, il popolo ha il diritto di modificarla o abolirla formando un nuovo Governo, che si fondi su tali principi e organizzi i propri poteri nel modo che sembri più adatto a procurare sicurezza e felicità."

quote]

Questo richiamo può essere interpretato in vari modi, ma di certo non come un diritto a secedere. Un conto è una modifica o una abolizione di un governo non più sostenuto dalla maggioranza dei suoi cittadini, un altro è stravolgere la Dichiarazione di Indipendenza Americana, fondata in origine dalla aggregazione tra i vari Stati e dai padri fondatori, in modo perpetuo. Naturalmente nulla è eterno e se la minoranza non era contenta di come andavano le cose, doveva dibattere della cosa nelle sue giuste sedi politiche, rispettando la maggioranza della volontà popolare. Aldilà di tutto e delle evidenti contraddizioni, la CW scoppiò anche per dirimere una volta per tutte le questioni rimaste irrisolte e rimandate di volta in volta, motivo di aspre polemiche e oggetto di infiniti dibattiti. Risolte quelle, negli USA finirono i motivi del contendere. Purtroppo la guerra non è altro che la continuazione della politica.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  R.E.Lee il Sab 14 Apr 2012 - 14:24

R.E.Lee ha scritto:Ragazzi !!! Và tutto bene...però siam finiti fuori topic.... Smile


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4001
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Sab 14 Apr 2012 - 14:28

Pardon Embarassed

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  HARDEE il Sab 14 Apr 2012 - 14:33

Ciao Lee+ Very Happy Smile Laughing


Scusa, credo sia colpa del cuore e del sangue sudista.

Per dirla allo Foscolo:

“ [...] quello spirto guerrier ch'entro mi rugge.”


Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1885
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 66
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  R.E.Lee il Sab 14 Apr 2012 - 14:35

Generale Meade ha scritto:Pardon Embarassed

Meade

ehehe!! no problem caro Meade ed Hardee. il mio era un richiamo (bonario, ovvio) generalizzato agli utenti non a Voi.. Smile

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4001
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Jubal Anderson Early il Sab 14 Apr 2012 - 14:43

Ho replicato al Generale Meade in "Verso la Guerra Civile / Secessione legittima?"
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  R.E.Lee il Sab 14 Apr 2012 - 20:40

Ragazzi !
Il mio non era ne un richiamo ne un qualcosa che voleva minimamente urtare nessuno di voi! Very Happy
Era semplicemente un invito a postare nei topic appositi.
Il forum grazie a Voi và alla grande, però dobbiamo sforzarci, nei limiti del possibile ovvio, a postare nei topic "giusti" altrimenti c'è il rischio per gli appassionati che ci leggono, di perdersi un pò....


Lee Very Happy
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4001
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Generale Meade il Lun 14 Mag 2012 - 23:14

Le elezioni per il Congresso Confederato del 1863 andarono male per l'amministrazione del presidente Davis. Ebbero scarsa affluenza e molti dei sostenitori secessionisti di Davis non vennero rieletti, indebolendo così il suo governo. Non bastasse, la confederazione si ritrovava al suo interno una opposizione sovversiva nei gruppi identificati come "Peace Societies", similari ai Copperheads nordisti, che agivano nell'ombra. Queste società erano attive in particolare negli Stati dell'Alabama, Est Tennessee, Mississippi e Georgia. La cattiva condotta di guerra di Davis, spinse alla fine dell'anno 1864 parte del congresso a chiedere a Lee di instaurare una dittatura militare da lui presieduta. Solo il rifiuto di Lee impedì che la richiesta si realizzasse.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4029
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: Jefferson Davis: il presidente degli Stati Confederati

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 7 di 10 Precedente  1, 2, 3, 4, 5, 6, 7, 8, 9, 10  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum