Il Texas e la ACW.

Andare in basso

Il Texas e la ACW.

Messaggio  Generale Meade il Mer 17 Feb 2010 - 15:37

Il texas come stato diede un contributo non indifferente alla causa sudista, sia in uomini che viveri fondamentali al proseguio della guerra, almeno finchè potè. Ripercorriamone brevemente le ragioni.

Dopo l'annessione del Texas agli USA nel 1845 e la successiva guerra contro il Messico, il suo più influente senatore (rimase in carica fino al 1859) Sam Houston, si prodigò contro le crescenti divisioni del suo stato, criticando indiscriminatamente sia gli estremisti sudisti sia gli estremisti nordisti. Disse: "Una nazione divisa al suo interno non può stare in piedi". Tali parole verranno ripetute 8 anni dopo da un certo Abramo Lincoln.

Houston si oppose anche al Kansas-Nebraska Act del 1845, prevedendone la guerra imminente: "campi insanguinati, scene di orrore, forse città ridotte a rovine fumanti - il fratello che uccide il fratello...Vedo il mio amato Sud affondare nel confronto ineguale, in un mare di sangue e rovine fumanti".

Benchè fosse egli stesso proprietario di schiavi, si candidò come governatore del Texas da unionista vincendo nel 1859. Nonostante la sua forte opposizione alla secessione, il Texas il 1° febbraio 1861 si staccò dall'Unione aderendo alla CSA. Il 16 marzo fu espulso dall'ufficio di governatore perchè si rifiutava di prestare giuramento alla CSA. Scrisse:

"Concittadini, in nome dei vs. diritti e libertà, che credo siano stati calpestati, rifiuto di prestare giuramento. Nel nome della nazionalità del Texas, che è stata tradita dalla Convenzione, rifiuto di prestare giuramento. Nel nome della Costituzione del Texas, rifiuto di prestare giuramento. Nel nome della mia stessa coscienza e umanità, che questa Convenzione degraderebbe trascinandomi davanti a sè, per andare incontro all'intenzione criminosa dei miei nemici, rifiuto di prestare giuramento."

Durante la guerra, o almeno fino a metà del 1863, il compito principale del Texas fù di rifornire di derrate alimentari le truppe confederate che si interruppe con la conquista e il controllo da parte federale del fiume Mississippi.
La prima richiesta di truppe consistenti fù rivolta al Texas dal governo confederato nel mese di aprile 1861, di circa 8.000 uomini da adibire principalmente alla difesa delle coste. Segue in agosto dello stesso anno una ulteriore arichiesta di 2.000 uomini da mandare in Virginia. In totale 32 compagnie vennero mandate a Richmond, che furono organizzate nel 1°, 4° e 5° RGT del Texas, poi raggruppati nella brigata di John Bell Hood.

A fine 1861 il Texas aveva messo in campo 7 RGT e 4 battaglioni di fanteria complessivamente di 7.000 uomini più 7 compagnie di artiglieria.
Inoltre furono messi in sella 16 reggimenti, 3 battaglioni e 3 compagnie indipendenti di cavalleria, complessivamente 17,300 uomini, a dimostrazione della prevalente e naturale attitudine dei Texani per il cavallo e avversione alle marcie della fanteria, anche se per rimediare alla carenza di truppe di fanteria, alcune unità a cavallo vennero sciolte.

Nella guerra civile che avevano in casa, i Texani si distinsero nel 1 agosto 1862 per il "Massacro del Nueces", dove uccisero 34 germano-texani.

I RGT texani parteciparono a tutti gli scontri più importanti della ACW, e l'ultima battaglia del conflitto si svolse proprio in Texas, il 12 maggio 1865, a Palmito Ranch.

Confederato texano

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Sam Houston

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4025
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum