Truppe di colore nell'esercito Unionista

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Dom 12 Set 2010 - 15:36

Dopo il Proclama di Emancipazione di Lincoln, nel 1862, si cominciò ad arruolare nelle fila degli unionisti truppe di colore. I primi reggimenti furono composti da volontari formati da ex schiavi fuggiti provenienti dalla Carolina del Sud e dal Tennessee e da volontari di colore liberi provenienti dal Massachusetts.

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Manifesto di reclutamento per gli uomini di colore

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Verso la fine del conflitto, circa 179.000 soldati di colore militavano nelle fila unioniste (10% circa del totale delle truppe unioniste complessive), mentre altri 19.000 afroamericani servirono nella Marina unionista. 90.000 circa erano ex schiavi fuggiti dagli Stati del Sud, i restanti provenivano per metà dagli stati di confine rimasti nell'Unione e per metà erano afroamericani liberi provenienti dal Nord. Gli ufficiali di colore furono circa 80.
Circa 40.000 perirono durante il corso della guerra di cui 30.000 per malattia o per infezioni.

Gli afroamericani servirono sia in fanteria, cavalleria e artiglieria nell'esercito federeale e inoltre ci fu un notevole supporto a sostegno dell'esercito di non combattenti che servirono come falegnami, cappellani, cuochi, operai generici, infermieri, chirurghi, scout, spie, piloti di battelli a vapore e carrettieri.
Anche le donne di colore diedero un notevole contributo alla causa servendo come infermiere, spie e scout, come la famosa Harriet Tubman.

Harriet Tubman
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Per via dei pregiudizi, le truppe di colore non furono utilizzate al pieno delle loro potenzialità durante la guerra, ma combatterono comunque in molte battaglie. Il più famoso scontro è quello ricordato dal ns. Simone nell'apposito topic sul 54° RGT volontari Massachusetts che combatterono con coraggio a Fort Wagner perdento 2/3 degli ufficiali e metà delle truppe, tanto che a fine guerra 16 di loro furono premiati con la "Medal of Honor". Altri scontri di particolare rilievo con truppe di colore unioniste ci furono a Milliken's Bend, Port Hudson, Petersburg (come ricordato anche dal ns. Lee) e a Nashville.

Purtroppo la discriminazione razziale colpì le truppe di colore che servivano nell'esercito unionista. Gli ufficiali al comando di tali truppe erano di solito bianchi con sottuficiali neri. La paga di un soldato di colore era di 10 dollari al mese da cui venivano detratti 3 dollari per l'abbigliamento, mentre un soldato bianco percepiva 13 dollari al mese netti. Per porre fine a questa grave iniquità, nel giugno 1864, il Congresso concesse la parità di retribuzione, rendendo l'azione retroattiva. Da allora i soldati di colore ebbero le stesse razioni e forniture, oltre alla stessa assistenza medica, dei soldati bianchi.

Il pericolo più grave cui andarono incontro i soldati di colore unionisti fu non tanto lo scontro in battaglia con tutti i rischi del caso, ma di essere catturati dal nemico. Non era scontato che si passasse dalla cattura alla prigionia. Ci furono dei casi di atrocità (anche se cotroversi) da parte dell'esercito confederato sui prigionieri di colore, tanto che Lincoln fu costretto ad emanare l'Ordine Generale 233 che minacciava rappresaglie sui prigionieri confederati per ogni ulteriore maltrattamento sui soldati prigionieri di colore.

Gli episodi più cruenti di atrocità (cotroversi) ai danni dei soldati di colore unionisti si ebbero a Fort Pillow, nella Battaglia del Cratere, nella Battaglia di Poison Spring e nella prima Battaglia di Saltville, tutti episodi dove gli unionisti accusarono i soldati confederati di aver ucciso i prigionieri inermi di colore dopo essersi arresi.

Recentemente è uscito un libro che tratta l'argomento:

Blak Flag over Dixie - Racial atrocities and Reprisals in the Civil War

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  forrest il Dom 12 Set 2010 - 23:55

Riguardo la Battaglia del Cratere,secondo quanto scrive lo storico Noah Trudeau nel suo libro"Petersburg-The last citadel",dopo lo scoppio della mina e l'attacco dei nordisti,si era diffusa la voce tra i soldati confederati chiamati a chiudere la breccia che i negri non stessero facendo prigionieri.Trudeau non specifica se la voce fosse fondata oppure no.Ma il fatto stesso che questa voce si diffuse e venne creduta fa pensare che questa fosse una pratica già utilizzata dai soldati negri.Le truppe confederate accorse presso il cratere erano accecate dalla rabbia,e resero pan per focaccia.Le atrocità delle truppe di colore nei confronti dei civili sudisti,ovviamente tenute a lungo ben nascoste, sono state di recente portate alla ribalta dallo storico Walter Brian Cisco.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Lun 13 Set 2010 - 0:01

Ho letto da qualche parte che dopo i fatti di Fort Pillow alcuni soldati di colore giustiziarono dei prigionieri confederati al grido di "remember Fort Pillow". Bisognerebbe andare a fondo alla cosa per capire a che livelli di spietatezza era arrivata la guerra al suo crepuscolo.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Lun 13 Set 2010 - 9:57

Generale Meade ha scritto:

".,...Per via dei pregiudizi, le truppe di colore non furono utilizzate al pieno delle loro potenzialità durante la guerra, ma combatterono comunque in molte battaglie. Il più famoso scontro è quello ricordato dal ns. Simone nell'apposito topic sul 54° RGT volontari Massachusetts che combatterono con coraggio a Fort Wagner perdento 2/3 degli ufficiali e metà delle truppe, tanto che a fine guerra 16 di loro furono premiati con la "Medal of Honor". Altri scontri di particolare rilievo con truppe di colore unioniste ci furono a Milliken's Bend, Port Hudson, Petersburg (come ricordato anche dal ns. Lee) e a Nashville...."

Pu

Meade

a proposito di Fort Wagner e del 54esimo massachussets, vorrei ricordare che il sgt di colore William Carney fù insignito della medaglia al valore per essersi distinto in quel tragico scontro, solo che...dovette aspettare ben 37 (trentasette !) anni prima di riceverla effettivamente !!!!!! (1)

Lee

(1) documentario di ken burns : "la guerra civile americana"
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Lun 13 Set 2010 - 14:43

Se si calcola che le truppe di colore erano formate per 1/4 da afroamericani emancipati provenienti dal Nord, ossia 50.000 soldati circa, emerge un dato sconcertante. I neri emancipati residenti al Nord erano in totale 225.000 nel 1860. Levandone una metà composto da donne, dai 115.000 maschi rimanenti vanno scartati i vecchi, i bambini e gli infermi che, come minimo, erano complessivamente la metà dei maschi. Rimangono 50/60.000 uomini validi per l'arruolamento, ossia la quasi totalità di chi poi si arruolò volontariamente degli uomini di colore affrancati.

Costoro, si può esserne certi, non andarono a combattere ne per l'unione, ne per i dazi doganali ne per chissà quale oscuro fine, ma andarono semplicemente a combattere e, in molti casi a morire, solo per aiutare gli schiavi nel meridione ad affrancarsi dalla schiavitù.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Mer 3 Nov 2010 - 10:46

Generale Meade ha scritto:Il totale dei morti unionisti di colore fu di 40.000, di cui 30.000 per infezioni o malattie, su 200.000 circa arruolati. Tutti volontari e consapevoli che in caso di cattura potevano essere messi in schiavitù, anche se neri emancipati del Nord, o essere giustiziati (come in alcuni casi avvenne) sbrigativamente sul posto.

Meade

Nessuno nega che gli uomini di colore non avessero un coraggio pari ai loro colleghi bianchi. magari però la visione della loro "epopea" bellica è stata un pò troppo edulcorata anche dalla cinematografia, "Glory" in primis.
Il Prof: Luraghi nel suo articolo "I 2 fronti dello zio Tom", ci dà un quadro un pò più crudo e reale di come andarono le cose secondo il suo parere e le sue ricerche:


"...La formazione di reggimenti negri fu accompagnata da una clamorosa propaganda,sapientemente orchestrata,su questi ex-schiavi che andavano a combattere "per la libertà dei loro fratelli";in realtà i negri furono tenuti accuratamente distinti dai bianchi in appositi reparti;il sistema per "convincerli" ad arruolarsi fu sovente quello di farli lavorare pesantemente con un salario da fame,così che l'arruolamento,con un miglioramento di retribuzione,vitto e alloggio,apparisse un'allettante prospettiva….In altri casi il reclutamento " fu fatto puramente e semplicemente con la forza,e coloro che non "accettavano" di entrare "spontaneamente" nell'Esercito furono inseguiti e presi a fucilate come disertori..."


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Mer 3 Nov 2010 - 13:46

Caro Lee,

ti cito un passaggio tratto da "Storia Illustrata", numero speciale sulla GCA del 1967, dove si può anche leggere una prefazione del prof. Luraghi.

Titolo dell'articolo: "Il Sud in ginocchio chiede la resa".

Citazione: "Gli uomini se ne vanno perchè da casa scrivono che la famiglia è alla fame; che gli schiavi sono fuggiti; che non c'è nessuno per lavorare i campi."

Si evidenzia che a fine guerra gli schiavi tendevano a fuggire, non ad arruolarsi per salvare la Confederazione. Queste fantomatiche truppe che sfilarono quasi a guerra finita di soldati di colore in grigio, se esistite, molto probabilmente furono raccimolate non molto diversamente da come il prof. Luraghi scrive fecero i nordisti. Diversamente non si spiega come mai ci fosse tutto quel fuggi fuggi generale degli schiavi a fine guerra appena avevano l'opportunità di scappare.
Il professore non spiega poi come mai quasi il 100% degli uomini di colore emancipati del Nord si arruolò volontariamente nelle fila unioniste, nonostante ci fossero gravi pregiudizi razziali, che perdurarono a lungo e impedirono ai soldati di colore di combattere in prima linea, nonostante essi si fossero arruolati apposta per combattere il nemico. Nemico che essi focalizzavano nelle truppe dell'esercito confederato.

Per quanto nessuno, io il primo, si senta di mettere in dubbio su quanto affermato dal prof. Luraghi, bisogna considerare che, come letto anche in alcuni topic del forum, probabilmente, alcune citazioni del professore possono essere oggetto di critica che sicuramente non sminuiscono l'autorità del professore medesimo.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Mer 3 Nov 2010 - 17:07

Generale Meade ha scritto:.
Il professore non spiega poi come mai quasi il 100% degli uomini di colore emancipati del Nord si arruolò volontariamente nelle fila unioniste, nonostante ci fossero gravi pregiudizi razziali, che perdurarono a lungo e impedirono ai soldati di colore di combattere in prima linea, nonostante essi si fossero arruolati apposta per combattere il nemico. Nemico che essi focalizzavano nelle truppe dell'esercito confederato.



Meade

Mi pare che il Professore dia una spiegazione sul perchè e sul come molti uomini di colore si arruolarono nelle fila dell'esercito Unionista. Giusto o sbagliato che sia ciò che ha scritto..

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Mer 3 Nov 2010 - 23:08

R.E.Lee ha scritto:


Mi pare che il Professore dia una spiegazione sul perchè e sul come molti uomini di colore si arruolarono nelle fila dell'esercito Unionista. Giusto o sbagliato che sia ciò che ha scritto..

Lee

Caro Lee,

io leggo questo: " ...i negri delle zone sudiste occupate.Costoro naturalmente dovevano prendere servizio solo "volontariamente";fu però facile sfruttarne l'ingenuità e il basso grado d'istruzione(essi erano per il 90% analfabeti)per attrarli,mediante una tambureggiante propaganda e la promessa di vistosi premi di arruolamento,a entrare nelle file unioniste."

Se i neri del Sud erano ad un livello di anafabetismo del 90%, spero non si dia la colpa pure di questo agli unionisti. Il prof. Luraghi comunque, non spiega perchè i neri emancipati del Nord si arruolarono in massa nelle fila dell'unione, ne spiega come mai fuggissero dalla confederazione molti schiavi chiamati "contraband" che poi scelsero di arruolarsi volontariamente nelle fila unioniste.

Meade

avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Gio 4 Nov 2010 - 11:37

Le perdite dei soldati di colore unionisti, considerando che entrarono in guerra dal 1862 in poi, sono relativamente alte. Il 20% contro il 10% dei bianchi. Considerando tra i vari motivi quelli citati dal prof. Luraghi nell'articolo citato dal ns. Lee, ve ne sono altri che hanno contribuito a mantenere alta la media.

1) La pena prevista per i soldati unionisti neri catturati dai confederati era capitale. Venivano identificati per legge come schiavi armati in rivolta. Diverse volte furono effettivamente passati per le armi.

2) Coloro che non venivano rimandati in schiavitù, subivano un periodo di prigionia nei campi dove era assai difficile sopravvivere per un bianco, figurarsi per un nero.

A riprova di ciò, ben 3 soldati neri unionisti su 4 morirono per infezioni o malattie, contro 2 soldati bianchi unionisti su 4.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Gio 4 Nov 2010 - 16:35

Sul fatto che vi fosse molto astio nei combattenti Sudisti contro le truppe di colore unioniste, si sofferma anche il documentario di ken Burns : "la guerra civile americana ".
Il suddetto movie parla specificatamente di ciò, mentre narra la famosa " battaglia del cratere" di cui si parla anche in un topic apposito.
quando le truppe unioniste rimasero, per così dire, intrappolate loro stesse nella tagliola che avevano preparato, impossibilitati ad avanzare o retrocedere si arresero al nemico, gli ufficiali sudisti intimarono ai loro uomini : "catturate i bianchi ed uccidete i neri !"

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Sab 10 Set 2011 - 12:25

Generale Meade ha scritto:... Se poi si vuol affermare che il Nord era razzista tanto quanto il Sud, su questo non ci piove. I nordisti si resero conto che i neri non erano da considerarsi alla stregua di una razza inferiore, quando si resero conto che erano pronti ad impugnare il fucile e sparare contro chi li voleva ancora continuare a tenere in catene. Molti di loro pagarono a caro prezzo tale coraggio quando finirono prigionieri delle truppe confederate.

Meade

Oddio...sù quanto affermato un pochino ci pioverebbe pure!!! Very Happy Il fatto che i nordisti si resero conto che i soldati neri erano all'altezza dei bianchi come se avessero (i bianchi) avuto un illuminazione divina, non mi trova d'accordo. Venivano ( i neri) pagati di meno, venivano (in genere) usati tatticamente parlando, come "carne da cannone", non potevano essere nominati ufficiali di colore e quando, bontà divina dei "buoni" nordisti un soldato nero, tale William Carney fù insignito di una medaglia al valore, dovette attendere trentasette ( 37 Embarassed ) anni prima che gli venisse "fisicamente" consegnata. Alla faccia "del rendersi conto"!! Io ci vedo solo tanta ipocrisia perdurata nel tempo...

Lee Wink
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Sab 10 Set 2011 - 13:55

Caro Lee,

nessuno ha parlato di "buoni nordisti" Very Happy . Come ho già scritto, purtroppo per la gente di colore del tempo, sia il Nord che il Sud degli USA erano razzisti. Non solo, tutto il mondo occidentale era razzista e pieno di pregiudizi verso i neri nell'ottocento. I simpatizzanti confederati tendono a minimizzare la cosa invocando il "buon paternalismo" dei padroni sui loro schiavi, ma non mi risultano donne bianche che partorivano figli da neri, purtroppo risulta solo il contrario. Per non parlare del resto.Tornando all'uso degli afroamericani nell'esercito nordista, ci furono polemiche e discussioni prima di portare i neri al fronte a combattere, proprio per evitare che i sudisti accusassero i federali di usarli come carne da connone. Lo stesso Grant era contrario e, sempre lui, impedì gli scambi di prigionieri dopo i fatti di Fort Pillow. Furono i neri che a gran voce chiesero di essere mandati al fronte per dimostrare il loro coraggio. Dopo varie proteste vennero equiparati come le truppe bianche, anche con la paga. Wink

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

I "contrabandi"

Messaggio  Iced Earth il Sab 10 Set 2011 - 16:51

Ecco, una curiosità che ho è la figura misteriosa di questi fuggiaschi (su questo non penso di dire cavolta) che restavano in territorio sudista a combattere...

Nel film Glory (perdonate ma al momento è l'unica fonte in cui li ho trovati...) li spaccia, con sapienza cinematografica, come dei ceffi illetterati e analfabeti da contrapporre encomiabili legioni di colore del Massachussetts.
A parte l'aspetto eccessivamente caricaturale dei soggetti nel film, di cui non se ne salva uno che sia uno, a partire dal loro ufficiale bianco, esattamente quale è stato il loro ruolo'
Ovviamente non erano addestrati e presumo che parecchi dovessero provare del risentimento. Pertanto come effettivamente erano inquadrati?

Per finire una nota fuori argomento: sempre nel sopracitato film si vedono questi contrabandi vestire delle divise unioniste quasi regolari con pantaloni rossi... E' tutta finzione scenica (dato che nel film stesso le truppe di colore regolari fanno il diavolo a quattro per essere rifornite di una divisa) o ci sono elementi distintivi veri ripresi in tale film?
Siccome non ne so nulla, quest'ultima sezione, qualora confermata, potrebbe essere spostata nella sezione uniformi... Ammesso che non ci sia già!
avatar
Iced Earth
Sergente Maggiore
Sergente Maggiore

Numero di messaggi : 86
Data d'iscrizione : 26.07.11
Età : 39
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 11 Set 2011 - 1:37

Nessuna finzione scenica, i pantaloni rossi furono forniti inizialmente al reggimento, in seguito furono sostituiti da quelli tradizionali. Per quanto riguarda la disciplina e l'addestramento non ho mai approfondito, ma non mi stupirei se fossero stati come mostrato (seppur in maniera accentuata) nel film.

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  R.E.Lee il Dom 4 Mar 2012 - 12:08

Benjamin F. Cheatham ha scritto:I soldati di colore che combattevano tra le fila confederate non erano migliaia (in media non più di un paio a compagnia) e non erano ufficialmente arruolati, perchè non potevano legalmente. Combatterono non ufficialmente e non risultavano negli elenchi delle varie unità almeno fino a marzo '65. Infatti molti di loro "lottarono" nel dopoguerra per avere una pensione come ex combattenti, dato che non risultava la loro partecipazione al conflitto, e che ottenerono una pensione solo dopo decenni di battaglie legali. Migliaia lo erano se si considerano i non combattenti, ma è indubbio che una piccola percentuale di combattenti confederati era di colore. Lo provano testimonianze unioniste e confederate, Davis e i Governatori Confederati, come abbiamo già discusso a proposito della proposta di Cleburne, non "vedevano" molto bene questa opzione.

Claudio

PS il soldato Jenkins del 9° Kentucky era un mulatto, padre bianco e madre nera, e neppure loro potevano arruolarsi.



Il triste destino egli uomini di colore fù quello di essere usati spesso loro malgrado, per gli scopi dei "padroni" bianchi, sia a Sud che a Nord. Nell'esercito Unionista,al di là della retorica postbellica di comodo, i neri erano malvisti e questo è un dato di fatto. Venivano ritenuti esseri e combattenti inferiori...se non è una forma di razzismo e questa ditemi voi cosa è! Un altro dato di fatto fù che il Sergente di colore dell 'esercito Nordista W.Carney, insignito della medeglia al valore, dovette aspettere ben 37 (trentasette) anni per riceverla! Se non è ipocrisia tutto questo...Poi qualcuno può anche credere che Gesù Cristo sia morto di freddo...faccia lui...

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3941
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Generale Meade il Dom 4 Mar 2012 - 12:23

R.E.Lee ha scritto:

Il triste destino egli uomini di colore fù quello di essere usati spesso loro malgrado, per gli scopi dei "padroni" bianchi, sia a Sud che a Nord. Nell'esercito Unionista,al di là della retorica postbellica di comodo, i neri erano malvisti e questo è un dato di fatto. Venivano ritenuti esseri e combattenti inferiori...se non è una forma di razzismo e questa ditemi voi cosa è! Un altro dato di fatto fù che il Sergente di colore dell 'esercito Nordista W.Carney, insignito della medeglia al valore, dovette aspettere ben 37 (trentasette) anni per riceverla! Se non è ipocrisia tutto questo...Poi qualcuno può anche credere che Gesù Cristo sia morto di freddo...faccia lui...

Lee

Ma persino la paga era inferiore a quella dei bianchi. Ci volle la civile protesta dei soldati combattenti di colore a far capire ai bianchi che dovevano arrendersi all'evidenza. Si puo polemizzare all'infinito sul razzismo dei bianchi riguardo i neri, sia nell'800 che ai giorni nostri. In tutto il mondo. Ipocrisia, retorica e dati di fatto di comodo se ne trovano a bizzeffe. Come, per esempio, fare combattere in anonimato quei due o tre soldati di colore nelle compagnie sudiste.........

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Truppe di colore nell'esercito Unionista

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum