Virginia 1864: inferno di gloria

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Ospite il Sab 15 Nov 2008 - 10:09

Invito alla discussione su questo scenario di guerra, composto da numerose, apocalittiche battaglie dove (secondo lo storico W.C.Davis) "Grant non riuscì a sconfiggere Lee, e Lee non riuscì a fermare Grant".
Nel suo insieme, la Campagna di Virginia nel 1864, sembrò una Prima Guerra Mondiale ante litteram. Siete d'accordo? Quali sono le battaglie che vi interessano maggiormente? Wilderness, Spotsylvania, Cold Harbor o altre ancora?

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

1864

Messaggio  Ospite il Sab 15 Nov 2008 - 19:27

Bel titolo Jube!
Sulla comparazione siamo d'accordo,personalmente mi interessa tutto:cioè dal passaggio del Rapidan a quello del James,sul mio blog avevo cominciato un topic in merito ma mi farebbe molto più piacere confrontarmi con voi tutti qui,quindi sono a tua più completa disposizione per cominciare

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re:Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Sab 15 Nov 2008 - 21:38

Il mio campo di competenza e' l'organizzazione militare delle truppe e del territorio e non mi arrischio ad addentrarmi in una materia dove voi tattici e strateghi siete maestri, quello che posso dire e che la campagna in Virginia del '64, lo scontro Lee-Grant e' uno dei capitoli piu' coinvolgenti dell'intera guerra. Mi viene sempre difficile usare questi termini quando si parla di migliaia di morti, ma e' sacrosanto che entrambi i generali durante l'intera campagna mostrarono le loro indubbie capacita' e, perche' no, i loro difetti. Diedero una grande prova di genio militare, ma non rimasero esenti da commettere alcuni errori. Affascinanti Wilderness e Spotsylvania, ma ripensandoci tutta la campagna e' degna di essere analizzata, anche la seconda parte quando nonostante Lee fosse intrappolato dentro le trincee, riuscì ancora per qualche mese a dirigere l'armata della valle di Early.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Ospite il Sab 15 Nov 2008 - 22:03

Giusto per creare un po' di atmosfera, ragazzi...

L’inferno di Spotsylvania
Secondo le testimonianze di questa orribile battaglia, i soldati di ambo gli schieramenti si trovarono a combattere per 10 giorni senza interruzione, anche di notte, sotto continui rovesci di pioggia che tuttavia non riuscivano a spegnere gli incendi violentissimi divoranti la foresta. Gli uomini si contesero le trincee metro per metro, divincolandosi in un pantano di pioggia e sangue che rendeva irriconoscibile tutto e tutti; interi plotoni caddero falciati dalla spaventosa efficacia della fucileria e dei cartocci a mitraglia che arrivavano persino a segare alberi del tronco di 20 centimentri. L’accanimento degli scontri fu tale che in alcuni punti delle trincee, lo strato di cadaveri raggiunse i cinque metri. Un odore persistente di corpi in putrefazione, polvere da sparo, legno fradicio di pioggia e allo stesso tempo di fumo di alberi bruciati, appestava i polmoni di ciascuno. Le tenebre notturne confondevano le urla dei feriti e dei moribondi col fragore della battaglia ininterrotta, mentre l’assordante crepitìo della foresta in fiamme spesso era squarciato dal rumore tremendo degli alberi che cadevano, aggiungendo morte e distruzione là dove la follia degli uomini aveva già tanto imperversato. I feriti che non poterono rialzarsi da soli, vennero aggrediti dalle fiamme, e molti di loro morirono bruciati vivi. Spotsylvania fu una delle pagine più atroci dell’intera guerra civile.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Sab 15 Nov 2008 - 23:16

Quello che mi sono sempre chiesto, entrando in dettaglio di quei 10 giorni, come facevano i comandanti di battaglioni e reggimenti a capire dove andare, e i comandanti di grandi unita' a coordinare i movimenti in quell'inferno senza le possibilita' di comunicazione odierne. E' vero che nel '64 i quartieri generali avevano (quasi sempre), una squadra segnali e un plotone di corrieri, ma mi riesce difficile pensare che poterono essere utili in quel frangente.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

spotsylvania

Messaggio  Ospite il Sab 15 Nov 2008 - 23:48

.........assolutamente era un autentico inferno,le scene di quel film Wicked Spring sono davvero ben fatte,peccato che il resto della trama sia un pò noiosa

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Ospite il Dom 16 Nov 2008 - 0:02

In effetti, il proloungarsi esasperante delle operazioni tattiche, la difficoltà del terreno e le cattive condizioni atmosferiche, miste all'incendio devastatore, contribuirono a rendere Spotsylvania un vero e proprio inferno. Ho letto che i combattimenti si protraevano senza alcuna soluzione di continuità anche per 18-20 ore, senza che nessun ufficiale riuscisse a portare una parvenza di ordine dall'una o dall'altra parte. Penso l'assalto di Upton debba essere stato semplicemente terrificante, ma tutto, nell'insieme, mi ha sempre dato un'impressione molto personale di apocalittico. Una parentesi oscura, qualcosa di ancora più cupo e orrendo nella già tanto cupa tragedia della guerra. Sarà per il modo tremendo e meraviglioso in cui il nostro Professore l'ha saputa descrivere, sarà per la morte di Stuart a Yellow Tavern, sarà perchè anche Longstreet aveva rischiato davvero di restarci qualche giorno prima, e per mesi sarebbe stato fuori combattimento - letteralmente. Mi è sempre parso di vedere -da Spotsylvania in poi - un Lee sempe più solo, con un compito sempre più gravoso e opprimente, cui faceva fronte con la sua grande maestria, sostenuto solo dal coraggio impareggiabile dei suoi soldati. Fra tutte le campagne, quelle del 64 (anche nell'Ovest, e oltre al coraggioso tentativo di Hood, ci fu l'altrettanto coraggioso tentativo di Price) sono quelle che mi emozionano di più. Ma andando anche oltre, nel 1865, come non commuoversi di fronte all'eroismo disperato dei nostri veterani a Bentonville, Averysborough, Five Forks, o di Forrest a Selma?

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 16 Nov 2008 - 0:08

Fra le eroiche campagne del'64 vorrei ricordare anche l'azione ritardante del corpo wheeler, che da solo + qualche miliziano giorgiano guadagno' tempo cercando in tutti i modi di rallentare il gruppo di armate di Sherman. A questo proposito vado ad aprire un topic....

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3232
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  forrest il Dom 16 Nov 2008 - 1:04

A Spotsylvnia Lee commise l'errore tattico + grave dellla sua carriera,sguarnendo il saliente presidiato dalla divisione Johnson dell'artiglieria proprio la notte precedente l'attacco di Upton.Già alla fine della battaglia di Wilderness Lee fraintese le intenzioni dell'avversario,credendo che si stesse spostando a est,verso Fredericksburg,anziché a Sud.E a Spotsylvania ripetè,haimé,lo stesso identico errore d'interpretazione.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Ospite il Dom 16 Nov 2008 - 9:35

Plausibile. Complessivamente, però, Wilderness e Spotsylvania sono ricordi molto peggiori per l'Unione che per la Confederazione. Certamente l'indebolimento del saliente fu un errore, o almeno una coincidenza infausta, ma trattandosi di guerra, le coincidenze non possono esistere. Lee sbagliò. Il modo in cui reagì fu però pronto ed efficace, come sempre.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Patrick Cleburne il Mar 18 Nov 2008 - 18:57

Jubal Anderson Early ha scritto:
Invito alla discussione su questo scenario di guerra, composto da numerose, apocalittiche battaglie dove (secondo lo storico W.C.Davis) "Grant non riuscì a sconfiggere Lee, e Lee non riuscì a fermare Grant".


Nel suo insieme, la Campagna di Virginia nel 1864, sembrò una Prima Guerra Mondiale ante litteram. Siete d'accordo? Quali sono le battaglie che vi interessano maggiormente? Wilderness, Spotsylvania, Cold Harbor o altre ancora?

concordo pienamente grande jubal , aggiungo che Lee divento mitico proprio in queste battaglie , essendo sempre in inferiorita' numerica molto marcata riusci' a parare sempre le mosse di Grant che solo grazie alla preponderante produzione di armi ,cannoni e uomini ( importante anche il controllo fluviale)del nord industrializzato e al massimo sforzo produttivo ;riusci ad obbligare Lee alla difensiva su Richmond ormai a corto di tutto nel devastato sud.
A parti invertite ( anche solo alla pari) Grant non sarebbe resisitito neppure un anno
ma queste sono solo supposizioni.
Mi piacerebbe saperne di piu' su Spotsylvania una battaglia molto sanguinosa ?

Patrick Cleburne
Sergente
Sergente

Numero di messaggi : 44
Data d'iscrizione : 17.11.08
Età : 48

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  R.E.Lee il Gio 18 Dic 2008 - 16:15

dopo una serie di battaglie sanguinosissime dove come è stato detto "grant non riuscì a sconfiggere lee, lee non riuscì a fermare grant", la situazione dopo cold harbor pareva in fase stallo.
fù allora che grant decise l'audace, ma per me rischiosissima manovra a largo raggio, del passaggio del james, per cercare di aggirare lee, visto che le manovre d'aggiramento a raggio più corto del grant erano state tutte vanificate dall'esemplari parate di lee.
grant riuscì con delle finte, possibili grazie all'enorme superiorità numerica di cui godeva, a tenere qualche giorno lee nell'incertezza ed a effettuare tale manovra.
se lee infatti avesse "annusato" quel che grant voleva fare, probabilmente avrebbe lasciato a guarnire richmond un pò di truppe e con il grosso si sarebbe buttato addosso all'armata del potomac che stava eseguendo questa complicata manovra e con ottime posssibilità di sbaragliarla.
anche se gli andò bene, qui grant rischiò per me tantissimo.
ora chiedo a voi generali: grant rischiò il tutto per tutto perchè era l'unica prospettiva che gli si presentava ?
ergo "perso per perso ci provo"!
oppure: la manovra non era così rischiosa come io penso ?
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3947
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Grant

Messaggio  Ospite il Ven 19 Dic 2008 - 22:23

Non rischiò proprio nulla Lee,considera la situazione in cui ormai l'armata della virginia era costretta ad operare,e andò bene che la guerra continuò un altro anno,ma giusto perchè ci si impantanò a Petersburg,se Grant avesse potuto realizzare completamente il suo piano,sopratutto per compiere un incursione nella Carolina del Nord probabilmente la guerra sarebbe finita molto prima.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  R.E.Lee il Lun 22 Dic 2008 - 11:28

Jackson ha scritto:Non rischiò proprio nulla Lee,considera la situazione in cui ormai l'armata della virginia era costretta ad operare,e andò bene che la guerra continuò un altro anno,ma giusto perchè ci si impantanò a Petersburg,se Grant avesse potuto realizzare completamente il suo piano,sopratutto per compiere un incursione nella Carolina del Nord probabilmente la guerra sarebbe finita molto prima.

il prof. luraghi scrive che grant tentò lo sciagurato assalto frontale a cold harbour perchè, se gli fosse riuscito, avrebbe evitato la rischiosa manovra del passaggio del james....
stando quindi agli scritti del prof. luraghi, la manovra era pericolosa, almeno per lui e le fonti di cui egli era in possesso all'epoca in cui scrisse la sua opera.
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3947
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Luraghi

Messaggio  Ospite il Lun 22 Dic 2008 - 22:50

Appunto le fonti di cui era in possesso,Lee,la campagna và vista nella sua interezza e certamente a Cold Harbor non sono morti o rimasti feriti 7000 uomini in 8 minuti come qualcuno continua a voler far credere.Nemmeno se i Sudisti avessero avuto le mitragliatrici si sarebbe fatto tanto.E questo ovviamente continua a gettare discredito sulla figura di Grant,il "macellaio".Le cose non sono andate così e lo stesso Luraghi ha dovuto rivedere certi giudizi.Premetto che io non sono un grande estimatore di Gordon Rhea,che si è giovato dall'altrui lavoro.In primis Robert Krick,ma sopratutto di un certo Patrick S. Brady la cui opera su Cold Harbor,non è mai uscita.Comunque Rhea ha avuto almeno il merito con la sua quadruplice opera di dare al mondo una lettura completa della Overland Campaign,4 perchè siamo ancora in attesa dell'ultimo volume sul passaggio del James.Cold Harbor,che è un campo di battaglia da me personalmente visitato,è la dimostrazione lampante che ne Grant e ne Lee potevano interamente comprendere la micidiale distruttività delle armi di cui disponevano.Inoltre io mi riferivo anche al fatto che se tutto il piano fosse andato come Grant voleva,Cold Harbor non ci sarebbe stata.Putroppo per lui,non aveva la stessa libertà d'azione che aveva avuto a Vicksburg era troppo vicino a Washington e con la sua spedizione della Carolina del Nord le cose sarebbero andate diversamente.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : I. Wilderness 5-6/V/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mar 6 Dic 2011 - 15:01

Torno su questo argomento da me aperto tre anni or sono. Ancora un briciolo di atmosfera, per riprendere:

"Questa è peggio di Chickamauga! Lì almeno c'erano un fronte e un retro. Qui non c'è niente! E' solo un dannato macello! E le nostre armate non sono che masse urlanti!" (parole riportate di un prigioniero confederato catturato il 6 maggio)

Procediamo con ordine. Penso sia interessante dare una tabella cronologica di riferimento comprensiva di tutte le battaglie principali occorse durante la campagna del 1864 in Virginia. Inizio con la prima, ossia Wilderness.
Vi dò quindi una cronologia molto sommaria degli eventi delle battaglie. Approfondiamo assieme quelli che più ci interessano. Vado in estrema sintesi perchè vorrei sentire voi.
I miei interventi successivi in questo argomento, elencheranno le altre battaglie, dandone una rapida cronologia come sto per fare con Wilderness. Al termine della stesura della cronologia riporterò tutte le fonti.

4 maggio : Le forze unioniste attraversano il Rapidan a Germanna's Ford(Warren in testa, Sedgwick segue) ed Ely's Ford (Hancock e Burnside con tutta calma).
5 maggio : Le forze confederate avanzano lungo Orange & Fredericksburg Pike (Ewell), e Orange Plank Road (A.P.Hill) in direzione Est, ad intercettare il nemico.
: primo attacco unionista a Saunders Field. Ewell respinge
: Hancock occupa Brock Crossing, sottoponendo Hill a fortissima pressione.
6 maggio (alba): Hancock sfonda le linee di Hill, mentre Lee si spinge nelle prime file, dapprima per fermare i fuggiaschi, poi per organizzare un contrattacco portato da Longstreet che arriva giusto in tempo per evitare il disastro.
: il generale William Mahone attacca sul fianco il II corpo unionista, che ripiega malamente.
: a sinistra delle linee di Ewell, il generale Gordon attacca Segdwick, che accusa il colpo, ma regge grazie ai rinforzi inviati.





Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Sab 10 Dic 2011 - 9:47, modificato 10 volte
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  R.E.Lee il Mar 6 Dic 2011 - 20:55

Interessante ed innovativa impostazione della discussione Generale! Complimenti!! Very Happy
Per proseguirla però, se si intende parlare solo della battaglia di Wilderness, è opportuno usare il topic appositamente dedicato a tale battaglia,


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3947
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 7 Dic 2011 - 4:31

R.E.Lee ha scritto:Interessante ed innovativa impostazione della discussione Generale! Complimenti!! Very Happy
Per proseguirla però, se si intende parlare solo della battaglia di Wilderness, è opportuno usare il topic appositamente dedicato a tale battaglia,


Lee

Correttissimo. Scusate! Non ho specificato che la cronologia schematica voleva essere sola la prima di una serie riferita a tutte le battaglie combattute in Virginia nel 1864. Quindi modifico il mio intervento precedente in questo senso.


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Sab 10 Dic 2011 - 9:43, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : II. Spotsylvania 7-21/V/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 7 Dic 2011 - 15:37


7 maggio : lasciate le trincee di Wilderness, gli unionisti marciano nella notte verso SE con l'idea di interporsi tra l'Armata di Lee e Richmond. La cavalleria di F.Lee ostacola il movimento nemico mentre unità dell'ANV convergono verso il crocevia di Spotsylvania Court House.
8 maggio : i confederati arrestano l'avanzata unionista nei pressi di Spindle Farm, lungo la Brock Road. Le due armate elaborano sistemi trincerati.
9 maggio : tentativo unionista di forzare la sinistra dello schieramento confederato a Ovest di Block House Bridge. Heth accorre.
10 maggio : il generale John Sedgwick viene ucciso da un cecchino sudista ("Non colpirebbero un elefante da quella dist...")
: gli unionisti sono ricacciati a Nord del Po River. Fallisce il tentativo sulla sinistra di Lee.
: il colonnello Emory Upton sfonda le linee confederate a Laurel Hill, ma, lasciato privo di supporto, deve ripiegare.
12 maggio : viene ripetuto l'assalto di Upton su vasta scala. Massiccio attacco federale (II Corpo) all'alba. Le linee confederate cedono di schianto a Mule Shoe Salient.
: Lee reagisce e contrattacca. Feroci combattimenti a Bloody Angle. I confederati si riposizionano alla base del saliente.
: Il VI Corpo unionista (generale A.Wright) sostiene l'attacco, ma i confederati reggono.
: Il IX Corpo unionista (generale A.E. Burnside) prova ad appoggiare attaccando le posizioni sudiste da NE. Viene aggirato e ripiega.
13 maggio : i confederati abbandonano definitivamente il saliente.
14 maggio : Grant ordina il raggruppamento delle sue forze lungo la Fredericksburg Road, con l'idea di un aggiramento del nemico.
18 maggio : Contromossa di Grant, che ridispone le sue forze attorno Mule Shoe Salient, ordinando l'attacco generale sul settore, ancora portato da Hancock (II Crps) e Wright (VI Crps). Lee respinge. Grant torna ad optare per il movimento, ripetendo l'ordine del 14 maggio.
19 maggio. Lee intuisce e invia Gordon e Rhodes in attacco di sonda su Harris Farm. Il generale Tyler arresta i progressi sudisti.
20 maggio: le linee unioniste di Spotsylvania sono abbandonate, e l'AoP marcia verso SE.
21 maggio : A.P.Hill attacca quella che è la retroguardia unionista circa ad un miglio da Spotsylvania Court House. Viene a conoscenza del movimento dell'armata nemica.
: Lee pone immediatamente in marcia l'ANV, a inseguire l'AoP.


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Gio 8 Dic 2011 - 9:37, modificato 4 volte
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : III. da North Anna a Cold Harbor 23/V - 3/VI/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Gio 8 Dic 2011 - 9:27

23 maggio : il generale un. Hancock (II Crps) prende Telegraph Bridge sul North Anna River, e si porta a Sud del fiume.
: i generali un. Wright (VI Crps) e Warren (V Crps) attraversano il North Anna River presso Jericho Mill, circa 2 miglia a monte di Telegraph Bridge.
: il generale A.P.Hill muove ad intercettare il movimento di VI e II US Crps su Jericho Mill, ma viene respinto.
24-26 maggio : il generale Lee dispone l'ANV con schieramento a V rovesciata con vertice sul corso del North Anna River, in modo da tenere separate le ali del nemico.
27 maggio : Grant ordina di evacuare le linee del North Anna, marciando verso SE lungo la riva settentrionale del Pamunkey per attraversare il fiume a valle della posizione tenuta dalla ANV.
28 maggio : battaglia di Enon Church (Haw's Shop) tra la cavalleria CS di Hampton e la cavalleria US di Gregg.
29-31 maggio : Lee blocca i progressi unionisti sulle rive del Totopotomoy Creek.
30 maggio : la divisione CS Rhodes attacca la divisione US Crawford a Bethesda Church. L'attacco CS è respinto, ma Lee comprende l'ennesimo tentativo di aggiramento di Grant. L'ANV si schiera sulle linee di Cold Harbor, sbarrando la strada per Richmond.
3 giugno : Grant ordina l'assalto frontale alle posizioni CS a Cold Harbor. L'attacco US è completamente respinto.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : IV. da Cold Harbor a Petersburg 4-15/VI/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Gio 8 Dic 2011 - 9:52

3-11 giugno : AoP e ANV restano in posizione sulle rispettive linee a Cold Harbor.
12 giugno : In risposta all'incursione del generale US Hunter nella Valle dello Shenandoah, Lee distacca verso quel settore il II Crps ANV (gen. Early) per contrastare le forze unioniste.
: Grant prepara a muovere l'AoP a Sud verso le rive del James, con l'idea di attraversarlo e cadere su Petersburg. Il II e il VI Crps US restano temporaneamente in posizione a coprire il movimento.
: Il V Crps AoP (gen Warren) serra su Malvern Hill per effettuare una diversione a coprire il movimento verso il James. Lee reagisce a interporsi tra Warren e Richmond, ma non comprende ancora la portata della manovra di Grant.
13 giugno : Il XVIII Crps US (gen W.F.Smith) viene imbarcato a White House, sul Pamunkey River, e naviga verso Bermuda Hundred, porto fluviale fra Richmond e Petersburg.
14 giugno : Il II Crps US (gen Hancock) attraversa su battelli il James River, da Wilcox's Landing a Windmill Point, sulla riva meridionale.
15 giugno : completato il gigantesco ponte di barche sul fiume James, che permette al resto dell'AoP di attraversare il fiume entro il giorno 16.
: Il generale Lee è ancora concentrato sulla minaccia (fittizia) dall'area di Malvern Hill, mentre l'AoP, incontrastata, sta portandosi sulla riva meridionale del James e minaccia Petersburg quasi completamente indifesa.


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Lun 12 Dic 2011 - 5:45, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : V. L'assalto a Petersburg 15-18/VI/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Gio 8 Dic 2011 - 11:59

15 giugno : Il XVIII Crps US (gen W.F. Smith) avanza lungo la City Point Road, dalla base di City Point verso Petersburg.
: il XVIII Crps US assalta e cattura la Batteria 5, presso Peeble's House. Beauregard, al comando della piazzaforte, ha a disposizione solo 2200 effettivi, contro almeno 16000 federali. Pressante richiesta di rinforzi a Lee, che non ha ancora compreso la gravità della situazione a Petersburg, ritenendo l'attacco unionista solo una diversione.
15-16 giugno (notte) : Il generale Beauregard ripiega a Ovest di Harrison's Creek, e riceve i primi rinforzi.
16 giugno : attacco mal coordinato dei II, IX e XVIII Crps US, che occupano parte delle trincee sudiste, ma non sfondano.
: verso mezzanotte, il V Crps US raggiunge le linee di Petersburg. L'intera AoP è davanti Petersburg, difesa ancora da scarse forze.
17 giugno : attacchi mal coordinati da parte di tutti i Crps US costringono Beauregard a ripiegare a ridosso dell'abitato di Petersburg. Lee finalmente comprende l'immenso pericolo, e ordina il movimento immediato dell'ANV verso Petersurg.
18 giugno : rinnovati attacchi unionisti catturano le linee abbandonate dai confederati. Le forze di Lee iniziano ad affluire sulle ridotte di Petersburg.
: le linee confederate sono ancora assaltate, ma gli unionisti vengono respinti con gravi perdite. Uno dei reggimenti del generale Birney subisce 632 perdite su 850 effettivi.
: Grant sospende gli attacchi verso sera.


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Sab 10 Dic 2011 - 13:56, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : VI. Drewry's Bluff 5-16/V/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 9 Dic 2011 - 8:58

5 maggio : L'Armata del James forte di circa 40000 effettivi, al comando del generale Benjamin Franklin Butler, sbarca a Bermuda Hundred, porto fluviale sul James, situato circa a 20 miglia da Richmond e a 10 da Petersburg, fra le due città. Il settore è virtualmente sguarnito, ma Butler opta per stabilire una forte linea trincerata prima di dare il via ad operazioni offensive.
5-10 maggio : le azioni offensive di Butler si limitano a una breve incursione recante danni limitati alla Richmond & Petersburg Railroad. La difesa confederata del settore è coordinata dal Generale Beauregard, che ha a disposizione solo poco più di 2000 effettivi.
11 maggio : Beauregard raccolti consistenti rinforzi, marciando da Petersburg, si unisce ad altre forze confederate provenienti da Richmond per incontrare il nemico sulla penisola di Bermuda Hundred.
12 maggio : Butler avanza, raggiunge Chester Station, procede fino a Chesterfield Court House e piega a NE, con l'intento di marciare su Richmond da S. Beauregard attende in posizione sulle linee di Drewry's Bluff - forte confederato sul James- che si estendono verso O a coprire la Richmond & Petersburg Railroad.
15 maggio : Butler occupa le difese avanzate confederate sulla Richmond & Petersburg Railroad, a S di Drewry's Bluff, ma non avanza oltre. Beauregard pianifica l'attacco sulla destra della formazione unionista.
16 maggio : Battaglia di Drewry's Bluff :la divisione CS Hoke investe le posizioni del generale US Gillmore. Combattimenti caotici causa nebbia.
: Beauregard ordina al generale Colquitt di appoggiare l'attacco di Hoke. Colquitt investe il centro dello schieramento US. Le unità US cedono terreno. Dopo una giornata di lotta violenta con gravi perdite per entrambe le fazioni, il generale Butler, ordina la ritirata verso le linee di Bermuda Hundred. Questo fronte rimarrà passivo per il resto del conflitto, e gran parte delle unità US e CS presenti, saranno convogliate verso altri settori.


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Lun 12 Dic 2011 - 5:50, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : VII. Shenandoah 1/V-19/VI/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 9 Dic 2011 - 9:48

1 maggio : le forze US del generale Franz Siegel muovono verso S da Cedar Creek.
12 maggio : il generale CS Breckinridge raggiunge Staunton, e organizza i reparti per incontrare il nemico.
15 maggio : Battaglia di New Market. Il generale Breckinridge sconfigge le forze di Siegel, grazie anche al contributo dei 247 cadetti del Virginia Military Institute. Siegel deve ritirarsi a N, tornando a Cedar Creek.
26 maggio : Il generale US David Hunter sostituisce Siegel al comando nel settore dello Shenandoah. Gli unionisti tornano a marciare verso S.
2 giugno : Battaglia di Mount Crawford. La cavalleria CS del generale Imboden ripiega davanti alle forze di Hunter. Il generale CS W.E.Jones stabilisce una linea difensiva a N e NE di Piedmont.
5 giugno : Battaglia di Piedmont. Il generale Hunter, con 12000 effettivi, investe le posizioni CS difese da circa 5600 uomini, che dopo lotta disperata vengono catturate. Morte del generale CS W.E.Jones. I sudisti si ritirano verso Fisherville.
11 giugno : Hunter occupa Lexington e incendia il Virginia Military Institute. Le colonne unioniste serrano su Lynchburg.
17-19 giugno : Il generale Early, inviato da Lee a difesa della Valle dello Shenandoah, affretta le sue unità per salvare Lynchburg, difesa soltanto dalle scarse forze di Breckinridge.
17-18 giugno : Battaglia di Lynchburg, Hunter apprende che il nemico è presente in forze, e non spinge a fondo l'attacco. Gli unionisti si ritirano verso NO e poi NNE.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Virginia 1864 : VIII. Le incursioni di Sheridan 9-24/V e 7-28/VI/1864

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 9 Dic 2011 - 10:09

9 maggio : Grant ordina a Sheridan di tagliare le linee di comunicazione dell'ANV e di distruggere la cavalleria di Stuart. 10000 cavalleggeri unionisti, perfettamente equipaggiati, muovono dalle posizioni di Spotsylvania verso E e poi verso S.
: distruzione del deposito CS di Beaver Dam Station, la Virginia Central Railroad è interrotta. Sheridan procede verso S. Stuart insegue con circa 4500 effettivi.
10 maggio : Sheridan attraversa il South Anna River a Ground Squirrel Bridge. Con uno sforzo disperato, Stuart lo sopravanza e sbarra il passo verso Richmond. La cavalleria CS si attesta a Yellow Tavern, solo 6 miglia a N di Richmond.
11 maggio : Battaglia di Yellow Tavern. La cavalleria CS viene messa in rotta. Il generale J.E.B. Stuart è ferito a morte.
14 maggio : Sheridan arriva ai sobborghi settentrionali di Richmond. Piccole schermaglie. La cavalleria US procede verso ESE, poi decisamente verso S a raggiungere le linee US ad Haxall's Landing sul fiume James.
17-24 maggio : dopo tre giorni di riposo, Sheridan riparte verso N. Seguendo l'itinerario White House Landing sul Pamunkey River, Aylett sul Mattapony River e infine a riunirsi con l'AoP impegnata nelle operazioni sul North Anna (Jericho Mill)
7 giugno : per coprire la manovra di Grant verso il fiume James, Sheridan riparte in incursione contro la Virginia Central Railroad; si muove verso ONO.
11 giugno : In movimento da Atlee's Station, la cavalleria confederata, ora agli ordini di Wade Hampton, intercetta la cavalleria unionista presso Trevilian Station. I sudisti si attestano sulla difensiva.
11-12 giugno : Battaglia di Trevilian Station : i confederati tengono il campo e Sheridan deve ritirarsi.
12 giugno : Sheridan, col favore delle tenebre, riattraversa il North Anna River.
21 giugno : Sheridan raggiunge White House Landing, sul Pamunkey River.
28 giugno : Dopo aver attraversato il James presso Charles City Court House, Sheridan si riunisce all'AoP sulle linee di Petersburg.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Virginia 1864: inferno di gloria

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 3 1, 2, 3  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum