Il pestaggio di Charles Sumner

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Ven 15 Ott 2010 - 21:36

Secondo me ho sbagliato sezione(andava tra i CSA facts).

Posto questo breve resoconto di una giornata al congresso per dare l'idea di che aria tirasse negli Usa in quel periodo.
E, aggiungo, per dimostrare come la società schiavista meridionale non fosse del tutto capace di adeguarsi alla società moderna che stava nascendo allora in america.

Il 20 Maggio del 1856 al congresso si tenne un ennesima riunione per cercare di risolvere la questione del Kansas(posterò a brave qualcosa anche su quello).
Prese la parola Charles Sumner per attaccare Butler e Douglas, autori del nefando Kansas-Nebraska act.
I termini con cui Sumner si rivolse ai due signori in questione non furono proprio gentilissimi.
Nell'aula del senato era seduto anche il signor Preston Brooks, nipote del Sud Caroliniano Butler.
Brooks si sentì oltraggiato dal tono e dalle parole di Sumner, il quale aveva osato offendere lo zio.
Per questo, tre ore dopo, quando il senatore del Massachusetts ebbe terminato il discorso, Brooks gli si avvicinò come per parlargli ma invece iniziò a colpirlo violentemente con il bastone da passeggio che portava con se.
Lo colpì con tanta forza e ripetutamente da spezzare il bastone e da ridurre il poveretto in fin di vita.
Alcuni senatori cercarono di fermare il pestaggio ma un altro denatore sudista estrasse la pistola gli minacciò.

Il povero Sumner non ebbe la buona sorte di non morire ma per tre anni fu ridotto molto male e non recuperò mai del tutto.

A Brooks arrivano in regalo decine da bastoni nuovi da tutto il sud ed il Richmond Enquirer tessè le lodi dell'azione scrivendo: Buono nell'idea, migliore nell'esecuzione, perfetto nelle conseguenze".
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 15 Ott 2010 - 22:37

Interessante resoconto, deprecabile il comportamento degli uomini e anche le lodi tessute dal giornale, ma questi orribili spettacoli si vedono tuttora (anche da noi) nelle aule di camera e senato di tutto il mondo.
Nel caso specifico evidenzia che le due classi politiche oramai erano del tutto separate e niente avrebbe potuto placare gli animi se non una pacifica secessione! Very Happy Very Happy

[img][Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine][/img]
Il Senatore Charles Sumner nel 1855

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3214
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Sab 16 Ott 2010 - 1:21

Io penso piuttosto che sia il chiaro segno di una certa intolleranza, tipica delle aristocrazie, alla critica. Rolling Eyes
Pare che Brooks si sia confindato con alcuni senatori della S. Carolina se avesse dovuto sfidare a duello Sumner.
La risposta fu che non ci si poteva abbassare(abbassare!!!) a sfidare a duello un borghese e che avrebbe meritato, piuttosto, la punizione inflitta ai cani ed ai negri.

avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Mason&Dixon il Sab 16 Ott 2010 - 11:15

Nella ideologia della nuova società capitalistica industriale del settentrione, la schiavitù (e l'esistenza stessa del sud) non era un problema sociale: era una questione morale Cool .

Secondo le parole del senatore C. Sumner, il mezzogiorno doveva restare (ed eventualmente venir costretto a restare) entro l'Unione solo per esser ridotto a " morire nella sua tana come un sudicio topo avvelenato"; i meridionali non erano compatrioti degni di essere aiutati a sbarazzarsi di una arcaica e ingombrante istituzione, ma "peccatori" da "castigare", e la società borghese nordista non era certo disposta a tirar fuori nemmeno un centesimo per aiutare ad indennizzare il sud. Se mai, si desse loro del piombo!

...lo posso veramente capire il signor Preston Brooks Rolling Eyes
...e da parte sua ha "risparmiato" del piombo sudista, vista la situazione che si profilava... Very Happy Very Happy
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 338
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Sab 16 Ott 2010 - 14:26

La terminologia usata dai politici americani non era(e non è) delle migliori(basta pensare agli attacchi che dem e rep si fanno anche oggi).
E per quanto Brooks potesse anche avere ragione a sentirsi indignato, agendo in quella maniera non fece altro che danno.

Da notare che Sumner, per quanto violente fossero, aveva usato solo delle parole... Wink
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 16 Ott 2010 - 15:59

Sono perfettamente d'accordo con quanto espresso da Abolizionista nei suoi ultimi interventi nel presente topic.
Da notare quanto danno hanno causato agli USA in quel periodo le azioni e le parole dei politici più estremisti di entrambe le fazioni.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Generale Meade il Lun 18 Ott 2010 - 10:37

Mason&Dixon ha scritto:

... e la società borghese nordista non era certo disposta a tirar fuori nemmeno un centesimo per aiutare ad indennizzare il sud. Se mai, si desse loro del piombo!


Lincon, in tempi non sospetti, cercò di indennizzare gli Stati schiavisti rimasti nell'Unione, ma la cosa venne accolta freddamente dagli schiavisti unionisti. Sicuramente, se non fosse stato assassinato a fine guerra, avrebbe trovato il modo di risarcire della perdita degli schiavi i grandi e piccoli coltivatori del Sud. Non era sua intenzione distruggere l'economia meridionale per rivalsa o per vendetta, come in parte avvenne con la Ricostruzione. Il problema reale però era che i proprietari di schiavi, indennizzo o meno, non volevano rinunciare alla schiavitù.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3959
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Lun 18 Ott 2010 - 14:31

Concordo perferttamente con Meade, avrei anche da ridirre sulla leggenda nera della ricostruzione...
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  forrest il Lun 18 Ott 2010 - 14:43

Conoscevo l'episodio del litigio tra Sumner e Brooks,perchè ne aveva accennato Luraghi nella sua opera,ma non avevo mai approfondito l'argomento,essendo + interessato agli aspetti militari che a quelli politici del conflitto.Apprendo solo oggi,grazie all'amico Mason & Dixon,il contenuto del "discorso" di Brooks.Non si trattò di critiche,ma di provocazioni insopportabili.Mi sembra evidente che Brooks fosse un forsennato,come tanti suoi connazionali yankees,e i suoi insulti spiegano fin troppo bene quale delle 2 parti volle,che dico,IMPOSE la guerra.E mostrano inoltre inequivocabilmente che lo scopo della guerra stessa altro non era che l'asservimento e lo sfruttamento senza scrupoli del Sud.


Ultima modifica di forrest il Mar 19 Ott 2010 - 0:31, modificato 1 volta
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Lun 18 Ott 2010 - 15:23

Davvero un forsennato, eh si...peccato che sia stato lui a essere rimempito di botte...

Il Nord non impose nulla, furono le continue provacozioni sudiste a portare alla guerra.
Il Kanas-Nebraska act fu l'ennesima, ingiusta, violazione del compromesso del 1850 da parte di un congresso ammaestrato e di un presidente compiacente.
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  R.E.Lee il Lun 18 Ott 2010 - 15:40

Beh..direi che il fatto che sia stato riempito di botte, non scagiona Il sumner dall'essere un sobillatore, secondo quanto letto sopra. spesso le parole fanno più male della botte...


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3943
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Mason&Dixon il Lun 18 Ott 2010 - 16:11

R.E.Lee ha scritto:Beh..direi che il fatto che sia stato riempito di botte, non scagiona Il sumner dall'essere un sobillatore, secondo quanto letto sopra. spesso le parole fanno più male della botte...


Lee


Concordo con il ns. Lee, come hanno agito i due personaggi chi fisicamente e chi psicologicamente sono due modi di fare spregevoli.
Io penso che quello che deve far riflettere, è che non esistono due misure diverse per giudicare le azioni dei due uomini, entrambe ugualmente portano all'offesa.
Sicuramente ad un azione corrisponde una reazione...

M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 338
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Generale Meade il Lun 18 Ott 2010 - 17:10

R.E.Lee ha scritto:Beh..direi che il fatto che sia stato riempito di botte, non scagiona Il sumner dall'essere un sobillatore, secondo quanto letto sopra. spesso le parole fanno più male della botte...


Lee


Caro Lee,

di solito questo modo filosofico di giustificare le cose si ritrova sempre quando a "menare" sono i sudisti (vedi Kansas insanguinato, Fort Sumter, guerriglieri di Quantrill, Fort Pillow ecc. ecc.), mentre quando a "menare" sono gli unionisti (John Brown, Sherman, Valle dello Shenandoah, ecc. ecc.) allora le cose cambiano. I fatti fanno molto più male delle vacue parole. Gli unionisti diventano in tal caso dei violenti incuranti del rispetto del prossimo, sia pur esso il nemico. Due pesi due misure?

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3959
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  R.E.Lee il Lun 18 Ott 2010 - 17:19

Caro Meade,
personalmente non ha mai negato le mie simpatie, come tu del resto. forse questo mi (ci) porta a valutare i fatti sotto un ottica diametralmente opposta alla tua o giù di lì.
L'importante è non essere ipocriti dichiarandosi al di sopra delle parti quando poi si propende da una parte o dall'altra. Nel valutare i fatti della Cw vi è un aggressore ed un aggredito per tutti noi; parlo della vicenda bellica in generale, non specificatamente dell'aggressione a sumner. questo mi pare d'evincere leggendo i post. il problema è che per alcuni gli aggressori sono i sudisti, per altri l'opposto. ma questo è anche il bello del ns forum. altrimenti come faremmo a dar vita a sì avvincenti discussioni ?
Very Happy


Ciao
Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3943
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Generale Meade il Lun 18 Ott 2010 - 17:26

R.E.Lee ha scritto:Caro Meade,
personalmente non ha mai negato le mie simpatie, come tu del resto. forse questo mi (ci) porta a valutare i fatti sotto un ottica diametralmente opposta alla tua o giù di lì.
L'importante è non essere ipocriti dichiarandosi al di sopra delle parti quando poi si propende da una parte o dall'altra. Nel valutare i fatti della Cw vi è un aggressore ed un aggredito per tutti noi; parlo della vicenda bellica in generale, non specificatamente dell'aggressione a sumner. questo mi pare d'evincere leggendo i post. il problema è che per alcuni gli aggressori sono i sudisti, per altri l'opposto. ma questo è anche il bello del ns forum. altrimenti come faremmo a dar vita a sì avvincenti discussioni ?
Very Happy


Ciao
Lee

Caro Lee,

mi trovi concorde su tutta la linea Very Happy , rimango però del parere che per quanto le parole facciano (a volte) più male Sad delle botte, l'uso della violenza rimane a priori ingiustificabile.

Ciao

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3959
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 18 Ott 2010 - 17:30

Si può essere simpatizzanti per l'una o per l'altra parte, ma ciò non toglie che si possa lo stesso riconoscere quando vi è un uso indiscriminato della violenza fisica da entrambe le parti.
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2468
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  R.E.Lee il Lun 18 Ott 2010 - 17:34

Generale Meade ha scritto:"""..Caro Lee,
mi trovi concorde su tutta la linea Very Happy , rimango però del parere che per quanto le parole facciano (a volte) più male Sad delle botte, l'uso della violenza rimane a priori ingiustificabile.

Ciao

Meade

Sicuramente Cari amici ! Very Happy
Dalla vicenda Sumner sò quel che è stato scritto nel Forum e poco più...!! Non volevo giustificare l'aggressore, temo essermi mal espresso nel mio post, ma solo affermare che neppure l'aggredito era una "mammoletta". diciamo che siamo di fronte ad una violenza verbale ripagata con una violenza fisica.....tutto quà..

Ciao
Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3943
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Lun 18 Ott 2010 - 17:47

Certo Sumner non usò certo mezzi termini, però concordo con Meade, quando l'aggressione viene da nord non si cercano "cause".

Faccio notare che, in ogni caso, le parole di Sumner venivano dopo il Kansas-Nebraska act...a me questo fatto fa riflettere...
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Generale Meade il Lun 18 Ott 2010 - 17:50

Caro Lee,

così sembra passare (ripeto: sembra) il messaggio: "peggio per lui, se l'è cercata", ma quì non stiamo parlando di due cialtroni in preda ai fumi dell'alcol in una stamberga. Si trattava di due parlamentari portavoci della volontà popolare nel senato USA. Nessuno impediva a Preston di replicare con la stessa veemenza. L'uso della violenza a quei livelli non può essere assolutamente giustificata.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3959
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  R.E.Lee il Lun 18 Ott 2010 - 17:52

...alcuni giustificano la violenza verbale di sumner, altri quella fisica del suo aggressore...secondo me le due cose fanno pari e patta.


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3943
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Generale Meade il Lun 18 Ott 2010 - 18:00

Caro Lee,

ti posso assicurare che tra essere insultato Crying or Very sad o essere preso a legnate in testa Evil or Very Mad è sicuramente preferibile la prima ipotesi. Di insulti non si muore, di bastonate sì !!! Mad .Non capisco poi tutta quella rabbia da parte di Preston. Coda di paglia?

Ciao

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3959
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  R.E.Lee il Lun 18 Ott 2010 - 18:04

Generale Meade ha scritto:Caro Lee,

ti posso assicurare che tra essere insultato Crying or Very sad o essere preso a legnate in testa Evil or Very Mad è sicuramente preferibile la prima ipotesi. Di insulti non si muore, di bastonate sì !!! Mad .Non capisco poi tutta quella rabbia da parte di Preston. Coda di paglia?

Ciao

Meade

Personalmente anche io prefersico un "vaffa" ad una legnata in testa ... Very Happy ..ci mancherebbe !! però non per questo giustifico chi abusa della favella per provocare...

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3943
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Abolizionista il Lun 18 Ott 2010 - 18:08

Oggi forse, ma all'epoca il linguaggio "colorito" era tipico della politica americana del tempo.
Anche a LIncoln non furono rispararmiate offese e colpi bassi.
Il vizio è rimasto anche anche agli americani di adesso a giudicare da come fanno campagna elettorale Wink .

In ogni caso l'azione di Brooks fu sbagliata non solo moralmente ma anche politicamente, infatti diede ancora più spago(IMHO giustamente ma cosi la vedo io) a chi accusa il sud di essere incapace di un dialogo democratico.

Il coro di consensi ed il tripudio attorno a Brookes fecero ancora peggio alla causa sudista.
avatar
Abolizionista
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 153
Data d'iscrizione : 25.09.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  forrest il Mar 19 Ott 2010 - 0:29

La differenza fondamentale,tra l'offesa di Sumner e la reazione di Brooks,é che la rabbia di Brooks si rivolse unicamente contro un individuo(Sumner),mentre le invettive di Sumner erano indirizzate all'intero popolo sudista.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mar 19 Ott 2010 - 1:34

forrest ha scritto:La differenza fondamentale,tra l'offesa di Sumner e la reazione di Brooks,é che la rabbia di Brooks si rivolse unicamente contro un individuo(Sumner),mentre le invettive di Sumner erano indirizzate all'intero popolo sudista.

Difatti se non erro il discorso fece ancora più male alla situazione in Kansas, portando al saccheggio di Lawrence del 1856 da parte delle milizie del Missouri e dei coloni filo-sudisti.

Ciao

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2791
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il pestaggio di Charles Sumner

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum