PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Mason&Dixon il Lun 15 Nov 2010 - 17:45

Cari Amici,
Un topic su questa battaglia mancava, e credo che le vada riconosciuto tutto il valore militare che merita.
Il sottotitolo del topic dice molto di questo scontro, è stato fatto dagli storici un parallelo con la sua più grande gemella, la Gettysburg dell'Est.
Quindi, a Pea Ridge è stata attribuita una notevole importanza nel peso della guerra civile americana. Ma, il mio interesse è di capire cosa è andato veramente "storto"; in quel lontano fronte del Trans-Mississippi, Arkansas.
La battaglia doveva determinare nel futuro immediato il totale possesso dello stato del Missouri.
Lo stato era conteso ormai da tempo tra le due parti, per la sua importanza politica, economica e militare, sia per il Nord che per il Sud.
Entro l'inizio della primavera del 1862 il Gen. Samuel R. Curtis con la sua Armata unionista del Sud-Ovest, composta da circa 10.500 uomini e 49 pezzi di artiglieria, era avanzato fino al confine Nord-Occidentale dell'Arkansas attestandosi il 18 febbraio vicino un piccolo fiume lo Sugar Creek, nei pressi della loc. di Leetown.
Il Gen. Earl Van Dorn con la sua Armata confederata dell'Ovest, composta da 16.500 uomini e 12 batterie di artiglieria, era intenzionato a distruggere Curtis e "riaprire" la porta nel Missouri; per una eventuale riconquista dello stato.
Una dato vantaggioso, i confederati erano superiori di numero ai nordisti.
Il contatto tra le parti avvenne il 7 Marzo...

[img][Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link][/img]

La Confederazione aveva grandi speranze di successo, quali conseguenze immediate si sarebbero verificate di una vittoria sudista?
Quale scenario strategico si poteva aprire nel medio termine su quel fronte, di una vittoria sudista?
Cosa non è andato nel "verso giusto" militarmente?

M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  forrest il Lun 15 Nov 2010 - 23:56

Sembra incredibile,ma Van Dorn,il secondo giorno di battaglia,quando la situazione era ancora promettente(nonostante gravissimi pasticci commessi già il giorno precedente),s'accorse di aver lasciato a casa le munizioni Shocked ,e fu costretto a ordinare la ritirata.Va ricordato che Van Dorn,durante il viaggio effettuato per raggiungere l'Armata confederata che aveva ricevuto l'incarico di comandare,dovè attraversare un fiume in canoa.La canoa si rovesciò,e il Generale cadde nell'acqua gelida;pur riuscendo a raggiungere la riva,si ammalò.Durante la battaglia di Pea Ridge era menomato dalla febbre alta.Gran parte delle truppe nordiste vittoriose a Pea Ridge poterono essere svincolate dal settore del Trans-Mississippi,e presero parte alla Campagna che portò alla capitolazione dei Forti Henry e Donelson.Si può dunque sostenere che il crollo del fronte occidentale,ed in ultima analisi la sconfitta finale del Sud,ebbero origine proprio a Pea Ridge;una battaglia che,secondo ogni logica,i Confederati avrebbero dovuto vincere a mani basse.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Mar 16 Nov 2010 - 9:26

forrest ha scritto:Sembra incredibile,ma Van Dorn,il secondo giorno di battaglia,quando la situazione era ancora promettente(nonostante gravissimi pasticci commessi già il giorno precedente),s'accorse di aver lasciato a casa le munizioni Shocked ,e fu costretto a ordinare la ritirata...."

Caro Forrest,
In effetti la cosa lascia di stucco.
parlare di approssimazione mi pare d'uopo, in questo caso. ma come mai i confederati non si erano portati dietro munizioni sufficenti ? pensavano forse di fare un boccone in "quattro e quattrotto" dei nordisti oppure fù un errata gestione logistica (disorganizzazione ?) ha creare questa situazione anocronistica ? oppure in ultima analisi, la "gaffe" và fatta risalire alla classica mentalità "napoleonica" con cui spesso venivano affrontate le battaglie nella CW in cui ci si illudeva di poter risolvere lo scontro con le baionette ?

Lee


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 16 Nov 2010 - 18:55

E' una delle battaglie che mi ero ripromesso di approfondire (e che ancora non ho fatto Crying or Very sad ), però ricordo che un primo errore confederato fu che le due parti dell'armata fossero divise, come si vede nella cartina, e i confederati di McCulloch, furono battuti causa anche la morte di due generali e la cattura del terzo.

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3268
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Mar 16 Nov 2010 - 19:00

Il ns M & D ha definito Pea Ridge la Gettysburg dell'ovest.
altri storici sono a lui allineati ritenendola una battaglia determinante ai fini dell'intera guerra civile.
la sovrastimano od hanno ragione ? Question


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  forrest il Mer 17 Nov 2010 - 0:37

A dire il vero sono almeno 3 le battaglie combattute ad Ovest del Mississippi che ho sentito ribattezzare "Gettysburg del West":quella di Glorieta Pass(nonostante il numero esiguo delle forze impegnate),quella di Westport,e appunto quella di Pea Ridge.Come ho già detto,quest'ultima battaglia ebbe in effetti un'importanza enorme,forse decisiva,perchè ,se i Confederati avessero vinto,Grant non avrebbe avuto a disposizione le truppe con le quali espugnò i Forti Henry e Donelson.Per quanto riguarda la questione delle munizioni,si trattò di una colossale svista,forse dovuta alla febbre che tormentava Van Dorn.Riassumo per sommi capi;il 3 Marzo 1862 l'Armata del West lasciò l'accampamento di Strickland's Station,nelle Boston Mountains(Arkansas centrale)e si diresse verso Nord,sotto una fitta nevicata,per dare battaglia all'Armata unionista del Gen.Curtis,che aveva appena varcato il confine tra il Missouri e l'Arkansas.L'obiettivo di Van Dorn era la distruzione dell'Armata nemica,e la riconquista di Saint Louis.Spinto da una divorante sete di gloria,Van Dorn impose ai suoi soldati un ritmo sostenutissimo.("A killing pace",lo definisce lo storico Earl Hess nel suo saggio"Pea Ridge".)Purtroppo gli animali da tiro delle salmerie erano deboli e denutriti,e ben presto i carri che trasportavano viveri e munizioni persero contatto dal resto della colonna.La sera del 6 Marzo Van Dorn,dopo 3 giorni di marce forzate,giunse infine a ridosso del nemico,nella Valle del Little Sugar Creek,al confine tra Missouri e Arkansas,in un luogo dove,l'estate precedente,avevano sostato alcuni reparti di cavalleria sudista,che avevano ribattezzato il sito "Camp Stephens",in onore del Vice-Presidente della Confederazione.Le salmerie erano ormai molto attardate,e sarebbero arrivate solo nella tarda mattinata del 7 Marzo.Van Dorn,per evitare un assalto frontale contro il nemico trincerato,decise di aggirarlo sulla destra allo scopo di giungergli alle spalle,tagliandogli la ritirata verso nord e costringendolo alla resa.Ma Van Dorn riteneva di non avere un minuto da perdere,e iniziò la manovra quella notte stessa,nonostante i suoi soldati fossero stremati e semi-assiderati.Nella fretta,nè lui,nè i suoi principali subordinati,i Generali Price e McCulloch,si accorsero che le salmerie avevano ormai accumulato un enorme ritardo.Quando esse giunsero a Camp Stephens,come detto nella tarda mattinata del 7 Marzo,il loro Comandante,il generale Martin Green,trovò il luogo deserto;Van Dorn,che non s'era accorto della sua assenza,ovviamente non gli aveva lasciato detto dove l'Armata si fosse diretta.Non sapendo che fare,Green rimase fermo a Camp Stephens.Nel frattempo,a Leetown e a Elkhorn Tavern,era divampata la battaglia.Quando calò il buio,ad Elkhorn Tavern,i Confederati avevano guadagnato terreno,e la situazione sembrava promettente.Ma le munizioni,dopo una giornata di accaniti combattimenti,scarseggiavano.Van Dorn avrebbe dovuto,a questo punto,inviare un messaggio a Green,affinchè sopraggiungesse con il treno di munizioni.Tra Camp Stephens ed Elkhorn Tavern la distanza era di circa 15 km,e le munizioni avrebbero potuto arrivare entro l'alba,quando la battaglia sarebbe ripresa.Ma Van Dorn,evidentemente,era ancora convinto che le salmerie avessero seguito l'Armata,e fossero accampate nei paraggi di Elkhorn Tavern.Non si rese conto che erano rimaste a Camp Stephens.Quando,all'alba,i nordisti contrattaccarono,Van Dorn mandò un attendente a cercare il treno di munizioni,e con raccapriccio apprese l'amara verità.Ci sarebbero volute 4 o 5 ore prima che i rifornimenti potessero arrivare.Nel frattempo,i Confederati,praticamente disarmati,sarebbero stati alla mercè del nemico.A Van Dorn non restò che ordinare la ritirata.Una ritirata che,a causa delle condizioni atmosferiche e della natura selvaggia del territorio attraversato, si trasformò in un calvario paragonabile a quello dell'Armata del Tennessee dopo la sconfitta di Nashville.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mer 17 Nov 2010 - 1:11

Quindi alla fine fu proprio la mancanza delle munizioni il motivo per il quale i confederati si dovettero ritirare. Quando dici che la situazione era promettente parli dell'ala di Price? Oppure di quella di McCulloch che allora fu sconfitto in seguito?

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3268
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  forrest il Mer 17 Nov 2010 - 1:35

Mi riferisco alle forze di Price;la battaglia di Leetown fu di breve durata,a causa,come tu hai accennato,della morte dei Generali McCulloch e McIntosh.Dopo un iniziale successo,rimasti senza ordini,i confederati non attaccarono +,e rimasero per ore con le mani in mano,per poi abbandonare il campo.A Leetown si verificò il tristemente famoso episodio degli scotennamenti,di cui parlammo tempo fa sul nostro forum.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Mer 17 Nov 2010 - 10:12

Ringrazio l'amico Forrest per averci fatto luce sulla vicenda delle munizioni. In effetti fù un bel pasticcio. direi che la causa di tutto ciò, fu quindi la cattiva organizzazione e la rapidità con cui giocoforza Van Dorn dovette muovere la sua armata per cercare di soprprendere il nemico.
Un altra causa ipotizzo, fù probabilmente il fatto che Van Dorn, per tentare di aggirare il nemico, divise la sua armata in 2 tronconi. In questo modo la superiorità numerica di cui godeva andò a farsi benedire. presumo che vista la natura del terreno (selvaggio) ed il tempo inclemente, le comunicazioni frà le due parti divise della sua armata fossero difficilissime. i nordisti separati trà di loro da poco spazio, restando più compatti, poterono magari godere di quei vantaggi che la bisogna necessitava sfruttando meglio le linee interne ed ovviare alla inferiorità numerica di cui soffrivano.
cosa ne pensi/ate ?

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Mason&Dixon il Mer 17 Nov 2010 - 18:34

forrest ha scritto:

Come ho già detto,quest'ultima battaglia ebbe in effetti un'importanza enorme,forse decisiva,perchè ,se i Confederati avessero vinto,Grant non avrebbe avuto a disposizione le truppe con le quali espugnò i Forti Henry e Donelson.


Sono d'accordo con l'amico forrest. Se Van Dorn avesse vinto a Pea Ridge le sorti della guerra in Occidente avrebbero potuto cambiare.
E' mia opinione, nella battaglia Van Dorn, ottimo soldato di cavalleria e nell'uso della stessa, abbia fatto "a botte" nell'applicazione delle comuni tattiche delle diverse unità di fanteria; non dimostrando tra l'altro molta competenza nella conduzione di "grandi unità". A sua colpa và detto che fu incurante della logistica e delle sue ordinarie regole, una maggiore e scrupolosa attenzione era quantomeno necessaria. Solo i suoi uomini hanno dimostrato, in quella deficitaria situazione, il coraggio e l'ardimento che hanno reso possibile la battaglia.
Certo era malato...proprio per questo, dato il suo carattere audace e impetuoso, trattenere l'impazienza e guarire del tutto della sua situazione fisica; prendersi il tempo necessario per colpire Curtis...lui era accampato e non si muoveva! Bisognava attendere un tempo migliore, in tutti i sensi!
Curtis e la sua armata, invece, erano in una situazione decisamente migliore: treno rifornimenti a portata di mano, la sua posizione era ben consolidata e fece un buon uso delle sue riserve. Ottima leadership di Curtis e alcuni dei suoi generali.
Sicuramente, a proposito di "iella Crying or Very sad confederata, la perdita di due generali sudisti McCulloch e McIntosh e un terzo Hèbert catturato, ebbe un peso decisivo e mandò all'aria tutta l'ala sinistra sudista con dovute conseguenze.

M&D


Ultima modifica di Mason&Dixon il Ven 19 Nov 2010 - 19:13, modificato 1 volta
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 17 Nov 2010 - 18:50

Forse Van Dorn pensava troppo ad altre cose...... lol!

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2470
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Mer 17 Nov 2010 - 18:54

...non accusiamolo per questo !!!!!!!!!!


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Mason&Dixon il Mer 17 Nov 2010 - 18:55

George Armstrong Custer ha scritto:Forse Van Dorn pensava troppo ad altre cose...... lol!


Si, molto vero... Cool Cool Cool Cool... alle sue FANS Arrow


M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  forrest il Mer 17 Nov 2010 - 23:17

Negli ambienti militari americani si usa dire che i dilettanti si occupano di tattica e di strategia,i professionisti si occupano di logistica.Va però detto che anche il Gen. Curtis venne probabilmente elogiato oltre i suoi meriti.Si fece sorprendere dall'aggiramento sudista,convinto che l'attacco sarebbe arrivato da sud o da ovest,e non da Nord.Le sue Divisioni erano tutte schierate,dietro robuste fortificazioni, fronte a sud e ad ovest.Anche quando,durante la notte tra il 6 ed il 7 Marzo,venne avvisato dai suoi scouts che il nemico era in marcia sulla sua destra,Curtis sottovalutò il pericolo,pensando ad una semplice diversione,ad un trucco del nemico per indurlo ad abbandonare le sue fortificazioni.Venne salvato da una serie di circostanze fortunate,e dall'insubordinazione di un sottoposto,il Gen.Dodge,comandante di una Brigata della Divisione del Gen. Carr.Costui,di propria iniziativa,e rischiando gli arresti,spostò le sue truppe dalle fortificazioni ove erano schierate,fronte a sud,e le condusse vicino ad Elkhorn Tavern.Senza la lungimiranza di questo ufficiale,Price sarebbe piombato alle spalle dell'Armata unionista,e l'avrebbe probabilmente sconfitta.Anche così,Curtis si salvò per il rotto della cuffia.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Mason&Dixon il Gio 18 Nov 2010 - 0:33

forrest, della situazione tattica che conosco, mentre Van Dorn avanzava lungo la strada a nord della Big Mountain per l'aggiramento, il gen. Curtis aveva preso le sue provvidenziali contromisure facendo fare ai suoi soldati delle abbattute di tronchi d'alberi lungo la strada; che ritardarono non poco la marcia di Van Dorn, e diedero a Curtis ulteriore tempo. Quindi, lo stesso aveva capito qualcosa del probabile aggiramento? E' accaduto questo?

M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  forrest il Gio 18 Nov 2010 - 0:52

Proprio così!Curtis si limitò a creare due sbarramenti facendo abbattere alcuni alberi di traverso al "Bentonville Detour", e senza inviare truppe consistenti a bloccare la strada.Per sua fortuna,i confederati erano del tutto sprovvisti di genieri,(e degli attrezzi che dei genieri sono propri) Per superare ciascuno dei 2 sbarramenti impiegarono 2 ore.Il ritardo accumulato indusse Van Dorn a dividere le sue forze,facendo prendere alla Div. McCulloch una "scorciatoia":la Ford Road.Domani,se interessa,posterò una cartina.La separazione di queste 2 colonne avrebbe dovuto essere di breve durata;McCulloch e Price avrebbero dovuto ricongiungersi presso Elkhorn Tavern.Ma gli eventi presero una piega diversa,quando la colonna di McCulloch venne intercettata dal Generale tedesco Osterhaus poco a nord di Leetown.McCulloch,in realtà,dopo aver spazzato via il nemico con una delle + spettacolari cariche di cavalleria dell'intera guerra,avrebbe potuto proseguire,ma non si fidò a lasciarsi alle spalle una forza nemica di cui ignorava la consistenza numerica;prese la fatale decisione di richiamare la Brigata di fanteria del Gen.Hebert,già ben avviata verso Elkhorn Tavern,e decise di dare battaglia a Leetown.Questa decisione si rivelò una delle chiavi della sconfitta sudista.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mer 21 Dic 2011 - 19:55

Credo che il commento più significativo su questa battaglia, singolarmente scombinata, l'abbia fatto l'illustre storico J.McPherson nel suo "Battle Cry for Freedom", dove recita, a proposito di Pea Ridge:
"Van Dorn imparò a sue spese che se ti trovi nelle retrovie del nemico, il nemico si trova automaticamente nelle tue."
Brillantissimo.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Sab 7 Gen 2012 - 10:49

Cari Amici,
volevo chiedere lumi sull'importanza dell'esito di Pea Ridge. Non è che le conseguenze che essa ebbe sono state sopravvalutate? Capisco che ciò permise di svincolare forze che poi sarebbero andate a rinforzare Grant ma, ipotizzo io, il generale Unionista avrebbe potuto ricevere rinforzi per la sua campagna da altre zone qualora Pea Ridge avesse avuto esiti diversi....o no?


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Jubal Anderson Early il Sab 7 Gen 2012 - 15:01

R.E.Lee ha scritto:Cari Amici,
volevo chiedere lumi sull'importanza dell'esito di Pea Ridge. Non è che le conseguenze che essa ebbe sono state sopravvalutate? Capisco che ciò permise di svincolare forze che poi sarebbero andate a rinforzare Grant ma, ipotizzo io, il generale Unionista avrebbe potuto ricevere rinforzi per la sua campagna da altre zone qualora Pea Ridge avesse avuto esiti diversi....o no?


Lee

Caro Generale Lee,
in risposta alla sua richiesta, le traduco - e, nella parte fra parentesi quadre, parafraso - una succinta, e bella analisi di Michael Crane, su Pea Ridge, che a mio parere, spiega benissimo il perchè tale battaglia fu tanto importante quanto dimenticata. L'estratto dell'articolo, è parte dell'introduzione storica a "Civil War Classics, Vol.I - The Battles of Pea Ridge and Shiloh", apprezzabilissimo gioco da tavolo del 1991, su mappa ad esagoni. Questo servirà anche a dimostrare, con quale serietà certe editrici pubblicano i loro "giochi", che più che tali, diventano vere e proprie - accuratissime - simulazioni storiche.

"(...) Proprio come la fine della Germania nazista può essere fatta risalire ad El Alamein e Stalingrado, così l'inizio della fine della Confederazione può essere identificata in Pea Ridge. La distruzione dell'armata di Van Dorn, se non materialmente, iniziò a porre effettivamente fine al controllo confederato a Ovest del Mississippi. (...) L'opinione pubblica è spesso disattenta verso gli eventi veramente importanti. Durante tutta la Guerra Civile, l'opinione pubblica era incentrata sulle attività delle armate del Potomac e della Northern Virginia, e sulle imprese dei migliori luogotenenti del generale Lee. [Se l'Ovest era trascurato, il Trans-Mississippi era semplicemente assente dalle cronache]. Il governo di Richmond non apprezzò mai l'importanza di questo teatro, nello stesso modo in cui Hitler, 80 anni dopo, non comprese mai l'importanza del Nordafrica. Eppure, fu proprio il Trans-Mississippi il primo teatro decisivo nella Guerra Civile Americana, come lo fu il Nord Africa (ad El Alamein) durante la Seconda Guerra Mondiale, nonostante le forze relativamente esigue impegnate in tutti questi settori. Così, come l'Ovest sarebbe diventato il teatro decisivo della guerra, dopo la chiusura del fronte del Trans-Mississippi, il Fronte Orientale (a Stalingrado) sarebbe diventato il teatro decisivo della Seconda Guerra Mondiale dopo la fine delle campagne in Nord Africa decretata da Bernard Law Montgomery ed Erwin Rommel. Ma, mentre il ruolo di Montgomery fu ingigantito dagli storici, Samuel Ryan Curtis fu ampiamente dimenticato, relegato ad essere una figura secondaria, che si dissolve nell'oscurità del passato."
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Mason&Dixon il Sab 7 Gen 2012 - 16:38

Jubal Anderson Early ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:Cari Amici,
volevo chiedere lumi sull'importanza dell'esito di Pea Ridge. Non è che le conseguenze che essa ebbe sono state sopravvalutate? Capisco che ciò permise di svincolare forze che poi sarebbero andate a rinforzare Grant ma, ipotizzo io, il generale Unionista avrebbe potuto ricevere rinforzi per la sua campagna da altre zone qualora Pea Ridge avesse avuto esiti diversi....o no?


Lee

Caro Generale Lee,
in risposta alla sua richiesta, le traduco - e, nella parte fra parentesi quadre, parafraso - una succinta, e bella analisi di Michael Crane, su Pea Ridge, che a mio parere, spiega benissimo il perchè tale battaglia fu tanto importante quanto dimenticata. L'estratto dell'articolo, è parte dell'introduzione storica a "Civil War Classics, Vol.I - The Battles of Pea Ridge and Shiloh", apprezzabilissimo gioco da tavolo del 1991, su mappa ad esagoni. Questo servirà anche a dimostrare, con quale serietà certe editrici pubblicano i loro "giochi", che più che tali, diventano vere e proprie - accuratissime - simulazioni storiche.

"(...) Proprio come la fine della Germania nazista può essere fatta risalire ad El Alamein e Stalingrado, così l'inizio della fine della Confederazione può essere identificata in Pea Ridge. La distruzione dell'armata di Van Dorn, se non materialmente, iniziò a porre effettivamente fine al controllo confederato a Ovest del Mississippi. (...) L'opinione pubblica è spesso disattenta verso gli eventi veramente importanti. Durante tutta la Guerra Civile, l'opinione pubblica era incentrata sulle attività delle armate del Potomac e della Northern Virginia, e sulle imprese dei migliori luogotenenti del generale Lee. [Se l'Ovest era trascurato, il Trans-Mississippi era semplicemente assente dalle cronache]. Il governo di Richmond non apprezzò mai l'importanza di questo teatro, nello stesso modo in cui Hitler, 80 anni dopo, non comprese mai l'importanza del Nordafrica. Eppure, fu proprio il Trans-Mississippi il primo teatro decisivo nella Guerra Civile Americana, come lo fu il Nord Africa (ad El Alamein) durante la Seconda Guerra Mondiale, nonostante le forze relativamente esigue impegnate in tutti questi settori. Così, come l'Ovest sarebbe diventato il teatro decisivo della guerra, dopo la chiusura del fronte del Trans-Mississippi, il Fronte Orientale (a Stalingrado) sarebbe diventato il teatro decisivo della Seconda Guerra Mondiale dopo la fine delle campagne in Nord Africa decretata da Bernard Law Montgomery ed Erwin Rommel. Ma, mentre il ruolo di Montgomery fu ingigantito dagli storici, Samuel Ryan Curtis fu ampiamente dimenticato, relegato ad essere una figura secondaria, che si dissolve nell'oscurità del passato."



Mi complimento e concordo con l'amico Early, il gioco in questione della Fresno Gaming Association History Games (che possiedo, un bel gioco davvero!) contiene appunto una lunga analisi storica della battaglia.
La sintesi di Early della parte finale dell'articolo suddetto rende, a mio avviso, ben chiara l'idea dell'importanza di Pea Ridge sul fronte del Trans-Mississippi.

M&D
avatar
Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 339
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Sab 7 Gen 2012 - 22:14

Jubal Anderson Early ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:Cari Amici,
volevo chiedere lumi sull'importanza dell'esito di Pea Ridge. Non è che le conseguenze che essa ebbe sono state sopravvalutate? Capisco che ciò permise di svincolare forze che poi sarebbero andate a rinforzare Grant ma, ipotizzo io, il generale Unionista avrebbe potuto ricevere rinforzi per la sua campagna da altre zone qualora Pea Ridge avesse avuto esiti diversi....o no?


Lee

Caro Generale Lee,
in risposta alla sua richiesta, le traduco - e, nella parte fra parentesi quadre, parafraso - una succinta, e bella analisi di Michael Crane, su Pea Ridge, che a mio parere, spiega benissimo il perchè tale battaglia fu tanto importante quanto dimenticata. L'estratto dell'articolo, è parte dell'introduzione storica a "Civil War Classics, Vol.I - The Battles of Pea Ridge and Shiloh", apprezzabilissimo gioco da tavolo del 1991, su mappa ad esagoni. Questo servirà anche a dimostrare, con quale serietà certe editrici pubblicano i loro "giochi", che più che tali, diventano vere e proprie - accuratissime - simulazioni storiche.

"(...) [Se l'Ovest era trascurato, il Trans-Mississippi era semplicemente assente dalle cronache]. Il governo di Richmond non apprezzò mai l'importanza di questo teatro, nello stesso modo in cui Hitler, 80 anni dopo, non comprese mai l'importanza del Nordafrica. ...."

Ringrazio l'Amico Early per la sua cortesia, ma francamente stento ad apprezzare l'importanza del Trans Mississippi nel contesto globale della CW. Si trattava di territori selvaggi, quasi disabitati, il cui contributo alla causa Confederata ed unionista fù limitato. Se ambedue i contendenti gli diedero un importanza minima fù, probabilmente, anche per queste ragioni. Stento anche a metabolizzare la teoria "dell'effetto domino" che si verificò dopo Pea Ridge.
Magari mi sbaglio, ma io inquadro le operazioni militari che avvennero nel Trans Mississippi come un qualcosa di accessorio. Non credo che gli eventi che si svolsero colà, abbiano influenzato le vicende che avvennero al di quà del mississippi dove si giocarono le partite decisive per l'esito della guerra.

Lee


avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Jubal Anderson Early il Lun 9 Gen 2012 - 8:32

R.E.Lee ha scritto:
Jubal Anderson Early ha scritto:
R.E.Lee ha scritto:Cari Amici,
volevo chiedere lumi sull'importanza dell'esito di Pea Ridge. Non è che le conseguenze che essa ebbe sono state sopravvalutate? Capisco che ciò permise di svincolare forze che poi sarebbero andate a rinforzare Grant ma, ipotizzo io, il generale Unionista avrebbe potuto ricevere rinforzi per la sua campagna da altre zone qualora Pea Ridge avesse avuto esiti diversi....o no?


Lee

Caro Generale Lee,
in risposta alla sua richiesta, le traduco - e, nella parte fra parentesi quadre, parafraso - una succinta, e bella analisi di Michael Crane, su Pea Ridge, che a mio parere, spiega benissimo il perchè tale battaglia fu tanto importante quanto dimenticata. L'estratto dell'articolo, è parte dell'introduzione storica a "Civil War Classics, Vol.I - The Battles of Pea Ridge and Shiloh", apprezzabilissimo gioco da tavolo del 1991, su mappa ad esagoni. Questo servirà anche a dimostrare, con quale serietà certe editrici pubblicano i loro "giochi", che più che tali, diventano vere e proprie - accuratissime - simulazioni storiche.

"(...) [Se l'Ovest era trascurato, il Trans-Mississippi era semplicemente assente dalle cronache]. Il governo di Richmond non apprezzò mai l'importanza di questo teatro, nello stesso modo in cui Hitler, 80 anni dopo, non comprese mai l'importanza del Nordafrica. ...."

Ringrazio l'Amico Early per la sua cortesia, ma francamente stento ad apprezzare l'importanza del Trans Mississippi nel contesto globale della CW. Si trattava di territori selvaggi, quasi disabitati, il cui contributo alla causa Confederata ed unionista fù limitato. Se ambedue i contendenti gli diedero un importanza minima fù, probabilmente, anche per queste ragioni. Stento anche a metabolizzare la teoria "dell'effetto domino" che si verificò dopo Pea Ridge.
Magari mi sbaglio, ma io inquadro le operazioni militari che avvennero nel Trans Mississippi come un qualcosa di accessorio. Non credo che gli eventi che si svolsero colà, abbiano influenzato le vicende che avvennero al di quà del mississippi dove si giocarono le partite decisive per l'esito della guerra.

Lee



Il generale Lee sembra non osservare che i territori selvaggi e quasi disabitati di cui fa menzione, conducevano a St.Louis, la vera porta d'accesso occidentale al territorio dell'Unione. Caduta St.Louis, l'Unione sarebbe stata fatalmente esposta ad un invasione da O, senza avere un qualche appiglio tattico di rilievo, dovendo difendere un territorio pianeggiante come una tavola da biliardo.
Provi solo ad immaginare, generale Lee, con una base di rifornimenti sicura e imprendibile come St.Louis da cui partire, fin dove avrebbe potuto spingersi una cavalleria di Forrest o di Morgan, o una qualsiasi armata ben diretta.
In questo senso, gli eventi del Trans-Mississippi furono determinanti per le sorti della guerra. Se i confederati fossero riusciti a catturare St.Louis (obiettivo principale delle campagne sudiste in quel teatro), la guerra si sarebbe combattuta per buona parte a Nord, o almeno anche a Nord.
Il fatto che il problema sia stato liquidato così presto per l'incapacità di Van Dorn e per la prontezza di reazione di Curtis e dei suoi, ha sancito l'esito che tutti conosciamo.
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Lun 9 Gen 2012 - 21:35

Caro Early,
ma allora perchè il Sud non ci riprovò ? Forse a Richmond non fù capita l'importanza dello scenario che tu descrivi?


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Jubal Anderson Early il Mar 10 Gen 2012 - 9:46

R.E.Lee ha scritto:Caro Early,
ma allora perchè il Sud non ci riprovò ? Forse a Richmond non fù capita l'importanza dello scenario che tu descrivi?


Lee

Caro Generale Lee,
anzitutto La ringrazio per avermi formulata questa domanda. Per trovare la risposta che Lei cerca, dovremmo entrare nel vasto territorio delle ipotesi. Tuttavia, mi sento di sostenere una tesi. Credo che, sfumata la possibilità di debellare le forze unioniste in Missouri, sia stata persa, a fortiori, la chance di investire St.Louis. Questo era già accaduto dopo la battaglia di Wilson's Creek, quando Price e McCulloch, nell'agosto 1861, si diressero a Nord, invece di puntare a ENE contro la città principale dello Stato. Già all'epoca, i generali confederati (prevalentemente McCulloch), non ritennero sufficienti le forze disponibili per catturare St.Louis, uno dei punti di maggior concentrazione di forze unioniste, e arsenale/cantiere navale fluviale di primaria importanza. Optarono per un'"invasione" diretta al controllo della parta occidentale del Missouri, fino al suo confine settentrionale. Nonostante il successo di Lexington, il controllo confederato di questa porzione di territorio venne presto sovvertito, e già alla fine del 1861, tutto il Missouri tranne la parte meridionale dello Stato, era in mano all'Unione.
L'occasione si ripresentò ad Elkhorn Tavern (Pea Ridge), quando l'audace quanto incapace Van Dorn, sognò di poter cadere bellamente alle spalle delle forze di Curtis, vincendolo in una battaglia campale, tagliandolo fuori dalle sue basi di rifornimento, e potendo ricominciare l'invasione del Missouri. Obbiettivi che, non solo ebbe la costanza di fallire con metodo e precisione uno dietro l'altro, ma ebbe l'ulteriore abilità di provocare a se stesso e alla Confederazione, i danni che intendeva causare al nemico. Restò difatti tagliato fuori dalle sue linee di rifornimento (comunque arretrate, mal impostate e campate in aria sotto ogni aspetto), venne disfatto da un nemico in inferiorità numerica, e questo permise all'Unione di avanzare ulteriormente, non solo ponendo fine alla questione Missouri (almeno fino all'invasione-incursione di Price del 1864), ma anche inaugurando la necessità della difesa dell'Arkansas, ormai aperto all'invasione dei nordisti.
Tutti i successivi tentativi confederati di riaprie il teatro del Trans-Mississippi, dovettero scontrarsi con delle difficoltà formidabili. Alle quali difficoltà, sembrò opporsi con grande merito ed efficacia il valido Thomas Carmichael Hindman. Il quale, ripartendo da zero, se non da sottozero, riarmò i cittadini dello Stato - con il nemico già in casa - promosse il reclutamento e la coscrizione, inquadrò i reggimenti e fece tutto il necessario per riorganizzare una forza combattente in grado di difendere lo Stato. Tali forze si batterono a Prairie Grove, non distante da Fayetteville, a NO dell'Arkansas - altra battaglia dimenticata, su cui varrebbe la pena di aprire un topic - il 7 dicembre 1862. Il risultato fu una patta, che divenne una vittoria strategica dell'Unione allorquando Hindman vide dissolversi il proprio comando nei giorni successivi alla battaglia. Hindman almeno provò a fare qualcosa di concreto, ma la scasità di risorse umane, e le insormontabili difficoltà delle linee di rifornimento giocarono a sfavore anche di una politica di difesa elastica. La risposta non potè essere che la difesa statica. Difficoltà ancora maggiori dovettero affrontare gli unionisti che, dopo la presa di Little Rock nel settembre 1863, non riuscirono ad ottenere alcun altro successo definitivo nel Trans-Mississippi, fino alla fine della guerra. A voler essere critici, si potrebbe dire che, caduta Little Rock, c'era poco altro rimasto da conquistare per l'Unione a O del Mississippi, fatto sta che diverse risorse furono allocate - a vuoto - da Washington per ridurre quegli Stati al dominio federale, ma Kirby Smith, Taylor, Price, Marmaduke a altri, riuscirono ad impedire la cosa.

Quindi, riassumendo e rispondendo in breve : la sconfitta di Pea Ridge caratterizzò il Trans-Mississippi come un teatro di regresso limitato (definizione mia) per la Confederazione, che fu costretta a cedere continuamente terreno, fino a quando l'Unione fu impossibilitata a procedere ulteriormente alla conquista, per motivi logistici (difficoltà del terreno ed estensione indifendibile delle linee di comunicazione), e per motivi tattici (valida difesa dei confederati nel settore, impedì lo stabilirsi del controllo nordista). In questo senso il Trans-Mississippi fu un teatro di progresso limitato per gli USA.

(Digressione : L'Ovest fu un teatro di regresso illimitato per la CSA e di progresso illimitato per gli USA; l'Est fu statico praticamente fino alla fine del conflitto, quando nella campagna di Appomattox divenne teatro di progresso illimitato per gli USA)

Penso che a Richmond in pochi apprezzassero davvero l'importanza di questo teatro potenzialmente risolutivo, se adeguatamente sfruttato, ma va detto anche che, dato l'esito provocato da Van Dorn, tutte le possibilità svanirono nel nulla già prima dei giorni di Shiloh. E quindi il Trans-Mississippi fu caratterizzato da quanto ho sopra enunciato.

Il Sud ci riprovò come fu in grado di farlo, ma quando era ormai troppo tardi per fare qualcosa di buono o persino di utile.

Ultima notiziola sul Trans-Mississippi : fu anche il teatro dell'ultima battaglia della guerra civile, e ultima vittoria (postuma!) della Confederazione : Palmitto Ranch (12-13/V/1865).


Ultima modifica di Jubal Anderson Early il Lun 16 Gen 2012 - 14:52, modificato 1 volta
avatar
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  R.E.Lee il Dom 15 Gen 2012 - 11:25

Jubal Anderson Early ha scritto:
"Il generale Lee sembra non osservare che i territori selvaggi e quasi disabitati di cui fa menzione, conducevano a St.Louis, la vera porta d'accesso occidentale al territorio dell'Unione. Caduta St.Louis, l'Unione sarebbe strata fatalmente esposta ad un invasione da O, senza avere un qualche appiglio tattico di rilievo, dovendo difendere un territorio pianeggiante come una tavola da biliardo.
Provi solo ad immaginare, generale Lee, con una base di rifornimenti sicura e imprendibile come St.Louis da cui partire, fin dove avrebbe potuto spingersi una cavalleria di Forrest o di Morgan, o una qualsiasi armata ben diretta.
In questo senso, gli eventi del Trans-Mississippi furono determinanti per le sorti della guerra. Se i confederati fossero riusciti a catturare St.Louis (obiettivo principale delle campagne sudiste in quel teatro), la guerra si sarebbe combattuta per buona parte a Nord, o almeno anche a Nord.
Il fatto che il problema sia stato liquidato così presto per l'incapacità di Van Dorn e per la prontezza di reazione di Curtis e dei suoi, ha sancito l'esito che tutti conosciamo.

Ritorno sù questa questione perchè mi pare interessante approfondirla. Premetto che quà ci sono sacco di "se" che magari meriterebbero l'apertura eventuale di un Topic nella sezione dei "se", ma per ora continuo la discussione in questa "sede".

Ipotizzando che i Sudisti avessero vinto a Pea Ridge e che tale vittoria gli avesse aperto le porte per tentare di prendere St.Louis, la suddetta St.Louis andava poi conquistata cosa che, mi pare, già di per se tuttaltro che scontata.
Ammettendo che in qualche modo poi i Confederati avessero espugnato St.Louis, cosa sarebbe poi successo? La città andava difesa da un ritorno di fiamma dei Nordisti. Averla persa sarebbe stato un danno grave per il Nord, sia per il suo valore strategico che per quello politico. Non credo che avrebbero fatto "armi e bagagli" e se ne sarebbero andati di buon grado. Magari, nel frattempo, qualche incursione molto fine a se stessa verso est la cavalleria Sudista sarebbe persino riuscita a compierla ma la cosa si sarebbe fermata lì, secondo me. Non penso infatti che i Sudisti avessero la forza di poter invadere il Nord da quella parte. Si è accertato spesso che i Nordisti riuscirono a penetrare in profondità nei territori dei fronti occidentali grazie all'apporto imprescindibile della navigazione fluviale che costituì sempre, la linfa vitale per le armate Nordiste. IL Sud non aveva neppure una flotta fluviale decente per difendere la città perchè St.Louis, o posta alla confluenza di 2 fiumi, sarebbe stata oggetto di controffensive Nordiste anche dall'acqua che i Sudisti difficilmente sarebbero riusciti a contrastare ed alla fine, i Confederati sarebbero stati costretti ad evacuare la città da loro recentemente conquistata, ammesso e non concesso che non vi sarebbero rimasti addirittura intrappolati dentro.

Ala fine dei salmi secondo me, una "eventuale" sconfitta a Pea Ridge sommata ad un altra (!) eventuale conquista di St.Louis da parte Sudista, avrebbe solo costituito un intralcio risolvibile in brevi tempi dai Nordisti e non avrebbe pesato più di tanto sull'esito globale delle operazioni del Nord nel Trans-Allegheny. Men che meno sù tutta la Cw in generale.

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3962
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: PEA RIDGE, La Gettysburg dell'Ovest

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum