Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Lun 14 Dic 2009 - 17:53

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Devo dire che sono sorpreso, non tanto per l'incompetenza di Northrop,( tenuto in quella posizione dal suo amico, il Presidente) considerato all'unanimità una sciagura per la Confederazione, quanto per il fatto che ci sia stato questo miglioramento in così pochi giorni! Sforzandomi posso solo immaginare che sia cambiato qualcosa nella sola ANV, che trovandosi nelle tricee intorno a Richmond e Petersburg, e quindi vicine ai magazzini del ministero abbiano avuto delle facilitazioni nelle razioni, ma la cosa mi suona strana devo dire la verità.
Nella mia interminabile lista di libri ancora da leggere, ho un tomo sull'argomento:"Confederate Commisary General, L.B. Northrop and the Subsistence Bureau of the Southern Army" magari leggendolo scoprirò qualcosa di interessante, qualcuno di voi, signori ufficiali, lo ha letto?

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis

Ho dato una rapida occhiata al libro “Confederate Commisary General, L.B. Northrop and the Subsistence Bureau of the Southern Army" partendo dal ’65 e leggendo una riga si e due no Embarassed tongue, ero solo curioso di verificare le recenti informazioni del nostro amico Forrest, faccio un rapido sunto:
Il congresso per attaccare il colonnello Northrop, fece una legge secondo cui il Commissario-Generale di Sussistenza dovesse essere un generale. Il senato e la camera approvarono rispettivamente il 26 gennaio e l’otto febbraio. Questo avrebbe forzato Davis a nominare Northrop o qualcun altro, a quel punto sarebbe bastato rifiutare la nomina di Northrop. Inoltre Davis accettò le dimissioni del ministro Seddon il primo febbraio e voci di corridoio dicono che il nuovo Ministro (Breckinridge) per accettare la carica poneva come condizione non avere Northrop fra i piedi. Per farla breve il 13 febbraio Northrop presenta le dimissioni ed il 16 il brigadiere generale Isaac St.John è il nuovo Commissario (nel frattempo il generale Lee continua a comunicare l’insufficienza di cibo alla sua armata). A questo punto l’autore (J.N. Moore) loda sia Breckinridge che St.John per il lavoro svolto in quei 40 giorni: recuperarono fondi, sistemarono come poterono i collegamenti ferroviari, e misero depositi di cibo vicino alle stazioni. Il 1° aprile comunicarono di avere 300.000 razioni per l’armata della virginia settentrionale(nessun riferimento agli altri eserciti), quindi di provviste per 10 giorni circa. Ma il tempo ormai era scaduto.
Secondo quanto letto mi chiedevo, come mai Breckinridge era così zelante nel suo lavoro se voleva un cessate il fuoco? Poteva fare come Seddon che non ascoltava Northrop (che pur essendo un mediocre soldato, ora mi sembra una pedina) invece di darsi tanto da fare?

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3247
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  R.E.Lee il Dom 31 Gen 2010 - 19:10

vittorio migliavacca ha scritto:Il peso e il vantaggio di una prosperità di mezzi superiori influenzò certamente gli eventi bellici, questo è normale.
Ma per quanto riguarda nello specifico la cavalleria, non dobbiamo pensare che tutti i sudisti erano nati su di un cavallo mentre i nordisti erano tutti cittadini e bottegai, perchè non era esattamente così.

caro vittorio,
non lo credo neppure io !! furono i sudisti a dargli questo od altri appellativi simili durante la guerra. era un modo come un altro per darsi coraggio denigrando il nemico. probabilmente all'inizio del conflitto un certo gap, in linea generale c'era. come ho scritto in altro topic nel sud la preparazione militare e la predisposizione alla vita militare era con ogni probabilità più sviluppata nel popolo sudista che non in quello nordista. ma via via che il tempo passò e, visto che la guerra sviluppa un istinto di sopravvivenza accentuato, anche i nordisti giocoforza si adattarono alle esigenze belliche. in fondo si combatteva anche per riportare a casa la pelle...

lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3954
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 31 Gen 2010 - 22:00

Probabilmente la predisposizione al cavallo, viene enfatizzata e la realtà distorta, ma è evidente che fra i due schieramenti esisteva . Basta guardare l'organizzazione delle armate sul campo. In percentuale la cavalleria di una formazione confederata era superiore a quella unionista. L'AT aveva due corpi (uno in seguito) di cavalleria contro 2/3 di fanteria; L'ANV 1 corpo di cavalleria e 3 di fanteria, L'armata del trans-mississippi aveva 2 corpi di cavalleria e tre di fanteria e non dimentichiamo il corpo Forrest. Al Nord la situazione era ben diversa solo dal '64 cominciarono a formarsi pesanti organizzazioni a cavallo. Avrei bisogni di un sostegno, per verificare i corpi di cavalleria dell'Unione. Sicuramente in una armata sudista 30, a volte 40 % del totale era formato da cavalleggeri, mentre le armate nordiste anche di 100.000 uomini e più non mi sembra avessero una percentuale così alta, anzi..

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3247
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  George H. Thomas il Mer 3 Feb 2010 - 20:22

Riguardo alle osservazioni fatte sulle perdite sostenute in battaglia, vorrei dire che secondo me una larga parte di queste era dovuta alle capacità e allo stile del comandante in capo che conduceva la battaglia.
Il mio omonimo, generale Thomas, era comandante supremo solo in due battaglie (Mill Springs e Nashville), e in ambedue la percentuale delle perdite complessive sostenute dalle sue truppe non era superiore al sei per cento, cifra che pare ridicola di fronte alle catastrofiche perdite sostenute da innumerevoli altre armate in innumerevoli battaglia. Questo perchè? Semplicemente perchè Thomas (uno dei pochi generali a aver servito in fanteria, cavalleria e artiglieria) sapeva come usare bene i suoi uomini e non buttarli all'attacco come facevano tanti altri.

George Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 29
Località : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  forrest il Gio 4 Feb 2010 - 0:12

Solo ora mi sono accorto della domanda posta dall'amico Cheatham riguardo Breckinridge e Northrop,e rispondo scusandomi per il ritardo.Lo scopo di Breckinridge era quello di arrivare ad un armistizio in condizioni tali da poter ottenere delle condizioni clementi;per fare ciò ,occorreva che le Armate confederate tenessero il campo.A tale scopo va interpretata l'ultima disperata sortita di Fort Stedman;la speranza era quella di far uscire l'A.N.V. dalla trappola di Petersburg,affinchè si dirigesse verso Sud,nella Virginia sud occidentale.E in seguito restasse in vita,evitando accuratamente di impegnarsi in grandi battaglie,ma continuando a costituire una minaccia potenziale,da far pesare al tavolo dei negoziati.Ma le cose precipitarono,col fallimento di questa sortita e con la disfatta di Pickett a Five Forks.A quel punto,Breckinridge cercò unicamente di porre fine alla guerra,accettando condizioni di pace che clementi non erano affatto,e tramando con Johnston per firmare l'armistizio alle spalle,e contro il volere,del Presidente Davis.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  R.E.Lee il Lun 25 Ott 2010 - 16:32

George Armstrong Custer ha scritto:Secondo le tesi dello storico William W. Freehling," The South vs. the South: How Anti-Confederate Southerners Shaped the Course of the Civil War", un terzo di tutti i sudisti combatterono per l'Unione durante la guerra civile. Lo storico in questione afferma che uno dei motivi principali della sconfitta del Sud è che la Confederazione era enormemente divisa nel suo interno. Tesi completamente diversa da quella dello storico Gary Gallagher.

Riguardo alla cifra che lo studioso dà sui sudisti (1/3 ?) arruolati nell'esercito nordista, bisognerebbe sapere con più precisione innanzitutto dove ed in quanti andarono a combattere, i soldati apparententi agli stati di confine kentucky e missouri in primis. ricordo che erano 2 stati popolosi per i parametri dell'epoca.


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3954
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Lun 25 Ott 2010 - 20:10

Se tanti lealisti c'erano al Sud, non dimentichiamo che molti al Nord combatterono per il Sud, escludendo ovviamente molti generali ed ufficiali che conosciamo, e tutti coloro che per vincoli di parentela combatterono in grigio, c'erano anche dei soldati fra le fila confederate. Non mi lancio a cercare cifre, ma ricordo il caso più eclatante: una intera compagnia del Tennessee era composta da uomini dell'Illinois che si arruolarono volontariamente nelle fila confederate. Cosa successe a questi soldati una volta tornati a casa non mi è dato sapere, ma sicuramente non saranno stati i più popolari del paese! Very Happy

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3247
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  R.E.Lee il Mar 26 Ott 2010 - 10:32

Il post di Cheatham mi ha fatto venire in mente una cosa:
Anni fà lessi un romanzo (non un libro storico) intitolato "Lo Sciamano".(l'autore ve lo posterò oggi perchè non me lo ricordo..)
In detto romanzo nei capitoli che narrano della guerra civile si parla in effetti di quello cui accenna il ns Benny: moltissimi cittadini dell'Illinois si arruolarono nelle file dell'esercito confederato. questi volontari provenivano più che altro, sempre secondo il romanzo, dalla parte ovest del suddetto stato, quella confinante con il missouri e dalle zone a sud confinanti con il kentucky. trattandosi di un romanzo non ho mai dato peso a questa "notizia" prima di oggi. però a questo punto, visto che vi è una base anche storica sù cui appoggiarsi, sarebbe interessante (per chi può) andare più a fondo. credo...

Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3954
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Struttura e qualità degli eserciti CS e US

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum