Gary W. Gallagher - The Confederate War

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 27 Nov 2010 - 16:28

Gary W. Gallagher - The Confederate War - 1997

Ho trovato su Historynet.com la seguente recensione sul libro di Gallagher, recensione che, tra l'altro, fa il punto sulle attuali correnti dottrinarie sulla ACW.



Negli ultimi 15 anni, una influente scuola di storici della Civil War, ora forse considerata l'ortodossia dominante, ha sostenuto che le divisioni di classe, razza e genere, hanno portato il Sud e la Confederazione alla sconfitta. Esponenti di questa posizione sostengono che la Confederazione era priva del nazionalismo necessario ed è venuta a mancare la necessaria volontà popolare a sostegno di una guerra per l'indipendenza. Una posizione corollaria ritiene che la Confederazione ha dilapidato le sue risorse con una strategia di attacco il cui alto costo è stato minato perchè il nazionalismo esisteva poco e quindi si affrettò l'ora della sconfitta.

Gli scrittori che promuovono tale tesi, e l'elenco è lungo e impressionante, sostengono che la maggior parte dei meridionali aveva un disperato bisogno di vincere la guerra nel 1863 e che una popolazione veramente impegnata per la causa del Sud avrebbe combattuto più lungo prima di arrendersi al Nord. Questa tesi costituisce una revisione della diffusa interpretazione che il Sud sia stato schiacciato inevitabilmente da una superiore potenza che il Nord possedeva. Gary W. Gallagher, professore di storia alla Pennsylvania State University e un volto familiare nel campo della guerra civile, con il libro "The Confederate War", rivisita le teorie degli storici revisionisti.

Dal momento che i revisionisti si concentrano sulle questioni interne e trascurano l'aspetto militare della guerra, non è sorprendente che essi concludano che le spaccature all'interno della Confederazione hanno portato nel baratro la nazione che si trovava in difficoltà. Secondo Gallagher, queste ipotesi hanno fatto perdere di vista "il fatto che la maggioranza dei meridionali bianchi ha fermamente sostenuto la loro repubblica al 100 per cento e che le armi Confederate più di una volta hanno quasi convinto il Nord che il prezzo da pagare per soggiogare i ribelli sarebbe stato troppo alto".

Con un profondo studio sulle fonti primarie a sostegno della sua tesi, Gallagher affronta le principali rivendicazioni dei revisionisti una per una. Particolarmente interessanti sono i suoi capitoli sui fattori strettamente collegati alla volontà popolare e al nazionalismo. Egli sostiene che gli storici revisionisti hanno ignorato il grande corpo di prove che dimostra come la maggior parte dei meridionali bianchi, senza distinzione di classe o di genere, ha sostenuto la lotta per l'indipendenza fino a quando i loro eserciti sul campo sono stati costretti ad arrendersi. Gallagher trova poco convincente l'argomento che molti meridionali hanno sofferto dei sensi di colpa per quanto riguarda la schiavitù, o che le donne del sud siano state avverse ai loro uomini ribelli. Egli suggerisce che questa interpretazione è più simile alla fantasia "politicamente corretta" che alla realtà storica.

Gallagher dimostra la forza del nazionalismo meridionale facendo riferimento alle numerose testimonianze di gente del Sud, in cui si parlava del "loro paese", a differenza di parlare di "Stati separati" . L'autore suggerisce che l'insistenza di dire che il Sud non avesse una identità nazionale deriva da preconcetti ideologici del tardo 20 ° secolo.
Nessuna indagine dello sforzo bellico del Sud può essere considerata completa senza affrontare i costi umani e materiali della guerra. Eppure gli storici revisionisti trascurano o sottovalutano questi fattori cruciali nell'elaborazione della loro analisi della sconfitta della Confederazione. Utilizzando dati statistici, Gallagher respinge la tesi che alla Confederazione mancava il sostegno popolare. Si ricorda al lettore che la Confederazione ha mobilitato il 75-85 per cento dei suoi uomini in età di leva, contro il 50 per cento per il Nord. Inoltre, uno su tre soldati confederati sono morti durante la guerra, contro uno su sei per gli eserciti federali. Si domanda Gallagher come gli Americani avrebbero reagito a un tasso di un morto su tre soldati nella seconda guerra mondiale, che in questo modo avrebbe determinato 6 milioni di vittime.

Nonostante il numero incredibile di perdite, Gallagher ritiene che un ampio sostegno per la causa del Sud continuò fino alla primavera del 1865. Infatti, nonostante le perdite impressionanti, gli alti tassi di abbandono, Gallagher stima che l'esercito di Lee è stato di circa le stesse dimensioni con l'inizio della prime campagne come negli ultimi tre anni di guerra. In confronto, con un minor numero di perdite e praticamente senza danni materiali all'interno dei propri confini, almeno 200.000 uomini delle truppe federali hanno disertato durante la guerra. Il morale civile del Nord non è mai stato sottoposto ai severi tests sopportati dalla Confederazione, ma il comportamento dalla Pennsylvania, nel giugno e nel luglio 1863, suggerisce fortemente che l'apatia è stata la risposta predominante del Nord per invasione e l'occupazione ad opera delle truppe dell'ANW.

Gallagher contesta coloro che sostengono che il Sud avrebbe dovuto adottare una strategia puramente difensiva, o realizzare la guerriglia su larga scala. La prima è stata impossibile a causa delle aspettative del popolo del Sud, e l'ultima era fuori questione in quanto la popolazione degli schiavi, il cui lavoro ha permesso alla Confederazione di mettere in campo una grande percentuale dei suoi uomini bianchi, doveva essere tenuta sotto controllo in modo efficace. Al contrario, egli trova che Robert E. Lee 's Army of Northern Virginia, con la sua impressionante serie di vittorie, era in gran parte artefice della tenuta delle speranze dei Confederati fino alla resa ad Appomattox Court House.
Il peso delle prove ribadisce la sua premessa, che la Confederazione si arrese perché il Nord ha rotto la resistenza militare, non a causa di dissensi interni. Gallagher invita coloro che mettono in dubbio la tenuta duratura della Confederazione a prendere in considerazione le campagne popolari per commemorare la "Lost Cause" in tutto il Sud durante la seconda parte del 19 ° secolo.

"The Confederate War" è un'aggiunta significativa e stimolante per l'attuale corpo della letteratura della guerra civile. Gallagher è tornato al centro della guerra mettendo in giusto risalto le operazioni militari. In tal modo, egli tiene conto dell'enorme investimento di vite umane, di risorse finanziarie e materiali che i sudisti bianchi hanno messo nella lotta per l'indipendenza.

Il libro in questione è probabile che riaccenda il dibattito tra gli studiosi e i divulgatori, cosa buona, specialmente nell'attuale clima soffocante del politicamente corretto.




_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  Mason&Dixon il Sab 27 Nov 2010 - 16:59

Finalmente!! un pò "di sana benzina sul fuoco", un articolo certamente interessantissimo Very Happy.
Caro Custer, mi sembra di intravedere nelle righe del testo le ombre di sana teoria pragmatica...e molto poco di politichese corretto.

Mason&Dixon
Colonnello
Colonnello

Numero di messaggi : 335
Data d'iscrizione : 25.10.09
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 27 Nov 2010 - 17:39

Caro Mason, è vero, l'articolo in questione è molto interessante anche per i richiami alle diverse teorie sulla ACW. Gallagher, nel moderno panorama degli storici, si pone contro alle teorie del "politically correct", ma in modo intelligente. Io non sono molto d'accordo con lui sull'entusiasmo perenne manifestato dal popolo Confederato per tutta la durata della guerra civile, comunque ho massimo rispetto per quello che espone. Diciamo che dopo tanti studi politici e sociologici su quel periodo, Gallagher ha messo in evidenza la centralità delle operazioni militari come elemento fondamentale della ACW.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  forrest il Sab 27 Nov 2010 - 23:54

Alla luce delle conclusioni a cui è giunto Gary Gallagher andrebbe rivista anche la resa finale del generale Johnston,un tradimento in piena regola che é sempre stato giustificato con la scusa che il popolo sudista era stanco di combattere.

forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 28 Nov 2010 - 14:19

A mio avvviso, Gallagher riprende quel che c'è di buono della corrente della Lost Cause evitando un rifiuto a priori di tutto quello che detta corrente ha prodotto, specialmente per quanto riguarda la generalship di Robert Lee.
Gallagher ritiene che sia possibile costruire valide argomentazioni scientifiche, che rispecchiano alcuni elementi del mito di Lost Cause, senza accettare implicitamente la sentimentalità razzista situata nel cuore di quel mito.


_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  R.E.Lee il Dom 28 Nov 2010 - 21:43

Caro George,
complimenti per questa nuova "chicca" che ci hai regalato! Very Happy Da una prima lettura, ho notato con piacere che il Callagher sposa diverse teorie simili alle mie. Laughing
Il "ragazzo" marca bene ! Wink Wink

Lee

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 29 Nov 2010 - 9:55

Caro Robert, grazie dei complimenti; adesso sto cercando altro materiale che riguarda l'opera del Gallagher. Egli ha suscitato un notevole dibattito tra gli storici.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 30 Nov 2010 - 13:48

Allo storico Gary W. Gallagher bisogna riconoscere, tra l'altro, il merito di aver riacceso un dibattito storiografico su alcuni punti della ACW la cui interpretazione oscillava su quanto affermato, da una parte, dagli scrittori della Lost Cause, dall'altra dagli storici revisionisti.
Resta da vedere se e in quale misura i contrasti politici interni, le divisioni esistenti tra i singoli Stati Sudisti, la stanchezza della guerra- questioni che Gallagher non nega che non si siano verificate- abbiano realmente influito sulla tenuta della Confederazione. Io credo che dette situazioni, pur non essendo state risolutive per decidere le sorti della guerra- e qui Gallagher dice bene quando pone in giusto risalto le operazioni militari- un loro peso debbono pur averlo avuto.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  R.E.Lee il Mar 30 Nov 2010 - 16:21

....Lo credo anche io caro George ! I love you
Però mi sembrano abbastanza pertinenti le conclusioni che ci dà il Gallagher. La centralità del conflitto spetta appunto allo scontro armato proprio perchè di una guerra si trattò.
Da quanto evinco dal tuo interessante lavoro, secondo il Gallagher furono le battaglie e gli scontri militari a determinare gli altri eventi e non il contrario, come da qualche parte è stato affermato.

Von Clausevitz affermò che: "la guerra è la prosecuzione della lotta politica con altri mezzi". ma proprio perchè il conflitto armato di regola scoppia proprio perchè con il dialogo politico non è più possibile trovare un punto d'incontro pacifico frà due parti, sono gli esiti dei vari scontri armati a determinare scelte politiche e situazioni interne di vario tipo: sociale, morale ecc...di tutto l'establishement della due parti in lotta.

Lee

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 30 Nov 2010 - 18:04

I commenti che ho trovato su internet sull'opera del Gallagher sono abbastanza favorevoli, ve ne cito alcuni che mi sembrano significativi e che inquadrano esaurientemente i contrasti storiografici sulla Confederazione e sulla leadership di Robert Lee:


Gary Gallagher si muove in avanti negli studi sulla guerra civile, cercando a ritroso, per così dire. Il suo forte è la storia della Confederazione, e in questa materia, il suo talento è particolarmente utile. Questo perché le interpretazioni tradizionali dei neo-confederati si intrecciano con la mitologia della Lost Cause e la sua patina di romantico in merito alla supremazia bianca viene considerata come un'anatema per la maggior parte degli storici accademici moderni.

I neo-confederati confondono la loro venerazione per la Confederazione con l'approvazione del sistema della casta razziale del Sud, in questo modo è possibile interpretare qualsiasi aspetto positivo della storia della Confederazione - per es. l'ammirazione per le qualità di combattimento dei soldati confederati - come una espressione di fatto del razzismo. Ma Gallagher ritiene che sia anche possibile riprendere alcuni elementi forniti dalla Lost Cause senza accettare il suo implicito razzismo.

Nel suo libro del 1997 " The Confederate War", Gallagher ha affermato che la spiegazione data dalla Lost Cause per la sconfitta del Sud -che la supremazia delle armi dell'Unione non deve considerarsi come un fallimento della volontà dei Confederati di combattere- è stata sostanzialmente corretta. "Le tensioni di classe, le politiche del governo, la diserzione, la stanchezza per la guerra", ha scritto," devono essere imputati al quadro più ampio di migliaia di soldati che perseveravano nel combattere, dei civili Southern che, attraverso grandi difficoltà, erano in cerca di indipendenza, e della società bianca meridionale che ha mostrato una notevole resistenza fino all'ultima fase della guerra". Gallagher ha affermato che, nel loro zelo per liberare lo studio della Civil War dal razzismo insito nella Lost Cause, molti studiosi inavvertitamente, hanno gettato via le intuizioni valide di detta corrente a causa degli argomenti sulla razza e la schiavitù .

Lee ha sempre giocato un ruolo centrale nello sviluppo del mito della Lost Cause e, successivamente, è stato anche uno dei bersagli preferiti di coloro che volevano andare contro i neo-confederati sostenitori della Lost Cause. Alan T. Nolan, uno dei più importanti critici di Lee, ha scritto di una immunità goduta da Lee alla critica vera e propria perché, egli disse, "esiste un'ortodossia, un dogmatismo negli scritti che lo riguardano. I dogmi non appartengono soltanto al generale stesso. Ma si estendono anche al contesto della sua vita e alle cause, la condotta e le conseguenze della guerra civile". Così, per la questione della grandezza di Lee, si mettono in dubbio i principi fondamentali della mitologia di Lost Cause e viceversa.

Gallagher si chiede se gli aderenti alla mitologia della Lost Cause siano stati corretti nella creazione di un ritratto di Lee come quello del più grande generale della Confederazione. Gallagher espone tre argomenti generali. In primo luogo, egli ritiene che Lee era in realtà un leader efficace che possedeva straordinarie abilità tattiche e strategiche. In secondo luogo, Lee era un rispettato e venerato personaggio per la maggior parte dei Confederati. Era "l'eroe nazionale primario", secondo Gallagher. Questa prospettiva contraddice gli argomenti avanzati da Nolan e gli altri storici che credono che il mito di Lee sia stato una creazione dei meridionali nel dopoguerra. In terzo luogo, Lee possedeva una poliedrica, moderna concezione di combattimento che ha preso in considerazione l'interazione tra la politica e il campo di battaglia, e che ha ben compreso l'importanza degli eventi al di fuori del teatro orientale. Di nuovo, questo è in contrasto con le attuali tendenze di studi sulla Confederazione che suggeriscono che Lee è stato carente come stratega e non riuscì a capire il rapporto tra guerra e morale della popolazione civile. Non è così, sostiene Gallagher, che ha scritto che Lee ha "spesso manifestato una comprensione di come gli eventi militari potessero influenzare la politica e il morale della popolazione civile in modo utile alla causa confederata".
Nel dimostrare questo punto, Gallagher evidenzia alcuni aspetti: la condotta di Lee nelle battaglie di Spotsylvania e Chancellorsville, le percezioni del fronte interno confederato a seguito delle sua sconfitte ad Antietam e Gettysburg, e le prospettive di vittoria confederata durante l'estate sanguinosa del 1864, quando Lee era costretto in una posizione di difesa per contrastare l'implacabile corsa di Grant verso Richmond.
Gallagher ha anche affrontato gli argomenti di lunga data profferiti dagli ammiratori di Lee e dai suoi detrattori: che il generale era un vecchio, cortese signore - un "grande anacronismo " - che ha combattuto una sorta di guerra cavalleresca, una guerra limitata che era inopportuna per la dura realtà moderna della Civil War. Gallagher vede invece Lee come un uomo che ha capito abbastanza bene la guerra moderna. Lee "ha predisposto una strategia basata su una attenta, anche se a volte imperfetta, lettura della situazione militare e politica", ha scritto, "In breve, Lee si è ben adattato alle esigenze di un conflitto che superava di gran lunga in portata e complessità quello che nessuno avrebbe potuto prevedere nella primavera del 1861".
Gallagher ha citato il nazionalismo espansivo di Lee, il suo sminuire le preoccupazioni locali, e il suo sostegno per la modernizzazione quali le necessarie misure dello sviluppo industriale Confederato, e - più radicale di tutti - il fatto di arruolare afro-americani per combattere nelle forze armate confederate. "Lungi dal guardare indietro verso la tradizione del Sud, guardò la nazione confederata in molti modi che assomigliavano poco alla società in cui era nato", secondo Gallagher.

Gallagher contesta una nozione di vecchia data che Lee era troppo un signore nel trattare con i subordinati. Come il corrispondente inglese Arthur JL Fremantle ha detto "le colpe di Lee derivano dalla sua eccessiva amabilità", Gallagher illustra efficacemente le carenze di questa prospettiva, mostrando come Lee ha agito con fermezza, e magari anche con un po 'di spietatezza, verso le manifestazioni di Richard Ewell, suo subordinato.

Nel nostro zelo di liberarci delle bugie della mitologia della Lost Cause, dovremmo stare attenti ad evitare un rifiuto dogmatico di tutto ciò che riguarda
detta corrente. A volte, forse anche loro malgrado, gli scrittori dellla Lost Cause sono riusciti ad arrivare alla verità asserendo del formidabile talento di Robert E. Lee.

Aggiungo io che Gallagher si pone in aperto contrasto con coloro che vorrebbero eliminare battaglie e soldati dalla storia delle ACW e che si sono spinti fino a sostenere l'eliminazione dei siti storici dei campi di battaglia perchè tali luoghi sono oggetto di commemorazioni pro-Confederazione.



_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  R.E.Lee il Mar 30 Nov 2010 - 18:54

Che si voglia o no, il generale Lee è stato il militare di maggior spicco e più amato di tutto il conflitto. Tuttta la confederazione, tanto per citare un fatto concreto, è piena di monumenti in suo onore come nessun altro generale americano ha.

Dopo l'eccessiva "beatificazione" tributatagli dai fautori e sostenitori della Lost Cause, si è passati ad demistificazione del personaggio sfociata spesso quasi in denigrazione vera e propria avente come scopo il togliere gli effettivi meriti e qualità che in effetti il Generale Lee aveva. tale corrente storica comè notorio, è conosciuta con il nome di "politically correct". Il Nolan mi pare sia uno dei maggiori storici appartenenti a questo filone, che "piccona" Lee anche con motivi spesso speciosi, portando a riprova di ciò, elementi e deduzioni spesso discutibili e facilmente controvertibili dalla realtà dei fatti. Mi pare invece che nel suo giudizio sul Generale, il Gallagher spogli Lee dalla effettiva mitizzazione conferitagli dalla Lost Cause, così come elimina le critiche basate su argomentazioni improprie, come hanno fatto alcuni storici aderenti al "polically correct" tipo il Nolan.

Definirei l'operato del Gallagher, come un lavoro di "ripulitura storica", se mi passate il termine.

Mi pare ne venga fuori come prima impressione, la figura del Generale come egli era in realtà: non un semidio come lo ha dipinto la Lost Cause, ma neppure un Militare Sopravvalutato il cui operato è tutto da revisionare in negativo in chiave storica, come sostengono gli aderenti al "Politically Correct".

Volendo trarre un prima conclusione, il Gallegher dipinge Lee semplicemente come il migliore Generale che operò in quel conflitto. Non perfetto, cosa quasi impossibile per qualsiasi essere umano, ma un Militare completo e lungimirante. Grandioso nella tattica, arguto nel valutare attentamente il difficile intreccio frà guerra e politica, intelligente nelle sue concezioni strategiche, sufficentemente moderno da prendere dei provvedimenti straordinari come l'arruolamento dei soldati di colore nell'esercito confederato e di grande personalità nel trattare con i suoi subordinati.


Lee (...quello finto..ovvio... Rolling Eyes )

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 1 Dic 2010 - 10:24

Prendendo spunto dalle interessanti osservazioni del ns Robert, vi espongo il mio pensiero su questa vicenda.
A mio avviso, le critiche poste alla generalship di Lee da parte degli storici revisionisti o del "politically correct" sono da ritenersi eccessive. Detto questo, ritengo che detti storici dei meriti li abbiano comunque avuti, in quanto, oltre ad arricchire il dibattito storiografico sulla ACW che per anni si era sclerotizzato con i miti prodotti dalla Lost Cause, essi sono serviti ad un’opera di più giusta collocazione del gen.Lee, togliendogli quell’immagine stereotipata e quasi sacra che gli storici della Lost Cause gli avevano dato. Un'immagine che rischiava di suonare un pò fasulla e fuori dalla realtà.
In secondo luogo, i revisionisti hanno dato spunto ad altri storici, quale il Gallagher, di riesaminare la figura del generale sotto una nuova veste, prendendo quello che vi era di buono della corrente della Lost Cause.
Sull'efficacia delle strategie adottate dal gen.Lee, il discorso diventa più complesso perchè si devono tener presente tutti i teatri di guerra (orientale ed occidentale) dove le responsabilità erano di Davis in qualità di presidente CSA.
In merito alle bontà o meno delle strategie di Lee, vorrei ricordare quanto detto dal gen. Pickett sul disastro di Gettysburg, che "le truppe dell'Unione avevano avuto qualcosa a che fare"! Pertanto, era riduttivo attribuire tutte le colpe a Lee.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  R.E.Lee il Mer 1 Dic 2010 - 16:39

Condivido in pieno quanto asserito dal ns. George. In fin dei conti più si parla di un argomento, nel ns. caso la CW, più sono le possibilità di approfondimento e di ricerca storica. Credo calzi "ad hoc" il famoso detto: "Da cosa nasce cosa !".
Sulla Cw il panorama storiografico è ampio e variegato. La "lost cause" e il "plically correct" sono le correnti più seguite fino a qualche anno fà. L'operato del Gallagher mi sembra intelligente ed azzeccato: lo studioso stà "distillando" dalle due correnti storiografiche più ricche di libri e documenti, le cose che lui ritiene più essenziali, eliminando quelle "patine" di classicismo e romanticismo tipiche della "lost cause" e quelle esageratamente revisioniste che sono il patrimonio del "polically correct".

Mi pare che ne venga fuori una ricerca storica molto realistica e sopratutto al di sopra delle parti; cosa che ne la "lost cause" (filosudista), ne il "politically correct" (filonordista), sono mai riuscite a praticare.

Lee

R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3909
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 55
Località : Montevarchi / Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 2 Apr 2011 - 15:19

Vi posto una recensione interessante sul libro di Gary W. Gallagher, The Confederate War", che fa anche il punto sul dibattito storiografico del perchè la Confederazione ha perso la guerra:
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  Banshee il Sab 2 Apr 2011 - 17:08

Molto interessante. Ottima segnalazione !

Banshee

Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1906
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Sab 2 Apr 2011 - 18:30

Grazie Banshee, se trovo altre recensioni le segnalo.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Ultima vittoria di Lee

Messaggio  HARDEE il Lun 25 Lug 2011 - 12:59

Winfield Scott definì R.E.Lee l'ufficiale più capace degli Stati Uniti e a lui venne offerto il comando dell'Armata
d' invasione nordista, quindi era già ben conosciuto dai contemporanei. L'uscita della Virginia dall'Unione fece decadere quest'offerta e R.E.Lee si arruolò nell'esercito Confederato dove fu,dopo l'abbandono dell'indifendibile West Virginia, relegato a compiti secondari. Quando fu nominato comandante dell'esercito confederato, che operava in Virginia, fu criticato e deriso per l' uso delle trincee, usate poi come perno per la guerra di manovra, non aveva nessuna intenzione di condurre una guerra di posizione, come dimostrò in modo efficace.
Ma tutto ciò credo sia già ben conosciuto ai membri del forum, quello che intendo commentare è un articolo pubblicato sulla Stampa il 24/07/1975 con titolo "Ultima vittoria di Lee" a firma di Vittorio Zucconi, corrispondente a Washington. In tale articolo si commenta il fatto che il Parlamento americano, con 407 voti favorevoli contro 10 irriducibili nordisti, ha restituito la cittadinanza al Generale, accogliendolo formalmente nei figli di "America the beautiful".
Lee aveva inoltrato la richiesta di cittadinanza [sic supplica] al Presidente Andrew Johnson, per ben due volte, ma essa fu ignorata.
Io credo per motivi politici, Lee era una leggenda,cercare di distruggerlo non sarebbe servito a nulla, ignorarlo sì.

Vittorio Zucconi scriveva così: La restituzione della cittadinanza al Generale, che la perdette mettendosi a capo dei << ribell i>> sudisti, può ben sembrare agli europei << aria fritta celebrativa >> , come l'ha definita un deputato di colore (John Conyers, del Michigan), non immemore degli ideali di vita sudisti, ma per gli Stati del Sud essa non è priva di significato. Lee, indiscutibilmente un eroe e uno straordinario stratega, vive ancora radicato nelle tradizioni del Sud, nelle bandiere confederate (le trdici stelle sulla croce di sant 'Andrea) che sventolano a milioni negli stati a sud di Washington.

Si può riscrivere la Storia, modificarla, interpretarla, ma non si può ignorare che Lee fu ed è un simbolo, tanto che la sua resa, ad Appomattox "Court House" determinò la resa della Confederazione.

Cordialmente

W. J. Hardee

( Ciao a tutti, Francesco)


HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1819
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 64
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  George Armstrong Custer il Gio 10 Gen 2013 - 9:50

Per chi fosse interessato:
On January 24, Dr. Gary Gallagher will present a lecture at the library in downtown Fredericksburg. "Reading Robert E. Lee" will be a discussion of Gallagher's forthcoming book, "Becoming Confederates: Paths to a New National Loyalty." Dr. Gallagher will discuss Robert E. Lee’s loyalties to Virginia, the United States, the South, and the Confederacy within the context of sectional discord during the mid-19th century. He will emphasize the need to think of Lee as a complex person whose loyalty to Virginia did not always guide his actions. This lecture is open and free to public. It is cosponsored by the Central Rappahannock Regional Library and Stratford Hall. For more information, see the link below. (ejm)

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questo link]

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2454
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 60
Località : Roma

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Gary W. Gallagher - The Confederate War

Messaggio  Contenuto sponsorizzato Oggi a 1:14


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permesso di questo forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum