Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Pagina 11 di 22 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12 ... 16 ... 22  Seguente

Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Vote_lcap50%Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Vote_rcap 50% 
[ 13 ]
Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Vote_lcap50%Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Vote_rcap 50% 
[ 13 ]
 
Voti totali : 26

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 10:18

Jubal Anderson Early ha scritto:
Caro amico M&D, la cosa più triste del nostro argomento, è che penso che la CSA non si sia mai minimamente posta il problema di coordinare gli sforzi nei vari teatri operativi, prima del 1865.
Motivo di questo errore colossale, agli occhi di noi posteri, può essere ricondotto alla struttura stessa della CSA. I governatori dei vari Stati (dei veri e propri piccoli "Davis", ciascuno per la propria giurisdizione), mal tolleravano di dover imporre leva, tasse e spesso anche requisizioni nel proprio territorio, magari per sostenere un'Armata che combatteva in un altro Stato. Il decentramento era una scelta obbligata per il Presidente, che si trovava a confrontarsi con undici Stati distinti, e alcuni dei quali molto riottosi nei confronti delle scelte centralistiche (Georgia in primis). Questo frustrava quasi tutti i tentativi di allocazione discrezionale di forze in questo o quel settore a scapito di altri (esempio le truppe in North Carolina rifiutate come rinforzo a Lee per la campagna di Gettysburg, su pressione del Governatore della North Carolina che non voleva sguarnire il suo territorio. E Gettysburg era intesa come lo "sforzo supremo". Capisci che se anche in questa circostanza c'era chi nicchiava o rifiutava il proprio sostegno...). Ecco, impostare una strategia comune che coordinasse vari fronti, in un'ottica prettamente militare, si scontrava con la realtà politica e istituzionale della CSA.
Davis quindi non va pensato come l'artefice del disastro, ma piuttosto come un mediatore tra le legislazioni dei vari Stati, la Costituzione della CSA, e le impellenti esigenze militari. Compito sovrumano, al quale adempì con grande capacità.
Ma il problema non fu risolto, fin quando, in pratica, non ci furono più problemi da risolvere. Il Comando unificato, la figura del Generale in Capo fu istituita, quando la Confederazione era alla fine della sua agonia.

Sono nella sostanza d'accordo con Early, ma pur concedendo che Davis fu un titano e un fervente nazionalista che si trovava in gravi difficoltà politiche a causa delle spinte localistico-democratiche (lo studioso D.H. Donald ha scritto che sulla tomba della CSA l'epitaffio "morta per democrazia" suonerebbe assai bene) debbo dire che lo stesso Davis ebbe una visione strategica d'insieme piuttosto confusa, oscillando tra difesa capillare, difesa concentrata per linee interne e limitate azioni offensive (definita da molti difensivo-offensiva) senza mai sapersi decidere tra l'una e l'altra. Insomma un pò fondata sul tirare a campare. E lo scrivo con grande rammarico perché l'uomo Davis ha tutta la mia simpatia.

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Generale Meade il Ven 30 Mar 2012 - 10:37

Banshee ha scritto:


Lasciamo perdere la questione dei bisonti che mi pare abbia ben poca attinenza con la GCA, quanto piuttosto con lo sterminio dei nativi d'America.

Il problema è che i sodati dell'Alabama e del Texas combatterono nella stragrande maggioranza per il fronte Ovest e in misura molto minore sul fronte orientale. E combatterono sul fronte Ovest con grande entusiasmo: ma essendo mal guidati poco poterono fare per ribaltare la situazione. Del resto non si poteva certo pretendere con i mezzi di trasporto dell'epoca che Davis spostasse come una trottola il povero Lee (che a partire da metà del 1863 soffrì pure di angina pectoris) da un punto all'altro della Confederazione.

A titolo di esempio prendiamo l'organizzazione e distribuzione dei reggimenti (fanteria e cavalleria) nel 1863.
ANV: 15 rgt. ALA, 3 rgt TEX (durante l'intero corso della guerra solo tre reggimenti texani operarono in Virginia costituendo la famosa Texas Brigade).
AoT: 28 rgt ALA, 13 rgt TEX.
A Vicksburg e Jackson: 14 rgt ALA, 11 rgt TEX.
Kirby Smith (transmississippi) 12 rgt TEX.
Dal che risulta che nell'estate 1863 a Est si trovavano 18 rgt. ALA/TEX, a Ovest 78 rgt. ALA/TEX.
A ovest sempre in quel periodo erano presenti complessivamente 8 rgt della Virginia e del North Carolina, oltre a 10 rgt della Florida per complessivi 18 rgt provenienti dall'Est.
Il che mi pare dimostri fuor di ogni dubbio che alll'Ovest e all'Est la distribuzione delle truppe fu grosso modo omogenea e riduce a mito l'idea che il comando confederato supremo privilegiasse uno dei due teatri di guerra a scapito dell'altro.

Banshee

Se intendi dire che i Texani sterminarono i nativi residenti nel loro Stato sono d'accordo con te, ma stiamo andando fuori topic.

Per quel che riguarda i RGT stanziati all'ovest su citati nel 1863 sarà bene cercare di sapere dove erano finiti nel 1864, dato che Sherman affondò come una lama nel burro in Alabama e nel profondo Sud, senza incontrare praticamente resistenza.
Anche perchè, in base a quel che scrive il ns. Generale Early, l'invio di truppe sul fronte dell'Ovest da parte del Nord Carolina sarebbe assai anomalo: "...esempio le truppe in North Carolina rifiutate come rinforzo a Lee per la campagna di Gettysburg, su pressione del Governatore della North Carolina che non voleva sguarnire il suo territorio. E Gettysburg era intesa come lo "sforzo supremo". Capisci che se anche in questa circostanza c'era chi nicchiava o rifiutava il proprio sostegno...".

Meade
Generale Meade
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4051
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 10:49

Non credo che i bambini, donne e vecchi indifesi indiani si domandassero troppo se chi li massacrava fosse texano o no. Per loro si trattava di americani. Crying or Very sad
Dove fossero finiti i soldati dell'Alabama è facile scoprirlo.
Prendiamo l'ordine di battaglia dell'AoT (Johnston) al 1° luglio 1864:
47 rgt ALA / 18 rgt TEX.
Nell'ANV (Lee) 15 rgt ALA/ 3 TEX.
Debbo forse ricordare che l'Armata del Tennessee nel luglio 1864 aveva più uomini (almeno 75.000 PFD) dell'Armata della Virginia Settentrionale, ossia non più di 65.000 PFD ?
Non ho controllato la composizone dell'armate confederate nel transmississippi ma credo che non differissero molto da quelle del 1863.
Sicché non esiste nessun mistero: le unità dell'Alabama erano ad Ovest aggregate nella stragrande maggioranza all'AoT. Del resto esaminando gli ordini di battaglia relativi all'assedio di Petersburg si scopre con facilità che Lee non ricevette alcun rinforzo dall'Alabama.
Quanto ai reggimenti del North Carolina basta controllare gli ordini di battaglia relativi all'Armata del Mississippi e dell'Armata del Tennessee. Risultano cinque reggimenti, ossia il 29°, 39°, 58°, 60° NC inf e il 6° NC cav.
Banshee


Ultima modifica di Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 11:16, modificato 2 volte
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  HARDEE il Ven 30 Mar 2012 - 10:50

Signori buongiorno!

Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare.
Si intromise nella lite fra il generale Loring e il generale Jackson ottenendo come risultato le dimissioni di quest’ultimo , cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana.

Per ciò che concerne l’uomo J.Davis e la sua fede nella Causa … Chapeau !

Hardee
HARDEE
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 67
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 10:53

HARDEE ha scritto:Signori buongiorno!

Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare.
Si intromise nella lite fra il generale Loring e il generale Jackson ottenendo come risultato le dimissioni di quest’ultimo , cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana.

Per ciò che concerne l’uomo J.Davis e la sua fede nella Causa … Chapeau !

Hardee

Purtroppo Davis fece ben peggio che rimuovere Johnston. Lo nominò comandante all'inizio della campagna. Se lo avesse rimosso prima, forse Atlanta sarebbe stata salvata.

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Generale Meade il Ven 30 Mar 2012 - 12:08

Da una mia ricerca risulta che, mentre il Texas e l'Alabama, come scrive il ns. Banshee, contribuirono allo sforzo dell'AdV di Lee nel 1863 a Gettysburg, a Vicksburg nello stesso tempo le uniche truppe provenienti dall'Est era il 24° Sud Carolina. Tutte le altre provenivano dagli Stati della Gerorgia, Alabama, Mississippi, Arkansas, Kentucky, Lousiana, Tennessee, Texas.

Meade
Generale Meade
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4051
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 12:19

Generale Meade ha scritto:Da una mia ricerca risulta che, mentre il Texas e l'Alabama, come scrive il ns. Banshee, contribuirono allo sforzo dell'AdV di Lee nel 1863 a Gettysburg, a Vicksburg nello stesso tempo le uniche truppe provenienti dall'Est era il 24° Sud Carolina. Tutte le altre provenivano dagli Stati della Gerorgia, Alabama, Mississippi, Arkansas, Kentucky, Lousiana, Tennessee, Texas.

Meade

Non direi. A Jackson, con l'Armata di Johnston si trovavano provenienti dall'Est i seguenti reggimenti:
1°-3° consolidated e 4° Florida;
39° e 60° North Carolina;
16°, 17°, 18°, 22°, 23°, 24°, 26° e Holcombe Legion dal South Carolina.
Totale: 12 unità.

Fonte: National Park Service di Vicksburg http://www.nps.gov/vick/historyculture/order-of-battle-confederate.htm

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  HARDEE il Ven 30 Mar 2012 - 12:43

Banshee ha scritto:
HARDEE ha scritto:Signori buongiorno!

Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare.
Si intromise nella lite fra il generale Loring e il generale Jackson ottenendo come risultato le dimissioni di quest’ultimo , cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana.

Per ciò che concerne l’uomo J.Davis e la sua fede nella Causa … Chapeau !

Hardee


Purtroppo Davis fece ben peggio che rimuovere Johnston. Lo nominò comandante all'inizio della campagna. Se lo avesse rimosso prima, forse Atlanta sarebbe stata salvata.

Banshee

Ciao Banshee.

Su questo possiamo trovare dei punti d'accordo, ma perché aspettare che le Armate di Sherman giungessero a pochi chilometri da Atlanta prima di effettuare la sostituzione?


Hardee
HARDEE
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 67
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 30 Mar 2012 - 12:44

Banshee ha scritto:
Generale Meade ha scritto:Da una mia ricerca risulta che, mentre il Texas e l'Alabama, come scrive il ns. Banshee, contribuirono allo sforzo dell'AdV di Lee nel 1863 a Gettysburg, a Vicksburg nello stesso tempo le uniche truppe provenienti dall'Est era il 24° Sud Carolina. Tutte le altre provenivano dagli Stati della Gerorgia, Alabama, Mississippi, Arkansas, Kentucky, Lousiana, Tennessee, Texas.

Meade

Non direi. A Jackson, con l'Armata di Johnston si trovavano provenienti dall'Est i seguenti reggimenti:
1°-3° consolidated e 4° Florida;
39° e 60° North Carolina;
16°, 17°, 18°, 22°, 23°, 24°, 26° e Holcombe Legion dal South Carolina.
Totale: 12 unità.

Fonte: National Park Service di Vicksburg http://www.nps.gov/vick/historyculture/order-of-battle-confederate.htm

Banshee
Da non dimenticare che in quel periodo anche il 54° ed il 63° reggimento di fanteria della Virginia furono trasferiti all'Ovest e si arresero con l'Armata del Tennessee.

Claudio
Benjamin F. Cheatham
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3431
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 12:51

Benjamin F. Cheatham ha scritto:
Banshee ha scritto:
Generale Meade ha scritto:Da una mia ricerca risulta che, mentre il Texas e l'Alabama, come scrive il ns. Banshee, contribuirono allo sforzo dell'AdV di Lee nel 1863 a Gettysburg, a Vicksburg nello stesso tempo le uniche truppe provenienti dall'Est era il 24° Sud Carolina. Tutte le altre provenivano dagli Stati della Gerorgia, Alabama, Mississippi, Arkansas, Kentucky, Lousiana, Tennessee, Texas.

Meade

Non direi. A Jackson, con l'Armata di Johnston si trovavano provenienti dall'Est i seguenti reggimenti:
1°-3° consolidated e 4° Florida;
39° e 60° North Carolina;
16°, 17°, 18°, 22°, 23°, 24°, 26° e Holcombe Legion dal South Carolina.
Totale: 12 unità.

Fonte: National Park Service di Vicksburg http://www.nps.gov/vick/historyculture/order-of-battle-confederate.htm

Banshee
Da non dimenticare che in quel periodo anche il 54° ed il 63° reggimento di fanteria della Virginia furono trasferiti all'Ovest e si arresero con l'Armata del Tennessee.

Claudio

Esattamente e senza scordare che il 58°, 62°, 64° NC Rgt. Inf e il 5° e 7° NC Btn si trovavano anch'essi con l'Armata del Tennessee oltre ad un certo numero di reggimenti della Florida e del South Carolina. Insomma, la distribuzione geografica delle unità non privilegiò mai l'Est.Anzi.
P.S. Mi risulta che pure il 27° Mounted Rifles Virginia fosse aggregato all'AoT nel 1863.
Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 13:27

HARDEE ha scritto:
Banshee ha scritto:
HARDEE ha scritto:Signori buongiorno!

Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare.
Si intromise nella lite fra il generale Loring e il generale Jackson ottenendo come risultato le dimissioni di quest’ultimo , cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana.

Per ciò che concerne l’uomo J.Davis e la sua fede nella Causa … Chapeau !

Hardee


Purtroppo Davis fece ben peggio che rimuovere Johnston. Lo nominò comandante all'inizio della campagna. Se lo avesse rimosso prima, forse Atlanta sarebbe stata salvata.

Banshee

Ciao Banshee.

Su questo possiamo trovare dei punti d'accordo, ma perché aspettare che le Armate di Sherman giungessero a pochi chilometri da Atlanta prima di effettuare la sostituzione?


Hardee

Vi sono un insieme di fattori da considerare, non ultimi quelli politici (Johnston era appoggiato dalla fazione anti-Davis) e di opinione pubblica (Johnston godeva dell'appoggio di alcuni giornali in mano a potenti alleati).

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Generale Meade il Ven 30 Mar 2012 - 13:28

Se si guarda come erano distribuite le truppe confederate e i loro Stati di appartenenza a Gettysburg e a Vicksburg, l'esercito della AdV risulta con una forte percentuale di uomini provenienti dall'ovest che viceversa.

http://thomaslegion.net/armyofvicksburg.html

http://thomaslegion.net/armyofnorthernvirginia.html

HARDEE ha scritto:

...Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare...

...cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana...


Hardee


Concordo in pieno. Se Johnston era il male (minore), la cura (Hood) fu letale per la Confederazione. La colpa ricade su Davis, comandante in capo dell'esercito CSA.

Meade

Generale Meade
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4051
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 13:40

Generale Meade ha scritto:Se si guarda come erano distribuite le truppe confederate e i loro Stati di appartenenza a Gettysburg e a Vicksburg, l'esercito della AdV risulta con una forte percentuale di uomini provenienti dall'ovest che viceversa.

http://thomaslegion.net/armyofvicksburg.html

http://thomaslegion.net/armyofnorthernvirginia.html


Complessivamente e considerando anche l'Armata del Tennessee (Ovest) per quel periodo direi che l'afflusso dalle due sezioni può considerarsi in equilibrio, tenendo conto anche della popolazione residente nelle rispettive parti.

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Ven 30 Mar 2012 - 14:19

Banshee ha scritto:Non credo che i bambini, donne e vecchi indifesi indiani si domandassero troppo se chi li massacrava fosse texano o no. Per loro si trattava di americani.  Crying or Very sad
Dove fossero finiti i soldati dell'Alabama è facile scoprirlo.
Prendiamo l'ordine di battaglia dell'AoT (Johnston) al 1° luglio 1864:
47 rgt ALA / 18 rgt TEX.
Nell'ANV (Lee) 15 rgt ALA/ 3 TEX.
Debbo forse ricordare che l'Armata del Tennessee nel luglio 1864 aveva più uomini (almeno 75.000 PFD) dell'Armata della Virginia Settentrionale, ossia non più di 65.000 PFD ?
Non ho controllato la composizone dell'armate confederate nel transmississippi ma credo che non differissero molto da quelle del 1863.
Sicché non esiste nessun mistero: le unità dell'Alabama erano ad Ovest aggregate nella stragrande maggioranza all'AoT. Del resto esaminando gli ordini di battaglia relativi all'assedio di Petersburg si scopre con facilità che Lee non ricevette alcun rinforzo dall'Alabama.
Quanto ai reggimenti del North Carolina basta controllare gli ordini di battaglia relativi all'Armata del Mississippi e dell'Armata del Tennessee. Risultano cinque reggimenti, ossia il 29°, 39°, 58°,  60° NC inf e il 6° NC cav.
Banshee

Buongiorno
Non vorrei finire fuori topic ma farei un'osservazione:
Indipendentemente dalle polemiche sul comandante o sulle perdiste del fronte ovest nei periodo 5 maggio/2 luglio osservo che Atlanta avrebbe potuto essere facilmente difesa. Richmond resistette quasi 8 mesi contro un'armata che contava quasi il doppio degli uomini e ricevendo la maggior parte dei rifornimenti dal mare Grant non dovesa occupersi eccessivamente delle proprie retrovie. Ad Atlanta il rapporto iniziale era di 75.0000 sudisti contro 90.000 nordisti in più una parte di questi uomini dovevano rimanere a guardia del campo tanto è vero che quando Sherman si spostò in direzione di Decatue si spostò con 75.000 uomini sostanzialmente in condizioni di sostanziale parità numerica quindi anche ai comandi di un mediocre generale che avesse operato in modo difensivo non lasciandosi sfuggire delle oppurtunità di attaccare le retrovie federali avrebbe avuto la possibilità se non di vincere almeno di tenere la città. Aggiungo una considerazione, le armate nordiste erano composte in massima parte di reggimenti a ferma triennale la maggior parte levati nel 1861 e nel 1862 molti di loro erano stati organizzati nel periodo maggio/ottobre 1861 di conseguenza le forze di Sherman si assottigliavano non solo per le perdite in combattimento o per le unità lasciate a presidiare le retrovie ma anche per lo stillicidio direi giornaliero di reggimenti  che mano a mano scadeva la ferma abbanconavano la sua armate per andare a casa. In questo caso il tempo lavorava a favore dei sudisti.
Saluti
Bruno


Ultima modifica di ROSSETTI BRUNO il Mar 17 Gen 2017 - 22:20, modificato 6 volte
ROSSETTI BRUNO
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Generale Meade il Ven 30 Mar 2012 - 14:38

Se si considera anche l'Armata Confederata del Tennessee nell'estate/autunno del 1863, la sprorzione è abissale. Praticamente lo sforzo bellico dei confederati ricadde in maggioranza sugli Stati dell'Ovest.

http://thomaslegion.net/chickamaugacampaignconfederateorderofbattle.html

Meade
Generale Meade
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4051
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 30 Mar 2012 - 14:50

Generale Meade ha scritto:

HARDEE ha scritto:

...Io considero Il Presidente Davis come la Jattura della Confederazione , fu un politico indeciso che voleva fare il militare, e meglio sarebbe stato se avesse continuato a fare il militare...

...cambiò il generale Johnston ad Atlanta, cosa che considerò gravissima, con il risultato che generò della confusione fra i diretti subalterni e sfiducia nell’ intera AoT, inoltre temo che operò questo cambiamento, non per ragioni militari, bensì sotto la spinta dell’opinione pubblica georgiana...


Hardee


Concordo in pieno. Se Johnston era il male (minore), la cura (Hood) fu letale per la Confederazione. La colpa ricade su Davis, comandante in capo dell'esercito CSA.

Meade


Il "tempismo" della scelta di Davis ebbe conseguenze drammatiche per la CSA. Ma non dimentichiamoci che Atlanta non era cedibile in alcun modo, e andava difesa a tutti i costi. Proposito che Davis tentò di applicare, dopo aver provato in ogni modo a sondare le intenzioni di Johnston. Il fatto è, che Atlanta andava difesa a partire da Dalton, ossia fin dall'inizio della marcia di Sherman verso S. L'AoT doveva sbarrare tutte le strade possibili, e provare a contrattaccare ovunque possibile, impedendo l'avanzata unionista e arrestandola là dove era grandemente opportuno farlo. Atlanta era il bastione sudoccidentale della Fortezza Atlantica. Perso il bastione, il nemico aveva un varco da cui entrare. Cosa che fece, oltretutto aiutato dall'assenza dei difensori. Ma, disperata che fosse, la controffensiva Hood dell'autunno 64, aveva comunque una sua logica possibile.
Gli è che Hood attaccò con coraggio, e poca collaborazione da parte dei subalterni. Johnston invece combattè senza coraggio, e con molta collaborazione da parte dei subalterni.
Jubal Anderson Early
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  HARDEE il Ven 30 Mar 2012 - 15:09

ROSSETTI BRUNO ha scritto:
Banshee ha scritto:Non credo che i bambini, donne e vecchi indifesi indiani si domandassero troppo se chi li massacrava fosse texano o no. Per loro si trattava di americani. Crying or Very sad
Dove fossero finiti i soldati dell'Alabama è facile scoprirlo.
Prendiamo l'ordine di battaglia dell'AoT (Johnston) al 1° luglio 1864:
47 rgt ALA / 18 rgt TEX.
Nell'ANV (Lee) 15 rgt ALA/ 3 TEX.
Debbo forse ricordare che l'Armata del Tennessee nel luglio 1864 aveva più uomini (almeno 75.000 PFD) dell'Armata della Virginia Settentrionale, ossia non più di 65.000 PFD ?
Non ho controllato la composizone dell'armate confederate nel transmississippi ma credo che non differissero molto da quelle del 1863.
Sicché non esiste nessun mistero: le unità dell'Alabama erano ad Ovest aggregate nella stragrande maggioranza all'AoT. Del resto esaminando gli ordini di battaglia relativi all'assedio di Petersburg si scopre con facilità che Lee non ricevette alcun rinforzo dall'Alabama.
Quanto ai reggimenti del North Carolina basta controllare gli ordini di battaglia relativi all'Armata del Mississippi e dell'Armata del Tennessee. Risultano cinque reggimenti, ossia il 29°, 39°, 58°, 60° NC inf e il 6° NC cav.
Banshee

Buongiorno
Non vorrei finire fuori topic ma farei un'osservazione:
indipendentemente dalle polemiche sul comandante o sulle perdiste del fronte ovest
nei periodo 5 maggio 2 luglio osservo che Atlanta avrebbe potuto essere facilmente difesa. Richmond resistette quasi 8 mesi contro un'armata che contava quasi il doppio degli uomini. Ad Atlanta il rapporto iniziale era di 4 a 5 quindi anche ai comandi di un mediocre generale che avesse operato in modo difensivo non lasciandosi sfuggire delle oppurtunità di attaccare le retrovie federale avrebbe avuto la possibilità se non di vincere almeno di tenere la città
Saluti
Bruno

Caro Bruno,

nessun “fuori topic” hai fatto canestro con la palla che avevo alzato, purtroppo non ci è dato di sapere se la strategia di Johnston, in questo caso, fosse la più efficace.

Le conquiste ottenute da Sherman, sul Fronte Occidentale, non fecero alcun effetto al Nord, dove il partito contro la guerra stava guadagnando un forte consenso, mentre la lista dei caduti e le migliaia di feriti
che confluivano ,dal Fronte Orientale, verso Washington sì.

Forse “Old Joe”, per una volta, aveva centrato l'obiettivo e guadagnato, con le sue ritirate, quel tempo necessario ad impedire la rielezione di Lincoln e con questa magari la pace.


Hardee

HARDEE
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 67
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 30 Mar 2012 - 15:17

Forse sì, Generale Hardee.
Ma per mettere a frutto il tempo guadagnato, e la concentrazione di forze ottenuta mediante la cessione del territorio, la ritirata doveva imperativamente arrestarsi ad Atlanta, la cui difesa era l'obbiettivo fondamentale della strategia sudista del 1864 nell'Ovest. E la guerra doveva fermarsi lì. Johnston invece non garantì inequivocabilmente la difesa della città. Perderla prima delle elezioni presidenziali di novembre, significava consegnare la vittoria all'Unione. Costringere Sherman a sudare sangue per conquistarla, poteva dare una spinta decisiva all'opinione pubblica degli Stati del Nord, in favore della cessazione delle ostilità.
Sicuramente questo era lo scopo di Davis. E dato che Johnston non pareva assicurane il conseguimento in alcun modo, sostituirlo fu una scelta necessaria e inevitabile.
Jubal Anderson Early
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Generale Meade il Ven 30 Mar 2012 - 15:31

Come ho già scritto in molti dei miei precedenti post, Jonston non era di certo Lee o Jackson, ma non era neanche un pessimo stratega come Hood. Se di meglio non c'era, bisognava tenerselo. Anche a costo di abbandonare Atlanta ma salvare l'Armata, che bene o male avrebbe pur sempre fatto da tampone a Sherman, impedendogli di dilagare nel profondo Sud e costringendolo a mantenere le retrovie presidiate ma vulnerabili e soggette alle incursioni di Forrest e compagni, disperdendo così le forze. Lo stesso Hood riconobbe di non essere all'altezza di guidare da solo l'Armata del Tennessee Confederata, e chiese pertanto a Johnston di affiancarlo. Per il vecchio "Joe" sarebbe stata una doppia umiliazione, visto che era al corrente delle manovra fatte precedentemente nell'ombra da Hood per screditarlo continuamente presso Davis, che non si faceva di certo pregare quando doveva sentire sparlare di Johnston, vero o falso che fosse.

Meade
Generale Meade
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4051
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  HARDEE il Ven 30 Mar 2012 - 15:38

Jubal Anderson Early ha scritto:Forse sì, Generale Hardee.
Ma per mettere a frutto il tempo guadagnato, e la concentrazione di forze ottenuta mediante la cessione del territorio, la ritirata doveva imperativamente arrestarsi ad Atlanta, la cui difesa era l'obbiettivo fondamentale della strategia sudista del 1864 nell'Ovest. E la guerra doveva fermarsi lì. Johnston invece non garantì inequivocabilmente la difesa della città. Perderla prima delle elezioni presidenziali di novembre, significava consegnare la vittoria all'Unione. Costringere Sherman a sudare sangue per conquistarla, poteva dare una spinta decisiva all'opinione pubblica degli Stati del Nord, in favore della cessazione delle ostilità.
Sicuramente questo era lo scopo di Davis. E dato che Johnston non pareva assicurane il conseguimento in alcun modo, sostituirlo fu una scelta necessaria e inevitabile.

Egr. Generale Early,

verissimo! e lì sbagliò tutto. Antipatico o no, il Presidente Davis era il suo superiore e il Generale Johnston aveva l’obbligo di dare delle risposte precise. E' questo che mi infastidisce, molti sudisti si consideravano degli aristocratici che non dovevano dare spiegazioni a nessuno.


Hardee
HARDEE
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1901
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 67
Località : Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 16:30

Generale Meade ha scritto:Se si considera anche l'Armata Confederata del Tennessee nell'estate/autunno del 1863, la sprorzione è abissale. Praticamente lo sforzo bellico dei confederati ricadde in maggioranza sugli Stati dell'Ovest.

http://thomaslegion.net/chickamaugacampaignconfederateorderofbattle.html

Meade

Nel senso che la maggioranza degli uomini della Confederazione si trovava sul fronte Ovest, certo che sì. Se si considerano gli stati di provenienza, vi era equilibrio tra Est e Ovest tenuto conto del numero dei nemici. L'unico teatro di guerra in cui si seppe creare un vantaggio numerico fu quello Ovest. Anzi aggiungo che nel Trans-Mississippi a partire dal 1863 fino al 1865 i confederati godettero di un risicato ma costante vantaggio sugli unionisti: ma per incapacità dei comandanti confederati non se ne fece nulla. Altro che abbandono del Texas e degli altri stati oltre il Mississippi: nel marzo 1865 Kirby Smith aveva con sé quasi 60.000 uomini, quasi quanti ne aveva Lee. A cose fatte, fu uno spreco di uomini e mezzi del tutto futile. Il che, si ribadisce, riduce a leggenda l'idea che si privilegiasse il fronte orientale.

Banshee


Ultima modifica di Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 16:53, modificato 1 volta
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 16:34

HARDEE ha scritto:
Jubal Anderson Early ha scritto:Forse sì, Generale Hardee.
Ma per mettere a frutto il tempo guadagnato, e la concentrazione di forze ottenuta mediante la cessione del territorio, la ritirata doveva imperativamente arrestarsi ad Atlanta, la cui difesa era l'obbiettivo fondamentale della strategia sudista del 1864 nell'Ovest. E la guerra doveva fermarsi lì. Johnston invece non garantì inequivocabilmente la difesa della città. Perderla prima delle elezioni presidenziali di novembre, significava consegnare la vittoria all'Unione. Costringere Sherman a sudare sangue per conquistarla, poteva dare una spinta decisiva all'opinione pubblica degli Stati del Nord, in favore della cessazione delle ostilità.
Sicuramente questo era lo scopo di Davis. E dato che Johnston non pareva assicurane il conseguimento in alcun modo, sostituirlo fu una scelta necessaria e inevitabile.

Egr. Generale Early,

verissimo! e lì sbagliò tutto. Antipatico o no, il Presidente Davis era il suo superiore e il Generale Johnston aveva l’obbligo di dare delle risposte precise. E' questo che mi infastidisce, molti sudisti si consideravano degli aristocratici che non dovevano dare spiegazioni a nessuno.


Hardee

Concordo anche se rimango convinto che l'eventuale elezione di McClellan non avrebbe cambiato molto le cose. Che McClellan volesse la pace è un mito. Avrebbe continuato la guerra.

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  ROSSETTI BRUNO il Ven 30 Mar 2012 - 17:15

Buongiorno
Il nome del nuovo comandante di AoT non era importante, Taylor/Kirby Smith sarebbero bastati, non si sarebbe dovuta cambiare strategia, i fatti di guerra del 1864 hanno dimostrato che gli attacchi non hanno MAI praticamente avuto successo se non in poche condizioni molto particolari. Una strategia difensiva avrebbe prodotto una situazione di stallo che era quello che la Confederazione voleva.
Atlanta comunque si POTEVA e DOVEVA essere tenuta, la sua perdita ebbe un effetto deteriore sul morale dell'intera Confederazione, con la città nelle mani confederate non ci sarebbe stato lo sbandamento e le diserzioni che funestarono il sud nell'ultima parte della guerra.
Saluti
Bruno
ROSSETTI BRUNO
ROSSETTI BRUNO
Brigadier-generale
Brigadier-generale

Numero di messaggi : 522
Data d'iscrizione : 05.07.11
Età : 55
Località : MANTOVA

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Jubal Anderson Early il Ven 30 Mar 2012 - 17:27

ROSSETTI BRUNO ha scritto:Buongiorno
Il nome del nuovo comandante di AoT non era importante, Taylor/Kirby Smith sarebbero bastati, non si sarebbe dovuta cambiare strategia, i fatti di guerra del 1864 hanno dimostrato che gli attacchi non hanno MAI praticamente avuto successo se non in poche condizioni molto particolari. Una strategia difensiva avrebbe prodotto una situazione di stallo che era quello che la Confederazione voleva.
Atlanta comunque si POTEVA e DOVEVA essere tenuta, la sua perdita ebbe un effetto deteriore sul morale dell'intera Confederazione, con la città nelle mani confederate non ci sarebbe stato lo sbandamento e le diserzioni che funestarono il sud nell'ultima parte della guerra.
Saluti
Bruno

Il problema è che, vista la situazione della CSA a partire dal maggio 1864, una strategia puramente difensiva e non volta alla controffensiva, non avrebbe garantito il mantenimento della roccaforte di Atlanta.
Poichè Sherman dimostrò - quando in posizione di Comando di Gruppi di Armate - una notevole prudenza, favorendo dove possibile la manovra all'urto, è evidente che un avversario di tale portata non poteva essere battuto chiudendosi ad Atlanta, o limitandosi a ritardargli l'avanzata per ritirarsi in posizioni di forza, cedendo terreno.
Bisognava contrattaccare appena possibile, e non lasciargli tregua agendo con la cavalleria. Bisognava arrivare ad Atlanta non prima della metà di settembre, e lì, resistere ad oltranza, fino almeno alle elezioni Presidenziali del novembre 64. Almeno questo.
Jubal Anderson Early
Jubal Anderson Early
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 707
Data d'iscrizione : 04.12.11

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Banshee il Ven 30 Mar 2012 - 17:28

Il problema è che una strategia difensiva doveva essere applicata come lo fu da Lee contro Grant: retrocedere combattendo, infliggendo gravi perdite con contrattacchi ben assestati appena se ne presentasse l'occasione. Se si retrocedeva senza praticamente colpo ferire come fece Johnston si demoralizzava l'armata e non si otteneva altro scopo che avvicinare in carrozza i nemici ad Atlanta. Dubito che Kirby-Smith (il quale era un altro della "scuola Johnston" che si lamentava in continuazione senza mai concludere nulla) potesse far meglio del suo "maestro". Forse Richard Taylor sarebbe stata una buona scelta.

Banshee
Banshee
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1923
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra? - Pagina 11 Empty Re: Con quale strategia la Confederazione avrebbe avuto più probabilità di vincere la guerra?

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 11 di 22 Precedente  1 ... 7 ... 10, 11, 12 ... 16 ... 22  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum