Secessione West Virginia

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 14:27

Il West Virginia, decidendo di restare fedele all'Unione, non aveva commesso una illegalità o una ribellione. Anzi. Perchè l'Unione doveva sentirsi in colpa moralmente per la ribellione degli Stati seccessionisti?
Finita la guerra, la Virginia sperava di riunificarsi con il West Virginia, ma, come scritto da Beauregard, tale Stato, sentendosi economicamente più vicino agli Stati del Nord e dell'Ovest, preferì rimanere indipendente. Probabilmente influirono nella decisione anche i lutti e i rancori che si portava dietro il dopoguerra.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Banshee il Ven 16 Set 2011 - 16:10

Faccio notare che se era da considerare illegittima la secessione perchè la maggioranza aveva espresso il voto a favore di Lincoln, allora, altrettanto dovrebbe considerarsi la creazione del West Virginia in stato autonomo, in quanto la maggioranza dei votanti della Virginia si schierò a favore del diritto di secedere e quindi anche gli abitanti delle contee dell'Ovest avrebbero dovuto seguire la decisone. Nella sostanza debbo dare ragione all'utente Hardee: mentre il diritto di secedere non era vietato espressamente, lo era il creare un nuovo stato all'interno di altro già esistente.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 18:25

Non capisco in base a quale diritto la Virginia aveva diritto a secedere. L'Unione, fino a prova contraria, era stata creata dai padri fondatori "perpetua". Se nel West Virginia la popolazione rimase lealista all'Unione, non fece che rispettare il diritto tutto dell'Unione che con le recenti elezioni, aveva eletto democraticamente il Presidente Lincoln.

La Virginia stava commettendo una illegalità. E sapeva di farlo. Vi sono varie testimonianze che gli Stati meridionali condannaro specialmente il New England quando quest'ultimo era in odore di secessione, chiamandolo apertamente "traditore". Cambiare le carte in tavola quando le cose non convengono è troppo comodo. Il diritto a secedere se non era valido nel 1815,non lo era anche nel 1860.

Un altro conto è dire che la Virginia si ribellò ad uno stato di cose che non gli stavano più bene, illegalmente, e quindi, volente o nolente, il Governo Federale doveva prendere atto della cosa e vedere il da farsi. Il fatto che il West Virginia riconoscesse, giustamente, l'autorità del Governo Federale, conferma che era il resto dello Stato nell'illegalità.

Se scoppia una rivolta in uno Stato, non per questo tutti i suoi abitanti ne sono consenzienti. Non per nulla 80.000 confederati meridionali presero le armi contro la Confederazine. Cosa doveva fare il governo Unionista; rimandarli indietro perchè non confacente alla morale?

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La Secessione del West Virginia

Messaggio  HARDEE il Ven 16 Set 2011 - 18:51

Signori buonasera,

l'Unione contestò la Secessione e non c'era' nessun articolo, della Costituzione, che espressamente la vietava. I Confederati invece, se non ricordo male, emanarono un articolo che la vietava, onde evitare qualsiasi fraintendimento.

La West Virginia fece una secessione. Valida questa era valida pure l'altra.

Cordialmente

Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Stephen Russell Mallory il Ven 16 Set 2011 - 19:26

Beh Meade... Laughing ...sinceramente, a me sembra che qui ci si contraddica in continuazione, io direi di esaminare bene la situazione:

1) La secessione di singoli stati non era espressamente vietata;
2) ogni cittadino era libero di andare a vivere in un altro Stato se lo desiderava;
3) se una parte di uno Stato non desiderava secedere, era libero di non farlo, distaccandosi quindi dallo Stato secessionista;
4) questa storia degli 80.000 meridionali che combatterono con l'unione non ha molto senso, dato che anche al Nord molti si sono arruolati per la Confederazione e altri che non l'hanno fatto hanno condannato per tutta la durata della guerra il fatto che l'Unione abbia voluto usare la forza per risolvere la questione (mi riferisco ad una parte del Partito Democratico);
5) la questione delle elezioni del 1860 era una questione puramente Nordista, dato che a Sud della linea Mason-Dixon nessuno votava repubblicano...e che la maggioranza della popolazione era concentrata negli stati del Nord;
6) Fort Sumter: era un forte che sbarrava la rada di uno Stato confederato...e per la Carolina del Sud, quel forte era in possesso di una nazione straniera.

E ora vediamo di discutere punto per punto...penso sia il modo migliore per non confondersi.
avatar
Stephen Russell Mallory
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 69
Data d'iscrizione : 05.09.11
Età : 51
Località : Paperopoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 20:04

Stephen Russell Mallory ha scritto:Beh Meade... Laughing ...sinceramente, a me sembra che qui ci si contraddica in continuazione, io direi di esaminare bene la situazione:

1) La secessione di singoli stati non era espressamente vietata;
2) ogni cittadino era libero di andare a vivere in un altro Stato se lo desiderava;
3) se una parte di uno Stato non desiderava secedere, era libero di non farlo, distaccandosi quindi dallo Stato secessionista;
4) questa storia degli 80.000 meridionali che combatterono con l'unione non ha molto senso, dato che anche al Nord molti si sono arruolati per la Confederazione e altri che non l'hanno fatto hanno condannato per tutta la durata della guerra il fatto che l'Unione abbia voluto usare la forza per risolvere la questione (mi riferisco ad una parte del Partito Democratico);
5) la questione delle elezioni del 1860 era una questione puramente Nordista, dato che a Sud della linea Mason-Dixon nessuno votava repubblicano...e che la maggioranza della popolazione era concentrata negli stati del Nord;
6) Fort Sumter: era un forte che sbarrava la rada di uno Stato confederato...e per la Carolina del Sud, quel forte era in possesso di una nazione straniera.

E ora vediamo di discutere punto per punto...penso sia il modo migliore per non confondersi.

Caro Mallory,

se io dico: "sono andato al mare e l'acqua era salata" mi si rispode: "guarda che l'aqua di lago è dolce", o si è frainteso completamente la frase o si fa finta di non capire. L'acqua è acqua, senza alcun dubbio, ma se io parlo di mare, cortesemente, pretendo che si continui a parlare di mare, non di lago.

1) la secessione dei singoli stati era vietata implicitamente dal fatto che gli USA erano stati formati "Perpetuamente". Gli stessi Stati secessionisti del 1860 lo riconobbero nel 1815.

2) non capisco cosa c'entra con il discorso. Certo che ognuno si poteva muovere liberamente negli USA.

3)non stà scritto da nessuna parte anche oggi che una parte di un territorio negli USA è libero di secedere dal suo Stato di origine. Assurdo. Il West Virginia restò legato all'Unione, come suo dovere, fu il resto della Virginia a secedere dagli USA.

4) gli 80.000 erano un esempio. Certo che anche nel Nord vi era gente che la pensava diversamente dal legittimo governo USA. Stiamo a parlare di una Guerra Civile, non di una guerra tra Nazioni. La Confederazione non fu mai riconosciuta da nessuno.

5)se le elezioni del 1860 erano puramente una questione Nordista, spiegami perche il Sud vi partecipò e perchè non secedette prima. Se vincevano i democratici non vi sarebbe stata nessuna secessione.

6)Forse la Carolina del Sud la pensava in quel modo. Se scoppiò la Guerra Civile, bisogna considerare che altri la pensavano diversamente.

Ciao

Meade







avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 20:14

HARDEE ha scritto:Signori buonasera,

l'Unione contestò la Secessione e non c'era' nessun articolo, della Costituzione, che espressamente la vietava. I Confederati invece, se non ricordo male, emanarono un articolo che la vietava, onde evitare qualsiasi fraintendimento.

La West Virginia fece una secessione. Valida questa era valida pure l'altra.

Cordialmente

Hardee

Egr. Hardee,

i confederati discussero della cosa e, capendo il pericolo, non emanarono alcun articolo proprio per non contraddirsi. La loro era stata una aperta ribellione al Governo USA. Il West Virginia non secedette dagli USA, il West Virginia si staccò dal suo Stato di origine che, illegalmente, ribellandosi, seccedeva dall'Unione.

Meade

avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Secessione del West Virginia

Messaggio  HARDEE il Ven 16 Set 2011 - 21:12

Generale Meade buonasera,

Però nella Costituzione scrissero questo:


10. (I) No stato farò entrare in qualsiasi trattato, Alleanza o Confederazione; concedere lettere di marque e rappresaglia; moneta denaro; fare niente, ma d'oro e d'argento moneta un bando di gara nel pagamento dei debiti; passare qualsiasi bill of attainder, o ex post facto legge o legge tale da ledere l'obbligo dei contratti; o concedere alcun titolo di nobiltà.

(2) Stato, senza il consenso del Congresso, non stabilisce eventuali imposte o dazi sulle importazioni o esportazioni, ad eccezione di quello che potrebbe essere assolutamente necessario per l'esecuzione di proprie leggi di ispezione; e rete produrre tutti i dazi e imposte, di cui da qualsiasi stato sulle importazioni, o le esportazioni, sarà per l'uso del Tesoro degli Stati Confederati; e tutte queste leggi saranno soggette alla revisione e al controllo del Congresso.

(3) Non stato, senza il consenso del Congresso, stabilisce alcun dazio sul tonnellaggio, tranne su navi mercantili, per il miglioramento dei suoi fiumi e i porti navigati dalle dette navi; ma tali funzioni devono non in conflitto con qualsiasi trattati degli Stati Confederati con nazioni straniere; ed eventuali eccedenze entrate così derivato deve, dopo aver effettuato tale miglioramento, di essere pagato nel tesoro comune. Né alcuno stato tengono le truppe o navi da guerra in tempo di pace, entrano in qualsiasi accordo compatto con un altro stato, o con una potenza straniera, o impegnano in guerra, a meno che in realtà invase o in tale pericolo imminente come non ammetterà ritardo. Ma quando ogni fiume divide o scorre attraverso due o più stati essi può stipulare compatta con a vicenda per migliorare la navigazione stessa.

Non scrissero un articolo, ma con una lunga perifrasii ottennero lo stesso risultato.

Cordialmente
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 21:34

Egr. Gen. Hardee,

io penso, molto più semplicemente, che, per esempio, se la Gerogia fosse tornata in seno all'Unione in piena guerra civile, o si fosse dichiarata autonoma e neutrale, chi poteva impedirglielo? La lunga perifrasi da lei citata? Ma sicuro che no. La Georgia si sarebbe ribellata a tali articoli e avrebbe fatto quello che gli pareva. Naturalmente ne avrebbe pagato nell'immediato le conseguenze.

La stessa cosa fecero gli Stati confederati riguardo il governo centrale USA. Si ribellarono alla autorità nazionale, sapendo che significava come conseguenza, la guerra.

Saluti,

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Secessione del West Virginia

Messaggio  HARDEE il Ven 16 Set 2011 - 21:55

Generale Meade buonasera,

probabilmente su questo punto ha ragione Lei, in realtà c'erano molte differenze fra gli Stati e senza il pericolo dell'esercito dell'Unione si sarebbero, in seguito, separati.

Come ho già dichiarato l'anima della Confederazione si formò sui campi di battaglia, ma non credo che avesse uno spirito nazionale comune, spesso gli interessi particolari degli Stati influirono sull'andamento della Guerra.

Cordialmente

Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 22:12

Egr. Gen. Hardee,

ha colto proprio nel segno. Il tallone di Achille della confederazione era proprio la mancanza di un vero coordinamento tra gli Stati per via del forte, persino ossessivo, sentimento autonomista dei singoli Stati.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Stephen Russell Mallory il Ven 16 Set 2011 - 23:16

Come ho citato in un precedente post, è sufficiente leggere la Dichiarazione d'Indipendenza per comprendere le motivazioni della Confederazione, nonchè quella che può essere definita la validità giuridica di una secessione...se poi si sceglie volutamente di ignorare la carta principale sulla quale gli americani hanno fondato la loro nazione, allora tanto vale chiudere qui la discussione.
(e ho pure fatto rima Laughing )

avatar
Stephen Russell Mallory
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 69
Data d'iscrizione : 05.09.11
Età : 51
Località : Paperopoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Iced Earth il Ven 16 Set 2011 - 23:45

Stephen Russell Mallory ha scritto:[CUT]
Andando leggermente off-topic, andatevi a leggere tutte le altre secessioni avvenute al di fuori della Guerra Civile Americana...in 38 stati sono avvenuti episodi nei quali si richiedeva la dissoluzione dei legami con il governo federale.
http://en.wikipedia.org/wiki/List_of_U.S._state_secession_proposals

Dunque, scusate se insisto, ma tornando al fiolone principale che ho inaugurato per fugare un dubbio sull'argomento (e che invece ha rinfocolato il vespaio sulla legittimità o meno della secessione, ribaltandone qui i fattori) e citando il link dell'ammiraglio sulla gorgogliante voglia di autonomia delle contrade statunitensi (che in questo onestamente accomuno insospettatamente alle nostre in quanto a insofferenza verso il vicino) vorrei che fosse chiarita una cosa, anche perchè mi sfugge.
Fatta eccezione del West Virginia, perchè la situazione era particolarissima, e del Maine un quarantennio prima (in cui pure non ho capito quanti fosse d'accordo o meno per staccarsi da Boston), ma oggi, come ieri, una comunità bisognosa d'autonomia, dopo aver vagliato la cosa e fatto una votazione popolare cosa deve fare per rendersi autonoma?
Mi riferisco a condizioni "normali", in cui per evidenti necessità occorre una separazione consensuale: occorre il benestare del governo del singolo stato oltre ad essere previsto dalla legislazione del medesimo? E il governo federale (che non dovrebbe essere poi interessato dall'evento, fintantoché la secessione non interessi gli USA)?
avatar
Iced Earth
Sergente Maggiore
Sergente Maggiore

Numero di messaggi : 86
Data d'iscrizione : 26.07.11
Età : 39
Località : Roma

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Ven 16 Set 2011 - 23:57

Stephen Russell Mallory ha scritto:Come ho citato in un precedente post, è sufficiente leggere la Dichiarazione d'Indipendenza per comprendere le motivazioni della Confederazione, nonchè quella che può essere definita la validità giuridica di una secessione...se poi si sceglie volutamente di ignorare la carta principale sulla quale gli americani hanno fondato la loro nazione, allora tanto vale chiudere qui la discussione.
(e ho pure fatto rima Laughing )


Certo che conviene leggere la costituzione USA e pure quella della CSA. Non si troverà nessun Articolo che parli di secessione.
Il Preambolo della Costituzione USA invece - Articoli della Confederazione e Unione Perpetua - dice chiaramente all'Art. XIII che tutti gli articoli sono perpetui e che possono essere modificati solo dal Congresso.

Per maggiori informazioni: http://www.jstor.org/pss/1888140

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Stephen Russell Mallory il Sab 17 Set 2011 - 3:53

Rispondendo ad Ice e a Meade...qui sta il problema: c'è chi ne fa una questione di legalità e chi una questione di autodeterminazione...da un punto di vista etico sono valide entrambe, da un punto di vista prettamente giuridico è valida la questione dell'"unione perpetua", da un punto di vista di sentimento di libertà è valido infrangere delle leggi se queste vengono considerate un sopruso dalla maggioranza...e qui mi rifaccio nuovamente alla Dichiarazione di Indipendenza, la quale andava chiaramente contro le leggi che regolavano le 13 colonie, cioè le leggi inglesi.
avatar
Stephen Russell Mallory
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 69
Data d'iscrizione : 05.09.11
Età : 51
Località : Paperopoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Banshee il Sab 17 Set 2011 - 12:51

Generale Meade ha scritto:
Stephen Russell Mallory ha scritto:Come ho citato in un precedente post, è sufficiente leggere la Dichiarazione d'Indipendenza per comprendere le motivazioni della Confederazione, nonchè quella che può essere definita la validità giuridica di una secessione...se poi si sceglie volutamente di ignorare la carta principale sulla quale gli americani hanno fondato la loro nazione, allora tanto vale chiudere qui la discussione.
(e ho pure fatto rima Laughing )


Certo che conviene leggere la costituzione USA e pure quella della CSA. Non si troverà nessun Articolo che parli di secessione.
Il Preambolo della Costituzione USA invece - Articoli della Confederazione e Unione Perpetua - dice chiaramente all'Art. XIII che tutti gli articoli sono perpetui e che possono essere modificati solo dal Congresso.

Per maggiori informazioni: http://www.jstor.org/pss/1888140

Meade


Mi pare che proprio dalla lettura del testo della Costituzione americana, si possa ricavare che il diritto di secedere era, sotto un profilo squisitamente giuridico-costituzionale, più che legittimo.

Vi sono almeno tre argomenti che mi pare smentiscano la contraria tesi.
1) Il primo è squisitamente di ordine storico. L'art. XIII qui sopra richiamato e che contiene il principio secondo cui il vincolo tra gli stati aderenti (che all'epoca erano New Hampshire, Massachusetts-bay, Rhode Island and Providence Plantations, Connecticut, New York, New Jersey, Pennsylvania, Delaware, Maryland, Virginia, North Carolina, South Carolina e Georgia) avrebbe dovuto avere carattere di indissolubilità fu inserito nella prima carta costituzionale "americana" del 1777 e ratificata nel 1781, ma non fu riportato nella Costituzione americana vigente tuttora e all'epoca della secessione. In breve detto principio cessò di avere validità giuridica e quindi effetto con l'abolizione degli "Articles of Confederation and Perpetual Union" e la sua sostituzione ad opera della Costituzione americana che è tutt'altra cosa e fu adottata successivamente, nel 1789 (sebbene redatta nel 1787) sostituendo integralmentre il testo che viene citato, mi pare, senza fondamento.

2) Il secondo è di carattere linguistico. In nessuna parte della Costituzione vigente all'epoca della secessione viene vietato il diritto di secedere. Il preambolo recita che "Noi, il popolo degli Stati Uniti, al fine di perfezionare la nostra Unione, garantire la giustizia, assicurare la tranquillità all'interno, provvedere alla difesa comune, promuovere il benessere generale, salvaguardare per noi e per i nostri posteri il bene della libertà, poniamo in essere questa Costituzione quale ordinamento per gli Stati Uniti d'America." Orbene, la scelta di non riprodurre la clausola di perpetuità
o indissolubilità, esprime, evidentemente, una diversa opinione dei redattori della Costituzione americana rispetto a tale problematica.

3)Il silenzio serbato circa la possibilità di secedere o meno, sotto un profilo giuridico, a mio avviso, indica chiaramente che sulla questione non vi erano legami. Non essendo regolata espressamente la materia, non esisteva alcuna norma che la vietasse.

Banshee
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Sab 17 Set 2011 - 14:14

Caro Banshee,

secondo il tuo parere, cosa significa: "...al fine di PERFEZIONARE la nostra UNIONE ..." ?
Un invito alla secessione? Chiaramente la Costituzione degli USA aveva insito nel suo DNA l'UNIONE PERPETUA. Più evidente di così. Poi, logicamente, si può negare anche l'evidenza. Proprio per quello scoppiò la GCA. Guarda caso, dopo tale conflitto, di tentativi di secessione in America non ve ne sono più stati. Più che altro ci sono state annessioni.

Ti invito a rileggerti un mio vecchio topic:

" Durante la Convenzione di Hartford del 15 dicembre 1814, gli Stati della Nuova Inghilterra, contrari alla guerra contro l'Inghilterra, proposero neanche tanto velatamente di secedere dagli USA. Di rimando, il Sud insorse contro questo "tradimento". Il "Richmond Enquirer" così scrisse al riguardo: - Nessun uomo, nessuna associazione, nessuno Stato o unione di Stati ha il diritto di ritirarsi da questa Unione... - L' articolo finisce così: - ...tutti i tentativi di spezzare l'Unione o di opporsi all'intervento delle sue leggi costituzionali costituisce un tradimento. -"



Se nel 1860, per opportunismo, il modo di pensarla sulla secessione nel Sud era cambiato, non credo proprio che sia colpa della la Costituzione.


Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Banshee il Sab 17 Set 2011 - 15:09

Generale Meade ha scritto:Caro Banshee,

secondo il tuo parere, cosa significa: "...al fine di PERFEZIONARE la nostra UNIONE ..." ?
Un invito alla secessione? Chiaramente la Costituzione degli USA aveva insito nel suo DNA l'UNIONE PERPETUA. Più evidente di così. Poi, logicamente, si può negare anche l'evidenza. Proprio per quello scoppiò la GCA. Guarda caso, dopo tale conflitto, di tentativi di secessione in America non ve ne sono più stati. Più che altro ci sono state annessioni.

Ti invito a rileggerti un mio vecchio topic:

" Durante la Convenzione di Hartford del 15 dicembre 1814, gli Stati della Nuova Inghilterra, contrari alla guerra contro l'Inghilterra, proposero neanche tanto velatamente di secedere dagli USA. Di rimando, il Sud insorse contro questo "tradimento". Il "Richmond Enquirer" così scrisse al riguardo: - Nessun uomo, nessuna associazione, nessuno Stato o unione di Stati ha il diritto di ritirarsi da questa Unione... - L' articolo finisce così: - ...tutti i tentativi di spezzare l'Unione o di opporsi all'intervento delle sue leggi costituzionali costituisce un tradimento. -"



Se nel 1860, per opportunismo, il modo di pensarla sulla secessione nel Sud era cambiato, non credo proprio che sia colpa della la Costituzione.


Meade


La formula "al fine di perfezionare l'Unione" non ha certamente carattere di invito alla secessione, ma non contiene neppure un espresso divieto. Ha carattere programmatico, non precettivo: è, in altre parole, l'espressione di un intento, non di un comando. Pertanto non vedo come da dette parole possa trarsi un argomento a favore di questa o quell'altra tesi. In una democrazia liberale, quale certamente si debba ritenere fosse l'Unione, tutto ciò che non è vietato espressamente, è permesso: è il principio cardine stesso del liberalismo anglosassone. Quanto al fatto che in altre occasioni, personalità politiche del Sud o l'opinione pubblica avessero espresso tutt'altra idea, ha poco a che vedere con la questione di principio, ma appaetiene, piuttosto, al "trasformismo" o se preferisci al gioco opprtunistico della politica. Ma ha poca che vedere con questioni di diritto o con i principi fondamentali.

Banshee


Ultima modifica di Banshee il Sab 17 Set 2011 - 15:11, modificato 1 volta
avatar
Banshee
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1918
Data d'iscrizione : 17.03.09
Località : La Spezia

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Secessione del West Virginia

Messaggio  HARDEE il Sab 17 Set 2011 - 15:10

Signori buongiorno.

Credo che molti furono travolti dagli eventi, in quel fatidico 1860 emersero e si scontrarono le contraddizioni di un ottantennio, molti meridionali non erano né secessionisti, né tantomeno schiavisti,
si schierarono semplicemente con la loro Patria.

Le motivazioni devono essere esaminate in un largo spettro , che comprende le ragioni più nobili , le più turpi e per alcuni le più lucrose.

In più gli Stati Uniti divisi in due entità faceva comodo alla Francia, ma soprattutto all’Inghilterra, che si apprestò a mandare truppe di rinforzo in Canada, ma anche il Presidente Lincoln aveva degli Amici:
i russi , c’era già stata (all’inizio del conflitto) una concentrazione di navi da guerra russe nei porti di
San Francisco e di New York , naturalmente in visita di cortesia.

Non regnava più lo Zar Nicola I, ma forse Lo Zar Alessandro II non aveva dimenticato la Guerra di Crimea
(1853-1856), e credo non l’avessero dimenticata neppure gli inglesi, considerando le perdite complessive anglo-franco-turtche, subite, pertanto credo ritennero meglio non rischiare.

D’altronde qualche appoggio l’Unione doveva averlo , ricordo il fatto che nel settembre 1863, l’Ambasciatore unionista ,Charles Francis Adams , per impedire che le navi corazzate, destinate alla Confederazione, salpassero , così comunicò al Ministro degli Esteri britannico (Lord John Russel ):
<< Sarebbe superfluo ricordare a Vostra Eccellenza che ciò significherebbe la Guerra>>.

Il Governo britannico aveva già deciso di sospendere l’invio, ma questo probabilmente L’Ambasciatore
lo ignorava.

Se gli Stati dell’Unione potevano minacciare l’Impero britannico, credo sia dovuto al fatto che non si sentivano soli.

Per ciò che concerne il diritto di Secessione degli Stati, potremmo scriverne in eterno.

Quello che posso aggiungere e che un Senatore sudista , dopo la Secessione fece questa dichiarazione:
<< non torneremo mai più insieme con voi anche se ci date un foglio di carta bianca accordandoci di scrivere da noi la Costituzione >>.

Credo che diritto o no, ormai la parola lasciava il posto alle armi.
Cordialmente

Hardee

avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Sab 17 Set 2011 - 17:14

Complimenti al Gen. Hardee per il suo genuino realismo e al Gen. Banshee per le sue sottigliezze giuridico/costituzionali che però, secondo il mio parere, non troveranno mai risposta. Se pur fosse stato scritto a chiare lettere nella Costituzione USA: -VIETATO SECEDERE AGLI STATI- alzi la mano chi pensa che gli Stati ribelli non avrebbero attuato lo stesso la secessione. Eccome. La decisione per stabilire chi aveva torto o la ragione la presero le armi. Purtroppo.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Stephen Russell Mallory il Sab 17 Set 2011 - 19:24

Beh, se non ci fosse stata alcuna secessione, noi staremmo parlando magari dell'Impero Songhai...meglio la guerra civile americana. Laughing
avatar
Stephen Russell Mallory
Primo Sergente
Primo Sergente

Numero di messaggi : 69
Data d'iscrizione : 05.09.11
Età : 51
Località : Paperopoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Secessione del West Virginia

Messaggio  HARDEE il Sab 17 Set 2011 - 19:40

Signor Ministro.
non abbiamo ancora terminato, ritorneremo ancora sul discorso...presumo per almeno 100 volte,
e non poniamoci dei limiti.

Da confederato convinto difenderò sempre le posizioni della Confederazione, per il resto ci confrontiamo.

La sconfitta non rende una Causa ingiusta.

I miei rispetti

W.J.Hardee
avatar
HARDEE
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1871
Data d'iscrizione : 29.04.11
Età : 65
Località : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Generale Meade il Mar 9 Apr 2013 - 9:22

La popolazione del West Virginia, dopo la secessione dello Stato della Virginia, si era riunita in due successivi congressi a Wheelig costituendo un governo "riorganizzato" che rivendicava l'autorità su tutto lo stato. Somberata la zona del West Virgina occupata dall'esercito confederato, per Lincoln si prospettò il gravoso problema della separazione di tale area, con popolazione prevalentemente lealista al governo USA, dal resto dello Stato della Virginia. La Costituzione federale vietava la divisione di uno Stato senza il suo consenso. Lincoln non voleva assolutamente violare le garanzie costituzionali o rimescolare vecchie forme acquisite nel tempo, anche se si trattava di uno stato ribelle. Si prese pertanto diversi mesi di tempo per trovare la giusta scappatoia legale, che alla fine fu trovata nel giugno 1863, per cui il "governo riorganizzato della Virginia" dava il suo consenso alla divisione dello stato, facendo diventare il West Virginia il 35° Stato USA.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3991
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 56

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Secessione West Virginia

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 2 di 2 Precedente  1, 2

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum