Indiani d'America nella guerra civile

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

utilizzo di truppe indiane

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Mer 5 Nov 2008 - 0:32

Poichè ho scoperto prima il forum oggi mi sono fatto un giro sul sito (tra l'altro molto bello ed esaustivo) e sono stato molto colpito dalla creazione di brigate indiane oltertutto inquadrate e con una propria bandiera....sapreste dirmi se e dove sono poi state effettivamente utilizzate e con quali risultati?

Sottotenente Valerio Like a Star @ heaven
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
Età : 29
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  forrest il Mer 5 Nov 2008 - 1:20

I reparti di pellerossa furono utilizzati nella battaglia di Pea Ridge(Arkansas);si trattava di una brigata formata da 4 "reggimenti"(sarebbe + opportuno definirli "bande"):due di Cherokee,uno di Creek,e uno per metà di Choctaw e per metà di Chickasaw.Tre di questi reparti avevano ufficiali bianchi,uno aveva un comandante pellerossa "civilizzato",il famoso Stand Watie,che sarebbe diventato Generale.Il comandante della Brigata era ovviamente un bianco,colui che li aveva reclutati:si chiamava Albert Pike.Questi indiani si distinsero nel trucidare e scotennare i soldati nordisti che si erano arresi,e per questo motivo alla fine della guerra Pike rischiò l'impiccagione.Domani,se qualcuno é interessato,darò un resoconto un po' + approfondito della brutta figura dei pellerossa a Pea Ridge.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re utilizzo indiani

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Mer 5 Nov 2008 - 2:08

forrest ha scritto:I reparti di pellerossa furono utilizzati nella battaglia di Pea Ridge(Arkansas);si trattava di una brigata formata da 4 "reggimenti"(sarebbe + opportuno definirli "bande"):due di Cherokee,uno di Creek,e uno per metà di Choctaw e per metà di Chickasaw.Tre di questi reparti avevano ufficiali bianchi,uno aveva un comandante pellerossa "civilizzato",il famoso Stand Watie,che sarebbe diventato Generale.Il comandante della Brigata era ovviamente un bianco,colui che li aveva reclutati:si chiamava Albert Pike.Questi indiani si distinsero nel trucidare e scotennare i soldati nordisti che si erano arresi,e per questo motivo alla fine della guerra Pike rischiò l'impiccagione.Domani,se qualcuno é interessato,darò un resoconto un po' + approfondito della brutta figura dei pellerossa a Pea Ridge.

Mi interesserebbe molto! Grazie mille per la tua disponibilità......Torno a seguire Matrix Very Happy
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
Età : 29
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  forrest il Mer 5 Nov 2008 - 14:59

Albert Pike era una figura pittoresca;politico,poeta,scrittore di canzoni.Non aveva la minima istruzione o esperienza militare,ma allo soppio della Guerra venne nominato Generale,un po' come capitò a Leonidas Polk e a tanti altri sudisti.Pike prese contatti e firmò un Trattato con le Cinque Tribù Civilizzate(così erano definite) del Territorio Indiano.Questo trattato prevedeva che tra i pellerossa venissero organizzate milizie armate,pagate ed equipaggiate dalla Confederazione, che avrebbero dovuto difendere il Territorio Indiano da un'eventuale invasione dell'esercito Federale proveniente dal Kansas.Il Trattato prevedeva che questi reparti non potessero essere impiegati al di fuori del Territorio stesso,ma quando i nordisti dell'"Armata del Sud-Ovest",agli ordini del Generale Curtis, si spinsero nel Missouri meridionale,e poi in Arkansas,il Generale Van Dorn,a corto di uomini,chiese a Pike di convincere i "suoi" pellerossa ad andare in suo aiuto,al'insegna del detto:"tutto fa brodo".Dei circa 2500 uomini facenti parte della Brigata indiana,solo 900 accettarono di seguire Pike,in cambio di alcuni mesi di salario anticipato.La battaglia di Pea Ridge(o,per essere + precisi,le 2 distinte battaglie di Leetown e di Elkhorn Tavern) è tristemente famosa,perchè i Generali sudisti ne combinarono davvero di tutti i colori,sfiorando,e forse oltrepassando,il limite della comicità.Non mi dilungo oltre per non andare fuori tema,mi limito a dire che questa battaglia era + difficile perderla che vincerla,ma purtroppo i confederati ci riuscirono,e la loro sconfitta ebbe conseguenze gravissime sul prosieguo della Guerra.Per usare una metafora sportiva,possiamo dire che a Pea Ridge i sudisti sbagliarono un goal a porta vuota.Il ruolo dei pellerossa di Pike in questa battaglia fu marginale;tesero un'imboscata a 2 compagnie di cavalleggeri del 3° Iowa,ponendoli in fuga e commettendo le atrocità di cui parlavo ieri sera.Bastarono poi alcune cannonate per farli scappare nei boschi,da dove non si mossero + fino alla fine della battaglia.Dopo la battaglia il ritrovamento dei cadaveri scotennati dei cavalleggeri nordisti sollevò un'ondata di indignazione in tutto il Nord;Curtis scrisse una lettera di protesta a Pike,ritenendolo responsabile della crudetà dei suoi pellerossa.Pike presentò scuse ufficiali,e aprì un'inchiesta per punire i responsabili,ma alla fine della guerra questi provvedimenti non gli impedirono di venire processato per crimini di guerra.Pea Ridge fu l'unica battaglia d'una certa importanza che vide coinvolti gli Indiani,e quanto successe indusse il Governo Confederato a non ripetere l'esperimento.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: richiesta spiegazioni

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mer 5 Nov 2008 - 21:52

Dopo il disastro di Pike, ancora molti uomini si unirono alla causa confederata formando numerose unita'. Apriro' un topic stasera se ce la faccio, oppure domani, per concludere brevemente l'argomento.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

due parole su Stand Watie

Messaggio  Ospite il Gio 6 Nov 2008 - 17:14

Stand Watie fu l'unico indiano della guerra civile a ottenere il grado di generale (di brigata), seppe organizzare i suoi guerrieri in modo da avvicinarli al modello di soldato inteso dall’Europa e dall’America del tempo, benchè la disciplina fra di essi fosse lungi dall'essere un traguardo raggiunto. Lo spirito altamente individualista degli indiani in combattimento fu causa dei suoi insuccessi in battaglia. Uomini valorosissimi, sprezzanti della morte e del pericolo quali furono i Cherokee di Watie, ebbero la tendenza – tipica degli indiani americani - a perdere coesione nel vivo dello scontro, abbandonandosi all’inseguimento, o alla depredazione, e dando così così tempo e modo al nemico di riorganizzarsi. Per questo motivo, attacchi e difese da lui pur abilmente pianificati, si tradussero in sconfitte. Diversa fu la questione per le azioni di guerriglia e per le incursioni che Watie diresse e intraprese. In questi ambiti fu eccellente, e causò delle perdite materiali ingenti al governo unionista, e soprattutto la sperequazione di risorse umane in un territorio ampiamente marginale ai fini della risoluzione del conflitto.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

organizzazione truppe indiane

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 6 Nov 2008 - 21:21

Dopo il disastro di Pike e la confusione che ne seguì, i territori indiani vennero assegnati a D.H. Cooper, W. Steele, S.B. Maxey ed ancora D.H. Cooper. I territori furono sotto la giurisdizione della Zona dell'Arkansas fino al 24 novembre1863, quando divennero indipendenti come Zona militare dei Territori Indiani. Gli uomini che erano parte del territorio erano indiani e texani. A parte le singole unita' sparse in vari posti militari, furono formate anche alcune grandi unita'. Inizialmente venne formata la brigata Cooper a cui erano state affidate le truppe perche' il suo vizio per l'alcool non lo rendeva simpatico a Richmond, ne a KirbySmith. Così tolto dal comando della Zona fu "spedito" sul campo. La sua enorme brigata era formata da quasi tutti gli indiani e da alcune unita' texane. Sebbene non ufficialmente la brigata era suddivisa in 3 brigate una texana e due indiane (una terza brigata Creek rimase sulla carta). Nei primi mesi del nuovo anno si concretizzo la formazione ufficiale della divisione Indiana. La prima brigata indiana al comando di S.Watie, la seconda brigata indiana al comando di T. Walker e la brigata texana al comando di R.M.Gano. La divisione raramente agi' come tale e soprattutto fu attiva la brigata del colonnello Watie, a settembre la brigata texana fu trasferita. Nel febbraio 1865 Cooper torno' al comando della Zona e Watie, ora generale, ottenne il comando della divisione: l'unico generale non bianco della guerra fu confederato (alla faccia della societa' razzista)!!!! Il comando della prima brigata passo' al colonnello W.P.Adair. Ultime truppe di terra ad arrendersi: perche' il Settore di Smith si arrese ufficialmente il 26 maggio 1865, mentre la prima brigata della divisione si arrese il 23 giugno e altre unita' deposero le armi a luglio.

Questo l'ordine di battaglia della divisione nel maggio 1865 poco prima della resa: Divisione di cavalleria Indiana: Brigadiere generale S. Watie

1a Brigata indiana: Colonnello W.P. Adair
1° reggimento cavalleria Creek
2° reggimento cavalleria Creek
Kenard battaglione cavalleria Creek
1° reggimento volontari montati Cherokee
2° reggimento volontari montati Cherokee
Scales battaglione cavalleria Cherokee
1° battaglione cavalleria Seminole
Broke arm battaglione scout Osage

2a Brigata indiana: Colonnello T. Walker
1° battaglione cavalleria Chickasaw
1° reggimento fucilieri montati Chickasaw e Choctaw
2° reggimento cavalleria Choctaw
3° reggimento cavalleria Choctaw
Washington squadrone cavalleria riserve Caddo

altre truppe:
1° battaglione tiratori scelti Texas

Scusate sono stato un po' lungo, anche se ho dovuto fare un super riassunto del riassunto!

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 9 Gen 2009 - 18:13

Ritengo anche possibile che qualche indiano fosse inquadrato in reggimenti di stati dell'est, particolarmente la Georgia dato che gli indiani situati nell'Indian Territory (Oklahoma) provenivano da lì, sopratutto i Cherokee mi pare. Qualcuno sarà rimasto ad est...

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2789
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedere il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 9 Gen 2009 - 19:34

Sicuramente dal Nord Carolina, un battaglione faceva parte della legione Thomas. Appena ho tempo vado a vedere se ho gia' qualcosa nei miei appunti.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 13 Gen 2009 - 20:11

Dopo una ricerca piu' approfondita, a livello di unita' oltre a quelle indiane, esisteva nel transmississippi un battaglione, il 1° missouri della brigata indiana, non ho reperito molte informazioni, ma esso operava nei Territori indiani ed in precedenza per una manciata di mesi, fu parte della famosa brigata di ferro del Missouri di Joe Shelby, all'est 2 unità il battaglione di Cherokee della legione Thomas ed un battaglione del mississippi chiamato 1° choctaw, che pero' non sembra composto da soli indiani. Come il nostro comandante Beauregard faceva notare, a livello individuale molti indiani erano presenti un po' ovunque, ma essi si concentravano in Georgia. Una provincia chiamata Cherokee County era probabilmente il luogo d'origine, aveva delle unita' quali la Cherokee artillery e la Cherokee legion, ma solo il nome era indiano.

-(Pensierino: fra gli ispanici, soprattutto presenti in unita' texane, gli indiani, i neri ed i creoli, i battaglioni confederati non si potevano definire bianchi!!!)-

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Indiani nei ranghi U.S.A

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Mer 14 Gen 2009 - 18:34

Per quanto riguarda gli Usa ebbero anch'essi dei battaglioni indiani???? Ci fu mai uno scontro fra questi delle due parti???

Tenente-Colonnello Valerio Like a Star @ heaven
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
Età : 29
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Indiani nei ranghi U.S.A

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mer 14 Gen 2009 - 19:35

Purtroppo per le unita' del Nord, non ho la stessa conoscenza,
mi sembra che formarono solo tre reggimenti, ma qui non confermo, vado a memoria.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

The Dove Creek massacre

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 22 Gen 2009 - 22:25

Nell’ambito delle ricerche nel settore del Transmississippi, ho purtroppo scoperto, che i nostri si sono macchiati di un bruttissimo episodio nei confronti degli indiani. Seppur di proporzioni minori (niente a che vedere con la carneficina di Sand Creek a causa delle giacche blu di Chivington), vale la pena di citarlo. Il confine occidentale del Texas era oggetto di parecchie scorrerie di Kiowa e Comanche. Molte delle truppe regolari erano trasferite in zone più importanti ed erano rimasti solo i miliziani. Nell’autunno del 1864, gli indiani, tra l’altro, arrivarono anche a circondare e assediare un forte e solo l’arrivo di una compagnia formata da coloni e cowboy fece tornare i pellerossa sui loro passi. In questo clima esasperato i bianchi l’8 gennaio 1865, fecero una ritorsione, ovviamente non contro i Comanche ma contro innocui individui.
Una colonna di pacifici Kickapoos stava emigrando verso il Messico per sfuggire alla guerra, sia dai lunghi coltelli blu che da quelli grigi e da banditi di ogni tipo. La loro presenza fu rapportata al maggiore G.B. Erath, comandante della seconda zona di frontiera delle Truppe statali del Texas, il quale mandò il battaglione della milizia del capitano S.S. Totten ed una compagnia regolare del 46° reggimento di cavalleria all’inseguimento. Raggiunti gli indiani, la mattina dell’otto caricarono il campo dei pacifici indiani uccidendo 23 uomini e donne disarmati e facendo fuggire gli altri. Inoltre i texani scalparono le loro vittime. Gli indiani si trovavano a 80 chilometri dalla casa più vicina! Passò alla storia come il massacro di Dove Creek.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Indiani in A.C.W

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Mer 11 Feb 2009 - 1:01

Navigando su internet mi sono imbattuto in una scheda che vi riassumo in breve e che ha fatto luce sui miei precedenti quesiti rimasti fino ad ora irrisposti....una curiosità e novità per tutti credo quindi! Very Happy

Per quanto riguarda i battaglioni indiani che prestarono servizio nell'unione ho trovato notizie su:

- 1st Indian Home Guard Regiment
Col. Robert V. Furnas
Organizzato il 22.05.62 tra Creek e Seminole rifugiati in Kansas.

- 2nd Indian Home Guard Regiment
Col. John Ritchie
Parzialmente organizzato in giugno 1862 tra Osage e nazioni minori. Un grande numero di Cherokee reclutati in luglio 1862, principalmente ex-membri del reggimento Drew's.

- 3rd Indian Home Guard Regiment
Col. William A. Phillips
Organizzato il 16.09.62 tra i Cherokee.

- 4th Indian Home Guard Regiment
- 5th Indian Home Guard Regiment
Gli ufficiali di questi due reparti furono nominati il 26.12.62, ma non risulta che la truppa sia mai stata arruolata

Ho letto inoltre che nelle unità indiane confederate lo erano tutti i membri di ogni grado, al contrario ciò non avveniva in quelle unioniste dove tranne che per i sottufficialii gli altri ufficiali erano bianchi (scusate la ripetizione).Notizia che vorrei mi confermaste......

In entrambi gli schieramenti queste truppe furono considerate ed impiegate sempre e solo come forze di cavalleria come già detto da altri membri nei post precedenti.

Brigadier-generale Valerio Like a Star @ heaven
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
Età : 29
Località : Torino

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re:Indiani in A.C.W

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mer 11 Feb 2009 - 1:25

Hai confermato i miei ricordi nelle fila dell'Unione tre reggimenti, gli altri due mai completati.
Le unita' confederate erano tutte montate. tranne i Cherokee del North carolina credo.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 16 Mar 2010 - 22:55

P.G.T. Beauregard ha scritto:Ritengo anche possibile che qualche indiano fosse inquadrato in reggimenti di stati dell'est, particolarmente la Georgia dato che gli indiani situati nell'Indian Territory (Oklahoma) provenivano da lì, sopratutto i Cherokee mi pare. Qualcuno sarà rimasto ad est...

Ciao,
Beauregard


Ho trovato che anche nell'Armata della Virginia Settentrionale erano presenti degli indiani (esattamente i Cherokee come dice il ns Beauregard), inquadrati nei reggimenti di fanteria 5°, 12° e 17° del Sud Carolina. Armate multietniche........

Salutoni Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3206
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Unionisti)

Messaggio  Generale Meade il Dom 18 Apr 2010 - 0:07

Allo scoppio della ACW, i confederati iniziarono ad arruolare attivamente reclute delle Cinque Nazioni Civilizzate, trasferite forzatamente nel Territorio Indiano nel 1838. I nordisti per impedire il distacco dall'unione del Missuri e dell'Arkansas avevano evacuato le truppe li stanziate lasciando i confederati padroni del campo. Abbandonati a se stessi i Cherokee e i Creek ebbero divisioni interne, mentre i Quapaw, Shawnee e Seneca anche se fedeli all'unione, firmarono trattati con la confederazione. Solo i Deleware, leali al governo USA, abbandonarono la loro riserva per trasferirsi in Kansas.

Opothleyahola era un capo Upper Creek, una fazione Creek ostile ai confederati e apertamente unionista. Nell'autunno 1861 era riuscito a riunire 6.000 seguaci circa, la maggior parte donne e bambini, tra cui vi erano anche Seminole, Cherokee e schiavi fuggitivi. Opothleyaola chiese aiuto ai nordisti del Kansas sperando in un aiuto, ma nonostante gli fosse stato promesso asilo e aiuti militari, a ottobre si rese conto che non poteva sperare in alcun soccorso. Anzi, una colonna confederata mista di Texani e indiani Creek e un reggimento guidato dal colonnello Douglas Cooper di indiani Choctaw e Chichasaw, muoveva contro di lui e i suoi seguaci per cacciarli dal territorio. Opotheyaola sperando ancora in un aiuto dei federali, si dirige verso il Kansas.

Purtroppo per loro, i lealisti erano a corto di armi, munizioni e male organizzati. I peggio combinati erano gli schiavi fuggiti, che anche se avessero avuto armi non avrebbero saputo come usarle. Per capire come erano ridotti i guerrieri, in gran parte anziani, basti dire che la maggioranza dei fucili erano vecchie armi da caccia. Alcuni di loro, scontenti del modo di condurre le cose andarono ad allearsi con i confederati.

I confederati riuscirono ad agganciare la scombinata banda di Opotheyaola, che però reagisce bene il 19 novembre con una brillante azione della retroguardia a Roud Mountain riuscendo a respingere il nemico a Fort Gibson. Il 9 dicembre ebbero medesima fortuna ricacciando i confederati.
Purtroppo il 26 dicembre i confederati a Chustenahlah - Patriot Hills - sconfiggono pesantemente la colonna lealista di Opotheyaola.
Il giorno dopo una forte nevicata fa tornare i confederati al caldo nei loro ritiri invernali, mente per i lealisti inizia una straziante marcia nel freddo inverno lasciando dietro di loro una scia di morti per stenti e privazioni. Arrivati a Fort Row, 1/4 di loro erano morti. I guai però non erano ancora finiti. Quelle migliaia di poveri disgraziati non potevano essere sufficientemente assistiti nel forte, e pertanto si diressero verso Fort Belmont, dove le condizioni erano di poco migliori. Molti avevano solo i panni che portavano addosso, e pertanto nei campi per rifugiati che furono allestiti, peraltro inadeguati, gli indiani continuarono a morire.

Il Territorio Indiano

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Continua


Ultima modifica di Generale Meade il Dom 18 Apr 2010 - 23:02, modificato 2 volte
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Unionisti)

Messaggio  Generale Meade il Dom 18 Apr 2010 - 22:54

Gli indiani lealisti chiesero tramite Opothleyahola di poter essere armati per tornare combattendo nei loro territori. "Non siamo venuti qui per vivere a spese del governo" disse il loro capo. Alla fine da Washington si decise di dare seguito alle richieste dei nativi.

Lo stato del Kansas viene autorizzato a costituire 5 reggimenti di Home Guard di indiani unionisti. Due RGT furono costituiti nel maggio 1862, e un terzo nel luglio 1862. Gli ufficiali dei reggimenti e molti di quelli di compagnia erano bianchi. Di solito tali reggimenti combatterono nel territorio indiano, ma negli anni 1862/63 combatterono anche fuori dai loro confini, fino alla presa di Fort Gibson, abbandonato dai confederati. Gli indiani iniziarono la lotta in condizioni precarie, con scarsità di mezzi, tendaggi e medicinali, acquisendo ciò che loro serviva dopo battaglie come quella di Newtonia dell'ottobre 1862, dove arraffarono di tutto e di più. Purtroppo rimanevano fanalino di coda nella linea dei rifornimenti.

I nordisti davano per scontato che tali indiani erano esperti combattenti per loro natura e quindi l'addestramento dei reggimenti fu scarso. Non si tenne conto che quegli uomini erano 35 anni che avevano smesso di guerreggiare e si erano trasformati in bravi contadini, allevatori e commercianti, anche se per via della passione per la caccia erano ottimi tiratori. Anche se gli indiani unionisti del territorio indiano erano meglio equipaggiati dei loro rivali indiani confederati, iniziarono la guerra tutti a cavallo, e finirono di combattere appiedati, perchè le bestie morte o rubate agli indiani non venivano rimpiazzate.

Dopo aver ceduto al nemico Fort Gibson per un ordine di ritirata fatto da un incompetente ufficiale bianco, nella primavera del 1863 gli unionisti ripresero saldamente in mano la situazione e rioccuparono stabilmente il forte. Quando si mossero fuori dalla protezione del forte verso sud, i confederati presero l'occasione per attacare gli unionisti allo scoperto. Il 17 luglio 1863 i confederati attaccarono gli unionisti mentre attraversavano il Honey Creek. Purtroppo per i confederati, un ordine di ripiegamento parziale dei nordisti venne inteso come un ordine di ripiegamento generale, e quando la cavalleria sudista partì per colpire il centro unionista, si trovò sotto il fuoco dei soldati di colore che lo proteggevano e che erano nascosti distesi a terra e in attesa. Spazzato il centro confederato, le truppe indiane unioniste aggirarono i fianchi del rimanente esercito confederato e lo distrussero.

Annientato l'esercito confederato stanziato nel Territorio Indiano e caduta Little Rock nel settembre 1863, che impediva i rifornimenti di Fort Gibson dal fiume, per i confederati la guerra in quei territori perse di interesse. I nordisti purtroppo non seppero aprofittare del vantaggio acquisito e si limitarono a mantenere le posizioni conquistate, condannando quelle terre ad altri due anni di sanguinoso stallo.

Opothleyahola

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Continua


Ultima modifica di Generale Meade il Gio 22 Apr 2010 - 20:25, modificato 1 volta
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Confederati)

Messaggio  Generale Meade il Dom 18 Apr 2010 - 23:44

Con lo scoppio della ACW, le Tribù civilizzate finirono per trovarsi di fronte un drammatico dilemma. Pur essendo indipendenti avevano trattati firmati col governo USA per la difesa del territorio, ma culturalmente e per ragioni economiche erano legati al Sud. Con l'abbandono dei forti e dei presidi militari unionisti in Texas, Arkansas e il Territorio Indiano nell'autunno del 1861, gli indiani sentendosi abbandonati dal governo USA, organizzarono in proprio alcuni reggimenti per l'autodifesa. I confederati furono abili a portare dalla loro parte le Tribù civilizzate promettendo loro di riconoscerle come nazioni sovrane e onorando i loro pagamenti annuali, e che non avrebbero usato le truppe indiane fuori dal Territorio indiano. Come già su scritto solo una minima parte di essi rimase fedele all'Unione e si spostò nel Kansas.

Il commissario confederato per gli indiani, generale Albert Pike, cui era stato affidato il comando del Dipartimento del Territorio indiano dopo gli scontri con i seguaci di Opothleyohola, insediò il suo quartier generale a Fort Davis e ricevette l'ordine di unirsi all'esercito confederato dell'Ovest in Arkansas. I reggimenti indiani confederati non lo seguirono come stabilito dai trattati. Con la sconfitta nella battaglia di Pea Ridge (Elkhorn Tavern, Arkansas), l'esercito dell'Ovest si ritirò, lasciando in progressivo isolamento il Territorio indiano. Pike ripiegò intanto in Texas stabilendo il quartier generale a Fort McCulloch.

A. Pike

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Continua
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Confederati)

Messaggio  Generale Meade il Lun 19 Apr 2010 - 10:50

Il capo Cherokee di gran rilievo, Stand Watie, fu l'unico indiano con il grado di generale nella ACW. I suoi fucilieri a cavallo Cherokee e la sua fanteria composta da Seminole, Osage e Cherokee si dice che combatterono a ovest del Mississippi più battaglie di qualunque altra unità.
Pur non essendo un combattente professionista, Stand Watie fu un discreto politico, e riuscì ad arruolare privatamente diversi combattenti volontari tra i nativi, in particolare Chereokee, anche se non furono un grosso ostacolo per le truppe federali.

Dopo la cacciata dei lealisti di Opthleyohola dal Territorio, il colonello Unionista William Weer fu incaricato del rientro dei profughi indiani. Organizzò una spedizione con 2 RGT della Guardia indiana locale di nuova formazione. Il 6 giugno 1862 un attacco a sorpresa alle truppe confederate Chereokee a Cowskin Praire andò a buon fine, seguito il 3 luglio dall'attacco a sorpresa del campo confederato di Locust Grove, inoltre al 6° Cavalleria del Kansas riuscì un agguato ai Cherokee di Stand Watie a Spavinaw Creek. Questa serie concatenata di sconfitte, che portarono alla presa da parte Unionista della capitale confederata Cherokee, Tahlequah, convinse molti Cherokee confederati ad un cambio di campo che portò alla creazione del 3° RGT indiano per l'Unione.

Purtroppo Weer si adagiò sugli allori, o meglio, su una buona scorta di whisky e si ritirò nella sua tenda. Dopo 10 giorni fu arrestato dal colonello Salomon del 9° Fanteria del Wisconsin, che inoltre ritirò la spedizione militare a Fort Scott (Kansas), lasciando i poveri profughi indiani appena arrivati nel caos e in balia di ritorsioni da parte degli indiani confederati. Non rimase loro che fuggire di nuovo.

Intanto il generale Pike si era dimesso perchè contrariato dall'ordine di unirsi all'invasione confederata del Missouri e perchè deluso dalle critiche dopo Pea Ridge. Il suo posto venne preso dal Colonello Cooper, che assunse il comando delle truppe indiane confederate, comprensive dei Cherokee di Stand Watiee, di 200 texani e naturaralmente, il proprio RGT.

Stand Watie

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Continua


Ultima modifica di Generale Meade il Gio 22 Apr 2010 - 20:33, modificato 2 volte
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Confederati)

Messaggio  Generale Meade il Mar 20 Apr 2010 - 15:44

I guai per gli indiani lealisti cominciarono il 14 settembre, quando il 5° Cavalleria del Missouri tese un agguato alla seconda Guardia indiana a Carthage, seguito il giorno 20 da un secondo attacco dal 31° Cavalleria del Texas e una banda di guerriglieri al comando del maggiore Tom Livingstone, che a assalì il loro campo principale a Shirley's Ford. Copper sferrò il 30 settembre un altro attacco a Newtonia, riportando un'altra vittoria da parte dei suoi Choctaw e Chickasaw.

Gli Unionisti dopo essersi leccati le ferite partono al contrattacco, costringendo i confederati a ritirarsi in Arkansas e nel Territorio indiano.
Cooper fu attaccato il 22 ottobre dal 6° Kansas a Fort Wayne e costretto a ritirarsi, abbandonando le sua batteria. Gli unionisti continuano con i loro attacchi e nella notte tra il 23/24 ottobre nel sud/ovest, attaccano l'agenzia Wichita e proseguono massacrando la tribù Tonkawa. La lotta prosegue con la sconfitta confederata del 7 dicembre a Praire Grove in Arkansas che isolò il Territorio indiano e permise successivi assalti federali. In ultimo, il colonnello unionista William Phillips con una brigata indiana distrusse Fort Davis il 27 dicembre, e si ritirò poi nei quartieri invernali in Arkansas.

Negli accampamenti dei rifugiati indiani lealisti a Neosho - Missouri - dove gia si viveva precariamente, scoppiò il vaiolo. Il colonnello Phillips, scortò con 3.000 soldati circa mille famiglie di nativi nelle loro precedenti terre. Il 12 aprile 1863 prese Fort Gibson (o Fort Blunt) dopo aver ricacciato la guarnigione confederata oltre il fiume. Le lunghe linee di rifornimento arrivavano a 260 Km ed erano motivo di apprensione per Phillips. Non si demoralizzò più di tanto e il 25 aprile attaccò Stand Watie a Webber's Falls appena eletto capo supremo dei Cherokee pro confederati. Non potendo riuscire a radunare i suoi, a Watie non restò che fuggire.

Continua
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Confederati)

Messaggio  Generale Meade il Mer 21 Apr 2010 - 23:28

I confederati con 5.000 uomini presero a opporsi a Fort Gibson attraverso il fiume, celati nei boschi. Cooper con una sortita attraversò il fiume nella notte del 19/20 maggio e riuscì ad impadronirsi della mandria degli unionisti fuori dal forte, e puntò poi verso il forte. I ferderali reagirono armando i bastioni del forte, e Phillips invio contro i sudisti 2 RGT della guardia locale indiana rinforzati da alcuni cannoni del 3° batteria leggera del Kansas. I confederati a quel punto si ritirarono portando con se la maggior parete dei cavalli federali.

Le scaramucce proseguirono lungo la pista militare dei rifornimenti, dove Stand Watie tentò il colpo grosso contro un convoglio di 300 carri unionisti. Per fortuna di quest'ultimi, le guide indiane scoprirono il luogo dove sarebbe scattato l'agguato: Cabin Creek. Misero i carri in cerchio e si predisposero a reagire con il 2° Artiglieri del Kansas, il 1° Fanteria volontaria meticcia del Kansas e la guardia locale indiana. Attaccarono lungo il fiume con l'acqua che arrivava ai fianchi e costrinsero gli indiani confederati a desistere e a ritirarsi.

Dopo la battaglia del 17 luglio 1863 a Honey Creek (o Honey Springs), dove 3.000 unionisti con 12 cannoni si scontrarono con 4.500 confederati con 4 cannoni, sconfiggendoli, il generale Blunt inseguì i confederati che commisero l'errore di separarsi. Il 26 agosto raggiunse il deposito confederato di Perryville e disperse poi il grosso delle malridotte forze confederate. In questo contesto caotico a portare avanti la guerriglia confederata nel Territorio Indiano restava Stand Watie, che con un grosso contingente di indiani confederati a Webber's Falls, era rimasto incolume dagli ultimi scontri con i federali.

Le devastazioni con i campi bruciati e il bestiame catturato costrinse gli indiani confederati a rifugiarsi nelle regioni Chocktaw e Chickasaw o in texas nell'area del Red River. Il generale confederato Steele pagò lo scotto delle pesanti sconfitte e fu sostituito dal generale Maxey.
I nordisti intanto subirono una sanguinosa sconfitta il 6 ottobre 1863 da parte dei Quantrill's Raiders a Baxter Springs, sulla pista dei rifornimenti, appena oltre il confine col Kansas. Dopo essere stati inizialmente respinti, ai guerriglieri riuscì un agguato al generale Blunt in persona, che la scampò grazie al suo velocissimo cavallo, ma 85 dei suoi morsero la polvere, di cui 14 suonatori della banda del 3° Cavalleria Wisconsin sembra siano stati giustiziati a freddo dai guerriglieri.

Coaudiovato dai Quantrill's Raiders, Stand Watie si diede a guerreggiare intorno a Fort Gibson a metà dicembre, per poi attaccare la zona attorno Fort Smith in Arkansas. A fine mese si ritirò nel Territorio Indiano. I confederati del generale Maxey intanto si erano riavuti dalle batoste subite e si erano riorganizzati. Il 18 aprile 1864 due brigate furono inviate in Arkansas. Nello scontro di Poison Springs, si impadronirono di un convoglio di carri unionisti. Tale combattimento divenne famoso per il massacro della scorta effettuato dal 1° volontari meticci del Kansas.

Watie nel giugno rialzò ancora di più il morale dei confederati con la presa del battello a vapore J.R. Williams carico di rifornimenti per Fort Gibson con una brillante operazione. Unico neo, gli indiani si diedero al saccheggio delle abbondanti provviste e disertarono in massa per portare il bottino a casa.
L'ambizioso Cooper intanto prese il posto del generale Maxey nel comando supremo confederato. Si diresse pertanto in Arkansas dove sorprese il 27 luglio un avamposto del 6° Cavalleria Kansas a Massard Praire, ma dopo un fallito assalto il 30 luglio, si ritirò a continuare la guerriglia nel Territorio Indiano. Prese ad accanirsi con Fort Gibson ordinando alle brigate di Watie e Gano di interferire con azioni atte ad interrompere i rifornimenti necessari al forte.

Mappa di Fort Gibson del 1874

[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]

Continua


Ultima modifica di Generale Meade il Gio 22 Apr 2010 - 20:58, modificato 6 volte
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

La ACW e gli indiani delle 5 tribù civilizzate (Confederati)

Messaggio  Generale Meade il Gio 22 Apr 2010 - 18:23

Aggirato Fort Gibson con 2000 uomini e sei cannoni, il 16 settembre i confederati assalgono un distaccamento del 1° Fanteria meticcio del Kansas e del 6° Cavalleria del Kansas a Flat Rock Ford. Sentendosi perduti perchè circondati, alcuni cavalleggeri si aprirono la strada combattendo alla disperata, mentre i fanti, pur combattendo stoicamente, perirono quasi tutti. Alla fine dello scontro furono distrutte migliaia di tonnellate di fieno e una macchina agricola.
Tre giorni dopo, Watie e Gano assalirono un convoglio di carri sconfiggendone la scorta, nella seconda battaglia di Cabin Creek. Grandi quantità di materiale bellico fu così predato per equipaggiare al meglio le truppe indiane confederate come non erano mai state prima. Gli unionisti rimpiazzarono comunque le perdite subite.

La guerriglia continuò per inerzia anche dopo la resa di Lee ad Appomatox il 9 aprile 1865. Durante una scaramuccia a Snake Creek in cui restarono uccisi tre confederati il 23 aprile, gli unionisti trovarono nella posta del nemico una missiva del generale Cooper, all'oscuro della resa di Lee, che spiegava come stesse pianificando un attacco nel Missouri.

Il mese di Maggio gli indiani si incontrarono in una grande riunione a Camp Napoleon, dove in base al principio che " un indiano non verserà il sangue di un altro indiano" cercarono di unire le varie tribù. In giugno fu chiaro a tutti però che oramai la guerra era perduta e pertanto Cooper lasciò liberi i suoi indiani di negoziare la resa. Alla spicciolata gli indiani andarono ad arrendersi. Stand Watie, unico generale indiano della ACW, si arrese il 25 giugno a Doaksville, divenendo pertanto l'ultimo generale confederato a cedere le armi. Dopo di lui il 14 luglio si arrese Caddo.

Il bilancio della guerra per il Territorio Indiano e per i suoi abitanti fu catastrofico. Oltre all'orrore di combattersi le une contro le altre tribù della stessa nazione e imparentate fra loro, in una guerra civile fra fratelli dello stesso sangue, l'economia ne risentì drammaticamente. Fattorie e piantagioni furono ridotte in cenere, i raccolti furono depredati insieme al bestiame che fu in parte anche disperso. L'agenzia Wichita era stata spazzata via e la guerra aveva ridotto in miseria e in precarie condizioni di vita così tanti profughi indiani che, nonostante la fine della guerra, molti di loro continuarono a morire di stenti a migliaia.

Le fredde cifre ci dicono che a fine guerra nel Territorio Indiano il 33% della popolazione erano composto da vedove, il 16 % erano orfani di padre e il 14% erano orfani di entrambi i genitori.
Considerati come nazioni sovrane in guerra con gli USA dal governo federale, le 5 tribù civilizzate pagarono con la perdita di parte dei loro territori la sconfitta della confederazione. Territori che furono aperti ai coloni bianchi.

Fine
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Generale Meade il Lun 11 Ott 2010 - 12:23

Roch72 scrive:

Re: Cause della guerra
roch72 Oggi a 12:08 pm

.anche gli indiani erano retrogradi

________________________________________________________________________

I meridionali dai nordisti non avevano nulla da invidiare riguardo gli indiani. Erano anche loro Americani.
Vedi "Il Sentiero delle Lacrime" (cacciata dei Cherokee dagli Stati Meridionali e parte dei Seminole dalla Florida negli anni a cavallo tra il 1838/1842), gli scontri a fuoco lungo la frontiera del Sud/Ovest tra "giacche grigie" e indiani e come li manipolarono per i loro interessi nel "Territorio Indiano", facendoli combattere tra di loro.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3957
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 55

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Kash il Lun 13 Dic 2010 - 16:27

Ciao a tutti,all'inizio si dice che le brigate indiane avevano una propria bandiera, qualcuno a qualche immagine di questa o altre bandiere di reparti indiani?
avatar
Kash
Soldato
Soldato

Numero di messaggi : 6
Data d'iscrizione : 08.11.10

Vedere il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Indiani d'America nella guerra civile

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum