La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Andare in basso

La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 7 Ott 2018 - 0:02

La Rivolta del pane di Mobile
Pochi mesi dopo i fatti di Richmond, anche la città di Mobile ebbe i suoi problemi. Allo scoppio della guerra, Mobile era uno dei principali porti del Sud, la città prosperava grazie al cotone, ma nel 1863 le cose avevano preso una piega differente. Il blocco navale unionista alla baia stava facendo sentire i suoi effetti, certo alcuni violatori ancora passavano, ma erano sempre meno, con la notevole riduzione del traffico marittimo, la contea di Mobile si affidava ora alle regioni interne dell’Alabama e del Mississippi, per cibo e altri beni, come carne di maiale, farina e whisky, ma col proseguo della la guerra, tali alimenti divennero un lusso che solo le più abbienti delle famiglie potevano permettersi. Ad aggravare il tutto, il crollo del valore del dollaro confederato e il conseguente aumento dei prezzi, i casi di speculazione non si contavano più.  Nella primavera del 1862, i cittadini chiesero e ottennero una nuova legge che mirava a limitare i profitti eccessivi, vietando la costituzione di scorte di derrate alimentari da parte di aziende o individui. I cittadini di Mobile respinsero un tentativo da parte dei funzionari della città, di pagare una tassa volontaria, per rafforzare le difese della città. Mobile, una delle città più prosperose divenne ora preda della povertà, ma i suoi cittadini si adattarono presto alla situazione. I vecchi vestiti erano tinti per farli sembrare nuovi. Gli abiti fatti a mano sostituirono quelli importati. Quando l'olio per i lampioni della città si esaurì, i lavoratori lo sostituirono con pece e nodi di pino duro, ma la situazione precipitò nel settembre 1863. Diversi leader della città avevano previsto tale possibilità, data la riluttanza delle autorità confederate a ridurre i prezzi elevati e soprattutto la frequenza con la quale il cibo scarseggiava nella città portuale.
Dall'inizio della guerra, funzionari della città e privati cittadini organizzarono diversi associazioni per combattere la gravità della situazione causata dalla scarsità di cibo e per la cura delle famiglie dei soldati uccisi in battaglia. Alcuni dei più facoltosi contribuirono alla ‘’Mobile Supply Association’’, che vendette beni necessari a basso costo nel tentativo di mantenere l'inflazione nella città sotto controllo. Purtroppo nessuno di questi sforzi riuscì, già nella primavera del 1862 i prezzi di alcuni alimenti erano aumentati fino al 750% sopra il costo. Le cose peggiorarono ancora: durante l'inverno del 1862-63, il generale confederato John C. Pemberton, che era responsabile delle forze nel Mississippi e nella Louisiana orientale, emanò un ordine che proibiva il trasporto del grano al di fuori del Mississippi, uno sforzo per alleviare le carenze in quello stato, che però costò altra sofferenza allo stato dell’Alabama. Infatti il mais era diventato un alimento base per la popolazione, perché il blocco dell'Unione impediva anche il trasporto marittimo da New Orleans e la città di Mobile era direttamente interessata da questo ordine. Il sindaco della città, Robert H. Slough, e il governatore dell'Alabama, John Gill Shorter, chiesero invano a Pemberton di riconsiderare l'ordine. La reazione dei cittadini al peggioramento delle condizioni era prevedibile. Ad aprile, i giornali scrissero editoriali feroci sull'ordine di Pemberton. Volantini di fuoco erano appesi in giro per la città. Temendo una reazione più violenta, il governo confederato creò nuovi commissari in ogni stato.
Tuttavia, la penuria di cibo continuò durante l'estate del 1863. Il malcontento latente di Mobile si scatenò venerdì 4 settembre 1863. Decine di persone, la maggior parte donne, si radunarono fuori dalla città. La folla marciò su Mobile, e il numero cresceva lungo il percorso. La notizia della folla in marcia si diffuse rapidamente, e presto Dauphin Street, il centro del quartiere degli affari della città, era pieno di rivoltosi armati di asce, mattoni, martelli e scope. Le donne portavano cartelli con la scritta "Pane o Sangue" e "Pane e pace". Gli spettatori guardavano mentre le donne rompevano finestre e saccheggiavano i negozi, prendendo cibo, vestiti e altri oggetti domestici. I negozi maggiormente presi di mira durante la giornata, furono quelli dei mercanti ebrei, forse perché i rivoltosi credevano che questi commercianti fossero in qualche modo più responsabili di altri per l'alta inflazione nella città.
Il generale Dabney H. Maury, responsabile della Zona Militare di Mobile, inviò il 17° reggimento di fanteria dell’Alabama per sedare la rivolta, ma i soldati rifiutarono di intervenire. Fu inviata anche una compagnia dei Cadetti di Mobile, ma neppure loro fermarono il saccheggio. Il compito di porre fine alla sommossa cadde sulle spalle del sindaco Slough, che implorò i rivoltosi di disperdersi, promettendo di incontrarsi con i rappresentanti ed ascoltare le loro lamentele. Il sindaco in seguito si rivolse ai cittadini di Mobile tramite una lettera sul giornale della sera, chiedendo ai più ricchi di contribuire con denaro per l'acquisto di cibo e vestiario, in seguito all’appello fu creato il ‘’Special Relief Committee’’ per distribuire forniture ai cittadini più bisognosi. Sebbene la penuria di cibo continuò a tormentare Mobile, la guerra terminò senza ulteriori disordini.
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
Una raffigurazione della rivolta di Mobile.
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3386
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Messaggio  Generale Meade il Lun 8 Ott 2018 - 23:02

Complimenti!!! Un bel lavoro.

Meade
avatar
Generale Meade
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 4031
Data d'iscrizione : 14.10.09
Età : 57

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Mar 9 Ott 2018 - 18:48

Grazie generale, ma ho fatto ben poco questa volta, ho praticamente tradottto, con pochissima ricerca.

Claudio
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3386
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mar 9 Ott 2018 - 21:52

E' un episodio che non conoscevo, grazie per averlo condiviso.

Ciao,
Matteo

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2888
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

Re: La rivolta del pane a Mobile, Alabama

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum