La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Pagina 1 di 6 1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Ven 18 Set 2009 - 20:59

Questa è la discussione ufficiale per parlare delle manovre avvenute sul campo di battaglia di Gettysburg durante la "Carica di Pickett" nella giornata del 3 luglio 1863. Per discutere in modo generico della battaglia di Gettysburg o in modo più approfondito delle delle altre singole fasi dello scontro utilizzare invece le apposite discussioni riservate (oppure crearne una nuova se non esiste ancora in questo elenco):

La battaglia: La battaglia di Gettysburg: 1, 2 e 3 luglio 1863 (clicca per aprire)
Primo luglio: La battaglia di Gettysburg: primo giorno, azione del generale Buford (clicca per aprire)
Primo luglio: La battaglia di Gettysburg: primo giorno, tardo pomeriggio e sera (clicca per aprire)
Due luglio: La battaglia di Gettysburg: secondo giorno, l'attacco di Hood a Little Round Top (clicca per aprire)

Per discutere di come e perché la Confederazione decise di invadere la Pennsylvania nel 1863, delle manovre e delle scaramucce che portarono alla battaglia di Gettysburg, della condotta delle truppe e degli ufficiali durante le manovre in Pennsylvania e Marlyland, degli scontri avvenuti durante la ritirata e l'inseguimento dopo la battaglia utilizzare la seguente discussione:

La campagna di Gettysburg: L'invasione della Pennsylvania del 1863 e la campagna di Gettysburg (clicca per aprire)

Messaggio modificato dall'utente P.G.T. Beauregard (Amministratore) il 01/07/2014, ore 15:00.

- - - - - - - - - -  - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - - -

Egregi Signori Ufficiali,                                                                                                                                                                                                                               nel mio topic “di ritorno dai campi di battaglia”, ho introdotto una mia personale analisi sulla celebre Pickett’s charge.                                                                                                                                                                                                                                                  Tutti voi conoscete le forze che presero parte alla carica, le motivazioni che spinsero Lee a metterla in opera, nonché il risultato finale.                                                                                                                                                                                                                                                    Quando sono giunto di persona sulla celebre piana, la prima domanda che mi sono posto è stata: l’attacco avrebbe potuto avere successo se fosse stato sviluppato in tempi e modi diversi?                                                                                                                                                                                                                                                  Ammettiamo per un attimo che Lee la sera del 2 luglio 1863 vi abbia dato l’ordine di pianificare e guidare la carica a posto di Longstreet ; Voi come avreste agito?        
                                                                                                                                                                         
Cominciamo con l’analizzare i fattori a favore dell’attacco:                                                                                                                                                                              1) Il centro federale, nelle fasi antecedenti l’attacco, era difeso da forze inferiori rispetto a quelle schierate sulle ali e, il terreno non garantiva un particolare protezione.                                                                                                                                                                                                                                              2) La vegetazione della cresta del seminario è tutt’ora in grado di occultare anche grosse unità.                                                                                                                     Vediamo ora quali sono i fattori che invece giocavano a sfavore:                                                                                                                                                                       1) L’ampiezza della piana e la totale assenza di protezioni naturali.                                                                                                                                                                   2) Meade sospettava un attacco confederato al suo centro e informò Hancock della possibilità.                                                          .                                                                                                                                                                                  3) Quindicimila uomini erano probabilmente sufficienti a effettuare uno sfondamento, ma sicuramente insufficienti a tenere la cresta del cimitero senza opportuni rincalzi.

Analizzando questi elementi sono arrivato alla conclusione che forse la Pickett’s charge avrebbe avuto successo se fosse stata eseguita diversamente.                                                  
Personalmente suddividerei l’attacco in tre fasi:                                                                                                                                                                                       Prima Fase. Nella notte tra il 2 e il 3, schiero la divisione Pickett’s e le brigate d’appoggio a ovest della cresta del seminario. All’alba, il primo raggruppamento della riserva d’artiglieria ¹, dà inizio a un intenso fuoco di preparazione della durata di 20-30’.                                                                                                                                                                 Seconda Fase. Al termine dei 30’ le fanterie confederate, oltrepassata la cresta del seminario, danno inizio all’avanzata.                                                                                                                                                                                                                                       Terza fase. Il secondo raggruppamento della riserva d’artiglieria ² viene portata in linea per supportare l’attacco della fanteria.                                                                                                                                                                                                                                                Se sommiamo i 30’ del fuoco di preparazione ai 40’ necessari ad attraversare la piana abbiamo circa un 1h e 10-20’ contro le 2h e 10-20’ realmente impiegate.                                                                                                                                                                                                                                                Forse un attacco rapido e inaspettato, contro il centro federale, avrebbe aperto quella breccia che Lee tanto agognava; ciò non toglie però che senza opportuni rincalzi alla prima ondata, quelle posizioni sarebbero state in tenibili.

Note:
¹ Pezzi prevalentemente lisci per un tiro diretto.                                                                                                                                                                                            ² Pezzi prevalentemente rigati, come gli Howintzer, per il tiro parabolico e di controbatteria.

A Voi la parola.
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re:Pickett's charge - Discussione tattica

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Ven 18 Set 2009 - 21:27

Personalmente non credo che la vittoria sarebbe arrivata anche se Pickett avesse raggiunto l'obbiettivo. Comunque, forse credo che invece di 15000 ne avrei cercato qualcuno in piu' per arrivare ad almeno 18-20000 uomini lanciati all'attacco, ma in 2 ondate molto ravvicinate nel tempo. Se la prima, come successe, arrivò in condizione misere davanti ai trinceramenti unionisti, forse una seconda subito dietro non avrebbe dato tempo ai nordisti di riorganizzarsi.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3274
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Sab 19 Set 2009 - 0:11

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Personalmente non credo che la vittoria sarebbe arrivata anche se Pickett avesse raggiunto l'obbiettivo. Comunque, forse credo che invece di 15000 ne avrei cercato qualcuno in piu' per arrivare ad almeno 18-20000 uomini lanciati all'attacco, ma in 2 ondate molto ravvicinate nel tempo. Se la prima, come successe, arrivò in condizione misere davanti ai trinceramenti unionisti, forse una seconda subito dietro non avrebbe dato tempo ai nordisti di riorganizzarsi.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis

Generale Cheatham condivido in pieno la possibilità di sviluppare l'attacco in un due ondate.
Che ne pensa invece dell'idea di frazionare la riserva d'artiglieria in due raggruppamenti?
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pickett's charge - Discussione tattica

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Sab 19 Set 2009 - 1:00

L'artiglieria in due diversi gruppi è una valida idea, l'importante è procurare seri danni al nemico, cosa che non successe quel giorno di luglio.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3274
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Sab 19 Set 2009 - 10:43

personalmente sono d'accordo sia con cheatham che con simone. due ondate di fanteria avrebbero magari garantito di tenere le posizioni appena conquistate, considerando anche il fatto che i difensori della posizione non erano tanto numerosi. un "nocciolo" della questione stà nell'efficacia del bombardamento. non ebbe l'efficacia distruttiva sperata da lee. non sò se fatto in due tempi sarebbe potuto essere più efficace. comunque leggendo il libro del ns jackson, sono del parere che qualche cosa durante quella carica non andò per il verso giusto:

1) il generale meade appena arrivato nella zona, a battaglia praticamente finita, chiese al tenente haskell come era la situazione. alla risposta del tenente che l'attacco era stato completamente bloccato, meade rimase sorpreso. non si aspettava neppure lui "tanta grazia di dio !".

2) un colonnello confederato fatto prigioniero, mentre traversava le linee per essere convogliato nelle retrovie notando il numero delle forze unioniste in quel settore, esclamò un "puah" in segno di disprezzo credo e di delusione per un occasione mancata. teniamo presente che si trattava di un colonnello e non di un soldato semplice, quindi c'è da presumere che la sua valutazione della situazione possa essere stata abbastanza corrispondente alla realtà, al di là della delusione per l'attacco fallito.

questi due episodi mi hanno messo qualche pulce nell'orecchio....

ciao
lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Sab 19 Set 2009 - 17:13

La scelta di suddividere la riserva d’artiglieria poggia sulle seguenti motivazioni:
1) L’enorme concentrazione di bocche da fuoco mise in preallarme i federali e soprattutto non produsse gli effetti desiderati.
2) Dopo un 1h e 30’ il Colonnello Alexander lamentava la drastica riduzione delle munizioni nei propri cassoni.
Il primo raggruppamento avrebbe avuto la funzione di sorprendere e sconquassare le forze federali il tempo sufficiente (30’) a consentire alle fanterie di schierarsi nella piana. A questo punto il secondo raggruppamento, fresco e carico di munizioni, avrebbe appoggiato l’avanzata della fanteria. Come tutti Voi sapete il Generale Hunt, durante il bombardamento iniziale, ritirò progressivamente un certo numero di pezzi in modo da poterli impiegare più efficacemente contro le fanterie. Anche ammettendo che Hunter riproponesse la manovra, stavolta i suoi pezzi sarebbero stati oggetto del fuoco di controbatteria del secondo raggruppamento. Alla fine Hunt avrebbe dovuto optare per una delle tre scelte: - concentrarsi sui pezzi confederati; - concentrarsi sulle fanterie avanzanti; - dividere le sue batterie per rispondere ad entrambe le minacce. Probabilmente si sarebbe concentrato su Pickett, stavolta protetto da un discreto fuoco di copertura.

Ricordate gli assalti alla baionetta della WWI, preceduti da prolungati ed estenuanti bombardamenti di preparazione? Spesso inconcludenti dal punto di vista tattico e dispendiosi dal punto di vista umano ed economico.
Assalti rapidi e aggressivi, preceduti da celeri ed intensi bombardamenti, possono, a mio modesto avviso, dare ottimi risultati.

P.S. Vi confesso che per tale operazione la Divisione Hood sarebbe stata più che idonea (magari come seconda ondata dietro le spalle di Pickett), peccato che il 3 luglio non era messa poi tanto bene.


Ultima modifica di Simone Silvestri il Dom 20 Set 2009 - 0:40, modificato 1 volta
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Sab 19 Set 2009 - 18:53

caro simone,
teoricamente trovo la tua opzione valida. il problema stà tutto, per me, nella rapidità dell'esecuzione. i tempi degli attacchi fulminei "alla tedesca" diciamo, non erano maturi. se ben ricordo a spotsylvania l'anno dopo su idea del colonello (mi pare) emory upton fù tentato un qualcosa di simile, ma dopo il successo iniziale, mancando l'addestramento e l'abilità per una simile tattica, l'attacco s'impantanò è fallì. riproposto poi sempre dai nordisti in scala maggiore fù un fallimento. ritornando alla pickett charge ribadisco che la sorpresa di meade nell'apprendere che l'attacco era stato completamente respinto, mi dà da pensare. nei primi due giorni le linee nordiste avevano vacillato di brutto ma in qualche modo avevano tenuto, secondo ap zanelli nel suo libro, il terzo giorno nelle menti dei nordisti, c'era la convinzione che non sarebbero riusciti a respingere una nuova offensiva. secondo me ci fù qualche sbaglio, ma non riesco a capire quale, magari era proprio la tua soluzione la panacea adatta.

lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica.... con un pizzico di polemica !!!

Messaggio  R.E.Lee il Sab 19 Set 2009 - 19:21

caro simone,
stasera sono in vena e proseguo nel concetto finale del mio post precedente: secondo me, ai fini di ipotesi e valutazioni finali sulla carica di pickett, il mitico film "gettysburg", può darsi che abbia un pò annacquato le ns riflessioni e valutazioni. mi spiego meglio: tale film è tratto dal libro "the killer angels" che a sua volta è ispirato all'opera "from manassass to appomattox" scritta dal generale longstreet. il motivo principale per cui longstreet scrisse questo libro, fù per rispondere alle accuse dei seguaci della "lost cause" che lo additarono, come ho già scritto nel topic apposito, come il maggior responsabile della sconfitta di gettysburg.
le maggiori responsabilità di cui lo accusarono risalgono, ad onor del vero, al secondo giorno. non sarà stato lui il responsabile principale, forse, ma magari qualche "cosina", nel libro, riguardo anche alla carica di pickett, per pararsi "il sedere" ce la può avere tenuta nascosta ad arte..... che cosa ne pensi/ate ? è possibile o sono stato un pò troppo cattivo nei confronti del grande longstreet ??


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Dom 20 Set 2009 - 0:39

R.E.Lee ha scritto:caro simone,
stasera sono in vena e proseguo nel concetto finale del mio post precedente: secondo me, ai fini di ipotesi e valutazioni finali sulla carica di pickett, il mitico film "gettysburg", può darsi che abbia un pò annacquato le ns riflessioni e valutazioni. mi spiego meglio: tale film è tratto dal libro "the killer angels" che a sua volta è ispirato all'opera "from manassass to appomattox" scritta dal generale longstreet. il motivo principale per cui longstreet scrisse questo libro, fù per rispondere alle accuse dei seguaci della "lost cause" che lo additarono, come ho già scritto nel topic apposito, come il maggior responsabile della sconfitta di gettysburg.
le maggiori responsabilità di cui lo accusarono risalgono, ad onor del vero, al secondo giorno. non sarà stato lui il responsabile principale, forse, ma magari qualche "cosina", nel libro, riguardo anche alla carica di pickett, per pararsi "il sedere" ce la può avere tenuta nascosta ad arte..... che cosa ne pensi/ate ? è possibile o sono stato un pò troppo cattivo nei confronti del grande longstreet ??


lee
Domanda interessante.
Condivido la tua stessa opinione sul film "Gettysburg" e, anche se volessi condurre un ricerca in proposito, non avrei materiale sufficiente.
Lee ne fu l'ideatore, Longstreet l'esecutore. Troppo facile accusare l'uno e discolpare l'altro senza prove certe.
L'unico modo per poter identificare il/i responsabile/i è individuare la radice dell'errore.

Caro Lee, sai per caso se quel colonnello confederato, catturato al termine della carica, abbia rilasciato qualche testimonianza scritta?
Qualcuno del forum conosce la testimonianza scritta di qualche ufficiale sopravvissuto alla carica?
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Giancarlo il Dom 20 Set 2009 - 10:45

Sempre ragionando nella sfera del "se e del ma". Sarebbe stato interessante immaginare cosa sarebbe successo se l'attacco confederato alla collina avesse avuto successo. Gli unionisti si sarebbero ritirati o avrebbero contrattaccato? Avevano il 6° corpo d'armata di Sedgwick integro al 95% (era il più numeroso). Per me Meade avrebbe contrattaccato in forze, ma i confederati se la sarebbero giocata....
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 56
Località : Ferrara

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Dom 20 Set 2009 - 10:56

Giancarlo ha scritto:Sempre ragionando nella sfera del "se e del ma". Sarebbe stato interessante immaginare cosa sarebbe successo se l'attacco confederato alla collina avesse avuto successo. Gli unionisti si sarebbero ritirati o avrebbero contrattaccato? Avevano il 6° corpo d'armata di Sedgwick integro al 95% (era il più numeroso). Per me Meade avrebbe contrattaccato in forze, ma i confederati se la sarebbero giocata....

Concordo!
Se Pickett fosse riuscito a sfondare il centro, i federali sarebbero satati costretti a contrattaccare pena l'aggiramento di una delle due ali. Probabilmente il VI° C. d'Armata sarebbe andato bene, a patto che il suo intervento fosse repentino.
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Dom 20 Set 2009 - 10:56

Un'altra domanda agli addetti ai lavori Smile : se Lee avesse conosciuto la reale consistenza numerica del nemico, avrebbe ordinato comunque l'esecuzione della carica?
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Pickett's charge - Discussione tattica

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Dom 20 Set 2009 - 11:03

Ci addentriamo sempre più nel campo delle ipotesi, però credo che Lee fosse talmente convinto di farcela che ci avrebbe provato comunque.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3274
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Dom 20 Set 2009 - 18:25

simone silvestri ha scritto:
"...Caro Lee, sai per caso se quel colonnello confederato, catturato al termine della carica, abbia rilasciato qualche testimonianza scritta?"


caro simone, non ne ho proprio idea. ho tratto l'informazione dal libro "gettysburg" del ns giuseppe rufino.
spero che il ns jackson ci venga in aiuto.


ciao
lee


Ultima modifica di R.E.Lee il Lun 21 Set 2009 - 10:11, modificato 1 volta
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Attenzione !

Messaggio  R.E.Lee il Dom 20 Set 2009 - 18:51

cari amici,
il topic aperto dal ns simone è interessantissimo ma, cerchiamo di non addentrarci troppo nel campo dei "se". anche se, sono il primo a riconoscerlo, l'argomento cavalca una linea sottile che può portarci, senza volerlo, fuori/topic. comunque dobbiamo riuscire a non fuoriviare, io per primo...ovvio!


ciao
lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Lun 21 Set 2009 - 21:33

Simone Silvestri ha scritto:
Caro Lee, sai per caso se quel colonnello confederato, catturato al termine della carica, abbia rilasciato qualche testimonianza scritta?
Qualcuno del forum conosce la testimonianza scritta di qualche ufficiale sopravvissuto alla carica?

Ho questo e più che atro rapporti ufficiali che si trovano negli OR.

Il maggiore John Timberlake, del 3rd Virginia, scrisse:
"Dopo che fui catturato e fui condotto verso le retrovie nemiche, passai davanti al generale Patrick, il comandante federale della polizia militare, che distinse il mio grado guardando la stella sul mio colletto e che ordinò ad una guardia di condurmi da lui. Rivolgendosi a me con il mio grado mi disse: "Ho sentito maggiore, che il generale Pickett è morto"; gli risposi "No signore, il generale Pickett è vivo". Allora egli disse "ancora pochi uomini maggiore, e avreste conquistato la vostra indipendenza proprio qui." Gli risposi dicendo "Si generale, e qui l'abbiamo persa".

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2807
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Mar 22 Set 2009 - 0:10

P.G.T. Beauregard ha scritto:
Simone Silvestri ha scritto:
Caro Lee, sai per caso se quel colonnello confederato, catturato al termine della carica, abbia rilasciato qualche testimonianza scritta?
Qualcuno del forum conosce la testimonianza scritta di qualche ufficiale sopravvissuto alla carica?

Ho questo e più che atro rapporti ufficiali che si trovano negli OR.

Il maggiore John Timberlake, del 3rd Virginia, scrisse:
"Dopo che fui catturato e fui condotto verso le retrovie nemiche, passai davanti al generale Patrick, il comandante federale della polizia militare, che distinse il mio grado guardando la stella sul mio colletto e che ordinò ad una guardia di condurmi da lui. Rivolgendosi a me con il mio grado mi disse: "Ho sentito maggiore, che il generale Pickett è morto"; gli risposi "No signore, il generale Pickett è vivo". Allora egli disse "ancora pochi uomini maggiore, e avreste conquistato la vostra indipendenza proprio qui." Gli risposi dicendo "Si generale, e qui l'abbiamo persa".

Ciao,
Beauregard

Grazie Beauregard!

Da questo rapporto, si evince il timore dei federale che i confederati stessero per riuscire nel loro intento.
Sarebbe interessante conoscere i rapporti stilati dal colonello Alexander e dai suoi subordinati.
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Mar 22 Set 2009 - 10:28

P.G.T. Beauregard ha scritto:
Simone Silvestri ha scritto:
Caro Lee, sai per caso se quel colonnello confederato, catturato al termine della carica, abbia rilasciato qualche testimonianza scritta?
Qualcuno del forum conosce la testimonianza scritta di qualche ufficiale sopravvissuto alla carica?

Ho questo e più che atro rapporti ufficiali che si trovano negli OR.

Il maggiore John Timberlake, del 3rd Virginia, scrisse:
"Dopo che fui catturato e fui condotto verso le retrovie nemiche, passai davanti al generale Patrick, il comandante federale della polizia militare, che distinse il mio grado guardando la stella sul mio colletto e che ordinò ad una guardia di condurmi da lui. Rivolgendosi a me con il mio grado mi disse: "Ho sentito maggiore, che il generale Pickett è morto"; gli risposi "No signore, il generale Pickett è vivo". Allora egli disse "ancora pochi uomini maggiore, e avreste conquistato la vostra indipendenza proprio qui." Gli risposi dicendo "Si generale, e qui l'abbiamo persa".

Ciao,
Beauregard


grande beauregard,
documento veramente interessante. chissà se tu o qualche altro utente riuscirete a scovarne qualcun altro a confutazione di questo. perchè intanto, a mio modesto parere, qualche tesserina del "mosaico" stà andando a posto! se davvero ci mancò così poco perchè la carica andasse a buon fine, tutto ciò smonterebbe le accuse di longstreet fatte attraverso le sue lettere ed il suo libro, in cui descrive leggendo frà le righe (...ma nemmeno tanto fra di esse...), che il gen. lee, quando ordinò tale carica, era temporeanamente quasi "incapace di intendere e di volere", in preda ad una esaltazione che ne annebbiò la corretta visione sul da farsi, ordinando quella carica quasi suicida. probabilmente il gen. lee era consapevole e ben lucido su quello che voleva che venisse fatto...quindi ipotizzo io....se i confederati ci andarono così vicino, senza qualche probabile sbaglio nell'applicazione di tale carica l'operazione, chiamamola così, poteva andare a buon fine. ricordo che ho trovato e postato testimonianze che ,vista dalla parte dei nordisti, c'era il concreto timore che il famigerato terzo giorno le loro linee non avrebbero tenuto. chi sbagliò (se qualcuno sbagliò) ed in che cosa ? non vorrei sollevare un polverone senza avere delle prove concrete però, andando a ritroso, il gen. longstreet durante la battaglia di "seven pines", commise un grave errore e per "pararsi il sedere", scaricò la colpa su un altro generale (huger). quanto meno era recidivo....che cosa nè pensate ? ho osato un pò troppo ? può darsi, ma come recita il famoso adagio: " chi ha paura, non và alla guerra !!". ( mi sembra un motto in pieno "tema!")


lee


ps: non ho la pretesa nè la presunzione di sostituirmi ad illustri storici che per oltre un secolo hanno studiato tale carica in ogni sua sfaccettatura, ma mi sembra interessante che anche noi ci ragioniamo un pò sù......il forum serve anche a questo, no..? Smile
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Mer 23 Set 2009 - 1:00

Caro Lee,
io credo che il forum serva soprattutto a questo. Lo scambio continuo di idee, giuste o sbagliate che siano, personalmente migliorano quella che è la visione complessiva degli eventi.

Ritornando all’argomento, credo che il nostro Lee abbia avanzato un quesito di non poca importanza. Come tutti sappiamo la Carica fu ideata da Lee, ma Longstreet ne fu l’ideatore; entrambi avevano un ruolo di responsabilità in questa manovra, ma ciascuno vi confidava in maniera differente, o almeno così si è detto a fatti compiuti.
Le domande che a questo punto mi/vi pongo sono due:
1) Poiché non mancò il coraggio, la carica fallì per un errore tecnico?
2) E se si, a chi si deve attribuire la responsabilità?
Come già ho detto credo che un eventuale errore sia da rintracciare nell’impiego dell’artiglieria, ma per quanto concerne la responsabilità non saprei.
Vi risulta che Longstreet, prima della carica, ricevette la visita di un ten.colonnello inglese alla cui eccitazione, per l’imminente attacco, riferì quale sarebbe stato l’esito dello scontro?
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 23 Set 2009 - 2:25

Dal diario del tenente-colonello Arthur J.L. Fremantle:
"4 Luglio - ... Alle 14:00 ci siamo incamminati verso l'accampamento del generale Longstreet, che era stato spostato a 3 miglia di distanza, sulla strada di Fairfield. Il generale mi ha parlato a lungo della battaglia. Mi ha detto che l'errore che hanno commesso è stato quello di non concentrare l'armata, e compiere l'assalto ieri con 15.000 uomini invece di 30.000. L'avanzata è stata su tre linee e le truppe del corpo di Hill che hanno aperto la strada erano giovani soldati, mai stati sotto il fuoco precedentemente."

Domani dovrei riuscire a inserire uno spezzone tratto dalle memorie del colonnello E.P. Alexander.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2807
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Mer 23 Set 2009 - 11:50

P.G.T. Beauregard ha scritto:Dal diario del tenente-colonello Arthur J.L. Fremantle:
"4 Luglio - ... Alle 14:00 ci siamo incamminati verso l'accampamento del generale Longstreet, che era stato spostato a 3 miglia di distanza, sulla strada di Fairfield. Il generale mi ha parlato a lungo della battaglia. Mi ha detto che l'errore che hanno commesso è stato quello di non concentrare l'armata, e compiere l'assalto ieri con 15.000 uomini invece di 30.000. L'avanzata è stata su tre linee e le truppe del corpo di Hill che hanno aperto la strada erano giovani soldati, mai stati sotto il fuoco precedentemente."

Domani dovrei riuscire a inserire uno spezzone tratto dalle memorie del colonnello E.P. Alexander.

Ciao,
Beauregard

nell'attesa, a questo punto quasi spasmodica, sullo spezzone delle memorie del col. (futuro generale) alexander, leggendo quanto sopra riferitoci da beauregard, mi vengono in mente alcune considerazioni:

1) longstreet si lamentò con il col. fremantle di avere avuto pochi uomini a disposizione per effettuare la carica ma, nel film e neppure nel libro "gettysburg" del ns jackson, mi risulta che abbia mai richiesto con maggior decisione a lee più uomini. si è lamentato con lee che: "15.000 uomini non sarebbero bastati per prendere quella posizione", perchè non fece esplicita richiesta più "vigorosa" a lee per avere più uomini se davvero era convinto che il numero degli uomini assegnati fosse insufficente?

2) magari altri 15.000 uomini lee non poteva trovarglieli ma, sempre leggendo il libro di jackson, tanto per fare un esempio, due brigate fresche che si trovavano sul posto, posey e mahone, non furono fatte entrare in combattimento. presumo che anche qualche altra brigata la si poteva raggranellare. invece che fare il menagramo in anticipo, longstreet non poteva insistere più vigorosamente con lee se era convinto del fatto suo?

3) è stato sempre affermato che a gettysburg l'ANV perse il fior fiore delle sue truppe: veterani scelti non rimpiazzabili, ora viene fuori, che le truppe di hill che aprivano la strada alla carica, erano poco più che "matricole" !

mi sembra che già stiano "venendo al pettine" diverse "ritrose" !!

lee


Ultima modifica di R.E.Lee il Mer 23 Set 2009 - 15:26, modificato 1 volta
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Mer 23 Set 2009 - 12:14

Dal punto di vista tattico non mi meraviglia più di tanto se un paio di brigate siano state tenute di riserva per impedire un contrattacco, in caso di fallimento; ciò che mi meraviglia di più è l'eventuale impiego di reclute.
Io non so se una parte delle truppe impiegate nella carica fossero delle "matricole", ma mi sembra strano che Lee le abbia impiegate.
Mi spiego.
Lee sapeva che la carica avrebbe deciso le sorti dello scontro e nei suoi uomini, nonchè in Longstreet, riponeva la massima fiducia.
Secondo voi è plausibile che un uomo così esperto affidi le sorti di una tale manovra a soldati così inesperti?
Non solo, perchè Longstreet nel suo "tentativo di discolparsi" non accenna alle reclute?

Credo che qualcosa non quadri.
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Mer 23 Set 2009 - 12:30

Simone Silvestri ha scritto:Dal punto di vista tattico non mi meraviglia più di tanto se un paio di brigate siano state tenute di riserva per impedire un contrattacco, in caso di fallimento; ciò che mi meraviglia di più è l'eventuale impiego di reclute.
Io non so se una parte delle truppe impiegate nella carica fossero delle "matricole", ma mi sembra strano che Lee le abbia impiegate.
Mi spiego.
Lee sapeva che la carica avrebbe deciso le sorti dello scontro e nei suoi uomini, nonchè in Longstreet, riponeva la massima fiducia.
Secondo voi è plausibile che un uomo così esperto affidi le sorti di una tale manovra a soldati così inesperti?
Non solo, perchè Longstreet nel suo "tentativo di discolparsi" non accenna alle reclute?

Credo che qualcosa non quadri.

caro simone,
che due brigate vengano tenute di riserva, non sorprende neppure me, anzi. quello che volevo dire è che visto che sul posto ce ne erano due già pronte e fresche(posey e mahone), magari in tutto lo schieramento ce n'era qualcun altra impiegabile e che avrebbe fatto comodo usare. oltretutto vennero mandate all'attacco alcune brigate che già avevano combattutto duramente in precedenza, quelle della ex divisione heth, 36 ore prima non prorprio immediatamente, ma che avevano subito delle perdite notevoli, non sarebbe stato meglio usare quelle come riserva (almeno due di esse) ed usare quelle di posey e mahone che pergiunta erano fresche, per l'attacco?
sembra strano anche a me che siano state usate delle "matricole", ma questo è quanto afferma fremantle dopo il colloquio con longstreet.....vedremo se verrà fuori qualche altro documento o precisazione.
anche a me sembra che la faccenda si stia facendo sempre più interessante....


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Simone Silvestri il Mer 23 Set 2009 - 17:49

R.E.Lee ha scritto:
Simone Silvestri ha scritto:Dal punto di vista tattico non mi meraviglia più di tanto se un paio di brigate siano state tenute di riserva per impedire un contrattacco, in caso di fallimento; ciò che mi meraviglia di più è l'eventuale impiego di reclute.
Io non so se una parte delle truppe impiegate nella carica fossero delle "matricole", ma mi sembra strano che Lee le abbia impiegate.
Mi spiego.
Lee sapeva che la carica avrebbe deciso le sorti dello scontro e nei suoi uomini, nonchè in Longstreet, riponeva la massima fiducia.
Secondo voi è plausibile che un uomo così esperto affidi le sorti di una tale manovra a soldati così inesperti?
Non solo, perchè Longstreet nel suo "tentativo di discolparsi" non accenna alle reclute?

Credo che qualcosa non quadri.

caro simone,
che due brigate vengano tenute di riserva, non sorprende neppure me, anzi. quello che volevo dire è che visto che sul posto ce ne erano due già pronte e fresche(posey e mahone), magari in tutto lo schieramento ce n'era qualcun altra impiegabile e che avrebbe fatto comodo usare. oltretutto vennero mandate all'attacco alcune brigate che già avevano combattutto duramente in precedenza, quelle della ex divisione heth, 36 ore prima non prorprio immediatamente, ma che avevano subito delle perdite notevoli, non sarebbe stato meglio usare quelle come riserva (almeno due di esse) ed usare quelle di posey e mahone che pergiunta erano fresche, per l'attacco?
sembra strano anche a me che siano state usate delle "matricole", ma questo è quanto afferma fremantle dopo il colloquio con longstreet.....vedremo se verrà fuori qualche altro documento o precisazione.
anche a me sembra che la faccenda si stia facendo sempre più interessante....


lee

Concordo con te, personalmente non capisco perchè Lee non impiegò le brigate Posey e Mahone. Un'azione del genere richiedeva truppe fresche e ranghi pieni.
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 35
Località : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

pickett's charge-discussione tattica

Messaggio  R.E.Lee il Mer 23 Set 2009 - 17:57

c'è un altra questione che non andrebbe taciuta riguardo alla pickett charge. i famosi 15.000 uomini divisi in 9 brigate delle divisioni, pickett, pettigrew e pender, costituivano la massa d'urto vera e propria. se fossero riusciti a sfondare o far una breccia sufficentemente larga, vi erano le restanti brigate della divisione pender, anderson e la divisione rodes pronte a gettarsi nella breccia. quindi le truppe a disposizione globalmente per l'attacco erano, in realtà, molte di più.


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3964
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 56
Località : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: La battaglia di Gettysburg: terzo giorno, la carica di Pickett - Discussione tattica

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Pagina 1 di 6 1, 2, 3, 4, 5, 6  Seguente

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum