Il piano Anaconda

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Andare in basso

Il piano Anaconda

Messaggio  Yamato-Stuart il Ven 21 Nov 2008 - 21:20

Cosa ne pensate del piano ideato dal generale in capo Winfield Scott denominato Anaconda? piano che f¨ deriso da tutti gli "strateghi" nordisti perchŔ considerato "passivo" e troppo lungo da attuare?
Ma che forse ha preso forma proprio verso la fine della guerra............
avatar
Yamato-Stuart
Tenente
Tenente

Numero di messaggi : 156
Data d'iscrizione : 20.09.08
LocalitÓ : MB

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Scott

Messaggio  Ospite il Ven 21 Nov 2008 - 21:32

Non era per niente male,il grosso problema era la mancanza di effettivi e dei mezzi per realizzarlo,nel '64 c'erano gli uni e gli altri,ma le cose non sono andate come avrebbe voluto Grant,il che allung˛ la guerra di un altro anno.

Ospite
Ospite


Tornare in alto Andare in basso

Piano anaconda

Messaggio  Capt. Patrick M.Griffin il Ven 21 Nov 2008 - 21:47

Potreste spiegarmi in cosa consisteva? Un grazie come sempre....

Maggiore Valerio Like a Star @ heaven
avatar
Capt. Patrick M.Griffin
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 207
Data d'iscrizione : 31.10.08
EtÓ : 30
LocalitÓ : Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  forrest il Sab 22 Nov 2008 - 0:56

Essenzialmente il Piano Anaconda consisteva in una doppia,anzi,in una tripla offensiva che avrebbe dovuto"stritolare"il Sud.Da qui il nome "Anaconda".Per essere + precisi ,il Piano prevedeva 3 direttrici d'attacco:una di queste direttrici prevedeva la conquista e il controllo del corso del fiume Mississippi,allo scopo di tagliare in 2 la Confederazione,e al contempo proteggere il fianco destro della seconda direttrice d'attacco,che prevedeva un'avanzata che partendo dal Kentucky avrebbe douto attraversare il Tennesse e quindi aggirare i Monti Appalachi passando da Chattanooga.La terza direttrice d'attacco prevedeva un 'offensiva sulla costa atlantica,nel corridoio compreso tra l'Oceano e gli Appalachi.Parte integrante di questo piano era il blocco navale,che avrebbe dovuto interrompere ogni contatto tra la Confederazione e l'Europa.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Lun 24 Nov 2008 - 18:47

Fu un fallimento perchŔ nel 1861 e 1862 era quasi inattuabile, sopratutto perchŔ mancavano i mezzi per costituire il blocco sia come numero che come tecnologia. Alla fine della guerra divenne pi¨ doloroso per il sud ma la CS Navy riusciva ancora a mandare navi in giro per gli oceani di tutto il mondo e fare danni e a portare ossigeno alla nazione. Se la guerra fosse durata ancora un po forse avrebbe perso molta efficacia se i sottomarini fossero stati sviluppati oltre al livello dell'H.L. Hunley.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2808
Data d'iscrizione : 02.09.08

Vedi il profilo dell'utente http://www.storiamilitare.altervista.org

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  George H. Thomas il Mar 16 Dic 2008 - 13:35

Beauregard ha scritto:Fu un fallimento perchŔ nel 1861 e 1862 era quasi inattuabile, sopratutto perchŔ mancavano i mezzi per costituire il blocco sia come numero che come tecnologia. Alla fine della guerra divenne pi¨ doloroso per il sud ma la CS Navy riusciva ancora a mandare navi in giro per gli oceani di tutto il mondo e fare danni e a portare ossigeno alla nazione. Se la guerra fosse durata ancora un po forse avrebbe perso molta efficacia se i sottomarini fossero stati sviluppati oltre al livello dell'H.L. Hunley.

Ciao,
Beauregard

Il blocco navale non ebbe un completo successo, anche perchŔ la Marina Unionista doveva controllare una larghissima linea di costa, e era previsto che tutte le navi partecipanti al blocco dovessero essere a vapore (per ovvie ragioni), il che poneva problemi di autonomia. Circa tre quarti dei tentativi di forzare il blocco riuscirono, ma bisogna tenere conto che le navi che riuscivano a passare erano costruite per essere veloci, a discapito della capacitÓ di carico. E il governo confederato, per l'impossibilitÓ di esportare i suoi prodotti, era giÓ in serie difficoltÓ finanziarie nel 1862, e andando avanti la situazione Ŕ molto peggiorata. Inutile ricordare che il denaro Ŕ indispensabile da sempre per condurre una guerra : meno denaro significa malcontento per gli uomini mai pagati, rallentamento di progressi tecnici e della produzione (giÓ molto inferiore a quella del Nord).
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
EtÓ : 29
LocalitÓ : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

il piano anaconda

Messaggio  R.E.Lee il Sab 3 Gen 2009 - 12:32

il piano anaconda f¨ deriso anche perchŔ, proprio coloro che lo derisero, non si rendevano ancora conto delle proporzioni che avrebbe assunto la guerra.
quasi tutti pensavano al nord ma anche al sud, che la guerra sarebbe stata questione di pochi mesi, qualche battaglia e via.
first manassas spazz˛ via drammaticamente queste convinzioni.
il problema che subentr˛, f¨, che completamente spiazzate dagli eventi, nessuna delle due parti aveva la idee chiare sul COME vincere la guerra.
le cose si sarebbero fatte pi¨ chiare in seguito a prezzo di tantissimo sangue versato...
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3973
Data d'iscrizione : 02.12.08
EtÓ : 56
LocalitÓ : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  George H. Thomas il Mar 13 Gen 2009 - 16:08

R.E.Lee ha scritto:il piano anaconda f¨ deriso anche perchŔ, proprio coloro che lo derisero, non si rendevano ancora conto delle proporzioni che avrebbe assunto la guerra.
quasi tutti pensavano al nord ma anche al sud, che la guerra sarebbe stata questione di pochi mesi, qualche battaglia e via.
first manassas spazz˛ via drammaticamente queste convinzioni.
il problema che subentr˛, f¨, che completamente spiazzate dagli eventi, nessuna delle due parti aveva la idee chiare sul COME vincere la guerra.
le cose si sarebbero fatte pi¨ chiare in seguito a prezzo di tantissimo sangue versato...

Sono assolutamente d'accordo con te. Molto spesso, e non solo in questa occasione, i dirigenti vennero sorpresi dagli avvenimenti, pi¨ che controllarli. Scott fu l'unico che propose un piano unificato per schiacciare il Sud, ma dopo praticamente ogni suo successore non fece che ordinare singole offensive prive di un piano unico. Solo Grant alla fine decise che la guerra sarebbe stata decisa dalla spinta di Sherman in Georgia e dall'assedio di Richmond e Petersburg da parte di Meade (che rimase comandante dell'Armata del Potomac anche sotto Grant, bisogna ricordare).
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
EtÓ : 29
LocalitÓ : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

il piano anaconda

Messaggio  R.E.Lee il Gio 2 Lug 2009 - 11:46

Un saluto a tutti i fruitori del forum confederati e(purtroppo per loro non) unionisti,Ŕ palese che Lincon fosse preoccupato di perdere alcuni stati del sud ,considerato poi un sicuramente effetto domino allargato agl'indecisi,e quindi avesse giÓ studiato le contromisure per impedire ci˛.Lincon sapeva bene quello che faceva ,anche se non "come" farlo,altrimenti non si spiegherebbe il piano Anaconda di Scott,tardivamente attuato ,solo perchŔ pi¨ laborioso e pi¨ lungo da attuare,rispetto ad una gita fuoriporta fino alla capitale(nostra s'intende).Purtroppo mi unisco al coro dicendo che se anche non avessimo sparato, la guerra in un modo o nell'altro sarebbe scoppiata.Un saluto,DSLC!

caro fabrizio,
mi sposto su questo topic che Ŕ il pi¨ indicato. nel 1861 anche a volere, il piano anaconda era irrealizzabile, come dice il ns jackson mancavano uomini e mezzi ed organizzazione logistica per attuarlo. in poche parole : mancava tutto !!!!

lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3973
Data d'iscrizione : 02.12.08
EtÓ : 56
LocalitÓ : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  Simone Silvestri il Gio 2 Lug 2009 - 16:58

Concordo con Lee e con tutti gli altri Ufficiali.
Il piano Anaconda era un piano ben ideato, ma nel 1861-62 i tempi non erano ancora maturi per la sua attuazione.
Non c'Ŕ che dire, il tempo diede raggione al generale Scott!
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
EtÓ : 35
LocalitÓ : Napoli

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  a.carlucci5 il Sab 22 Mag 2010 - 14:54

Il Piano Anaconda Ŕ stato descritto con parallelismo al secondo conflitto mondiale in un articolo su SIGNAL edizione italiana datato novembre o dicembre 1944. Se riesco a rintracciare il numero, regalato in occasione di un compleanno a un conoscente, cercher˛ di fare un pdf da postare.

a.carlucci5
Caporale
Caporale

Numero di messaggi : 17
Data d'iscrizione : 27.04.10

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  George H. Thomas il Gio 23 Set 2010 - 19:13

Simone Silvestri ha scritto:Concordo con Lee e con tutti gli altri Ufficiali.
Il piano Anaconda era un piano ben ideato, ma nel 1861-62 i tempi non erano ancora maturi per la sua attuazione.
Non c'Ŕ che dire, il tempo diede raggione al generale Scott!

Devo sottolineare una cosa : il generale Winfield Scott apparteneva, come il mio omonimo, al gruppo di ufficiali provenienti dal Sud (nel suo caso, dalla Virginia), che rimasero nelle forze armate unioniste. Quindi, un sudista ha contribuito a forgiare il piano che avrebbe aiutato a mettere la Confederazione in ginocchio. L'ironia delle guerre civili...

George Thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
EtÓ : 29
LocalitÓ : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  R.E.Lee il Gio 23 Set 2010 - 19:27

Giusta osservazione caro Thomas !!! Smile
Le potremmo ribattezzare : "Guerre Incivili", non trovi ?


Lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3973
Data d'iscrizione : 02.12.08
EtÓ : 56
LocalitÓ : Montevarchi / Torino

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  George H. Thomas il Gio 23 Set 2010 - 19:29

R.E.Lee ha scritto:Giusta osservazione caro Thomas !!! Smile
Le potremmo ribattezzare : "Guerre Incivili", non trovi ?


Lee

Caro Lee, non potrei essere pi¨ in accordo!

George thomas
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
EtÓ : 29
LocalitÓ : Camporosso (IM)

Vedi il profilo dell'utente

Tornare in alto Andare in basso

Re: Il piano Anaconda

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Tornare in alto Andare in basso

Vedere l'argomento precedente Vedere l'argomento seguente Tornare in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum