I primi due anni di guerra

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 20 Feb 2009 - 18:52

Su questo tema,vorrei fare delle considerazioni a carattere generale.
Secondo lo storico D.H Donald,nei primi due anni di guerra i Comandi dell'Unione e quelli Confederati adottarono, per lo più, gli stessi piani strategici,poichè gran parte dei generali in comando avevano appreso l'arte della guerra dai medesimi istruttori,insegnanti dell'Accademia di West Point.
In 55 delle 60 maggiori battaglie di tutta la guerra,i generali di entrambi eserciti provenivano da West Point,e nelle rimanenti 5,uno dei due eserciti rivali era comunque comandato da un ufficiale di West Point.
Alla predetta Accademia,tutti gli allievi avevano studiato le teorie dello storico e stratega francese Henri Jomini.
Le teorie dello Jomini costituivano un corpo dottrinale assai complesso,soggetto ad interpretazioni spesso contrastanti.Così come l'avevano capito i comandanti miltari americani ,era importante la conquista del territorio e la presa della capitale dell'esercito nemico.Jomini aveva delineato una situazione di battaglia in cui i due eserciti erano schierati su due linee contrapposte,una sulla offensiva,l'altra sulla difensiva.Il fattore più importante per la vittoria era la concentrazione di forze sul punto più debole del nemico;fare la guerra diventava così una complicata partita a scacchi che poteva essere condotta solo da militari di professione.
La maggior parte delle operazioni militari nei primi due anni di guerra fu quindi una elaborazione delle teorie dello Jomini,leggermente modificate per adattarle al territorio americano.Nella battaglia di Bull Run o Manassas, del 21 luglio 1861, dove molte persone vennero da Washington per assistere allo scontro,entrambi gli eserciti applicarono i principi strategici dello Jomini:sferrarono un attacco principale al fianco sinistro del nemico,seguto da una incursione secondaria al centro e sull'ala destra.Se detta operazione avesse trovato conclusione,ciascun esercito si sarebbe dovuto portare nella posizione che originariamente aveva l'avversario. Ma i Confederati si attennero anche all'altro principio dello Jomini:quello della concentrazione di forze. I Confederati, servendosi della ferrovia, spostarono rapidamente le truppe del gen.J.E.Johnston per congiungerle con quelle di Beauregard.Le forze dell'Unione si batterono valorosamente e stavano per vincere,ma come arrivarono le truppe di Johnston,l'esercito dell'Unione fu respinto e sconfitto. I Confederati non seppero sfruttare la vittoria e non inseguirono le truppe Nordiste in ritirata. In questo modo,il Sud non applicò l'altro principio dello Jomini,quello di conquistare la capitale nemica.
Dopo questo scontro,apparve chiaro che entrambi gli eserciti dovevano riorganizzarsi ed addestrarsi meglio, prima di affrontare nuove campagne.
(continua)

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Ven 20 Feb 2009 - 19:34

caro custer,
con riferimento alla prima battaglia di manassas, se ben ricordo, c'era una tale confusione sul campo che i confederati non erano neppure sicuri di avere vinto.
con il caos che ci doveva essere, con truppe addestrate ed armate alla meno peggio, organizzare un inseguimento al nemico che pure era fuga, era cosa impensabile.
cosa ne pensi ?

ciao
(ex) gen. lee Very Happy
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Le origini della guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 20 Feb 2009 - 21:07

Caro Lee,sono d'accordo con te;una cosa è studiare l'arte militare a tavolino,un'altra metterla in pratica sui campi di battaglia.D'altronde, nessuno,nè militari nè civili,nel primo periodo della guerra,avevano capito o immaginato gli sviluppi anche sanguinosi di tale conflitto.Per quanto si possa pianificare ed organizzare in precedenza ,sul campo di battaglia,per vari motivi,comprensibili a tutti, avviene l'imponderabile.Da quello che ho letto,nella battaglia di Bull Run,considerato che era anche il primo scontro per i due eserciti,ci furono casi di confusione e di panico,dovuti anche alla presenza di civili che assistevano alla battaglia come spettatori.Probabilmente nessuno si rendeva conto di che razza di conflitto sarebbe poi scoppiato.Le truppe Nordiste batterono in ritirata e si misero in salvo e le truppe Confederate,forse, rimasero disorientate dalla loro stessa vittoria e non furono in grado di inseguire le truppe Nordiste in ritirata.
Proprio perchè i due eserciti avevano bisogno di un attimo di riflessione e per potersi riorganizzare,nel resto del 1861 non ci furono operazioni militari di grande rilievo.Venne dato l'incarico al gen.McClellan di rimettere in assetto di guerra l'esercito dell'Unione,tanto è vero che si rifiutò di avanzare fino a quando l'esercito non fosse del tutto preparato.
Per quanto concerne i Confederati,quando subentrò il gen.Lee, egli rivelò subito il suo talento militare, dimostrando di saper seguire i principi dello Jomini e quando invece,doveva ignorarli,ma questo lo potremo vedere successivamente.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Sab 21 Feb 2009 - 11:58

caro custer, quando si dice il caso.
ho iniziato infatti da poco a leggere "dalla parte di lee" di a.p. zanelli, non sò se tu l'hai letto.
è un libro sulla ACW un pò riassuntivo, ma offre secondo me, alcuni spunti di riflessione interessanti.
secondo lo zanelli, proprio a bull run, i sudisti ebbero la grande occasione di vincere la guerra in un colpo solo !
avrebbero dovuto braccare i nordisti in rotta generale e di conseguenza conquistare washington, provocando così il collasso politico e di conseguenza militare, dell'unione.
il capitolo termina infatti con il presidente davis che arriva a cavallo sul campo di battaglia.
nel caos chi vi regna, lì per lì, davis non si rende conto se le sue truppe hanno vinto o perso.
poi giunge il generale jackson che gli si fà incontro e gli dice: "presidente, li abbiamo messi in fuga ! fuggono come pecore ! datemi cinquemila uomini freschi e prenderemo washington !".
il problema fù che non c'erano cinquemila uomini freschi a mano e poi, secondo me, davis non era convinto più di tanto delle affermazione ottimistiche di jackson, tanto più che queste cozzavano con le sue idee strategiche generali che erano quelle di bloccare l'avanzata nemica e basta.
cosa ne pensi tu e tutti gli altri ufficiali?

ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: i primi due anni di guerra

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Sab 21 Feb 2009 - 12:17

Mentre quei 5000 uomini ancora inesperti andavano verso Washington, penso che il nord avrebbe raccolto anche + di 5000 soldati per fermarli. Qui andiamo nel "cosa sarebbe successo se...."

Salutoni Cluadio
sic semper tyrannis


Ultima modifica di Benjamin F. Cheatham il Sab 21 Feb 2009 - 12:59, modificato 1 volta
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3366
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Sab 21 Feb 2009 - 12:27

Benjamin F. Cheatham ha scritto:Mentre quei 5000 uomini ancora inesperti andavano verso Washington, penso che il nord avrebbe raccolto anche + di 5000 soldati per fermarli. Qui andiamo nel "cosa sarebbe successo se...."

Salutoni Cludio
sic semper tyrannis

caro cheatham, anch'io ero incerto se piazzare il mio intervento su questo spunto che mi sembrava interessante, proprio sul topic "cosa sarebbe successo se...".
che "femo" ? diamo a beauregard "l'ardua sentenza?".

ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: I primi due anni di guerra

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Sab 21 Feb 2009 - 12:37

Era da tempo che volevo iniziare una discussione su Bull Run e siccome qui stiamo uscendo fuori argomento ne ho aperta una qui: http://guerracivileamerican.forumattivo.com/strategia-e-tattica-le-campagne-e-le-battaglie-della-guerra-civile-americana-f18/la-campagna-di-bull-run-1861-t200.htm

Per il cosa sarebbe successo se... i confederati fossero partiti all'inseguimento dell'esercito nordista potete aprire una discussione nella sezione "Cosa sarebbe successo se", ma se volete discutere del perchè non successe andate nella discussione che ho creato io.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2880
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 22 Feb 2009 - 21:53

Continuo a scrivere sull'argomento,per linee generali,non perchè ce ne sia il bisogno data la preparazione di tutti voi ,ma per mostrare come,negli anni,cambiarono le varie strategie di guerra.
Dopo la sconfitta di Bull Run,Il gen. George Brinton McClellan, al quale venivano accreditati alcuni sopravvalutati successi di piccola portata nella Virginia Settentrionale,venne chiamato a Washington per rimettere ordine nell'esercito dell'Unione.Il giovane generale si mise all'opera con entusiasmo e sottopose i suoi reggimenti ad una rigida disciplina per riportarli in assetto di combattimento.Mise in atto rigidi addestramenti ed ispezioni e curò il cibo e il vestiario dei soldati e si rifiutò ad entrare in azione finchè l'esercito non fosse del tutto preparato.
All'inizio del 1862, l'esercito dell'Unione era pronto a scatenare un'offensiva su tutti i fronti,non solo nell'Est.
Nella Campagna dell'Ovest, ci furono i successi del gen.George H.Thomas nel Kentucky. Seguirono i successi del gen. Ulysses S.Grant,che portarono alla resa dei Forti Henry e Donelson,con l'applicazione, per la prima volta, del principio della "resa incondizionata". I Sudisti dovettero abbandonare il Tennessee,furono inseguti da Grant e da Buell fino a che non furono fermati nella battaglia di Shiloh(6-7 aprile).
Il gen.Henry W.Halleck comandante del fronte occidentale,insoddisfatto dell'operato di Grant,prese lui il comando dell'esercito.Il gen. Halleck era un altro seguace delle teorie dello Jomini e aveva anche tradotto alcune suoi scritti.
A questo punto anche l'avanzata dell'Unione sul fronte orientale poteva essere vittoriosa, e McClellan si convinse,dopo un lungo temporeggiare, a muovere un'offensiva contro Richmond; ma cominciò ad andare tutto storto.
I generali Halleck e McClellan, efficienti amministratori ed organizzatori,si rivelarono inconcludenti sui campi di battaglia. Mossero le loro truppe con eccessiva prudenza e lentezza,permettendo ai Confederati di riuscire a portare rinforzi a Richmond.
Lo spostamento,da parte dell'Unione, di grandi masse di soldati non era certo facile e occorreva un grosso coordinamento al quale i comandanti non erano abituati perchè non avevano mai guidato un contingente di uomini superiore ad un Reggimento.
Comunque l'Unione fallì anche perchè i generali Confederati avevano studiato sugli stessi libri di strategia studiati dai generali dell'Unione e pertanto i Confederati erano preparati ad affrontare lo stesso tipo di battaglie.
(continua)

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Jomini

Messaggio  PIERPAOLO il Lun 23 Feb 2009 - 12:01

Jomini, che era stato anche Capo di Sato Maggiore del Maresciallo Ney, ha inculcato un errore fondamentale nella strategia: appunto la conquista della capitale nemica, un errore fondamentale che anche Napoleone doveva pagare con la conquista di Mosca ma non con la completa distruzione dell'esercito avversario. Questa concezione contraddiceva l'iniziale strategia napoleonica, sempre tesa a porre un colpo ferale all'esercito avversario, con la conseguenza naturale della caduta della capitale, come dimostravano le battaglie di Jena e Wagram, ove, una volta distrutto l'esercito prussiano ed austriaco, le capitali Berlino e Vienna si erano trovate sguarnite.
Tuttavia Jomini, uomo estremamente presuntuoso, teorico che sul campo di battaglia non avrebbe ricevuto da Ney neanche una pattuglia, era un intellettuale che nella sua opera si presentava come colui che era riuscito ad analizzare e comprendere l'intelligenza militare del grande Corso. Essendo Clausewitz ancora da editare in USA e con Napoleone come nume tutelare di tutti i generali, era naturale che l'opera di Jomini prendesse piede nelle Accademie Militari, come manuale di riferimento. Il feticcio della manovra per linee interne e della conquista della capitale faranno più danni che vantaggi.
Anche Johnston si era accorto che nella guerra moderna era inutile tenere una posizione indifendibile e che era memglio abbandonarla pur di salvare l'armata. Una capitale può essere sempre riconquistata ma un'armata è molto più difficile da ricostruire, specie per il Sud.
Pierpaolo

------
del resto mi pare di ricordare che anche Luraghi è stato estremamente critico nei confronti dello svizzero, la cui prosopopea nell'interpretare il pensiero di Nap era degna della sua incredibile arroganza e del suo pessimo carattere ipocondriaco, sempre in lite con Berthier, che gli ha sempre negato una promozione a Generale di Divisione. Di fronte al continuo rifiuto di Berthier, durante la campagna di Germania, nell'estate del 1813, sospettato di aver rivelato i piani ella campagna, ha dato le sue dimssioni ed è passato coi Russi, finendo per vivere in Russia: una parabola perfetta per un uomo di carattere

PIERPAOLO
Sottotenente
Sottotenente

Numero di messaggi : 118
Data d'iscrizione : 08.02.09
Località : Modena

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: I primi due anni di guerra

Messaggio  Giancarlo il Lun 23 Feb 2009 - 13:42

Probabilmente le tattiche di Jomini erano buone per le guerre napoleoniche, durante la ACW il modo di fare la guerra cambiò radicalmente.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 782
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 56
Località : Ferrara

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

guerre

Messaggio  PIERPAOLO il Mar 24 Feb 2009 - 8:38

un classico: si è sempre preparata perfettamente.....la guerra precedente!!
Pierpaolo

PIERPAOLO
Sottotenente
Sottotenente

Numero di messaggi : 118
Data d'iscrizione : 08.02.09
Località : Modena

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: I primi due anni di guerra

Messaggio  forrest il Mar 24 Feb 2009 - 14:44

L'influenza di Jomini sui generali della guerra civile,e sul presidente Davis che,non dimentichiamolo,fino alle ultime settimane di guerra rivestì il ruolo il comandante supremo dell'esercito confederato,viene negata dallo storico Grady McWhiney nel suo saggio "Attack & die."Quando finirò il resoconto sulla Campagna di Atlanta tornerò sull'argomento.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 24 Feb 2009 - 15:24

Continuando a parlare dell'argomento(basandomi su quanto scritto da D.H.Donald), l'Unione mise in atto la Campagna della Penisola.
McClellan portò le proprie truppe a Fort Monroe,sulla penisola tra il fiume York e il James,invece di attaccare via di terra da Nord.McClellan protestò a Washington,perchè Lincoln,non attenendosi al principio dello Jomini della concentrazione delle forze,trattenne 40.000 uomini per difendere la capitale. Nonostante ciò, McClellan si mosse al fine di prendere la capitale Confederata, Richmond.
Halleck impiegò quasi due mesi a portare le sue truppe da Shiloh a Corinth,intanto l'esercito Sudista si era già portato a Sud con tutte le scorte.Altrettanto prudente fu l'avanzata di McClellan lungo la penisola.
Mentre Mc Clellan risaliva la penisola,il gen.Confederato J.E.Johnston,che era accorso con i rinforzi,lo attaccò sul punto più debole per il principio della concentrazione delle forze, in quanto McClellan,imprudentemente, lasciò che lo straripamento del fiume Chickahominy dividesse le sue truppe. Johnston piombò sull'ala più esposta dell'Unione,provocando la battaglia di Seven Pines(31-1giugno) che,a parere dello storico D.H.Donald,per poco non si risolse in un trionfo per i Confederati.Johnston rimase ferito nel corso dello scontro e venne sostituito con il gen. Robert E. Lee,da Jefferson Davis.Lee rivelò subito il suo talento militare,dimostrando quando doveva seguire i principi dello Jomini e quando doveva ignorarli.
Lee,conoscendo il temperamento lento di McClellan già dai tempi di West Point,ordinò al gen.Jackson di effettuare una spedizione nella Valle dello Shenandoah,con 18.000 uomini.Jackson sconfisse e disperse le truppe dell'Unione,creando il panico a Washington.Dopo che Jackson ebbe ottenuto lo scopo,il gen.Lee tornò al principio della concentrazione delle truppe e gli ordinò di ricongiungersi con la gran parte dell'esercito di fronte a Richmond.
Le forze ricongiunte Confederate piombarono addosso a McClellan sul lato destro e dopo una serie di scontri,noti con il nome di "Seven Days"(25 giugno-1 luglio), costrinsero le truppe dell'Unione ad una lenta ritirata fino alla riva del fiume James,sotto la protezione delle cannoniere Nordiste.
Lee aveva salvato Richmond.
(continua)


Ultima modifica di George Armstrong Custer il Mar 24 Feb 2009 - 19:43, modificato 1 volta
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Mar 24 Feb 2009 - 15:55

caro custer, vedo che stai tentando di emulare forrest auguri ! non sarà impresa facile perchè forrest a fatto un lavorone ! parlando della battaglia dei sette giorni non iniziò come previsto per i sudisti.
se ben ricordo, il ricongiungimento tra le forze di jackson, provenienti dalla valle dello shenandoah e quelle di lee,
per una serie di circostanze, non andò come doveva, mi sembra che jackson arrivò in ritardo "all'appuntamento".
ciò comportò una serie di attacchi frontali da parte dei confederati invece, il piano originale di lee, prevedeva che jackson piombasse sul campo di battaglia nei pressi di mechanisville, sul fianco e sul retro delle forze unioniste attaccate sulla fronte da a.p. hill e longstreet, scompaginadole e gettondole nel caos più totale. i confederati riuscirono a far sloggiare i nordisti da quella posizione ma a carissimo prezzo. la difficilissima manovra di riunire due eserciti in pieno campo di battaglia, questa volta, a lee non riuscì.
ricordo bene ?

ciao
gen. lee Smile
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 24 Feb 2009 - 19:37

Caro Lee,la mia intenzione è quella di mettere in evidenza i cambiamenti nel modo di condurre la guerra per entrambi gli schieramenti nel corso degli anni e le diverse strategie adottate,sia dai politici (vedi Lincoln), sia dai vari generali in comando che si sono avvicendati durante la guerra medesima e quindi le mie descrizioni dei vari scontri sono effettuate per linee generali.
Mi sto basando sul lavoro di J.G.Randall e D.H. Donald, "The Civil War and Reconstruction",oltre alle opere tradotte in italiano di Donald, perchè,come scrive anche il prof. Luraghi,vi sono contenute osservazioni molto acute, che condivido, offrono un panorama ampio di tutti gli aspetti della guerra e sono narrate anche le problematiche emergenti di carattere economico e sociale che hanno investito le due parti in lotta;purtroppo, le operazioni militari sono descritte in modo troppo sintetico e soprattutto Donald è impietoso nei confronti dei generali Nordisti del primo periodo della guerra,come McClellan.
Per quanto riguarda le tue osservazioni,ho consultato il libro del prof. Luraghi che sostiene quanto hai scritto:comunque, riunire due eserciti sul campo di battaglia era ritenuta una cosa molto difficile-cito Luraghi-e questa volta a Lee non era riuscito.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 25 Feb 2009 - 20:47

Tornando sull'argomento,sempre per linee generali,il gen. Lee non riuscì ad annientare McClellan negli scontri noti con il nome di "Seven Days".Sull'esito di detti scontri,ci sono opinioni divergenti da parte degli storici.
L'Armata dell'Unione,ritirandosi,subì una battuta d'arresto nell'estate del 1862. I Confederati progettarono,a loro volta,una grande offensiva.
Dall'Ovest,due eserciti Sudisti comandati da Braxton Bragg e da Edmund Kirby-Smith attraversarono rapidamente il Tennessee orientale in agosto ed entrarono nel Kentucky in settembre.
Le prime fasi dell'offensiva portarono a brillanti risultati per la Confederazione, ma la Campagna,a parere di Donald,fu improduttiva per il mancato coordinamento dei due eserciti Sudisti.Dopo una sanguinosa battaglia a Perryville(8 ottobre), le truppe Confederate si ritirarono in direzione di Chattanooga,seguite a "rispettosa" distanza dalle truppe dell'Unione.
L'offensiva Confederata più importante si svolse ad Est,per opera del gen. Lee. Lee,concentrando tutti i suoi uomini contro le truppe dell'Unione comandate dal gen.Pope,ottenne una brillante vittoria nella seconda battaglia di Bull Run.
A questo punto,Lee fu libero di attraversare il Potomac ed entrare nel Maryland,dove sperava di rifornire il proprio esercito e raccogliere gli abitanti di quello Stato intorno alla causa della Confederazione.
L'invasione del Maryland ebbe fine con la battaglia di Antietam.Gli storici come Donald considerano tale battaglia non risolutiva per entrambe le parti,e la cui totale inconcludenza dimostrò chiaramente che non sarebbe stato possibile porre fine alla guerra combattendo con i metodi tradizionali.Sia McClellan, sia Lee organizzarono i piani di battaglia secondo le regole dello Jomini,a livello di offensiva che di attacco.Dal punto di vista tattico fu condotta malamente da entrambe le parti. Il risultato fu la giornata più sanguinosa della guerra civile.Lentamente,Lee si ritirò in Virginia e McClellan non lo inseguì.
Era terminata un'era;le strategie dello Jomini potevano portare solo a situazioni inconcludenti e quindi era giunto il momento per l'Unione e la Confederazione di condurre la guerra usando metodi innovativi e nuove strategie.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 11 Mar 2009 - 18:01

Alcuni storici ritengono che la battaglia di Antietam(o Sharpsburg) cominciò quasi per caso.Sappiamo che McClellan entrò in possesso, per una circostanza fortuita, degli ordini di Lee.Parte delle truppe Confederate non aveva approvato l'invasione del Maryland, perchè tale invasione andava contro ai principi strategici della Confederazione, di attenersi alla difesa dei propri territori.
McClellan, oltrepassate le montagne, rimandò l'avanzata alla mattina successiva.Lee non si ritirò,anzi lo aspettò e mise i suoi 18.000 soldati sulle alture sopra il paesino di Sharpsburg e attese McClellan che si schierò,con la sua nuova artiglieria a canna rigata,sulla pendenza alle spalle del suo esercito,sul fiume Antietam.Nel frattempo,arrivarono i rinforzi di Jackson, così le forze della Confederazione ammontarono a 40.000 uomini.
Da tutta l'estate,Lee,pur inferiore di numero, cercava la vittoria decisiva, e a Sharpsburg, se avesse battuto gli eserciti dell'Unione,avrebbe ottenuto un successo anche a livello politico nei confronti di Lincoln e del suo governo,oltre ad un possibile riconoscimento diplomatico da parte delle Nazioni Europee.D'altronde,Lee sapeva che McClellan gli era inferiore sul piano tattico.Se invece Lee perdeva, avendo alle spalle il Potomac,la sconfitta sarebbe stata irreparabile.
La battaglia durò tutto il giorno,con un fuoco di artiglieria costante e talmente impressionante che sarebbe stato ricordato con orrore dai reduci di entrambi gli schieramenti.Ci fu,da parte dell'Unione,una mancanza di coordinamento a livello tatttico,con il risultato che le singole Divisioni decisero da sole i tempi degli attacchi che, pertanto, non furono congiunti e concentrati;questo permise una efficace reazione da parte Confederata,anche se,da quello che ho letto,gli Ufficiali dello Stato maggiore del gen.Longstreet dovettero di persona mettersi ai pezzi di una batteria a causa delle forti perdite.
Si assistè ad una battaglia nel complesso disordinata ,fatta di numerosi scontri con moltissime caduti in una sola giornata.Alla fine,l'esercito di Lee,grazie anche alle esitazioni di McClellan, riuscì a ritirarsi, nella notte, oltre il Potomac e Lee e Jackson considerarono persino la possibilità di un nuovo attacco,ottimismo che Lee stesso mostrò altre volte come dopo il secondo giorno a Gettysburg.
Lee però aveva perso un quarto del suo esercito e forse si rese conto, nei giorni successivi, che la guerra sarebbe entrata in una nuova fase.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Ven 13 Mar 2009 - 19:17

Sempre per mettere in risalto altri aspetti della guerra che cambiarono nel corso degli anni,vorrei mettere in evidenza il concetto di guerra-spettacolo,come l'hanno definito alcuni storici,fenomeno verificatosi durante il primo anno di guerra.
Il primo esempio è dato dall'assedio di Fort Sumter.Sia il bombardamento del Forte e la resa della guarnigione furono seguiti,ci dicono le cronache dell'epoca,da un numeroso pubblico composto anche da donne e da giovani che guardavano i lampi prodotti dai cannoni come se fossero dei giochi pirotecnici.Altro evento era rappresentato dalla presenza di molti giornalisti,i quali descrissero l'uscita dei Nordisti dal Forte e la consegna della bandiera Nazionale.
Però,con lo scontro di First Bull Run,nel luglio del 1861, le cose cominciarono a cambiare per gli spettatori,in quanto,all'inizio della guerra,parte di essi l'avevano scambiata per uno spettacolo sportivo.Nello scontro di Bull Run,la folla,composta anche da gente altolocata,si mise a vedere la battaglia sulla colline antistanti il fiume Bull Run(o Manassas Junction,come lo chiamavano i Confederati).I cosiddetti spettatori si trovarono in mezzo ad una sparatoria e in mezzo ad un mucchio di pallottole,tra i Nordisti e i Sudisti e, pertanto, furono costretti a scappare.Anche in questo caso,i giornalisti ebbero un ruolo importante nel descrivere lo scontro sui giornali,scatenando l'entusiasmo della Confederazione,in quanto le truppe Confederate per poco non occuparono Washington;i giornali però non misero in risalto la disorganizzazione e l'impreparazione anche delle truppe Confederate.
Nel 1862,finì l'abitudine di andare a vedere le battaglie come se fosse uno spettacolo,perchè gli scontri ormai si svolgevano in luoghi impraticabili e poco accessibili.Comunque,continuarono ad essere effettuati i resoconti dei giornalisti che rimasero gli unici che seguirono da vicino la guerra.Anche nel film "Glory"si vede il rapporto che intercorre tra militari(il Colonnello Shaw)e i giornalisti.
Nell'ultimo periodo di guerra invece si assistette ad un'altra trasformazione:con le invasioni di Sherman e Sheridan nei territori del Sud,i civili stessi vennero assimilati ai combattenti,in quanto sostevano i soldati tramite le risorse dei luoghi;anche i civili,come nelle guerre moderne,furono direttamente coinvolti nel conflitto,pagando un prezzo carissimo perchè,per alcuni militari del Nord,la guerra diventò punitiva nei confronti delle popolazioni Sudiste.
Per quelle popolazioni che non avevano mai conosciuto prima la triste esperienza della guerra fu un colpo profondo i cui riflessi sarebbero durati a lungo.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Ven 13 Mar 2009 - 19:28

caro custer,
con riferimento alla prima battaglia di bull run, mi pare che gli spettatori quando si dettero alla fuga, intralciarono pericolosamente la ritirata dell'esercito nordista.


ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Dom 15 Mar 2009 - 21:51

Vorrei approfondire le Campagne dell'Ovest del 1862.
Mentre McClellan tergiversava , all'inizio del 1862,per L'Unione giunsero buone notizie dal West.Il 6 febbraio un oscuro Generale chiamato Ulysses Simpson Grant , sotto gli ordini del gen.Halleck , costrinse i Confederati ad abbandonare il Fort Henry che si trovava sul fiume Tennesee e una settimana dopo si impadronì del Fort Donelson,facendo circa 14.000 prigionieri.In quest'ultima occasione i difensori del Forte chiesero le condizioni di resa, e Grant,con una mossa inusuale per i Generali Nordisti suoi colleghi di allora,rispose:"possiamo accettare nessuna condizione fuorchè la resa immediata e senza condizioni".
Gli uomini di Grant erano del West centrale;da entrambe le parti si combattè valorosamente,comunque le truppe provenienti dal West resistettero al freddo,alla pioggia e al nevischio e avanzarono attraverso le difese fatte di alberi abbattuti sotto il fuoco proveniente dalle fortificazioni Sudiste.
Il Nord aveva trovato un nuovo eroe in Grant. Ma chi era questo Generale?
Fisicamente era un uomo tarchiato,con un aspetto poco marziale con l'uniforme generalmente in disordine che masticava continuamente il sigaro.Era nato nell'Ohio e aveva trentanove anni;da ragazzo aveva lavorato nella conceria del padre e poi era andato all'Accademia di West Point,dove non si era trovato molto bene,infatti-nelle sue memorie-disse che il giorno più bello della sua vita era quello in cui si era diplomato,perchè finalmente andava via dall'Accademia.Era uscito dal corso ventunesimo su una classe di trentanove cadetti e si era comportato valorosamente nella guerra Messicana che aveva sempre ritenuto una iattura per il paese e un esempio di sfacciata aggressione da parte degli Stati Uniti.In una solitaria guarnigione sul Pacifico,forse perchè lontano dalla famiglia, si era dato all'alcool e venne trovato ubriaco in servizio,ma su quest'ultimo punto le opinioni sono discordi.
Dimessosi dall'esercito, cominciò a condurre una vita dura e faticosa,facendo il contadino,fino a finire commesso nel negozio del fratello in Illinois,chiedendo soldi in prestito al padre.
All'inizio della guerra chiese al comando di Washington di essere riammesso in servizio,ma non ebbe risposta;alla fine venne nominato Colonnello di uno screditato Reggimento di volontari dell'Illinois che egli, con molta energia, mise in condizione di combattere.Il prof.Luraghi,nel suo libro "La storia della guerra civile americana", racconta, con ricchezza di particolari, l'approccio di Grant con il Reggimento in questione.Successivamente ottenne la nomina a Brigadier-Generale,su interessamento di un membro del Congresso.
Come ricompensa per la presa dei due Forti,Lincoln lo nominò Maggior-Generale.
Rimase,comunque, un uomo schivo e riservato,legato alla famiglia e forse aveva smesso di bere.[u]

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Lun 16 Mar 2009 - 19:12

Continuando a parlare del teatro di operazioni nell'Ovest,dopo le vittorie riportate a Fort Henry e a Fort Donelson,Grant risalì il fiume Tennessee e si accampò con le sue truppe a Pittsburg Landing presso il confine con il Mississippi e i suoi avamposti si spinsero verso Shiloh Church.Il 6 aprile del 1862,che era una domenica,e nel campo dei Nordisti,all'alba,si stava consumando la colazione,improvvisamente si sentì l'urlo dei ribelli e il campo Unionista fu attaccato furiosamente dai Sudisti;la battaglia durò per tutto il giorno in combattimenti separati di unità militari isolate, attraverso i boschi,i burroni,tra fossi paludosi e campi aperti,mentre i soldati del Nord venivano respinti verso il fiume.
Grant,che si trovava a nove miglia più a nord sul fiume,venne portato con un battello sul campo di battaglia.Intanto le cannoniere dell'Unione sparavano proiettili a mitraglia contro i Sudisti in appoggio alle truppe di Grant.
Grant cercò di guadagnare tempo,aspettando le forze di appoggio di Buell e Wallace che cominciarono ad arrivare nel pomeriggio.Alla fine l'artiglieria Nordista riuscì a fermare gli assalti dei Sudisti;il giorno seguente,Grant ricevette i rinforzi e respinse dal campo i Confederati.In questa occasione,Albert Sidney Johnston,generale Sudista, cadde ferito a morte.L'elenco delle perdite di Shiloh fu molto alto:l'Unione aveva perduto 13.000 uomini circa,tra uccisi,feriti e dispersi;i Confederati circa 10.700 uomini.
A questo punto,Grant venne criticato da alcuni politici in quanto egli non si era premurato contro gli attacchi di sorpresa e non aveva tenuto conto degli avvertimenti del gen.Halleck di elevare trincee quando si trovava alla presenza dell'esercito nemico.
Fu in questa occasione che Lincoln,pressato dai politici che volevano sostituire Grant,disse la famosa frase:"Non posso fare a meno di quest'uomo,egli combatte".
Gli attacchi a Grant furono però così violenti che egli pensò di abbandonare l'esercito e corse voce che avesse ricominciato a bere. Il suo vice,gen. William T. Sherman, anche lui nativo dell'Ohio e con precedenti esperienze di vita similari a quelle di Grant,riuscì a convincerlo a non dare le dimissioni dall'esercito.
Anche Sherman infatti,rimasto orfano di padre all'età di nove anni, aveva conosciuto le avversità della vita alla pari di Grant;le carriere dei due generali un poco si assomigliavano.Pure Sherman si era diplomato West Point,ma aveva riportato,negli esami di diploma,un punteggio superiore a quello di Grant. Però nella guerra Messicana,a differenza di Grant,non aveva conseguito particolari meriti.
Successivamente,si era dimesso anche lui dall'esercito e aveva cercato di fare fortuna nel mondo degli affari,ma non gli era riuscito;aveva provato ad esercitare varie professioni quali l'avvocato,il direttore di un collegio militare,il presidente di una società ferroviaria.
Allo scoppio della guerra venne riammesso in servizio e nel primo anno di guerra aveva ricevuto parecchie critiche per il suo comportamento militare,critiche che egli comunque aveva sopportato in attesa di tempi migliori.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 17 Mar 2009 - 19:16

Continuo a parlare della situazione dell'Est,nel 1862,in relazione alle capacità dimostrate dai capi militari dell'Unione.
Lincoln,sempre più irritato e sconcertato dal comportamento di McClellan,nominò,l'11 luglio del 1862,Comandante di tutte le forze dell'esercito dell'Unione il gen.Halleck e gli ordinò di presentarsi a Washington,in quanto,come abbiamo visto,egli si trovava nell'Ovest.
Al fine di inquadrare meglio detto generale, indicherò come Halleck veniva dipinto dalle cronache dell'epoca:fisicamente leggermente ricurvo,largo di vita,con una grossa testa dai lineamenti pesanti e gli occhi sporgenti;basta vedere un ritratto dell'epoca per accorgersi che la sopra citata descrizione corrispondeva alla realtà.
Però,a parte il fisico,come ho scritto in un post precedente,Halleck era molto pratico di questioni tecniche e teoriche ed era autore e traduttore di manuali militari,come la traduzione delle opere dello Jomini.I suoi soldati lo chiamavano "vecchio cervello"-se ho tradotto bene- ed era più incline a stare nel suo studio che in zona di operazioni.
D'altronde,nel'Ovest si era comportato bene,grazie al lavoro compiuto dai suoi subordinati e sembrava predisposto per un lavoro di coordinamento dietro le linee.
Halleck ebbe subito problemi con McClellan,soprattutto quando egli si rese conto delle condizioni igienico-sanitarie di parte dei soldati di McClellan.
Lincoln sperava che Halleck potesse fungere da suo braccio destro per l'esperienza militare del generale,rimase invece deluso dal modo di agire del predetto,in quanto Halleck non riuscì a comprendere la vera natura dei suoi compiti e non sembrava disposto ad assumersi responsabilità(e in questo gli storici americani sono abbastanza d'accordo).Halleck è stato valutato dai contemporanei (Chase) "come un uomo con una grande mente,un'intelligenza chiara e fattiva,piena di conoscenza del proprio mestiere,ma freddo come la pietra,indifferente per il suo lavoro tranne che come esecuzione tecnica,non mettendo più sentimento di un calzolaio che lavori incessantemente a fare scarpe".
Però,Lincoln,attraverso le manchevolezze di Halleck e degli altri generali come McClellan aveva capito che gli serviva un Comandante militare che pensasse non solo a vincere le battaglie,ma a distruggere il nemico,che sapesse,se necessario,gettare via i testi militari e ricorresse a tattiche audaci come faceva Lee.Doveva esser un uomo senza particolari ambizioni o mire politiche(come invece aveva McClellan),che riconoscesse che la vera funzione di un esercito in una democrazia è di realizzare, in campo militare,la politica del governo civile.
Lincoln ormai aveva capito che "la guerra manovrata" ere inefficace,in quanto non si doveva combattere sulla difensiva come poteva permettersi di fare la Confederazione (anche se di fatto non lo faceva),ma si doveva condurre una guerra di conquista, anche se una tale guerra sarebbe stata spiacevole. Si poteva giungere alla vittoria su un nemico tanto potente e deciso come il Sud, solo distruggendone l'esercito, logorando le sue risorse economiche,togliendoli la sua volontà di vincere.
Un conflitto così esteso come quello che si stava combattendo richiedeva una pianificazione dal centro (Washington) per unire le Forze Armate con il paese e, conseguentemente, renderle un efficace strumento di guerra.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 18 Mar 2009 - 14:20

Dopo la battaglia di Antietam,i giorni, per la truppe dell'Unione, passarono inattivi.Lincoln si recò al fronte per sollecitare McClellan ad attaccare.Lee si trovava nella Valle dello Shenandoah molto lontano da Richmond e con basi poco sicure.McClellan non manifestò alcuna intenzione di attaccare i Sudisti e respinse l'accusa di essere troppo cauto nell'azione.Sembrava comunque che McClellan non avesse alcun desiderio di infliggere una sconfitta decisiva ai Confederati.
Se McClellan avesse permesso a Lee di passare le Blue Ridge Mountains e di porre il suo esercito tra l'Armata del Potomac e Richmond,Lincoln l'avrebbe destituito.Dopo che erano passate sei settimane da Antietam,McClellan cominciò a spingersi al di là del fiume Potomac e impiegò nove giorni ad attraversarlo.
Lee,senza incontrare alcuna opposizione,si trasferì a Culpeper Court House,tra l'esercito dell'Unione e Richmond.
Il 5 novembre 1862,Lincoln firmò l'ordine di destituzione di McClellan;egli aveva dato una ampia dimostrazione di non essere adatto a condurre un tipo di guerra utile a far capitolare il Sud,ma non solo ,aveva confermato la convinzione-che Lincoln si era fatto da tempo-che non si poteva più riporre fiducia in un generale che condizionava la propria strategia secondo concezioni politiche personali.
Pertanto,il generale Ambrose E. Burnside assunse il comando dell'Armata del Potomac al posto di McClellan.
I fatti dimostrarono che Burnside fu una scelta infelice,ma in quel momento sembrava il generale migliore che l'Unione potesse disporre.Diplomato a West Point,di 38 anni,Burnside aveva modi cordiali ed un aspetto imponente(ma sui suoi modi di fare gli storici sono discordi).Anche lui si era dimesso dall'esercito nel 1833 e aveva cercato di fare fortuna negli affari con una impresa commerciale,cosa che ben presto si rivelò fallimentare.Rientrato nell'esercito allo scoppio della guerra civile,Burnside condusse una fortunata operazione anfibia sulla costa della Carolina del Nord.Si era anche comportato bene ad Antietam.Assunse l'incarico di Comandante dell'Armata del Potomac,ma non si sentiva all'altezza di tale compito,anche perchè era pure amico di McClellan e questo gli procurava non poco imbarazzo.
Tornando alle azioni militari,il Corpo di Longstreet si trovava vicino a Culpeper e quello di Jackson nella Valle dello Shenandoah;Burnside puntò direttamente a sud per giungere a Richmond,attraverso Fredericksburg. L'Unione aveva una netta superiorità numerica rispetto ai Confederati.
Lee raccolse le sue forze sulle alture dietro Fredericksburg,con i suoi uomini occupava una posizione quasi inespugnabile contro un attacco frontale.
Per raggiungere il posto chiave dei Sudisti sulle alture,le truppe dell'Unione dovettero attraversare il fiume Rappahannock e risalire dei pendii che erano scoperti.In caso di sconfitta avevano il fiume alle spalle.I ponti per passare il fiume non riuscirono ad arrivare in tempo.Burnside iniziò a costruire ponti di chiatte per far passare le truppe;una nebbia avvolse il fiume che risultò vantaggiosa per i Nordisti,però quando la nebbia sparì,i Confederati videro chiaramente le divisioni dell'Unione che si avvicinavano sulla piana sotto di loro.Cominciò un combattimento terrificante con un massiccio fuoco di artiglieria di entrambe le parti.
Detta battaglia viene ricordata come il primo scontro di trincea della storia.
La battaglia di Fredericksburg fu un disastro per l'Unione,Burnside gettò le sue truppe contro la forte posizione trincerata di Lee;le perdite dell'Unione furono di 10.000 unità,quelle dei Sudisti non più di un quinto dei loro uomini.
L'esercito dell'Unione si ritirò oltre il fiume.Burnside si era mostrato più aggressivo e risoluto di McClellan ma le sue decisioni mancavano totalmente di cautela, tant'è che sembrava facesse la guerra-a dire dei contemporanei-"come certa gente che suona il violino con violenza e con poca grazia".

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

I primi due anni di guerra

Messaggio  George Armstrong Custer il Mar 12 Mag 2009 - 15:42

Lo storico inglese Charnwood sostiene che le tre grandi vittorie del Sud-la seconda battaglia di Bull Run,Fredericksburg e Chancellorsville-che si susseguirono nel giro di circa nove mesi,non ebbero durevoli ripercussioni.Jefferson Davis avrebbe dovuto raccogliere quanti uomini poteva per sfruttare il vantaggio di queste vittorie.Non lo fece o forse non potè farlo.
Che ne pensate al riguardo?

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2480
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 61
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

i primi due anni di guerra

Messaggio  R.E.Lee il Mar 12 Mag 2009 - 15:57

George Armstrong Custer ha scritto:Lo storico inglese Charnwood sostiene che le tre grandi vittorie del Sud-la seconda battaglia di Bull Run,Fredericksburg e Chancellorsville-che si susseguirono nel giro di circa nove mesi,non ebbero durevoli ripercussioni.Jefferson Davis avrebbe dovuto raccogliere quanti uomini poteva per sfruttare il vantaggio di queste vittorie.Non lo fece o forse non potè farlo.
Che ne pensate al riguardo?

in effetti il gen. lee, preparando l'invasione della pennsylvania, chiese a davis quanti più uomini possibile, visto l'importanza della posta in gioco. lee come si sà, contava di assestare all'armata del potomac un colpo mortale.
secondo me, davis, in ossequio ai localismi, non potè sguarnire anche parzialmente alcune zone, certo di ripercussioni negative da parte dei governatori locali. come successe più di una volta, la confederazione non concesse a davis il potere di cui aveva bisogno per condurre la guerra. i dirittti degli stati per cui essa era sorta, ostacolarono di fatto la condotta delle operazioni belliche.

ciao
gen. lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 3999
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: I primi due anni di guerra

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 2 1, 2  Seguente

Torna in alto

- Argomenti simili

 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum