L'indomabile gen. John Bell Hood

Pagina 1 di 18 1, 2, 3 ... 9 ... 18  Seguente

Andare in basso

L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  R.E.Lee il Mer 8 Lug 2009 - 11:49

cari ufficiali, un topic apposito sul generale hood, non poteva mancare nel ns forum, cosa ne pensate ?
soldato indomito e coraggioso, si coprì di gloria come generale di brigata prima e di divisione poi, sotto lee nell'ANV. sicuramente un dei migliori (se non il migliore) dei divisionari di lee, si distinse in tutte le battaglie dell'ANV, ma in particolar modo in quella di gaine's mill durante la battaglia dei sette giorni, in cui la sua brigata di texani, incurante della tempesta di fuoco che li bersagliava, avanzò indomita sotto il suo comando fino a sfondare le linee nemiche facendo conseguire all'ANV, l'unica vittoria vera e propria di tutte le "battaglie dei sette giorni". continuò a distinguersi sempre nelle successive battaglie, a gettysburg il secondo giorno, nonostante un diverbio con il suo diretto superiore longstreet a cui gli contestava l'assennatezza degli ordini di lee, solo per un pelo non gli riuscì l'impresa di distruggere il fianco sinistro dell'armata del potomac, fù qui che il gen. hood perse l'uso di un braccio. a settembre inviato con longstreet in georgia, contribui alla grande vittoria sudista nella battaglia di chickamauga, in cui perse una gamba. nell'estate del 1864 assunse il comando dell'armata del tennesse e la difesa di atlanta, si battè come un leone per cercar di rompere l'assedio nordista alla città, attaccando il nemico che godeva di una netta superiorità numerica, ma l'impresa non gli riuscì. pianificò allora l'invasione del tenneesse riuscendo ad arrivare alle porte della capitale nashville, ma le sue truppe stanche, affamate ed in numero ridotto, furono letteralmente annientate dai nordisti al comando di thomas. riuscì, con l'aiuto della cavalleria di forrest, a ritirarsi fino a tupelo- mississippi, con quel che restava della gloriosa armata del tennesse e qui diede le sue dimissioni dal comando di detta armata. servì poi nel trans-mississipi e si arrese con le truppe sotto di lui, il 31 maggio 1865.
fin qui la sua storia nella CW riassunta a grandi linee. ma il suo operato nell'ambito del conflitto come va valutato ? fù un grande generale oppure un incosciente che alla fine morì, per così dire, del suo male, contribuendo, con le sue imprese sempre al limite, in maniera determinante praticamente alla distruzione della seconda grande armata della confederazione e di fatto alla sconfitta finale del sud ? a voi la parola...


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Mer 8 Lug 2009 - 14:27

Come mi appresto a scrivere in un'altra sezione del forum,anche a South Mountain Hood salvò l'Armata della Virginia dalla catastrofe.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  Giancarlo il Mer 8 Lug 2009 - 15:14

A mio avviso fu un ottimo divisionario, forse sarebbe potuto essere anche un buon comandante di corpo, per me sicuramente meglio di A.P. Hill e Ewell, ma come comandante di armata lasciava molto a desiderare. Comunque uno dei soldati più coraggiosi dell'intera guerra; ne sono la riprova il braccio e la gamba che ha lasciato sul campo.


Ultima modifica di Giancarlo il Mer 15 Lug 2009 - 11:14, modificato 1 volta
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 783
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 57
Località : Ferrara

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Mer 8 Lug 2009 - 16:03

da quanto è già emerso nei vari topic del forum sul personaggio, direi che si tratta di uno dei generali il cui operato si presta molte volte a valutazioni totalmente divergenti. così dicasi delle opinioni riguardo alle sue capacità, per alcuni era un ottimo divisionario e basta, come generale d'armata fù negativo, per altri fù anche un ottimo generale d'armata. personalmente penso che la storiografia non gli abbia reso ancora i meriti che gli sarebbero spettati, anzi, è stato considerato un caprio espiatorio della sconfitta del sud. ho trovato un affermazione sul suo sito esternata da sua figlia, ida richardson hood, che, secondo me, riassume tutto ciò: "mio padre è stato ucciso dalla penna, non con la spada!". cosa nè pensate di questa esternazione ?


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Gen. Hood

Messaggio  George Armstrong Custer il Mer 8 Lug 2009 - 16:17

Leggendo la sua biografia,ho notato che Hood ha fatto una carriera sorprendente:da tenente dell'Esercito degli Stati Uniti,in pochi anni si è trovato generale d'armata dell'esercito Confederato.Credo che sia stato uno dei pochi ufficiali dell'esercito Confederato a fare una carriera così rapida.

_________________
Garry Owen
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
avatar
George Armstrong Custer
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 2483
Data d'iscrizione : 30.12.08
Età : 62
Località : Roma

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Mer 8 Lug 2009 - 16:23

George Armstrong Custer ha scritto:Leggendo la sua biografia,ho notato che Hood ha fatto una carriera sorprendente:da tenente dell'Esercito degli Stati Uniti,in pochi anni si è trovato generale d'armata dell'esercito Confederato.Credo che sia stato uno dei pochi ufficiali dell'esercito Confederato a fare una carriera così rapida.

vero caro custer.
quando servì sotto l'ANV, lee e longstreet, suo diretto superiore, lo stimavano assai !! nonostante qualche disparità di vedute che si verificarono....


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Mer 8 Lug 2009 - 18:15

George Armstrong Custer ha scritto:Leggendo la sua biografia,ho notato che Hood ha fatto una carriera sorprendente:da tenente dell'Esercito degli Stati Uniti,in pochi anni si è trovato generale d'armata dell'esercito Confederato.Credo che sia stato uno dei pochi ufficiali dell'esercito Confederato a fare una carriera così rapida.

Sì, e come ho già scritto in un altro topic, uno dei suoi comandanti di divisione affermò che nella sua carriera Hood "è salito come un razzo". Lo stesso ufficiale esprimeva la speranza che il suo successo non fosse rimpiazzato da un altrettanto rapido declino. Hood fu un valoroso soldato e si distinse fin dalle prime battaglie. La sua impetuosa agressività si dimostrò preziosa in battaglie come Gaines Mill, Antietam e Chickamauga, anche se costosa in termini di vite umane. Come comandante d'armata una simile agressività secondo me non andava bene.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Gio 9 Lug 2009 - 16:02

bene, intanto mi sembra che tutti siano concordi nell'affermare che come divisionario hood era uno dei migliori.
in un altro post, il ns forrest ci relaziona sul fatto che era letteralmente amato dalle sue truppe. più controverso, visto anche l'esito finale delle due campagne che condusse, mi sembra il giudizio su hood come comandante d'armata, che cosa nè pensate ?


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Sab 11 Lug 2009 - 0:30

Credo che gli studi + recenti abbiano ampiamente rivalutato Hood anche come Comandante d'Armata.Ovviamente commise anche lui i suoi sbagli,come tutti,ma il giudizio complessivo sul suo operato a mio avviso dev'essere positivo.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Sab 11 Lug 2009 - 1:43

forrest ha scritto:Credo che gli studi + recenti abbiano ampiamente rivalutato Hood anche come Comandante d'Armata.Ovviamente commise anche lui i suoi sbagli,come tutti,ma il giudizio complessivo sul suo operato a mio avviso dev'essere positivo.

Concordo, merita un posto tra i migliori del sud.

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Sab 11 Lug 2009 - 10:38

sono d'accordo anche io. oltretutto ebbe il coraggio di accettare l'incarico di comandante dell'armata del tennesse (conf.) alle soglie di atlanta, quando la situazione era già difficilissima. con zelo e dedizione alla causa le tentò di tutte per sbloccare la situazione, ma vuoi per la superiorità numerica dei nemici, vuoi per le scarsa abilità dei suoi sottoposti, non riuscì nell'intento. fù comunque abile a sganciarsi e salvare l'armata. più controverso il giudizio per me sull'invasione del tennesse, forse dopo spring hill o dopo franklin al massimo sarebbe stato più prudente tornare indietro, però la sua avanzata nel cuore dello stato gettò nell'ansia gli alti comandi dell'unione. noi che ci avvaliamo del senno di poi, siamo in grado di affermare che avrebbe fatto meglio a far dietrofront, ma le risorse della confederazione erano agli sgoccioli, solo una vittoria per quanto problematica nella sua realizzazione, poteva clamorosamente risollevare le sorti della guerra. dopo anni di disfatte sui fronti dell'ovest, hood fù preso ingiustamente preso come capro espiatorio di tutto ciò. forse non godeva della amicizie giuste nei posti giusti, o forse non era lui stesso abile nelle pubbliche relazioni, resta il fatto che lui, l'ultimo generale di un armata in precedenza comandata da generali che ne combinarono di tutti i colori, è stato per decenni preso a "pesci in faccia".


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  George H. Thomas il Mer 15 Lug 2009 - 10:37

Nessuno potrebbe negare le sue doti di coraggio personale (e le sue ferite lo testimoniano), e il suo valore come divisionario e comandante di corpo d'armata.
Ma, signori ufficiali, in questo caso, ritengo si stia trattando di un'omologo di quelli che Napoleone chiamava "i suoi arieti", vale a dire Murat, Ney e altri. Dei generali ottimi quando sono controllati da una mente lucida e esperta, che scateni la loro indomabile furia e quelle delle loro truppe al momento giusto nel settore giusto. Ma come comandanti autonomi, privi della pazienza e della calma necessaria per far fronte agli imprevisti in altro modo che attaccare furiosamente a testa bassa. Questo era già costato caro agli eserciti francesi, e costò carissimo all'Armata del Tennessee.
In sostanza, il generale John Bell Hood era preziosissimo come comandante in sott'ordine. Ma come comandante d'armata, la sua disperata aggressività non poteva che portare i suoi uomini alla rovina. Come sarebbero andate le cose se non fosse accaduto ciò che accadde, è un'altra questione.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  Giancarlo il Mer 15 Lug 2009 - 11:17

George H. Thomas ha scritto:Nessuno potrebbe negare le sue doti di coraggio personale (e le sue ferite lo testimoniano), e il suo valore come divisionario e comandante di corpo d'armata.
Ma, signori ufficiali, in questo caso, ritengo si stia trattando di un'omologo di quelli che Napoleone chiamava "i suoi arieti", vale a dire Murat, Ney e altri. Dei generali ottimi quando sono controllati da una mente lucida e esperta, che scateni la loro indomabile furia e quelle delle loro truppe al momento giusto nel settore giusto. Ma come comandanti autonomi, privi della pazienza e della calma necessaria per far fronte agli imprevisti in altro modo che attaccare furiosamente a testa bassa. Questo era già costato caro agli eserciti francesi, e costò carissimo all'Armata del Tennessee.
In sostanza, il generale John Bell Hood era preziosissimo come comandante in sott'ordine. Ma come comandante d'armata, la sua disperata aggressività non poteva che portare i suoi uomini alla rovina. Come sarebbero andate le cose se non fosse accaduto ciò che accadde, è un'altra questione.

Analisi molto lucida e precisa in merito ad Hood.
avatar
Giancarlo
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 783
Data d'iscrizione : 05.11.08
Età : 57
Località : Ferrara

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Mer 15 Lug 2009 - 14:10

Attaccare frontalmente a testa bassa é l'esatto contrario di quanto fece Hood durante la Campagna di Atlanta.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  George H. Thomas il Mer 15 Lug 2009 - 14:33

forrest ha scritto:Attaccare frontalmente a testa bassa é l'esatto contrario di quanto fece Hood durante la Campagna di Atlanta.

Bè, lui tentò delle manovre un pò più complesse del semplicemente buttarsi contro le trincee unioniste, anche se con perizia non ottimale (calcolò male il tempo che sarebbe servito a Hardee per schierarsi alla battaglia di Atlanta), ma alla fine nelle battaglie intorno alla disputata città attaccò decisamente, con il risultato di perdere uomini preziosi senza essere riuscito a danneggiare significativamente il nemico o averlo messo in una situazione pericolosa.
E a Franklin, fece esattamente quello che hai detto : caricare a testa bassa. E 6000 bravi ragazzi ne pagarono il prezzo, senza contare sei ottimi generali che la Confederazione rimpianse amaramente.
avatar
George H. Thomas
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 796
Data d'iscrizione : 15.12.08
Età : 30
Località : Camporosso (IM)

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Mer 15 Lug 2009 - 16:59

direi che ad atlanta hood non ordinò assalti frontali. fù l'imperizia e l'incapacità dei suoi subordinati a trasformarli in tali. per quel che riguarda la campagna di franklin/nashville, per ora mi limito a far notare che a spring hill hood ordinò una manovra aggirante che non riuscì per soliti problemi di coordinazione che affliggevano l'armata del tennesse, come ad atlanta. a franklin ordinò un assalto frontale disperato è vero, ma è altrettanto vero che in precedenza il solito errore l'avevano fatto tanto per citare gli esempi più famosi, lee a gettysburg, grant a cold harbour ed anche sherman a kenesaw mountain. la trappola dell' assalto frontale alla baionetta era un "virus" pericoloso che colpì tanti generali durante la CW, e hood non ne rimase immune, è vero.
è altresì vero anche, che tra i pochissimi assalti del genere andati a buon fine, hood ne fù il protagonista, mi riferisco a gaines mill e, come ho saputo da pochi giorni grazie al ns forrest, all'assalto a south mountain condotto sempre dallo stesso hood. addirittura a gettysburg , hood con un assalto del genere , andò vicinissimo a fare "bingo", solo il caso, un pò di sfortuna ed un controassalto alla baionetta dei nordisti, ma guarda un pò, lo vanificarono! quindi se c'era un generale in grado, visti i precedenti, di condurre a buon fine una carica del genere, sulla carta era proprio hood !!!....a franklin purtroppo per lui e la confederazione, i precedenti si scontrarono con la dura realtà !

lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Gio 16 Lug 2009 - 0:03

A Spring Hill,mentre Schofield sgusciava via transitando a poche decine di metri dai picchetti sudisti,il Generale Brown era ubriaco fradicio e il suo diretto superiore,Cheatham,era nel letto di una signora.Su Franklin il discorso sarebbe lungo,mi riservo di affrontarlo in un futuro prossimo.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  Benjamin F. Cheatham il Gio 16 Lug 2009 - 0:09

......con chi ero a letto? a parte gli scherzi aspetto con ansia un discorso su Franklin.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis
avatar
Benjamin F. Cheatham
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 3396
Data d'iscrizione : 04.09.08
Località : Genova

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Gio 16 Lug 2009 - 11:21

Benjamin F. Cheatham ha scritto:......con chi ero a letto? a parte gli scherzi aspetto con ansia un discorso su Franklin.

Salutoni Claudio
sic semper tyrannis


caro cheatham....grande !!!!....ehmm...se avessi qualche nominativo da passarmi...!!! Wink Wink
a parte tutto, il discorso su franklin appassionerebbe anche me .


lee
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Ven 17 Lug 2009 - 1:20

Caro Cheatham,pare che tu fossi a letto com la Signora Jesse Helen Peters,già amante del Generale Van Dorn,poi accoppato dal Dottor Peters,il marito cornutissimo della Signora.
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  P.G.T. Beauregard il Ven 17 Lug 2009 - 2:22

forrest ha scritto:Caro Cheatham,pare che tu fossi a letto com la Signora Jesse Helen Peters,già amante del Generale Van Dorn,poi accoppato dal Dottor Peters,il marito cornutissimo della Signora.

Allora Van Dorn è stato il più sfortunato di tutti....

Ciao,
Beauregard

_________________
[Devi essere iscritto e connesso per vedere questa immagine]
La Guerra Civile Americana: l'epica lotta di una casa divisa
avatar
P.G.T. Beauregard
Amministratore - Generale in Capo
Amministratore - Generale in Capo

Numero di messaggi : 2890
Data d'iscrizione : 02.09.08

Visualizza il profilo http://www.storiamilitare.altervista.org

Torna in alto Andare in basso

l'indomabile gen. john bell hood

Messaggio  R.E.Lee il Ven 17 Lug 2009 - 9:09

cari ufficiali,
vi comunico che siamo praticamente finiti fuori topic !! What a Face ....ma per questa volta passi ! Smile ....un pò di gossip non guasta !!!! Wink Wink ....anzi ,se si potrebbe avere l'indirizzo della gentile signora dai facili costumi sarebbe di gran giovamento per il forum !!!! cheers cheers


lee Smile
avatar
R.E.Lee
Moderatore - Tenente-generale
Moderatore - Tenente-generale

Numero di messaggi : 4010
Data d'iscrizione : 02.12.08
Età : 57
Località : Montevarchi / Torino

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  Simone Silvestri il Mar 28 Lug 2009 - 9:49

Concordo nell'inserire Hodd tra i migliori divisionari.
Aggressivo, cocciuto, coraggioso, l'uomo ideale da lanciare nella mischia quando la situazione è in bilico.
Non dimentichiamoci del suo contrattacco al campo di grano di Antietam, senza il quale forse la sinistra confederata sarebbe collassata
Si incuneò tra i reparti di Hokker e diede qualche calcio nel sedere anche alla Iron Brigade, prima di essere costretto a sloggiare per l'arrivo del XII Corpo; dei suoi 584 uomini meno di trecento sopravvissero allo scontro.
Ci voglio uomini di fegato e comandanti d'accaio per tenere una posizione di quel genere, sotto il fuoco a bruciapelo della fucileria e della mitraglia nemica.
Ci credo che a fine battaglia, nel campo di grano, non era stato mietuto solo il grano ... Sad

Che gente i texani!
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 36
Località : Napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  forrest il Mar 28 Lug 2009 - 14:12

La sera della battaglia,col buio della notte rischiarato dalla luce spettrale di una fattoria in fiamme,Lee incontrò Hood,e si verificò uno scambio di battute assai simile a quello,tanto famoso,tra lo stesso Lee e Pickett,il 3 Luglio a Gettysburg.Cedo la parola a Joseph Harsh:"Quando John Hood,visibilmente scosso,riferì che era rimasto senza un reparto da comandare,Lee rispose con altrettanta emozione:"Dio mio!Generale Hood,dov'é la vostra magnifica Divisione?"Con una vena d'amarezza,Hood rispose:"I miei soldati giacciono sui campi dove li avete mandati."
avatar
forrest
Tenente-generale
Tenente-generale

Numero di messaggi : 1074
Data d'iscrizione : 06.09.08

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  Simone Silvestri il Mar 28 Lug 2009 - 18:16

forrest ha scritto:La sera della battaglia,col buio della notte rischiarato dalla luce spettrale di una fattoria in fiamme,Lee incontrò Hood,e si verificò uno scambio di battute assai simile a quello,tanto famoso,tra lo stesso Lee e Pickett,il 3 Luglio a Gettysburg.Cedo la parola a Joseph Harsh:"Quando John Hood,visibilmente scosso,riferì che era rimasto senza un reparto da comandare,Lee rispose con altrettanta emozione:"Dio mio!Generale Hood,dov'é la vostra magnifica Divisione?"Con una vena d'amarezza,Hood rispose:"I miei soldati giacciono sui campi dove li avete mandati."

Comprendo l'amarezza di Hood;
c'era di che essere orgogliosi di que ragazzi!
avatar
Simone Silvestri
Capitano
Capitano

Numero di messaggi : 217
Data d'iscrizione : 04.05.09
Età : 36
Località : Napoli

Visualizza il profilo

Torna in alto Andare in basso

Re: L'indomabile gen. John Bell Hood

Messaggio  Contenuto sponsorizzato


Contenuto sponsorizzato


Torna in alto Andare in basso

Pagina 1 di 18 1, 2, 3 ... 9 ... 18  Seguente

Torna in alto


 
Permessi di questa sezione del forum:
Non puoi rispondere agli argomenti in questo forum